Ni liccamu a sarda!

 

 

Commedia brillante in due atti di

 

Giovanni Allotta

 

 

 

Belmonte Mezzagno  23/11/08

 

Prefazione

Nei tempi in cui la povertà, faceva da padrona in molte famiglie siciliane, la sarda era il cibo inesauribile per eccellenza! Per evitare che potesse consumarsi, il trucco stava nel mangiare il pane e leccare la sarda, così, ci si saziava di pane, e si conservava la sarda per altri pasti. La famiglia Stoccafisso, una famiglia dei giorni nostri, vive sulla propria pelle il dramma della povertà. Pina, una giovane ragazza, dalla fame tormenta la madre Melina. I creditori, soffocano le loro vite. Melina, spera nello stipendio del marito Cicciu, un calzolaio in via d’estinzione, per mangiare e pagare i debiti. Ahimè! Cicciu non porterà nulla, e la disperazione dei tre aumenta, fino al momento in cui, una lettera che arriva dall’America. Da lì in poi qualcosa sconvolgerà la famiglia, perchè ...

 

  

 

Personaggi

 

Cicciu, capo famiglia

Melina, moglie

Pina, figlia

Saruzzu, compare

Mariella, moglie di Saruzzu

Zio Gerry, lo zio Americano

Macellaio, creditore

Panettiere, creditore

Esattore di banca                           

Postino                        

 

 

Primo atto

 

 

(La scena inizia con Pina, una giovane ragazza, e Melina, la madre. le due donne fanno le pulizie in casa. La scena sarà misera, nella quale, rispecchia la loro povertà. Ci saranno solo sedie)

 

PINA

Mamà, sai stanotte fici un sogno brutto!

 

MELINA

Veru? Chi sogno facisti, gioia mia?

 

PINA

Mi sognavu, ca stava murennu di fami! ...Menu mali ca mi svegliavu in tempu, si nò, crepavo! (continuando a fare le pulizie, sbadiglia in continuazione, la madre si stanca)

 

MELINA

(Infastidita) A vò finiri di sdillabrariti a vucca! Pari un ippopotamo! Sei stanca? Pensa, ca ti susisti du lettu, cinque minuti fa!  

 

PINA

Mamà, chistu nun è sonnu, ma è la fame! (Pensa) ...’un facemu ca staju ancora sognannu? (Melina va da Pina, la schiaffeggia) Oh, ma chi ti pigghiò? Divintasti pazza, senza dirmi niente?

 

MELINA

Dici ca stavi sognannu! Mi avissi a ringraziari ca ti svegliavu, se nò, murivi di fame, e sparti, mi prendi di petto con queste parole, irripetibili! Ah, che gioventù carbonizzata!

 

PINA

(Dispiaciuta va a baciare la madre) Chiedimi scusa mamma! Mi hai salvato la vita!Ti riconoscerò per tutta la vita! Solo che non ho capito una cosa...mi svegliasti, ma...haju ancora fame!

 

MELINA

Ah, sei fissata cu sta fame! Sei insaziabile! Sempri chi vò manciari! Si continui così, ti fai quantu ‘na vacca!

 

PINA

(La ragazza si guarda) Quantu ‘na vacca? Ma mi taliasti bona? Staju dannu l’arma a Dio! Sugnu muru cu muru cu cimiteru!

 

MELINA

Ti pari ca ju sugnu tantu megghiu? Quannu haju pitittu, nesciu fora, mangio bocconi d’aria! (Quasi sottovoce) Quannu sugnu sazia, evitu puru di falla nesciri du culu, pi lassarimi u stomaco gonfio! Almenu, cu mi vidi, pensa ca mi manciavu un crastu sanu!

 

PINA

(Lagna) Ma ju haju troppa fame!

 

MELINA

Oh, nun po’ aspittari cchiù! Appena veni to patri, ti dissi ca manciamu! 

 

PINA

(Felice)Veru? E... chi si mancia!

 

MELINA

Una cosa brutta è una bella!

 

PINA

‘na cosa brutta è una bella? Chi vò diri?  

 

MELINA

A cosa brutta è, ca sacciu a chi ura si mancia! A cosa bella è... nun sacciu chi si mancia, picchì nun avemu nenti di priparari!

 

PINA

Chi ci stamu a fari supra a terra, picchì nun nni sparamu!

 

MELINA

Ma picchì nun ti spari tu! Chi avemu, a vita in società!

 

PINA

(Lamentandosi, si tocca la pancia) U pitittu mi sta facennu acitu!

 

MELINA

Beata tu! A mia, mi vinni u blocco intestinale da troppa aria chi haju ‘nto stomacu!

 

PINA

(Sbadiglia e si siede) Mamà, visto ca si deve aspettare o papa, ti va di sognare un po’?

 

MELINA

Io nun haju sonnu! E fari i pulizii! Almenu, si veni qualcunu, po’ diri ca semu morti di fame, no morti chi pidocchi! Accumincia a dormiri, ca poi quannu è ura di manciari, ti chiamu ju!

 

PINA

...Allura, pozzu dormiri tutta a jurnata! (La invita a lasciare tutto e sedersi) Amunì assettati! Sai, per ora cosa mi manciassi? Panelle, crocchè, patate, ravazzate, ova strapazzate, frittola, stigliole e na pocu di cose mischiate! Poi, spaghetti fiumi, mari e monti! Tre bistecche di vitello con contorno di patate, carote, cipolle, vino rosso, radicchio, pistacchio, insalata bianca, verde e rossa, ‘nsalata di mare, melanzane e peperoni! Per dolce: cannoli, cassata siciliana, torta della nonna, coppa du nonno, babà, bignè e un beddu caffè!

 

MELINA

Bedda porchetta ca si! Mi facisti veniri a fami!

 

PINA

Ci cridu mamà! Sti cosi, mi pozzu...anzi, ni putemu sognare! E ni tocca stare a dieta!

 

MELINA

Ci sunnu tanti genti, ca si desiderassinu di aviri u fisicu beddu slanciante comu chiddu nostru! (Fa un giro su se stessa, a poco non cade a terra. Pina la regge)

 

PINA

Mamà, stamu in piedi, pi forza! Semu accussì magre, ca quannu avemu di fari cocchi controllo o spitali, u dutturi pi farini i radiografie, ni fa mettiri controluce!

 

MELINA

Ti ricordi, chi successi l’anno scorso quannu ti accumpagnavu a fari a gita, alle catacombe?

 

PINA

(Triste) Certu ca mi ricordo! I cristiani ni scanciaru pi dui mummie in vacanza!

 

MELINA

Figghia mia, chista è a vita! Ni tocca liccari a sarda, pi campari!

 

PINA

Mamà, ancora sugnu nica! Si cuminciu di ora a liccari, avanti ca diventu granni...

 

MELINA

...diventi ‘na professoressa di liccamento! (Bussano) Chistu hava essiri da cosa nutuli di to patri!

 

PINA

E comu fai a sapillu?

 

MELINA

Sento a puzza! (Bussano con energia)  

 

PINA

(Annusa l’aria) Chista nun è puzza di famiglia!

MELINA

Allura cu schifia è? (Bussano con insistenza) Chi ci siccasiru a punta di manu! (Guarda la porta, risponde sguaiatamente) Cu c’è darreri a porta?

 

F. S.

To soru!

 

MELINA

(A Pina) Chi bella notizia! U sentisti Pina? Dici ca c’è to soru!  

 

PINA

Ma io sono orfana di soru, quindi sbagliaru!

 

MELINA

Scusati, me figghia nun havi soru!

 

F. S.

Semu parenti!

 

MELINA

Allura nun vi grapu io, i parenti sunnu fetenti!

 

F. S.

(si sente vociferare, calorosamente) Grapemu sta porta! Vasinnò, puru a casa, facemu satari in aria!

 

MELINA

(Va ad aprire la porta, guarda e richiude, spaventata) Beddamatri!

 

PINA

Chi c’è, matri!

 

MELINA

Cca fora, ci sunnu chiddi chi avanzanu i picciuli! C’è (Fa le corna) du toro du carnizzeri, e u panitteri! E chi facemu ora?

 

PINA

Affacciu e ci dicu ca nun ci semu dintra!

 

MELINA

Cretina! Ormai, mi vittiru!

 

PINA

E nuatri ci dicemu, ca nun sei tu!

 

MELINA

Scusati, ma a cu circati?

 

F. S.

Circamu la famiglia Stoccafisso!

 

MELINA

Mi dispiace, la famiglia Stoccafisso, nun ci sta cchiù cca!

 

F. S.

(Ironico) Scusati, allura vuatri cu siti?

 

MELINA

Semu, la famiglia...baccalàro!

 

F. S.

Ah si! Aviti u curaggiu di schirzari? Su nun grapiti sta porta, a jettamu ‘n terra! Uno...due...

 

MELINA

(Apre la porta) Prego, trasiti! (Melina si allontana. Entra il macellaio e il panettiere. Melina con voce sottile, li saluta) Buon giorno!

 

MACELLAIO

Ma quale buon giorno! Chista è ‘na mala jurnata! (Affilando un coltello)

 

PINA

Fora c’è u suli!

 

MACELLAIO

E cca dintra, c’è a luna!

 

PANETTIERE

(Batte tra le mani il matterello) Haju l’impressione, ca dintra sta casa non siamo i benvenuti!

 

MELINA

(Spaventata) Ma chi diciti! A me casa, aperta a tutti è!

 

MACELLAIO

Aperta a tutti? Pi chistu, appena ni vitti, ci sbattiu a porta in faccia!

 

MELINA

Sapi comu si dici? Quannu si chiudi ‘na porta, si grapi un purtuni!

 

MACELLAIO

Ora basta con questo, impiccica lingua! Vostro maritu, dunn’ è?

 

MELINA

A travagghiari!

 

PANETTIERE

A chi ura veni?

 

MELINA

Prima ca lu gaddu fa l’ovu, avissi ad essiri cca!

 

PANETTIERE

(Adirato) Haju u pani dintra u furnu chi mi aspetta! Nun pozzu sapiri quannu u gaddu fa l’ovu! Pressappoco, versu chi ura?

 

MACELLAIO

Quannu u to ciriveddu di porco, fa coccodè! (Si altera) Possibili mai, ca nun ci arrivi cu midollo!(Toccandogli la testa) Quannu si è mai sintutu ca lu gaddu fa l’ovu! Chistu significa, ca la signora, ni vulissi pigghiari pi fissa!

 

PANETTIERE

Videmu di spicciarinni, ca haju premura, c’è u pani ca mi aspetta! Viditi ca avanzu di vuatri tri e dico tri anni di pani! Mi aviti a dari i picciuli! Ora subito all’istante, immediatamente presto, di corsa!  

 

PINA

Tri anni a tempu di lira! Ora ca c’è l’euro, un anno e mezzo!

 

MACELLAIO

(Panettiere e macellaio si guardano, ridono a crepapelle) Ti pari ca sunnu cretini? Ci caminanu i pidocchi ‘n testa!

 

MELINA

Eh no! I pulizii li facemu! Semu morti di fame, ma morti chi pidocchi, no!

 

PANETTIERE

Nun pirdemu tempu, haju premura c’è u pani chi mi aspetta! Anche si c’è l’euro, nun m’interessa! Mi aviti a pagari tri anni di pani! Punto e basta!

 

MELINA

(con impeto, lo affronta come fosse un maschiaccio) Ma non si vergogna a veniri a dumannari i picciuli a due fimmine, sole e indifese! Ci pari ca havemu a banca e facemu prestito?!  

 

PANETTIERE

(Spaventato) Mi scusassi signora, ma è stato un momento di distrazione! Certi voti, si sparano minchiate senza che nun si sapi u picchì!

 

MELINA

Lei prima spara, ammazza, e poi ci va a fari puru i condoglianze?! Eh, deve stare attento!

PANETTIERE

(In ginocchio) Signora mi perdona! Visto che ho sparato malamente, ci fazzu un regalo, nun vi fazzu pagari cchiù  tri anni di pani!

 

MELINA

(Madre e figlia sono felici) Veru? (Iniziano a baciargli la mano)  

 

PANETTIERE

Vi fazzu pagari...tri anni di panini! Siti contenti? (Melina e Pina si allontanano, sputando a terra e pulendosi le labbra) Allura?

 

PINA

Allura, è stato proprio un beddu regalu! Ora, pi curpa sua, mi devo fare a lavanda gastronomica ‘nte labbra! (Continua a pulirsi e sputare)

 

PANETTIERE

Comu finì? Spicciativi, haju u pani chi mi aspetta!

 

MACELLAIO

(Infuriato, lo prende per il braccio e lo invita ad uscire) Fammi un favori, levati davanzi i me occhi, picchì già mi stai facendo acchianare a pressioni fino ‘nte corna!   

 

PANETTIERE

Nun mi ni pozzu iri, picchì avanzo tri anni di panini. Però, haju u stissu primura picchì c’è u pani chi mi aspetta!

 

MACELLAIO

(Costringendolo ad andarsene) Allura scappa prima ca u pani perdi a pacenzia e si nni và!

 

PANETTIERE

E i tri anni di picciuli?

 

MACELLAIO

Ora, mi fazzu dari ju e poi ti fazzu aviri i tri anni!

PANETTIERE

E i picciuli?

 

MACELLAIO

(Adirato lo insegue col coltello per farlo scappar via) Nun sulu ca ti portu i tri anni, vò puru i picciuli! Stoccati i jammi e vatinni, ca u pani ti aspetta! (Il panettiere scappa via. Il macellaio guarda le due donne affilando il coltello) Quannu ci sunnu sti cristiani, ni facissi capuliatu! –Tritato-

 

PINA

(Estasiata come se lo stesse mangiando) Bellu è u capuliatu! Havi assai ca nun ni manciu!

 

MACELLAIO

Veru? Si vò, ti lu fazzu ora, in diretta! Almeno, recupero qualche soldo!  (Avvicinandosi alle donne con aria minacciosa)

 

MELINA

Fermo! Capivu la sua intenzione, i capuliatu, ni fa mali alla salute! Mi dicessi chiddu ca voli!

 

MACELLAIO

Nun lu sapi? Vogghiu i picciuli! Si a lu panitteri ci aviti a dari tri anni di pani, cu mia, si perdi lu cuntu! Ah, ma si lei mi dici ca nun sapi comu pagarimi, io saccio comu pigghiarimilli! (Affilando i coltelli)

 

MELINA

Oggi me maritu, avissi a purtaru u stipendiu. Nun si preoccupa, ca entro chi finisci sta simana, ci dugniu i picciuli!

 

MACELLAIO

Havi cinqu anni chi diciti sta musica! (Ripete a cantilena) “entru chi finisci sta simana. Entru chi finisci sta simana” Ora basta! Entro dui jorna, vogghiu i picciuli! Si nun mi li faciti aviri, è megghiu ca vi sparati prima! Picchì, si vi trovu ju, vi tagghiu pezza pezza e vi vinnu pi carni di porcu! Mi nni vaju! Mi raccumannu, entru dui jorna! (Esce e rientra di sorpresa, facendo spaventare le donne) Entru quantu?

 

MELINA E PINA

Dui jorna! (Macellaio esce. Pina in punta di piedi, va alla finestra e si accerta che il macellaio fosse già andato via)

 

PINA

Semu cchiù consumati di chiddi ca sunnu consumati! Ora chi facemu?

 

MELINA

Fammi pinsari! (Dopo un istante, con ilarità) Mi vinni ‘na bedda idea!

 

PINA

Quali matri!

 

MELINA

Pigghiamu ‘na corda, e ni affucamu!

 

PINA

Mamà, nun diri così! Poi a notti nun dormu, picchì mi vennu i cubi in testa!

 

MELINA

Pi nun ti fari veniri i cubi, dormi cu l’occhi aperti! (Da fuori si sentirà fischiettare)

 

CICCIU

(Entra portando in mano martello e chiodi, attorno al collo alcune paia di scarpe) Buon giorno alle mie donne! (Melina e Pina mute) Chi è! Pirdistivu a lingua?

 

MELINA

Avutru chi lingua! Entru dui jorna, pirdemu puru a testa!

 

CICCIU

Ti capisciu! Puru ju soffro con la cerverticale! (Toccandosi la nuca) Purtroppo, pi campari devo stare tutta la jurnata assettatu a riparari scarpi!  Quannu mi veni u duluri, vi giuru, ca si nun fussi ca sugnu un omu cu la testa supra li spaddi, mi la tagghiassi cu tutti i capiddi!

 

PINA

Stai tranquillo papà! Fra dui jorna, passa u carnizzeri e ni fa passari  a tutti la verticale! (Facendo segno di tagliare la testa. Cicciu continua a sistemare i suoi attrezzi di lavoro, fischiettando)

 

MELINA

(Si tocca il petto) Mi  sta niscennu u cori du pettu di lu scantu, e tu fischi?

 

CICCIU

Prima ca li posu, veni cca, ca ci chiantu dui chiova!

 

MELINA

Finiscila! Oggi comu finì? Dunni è u stipendio!

 

CICCIU

Ma quali stipendio! Ormai con a tecnologia chi c’è, a genti nun si li fa cchiù aggiustari li scarpi di mia! Ormai ci sono le scarpe usa e getta! Havi ‘na jurnata chi taliu i muschi chi passanu!

 

MELINA

(Disperata si siede) Ma cu mu missiru i morti a chistu! Mi putiva stari ‘n menzu i cosci di me matri, a fari la schetta vecchia! Appena du curnutu du carnizzeri veni, chi ci dicemu? Prima sia sira o matina, ni nescinu di sta casa, ca cascia!

 

PINA

Mamà, sugnu nna mia stanzetta! Nun tu scurdari a chiamarimi, prima chi ti impicchi! (Esce)

 

CICCIU

Chi havi chista? Ti impicchi! Si senti mali?

MELINA

È dispirata, peggio di mia! Prima chi vinivi tu, mi vinni l’idea di affucarimi! Da picciuttedda, voli partecipare al mio affucamento, così puru idda si lu insigna.!

 

CICCIU

(Si siede nella sedia,togliendosi le scarpe) Nun vi scantati! Finché c’è vita, c’è speranza!

 

MELINA

(Disperata) Ma quali vita! Poco fa, vinni u carnizzeri e u panitteri ca vulivanu i soldi! U carnizzeri ni detti l’ultimatum, entru dui jorna i picciuli, o ni tagghia pezza pezza! (Piange)

 

CICCIU

Tutti attaccati a li picciuli stannu! Mancu pensanu ca la vita è un attimo. Ni avissimu ad amari tutti, senza dumannari picciuli a genti puviri comu nuatri! Che gente disonestica!

 

POSTINO F. S.

Posta! C’è posta per te!

 

CICCIU

(Alla moglie) U sentisti? Va grapi, e vidi ca, c’è posta per te!

 

MELINA

Pi mia? Stuppati le aricchie! U postinu ti dissi, c’è posta per te!

 

CICCIU

Signor postino, si spiegassi megghiu, c’è posta per me?

 

POSTINO F. S.

Si, c’è posta per te!

 

CICCIU

(Alla moglie) U vidi ca nun è pi mia! Si avissi statu pi mia, mi avissi dittu, c’è posta per me, ma dissi, c’è posta per te! Quindi, alzati e vai ad aprire! Moviti!

 

MELINA

Ju, sugnu stanca! Si ci vò grapiri ci grapi tu! 

 

POSTINO F. S.

Comu finì! Pi farmi trasiri, chi ci voli ‘na raccumannazioni du papa?

 

CICCIU

(Aprendogli la porta) Nun si incazzassi! Prego, si facissi avanti ca c’è posto!

 

POSTINO

Buongiorno! (Fa la faccia schifata) Mih, chi puzza! Ma chi ci sunnu cani morti, dintra sta stadda?

 

CICCIU

No! Quasetti scaduti! (Gli fa vedere le calze ai piedi, il postino si tappa il naso) Purtroppo, quannu l’accattavu o mercatinu, nun taliavu ca eranu scaduti, e quindi...

 

POSTINO

Mi sta vinennu di rovesciari l’acido lattico chi mi detti me matri, quannu eru nicu! (Si caccia le mosche intorno, intanto dalla borsa prende un pacco e una lettera) Chistu è suo! Mi firma sta ricevuta, ca scappu di cursa!

 

CICCIU

Ma cu è, ca mi scrivi?

 

POSTINO

Chi nni sacciu ju! (Si caccia le mosche) Si spiccia a firmare, ca i muschi mi stannu manciannu! Ma chi aviti u nido?

 

CICCIU

Turnannu du travagghiu passavu davanti a moschea, tutti i muschi chi c’erano davanti a porta, mi vinniri dietro!

 

POSTINO

(Sempre più irrequieto, si gratta ovunque) Firmatimi sta biniditta ricevuta!

 

CICCIU

Ora ci la firmu! Si assettassi ca me mugghieri ci fa u cafè!

 

POSTINO

No, pi carità! Chi sà, mi avissi a veniri un tumore stomacale! Allura, firmatimi cca!

 

CICCIU

(Si alza, va nel cassetto ma non trova nulla) Melina, ci su penne? (Melina dice no) Signor postino, un attimo, ca vaju ad accattari un chilo di penne e firmu!

 

POSTINO

U capivu! Firmu ju, quanti mi nni scappu!(Firma) Addio! (Esce di corsa grattandosi)

 

CICCIU

Mah, ‘un capivu comu mai havia tutta sta premura!

 

MELINA

Du picciottu, stava murennu da puzza chi c’è cca dintra!

 

CICCIU

(Annusa l’aria) Puzza? Io sento beddu ciavuro!

 

MELINA

Senti beddu ciavuro, picchì ormai u ciriveddu l’avemu carbonizzato di la puzza, ca ormai si radicò fino ‘nta li capiddi! Oh, ma chi ci aspetti a leggiri sta littra!

 

CICCIU

(Apre la lettera e si confonde) Chi cunfisioni! Ma chi lingua è, arabu? Vidi si ni capisci cocchi cosa tu! (Da in mano la lettera a Melina)

 

MELINA

Avutru chi arabu! Chistu è tedesco! Ci voli un francisi pi capiri sti paroli!

 

CICCIU

Chiama a tò figghia! Idda di lingue si nni intenni! (Sottovoce a Melina) L’avutra sira, la vitti ca si esercitava cu l’amico suo!

 

MELINA

Pina! Pina, veni cca!

 

PINA

(Entrando) Sei pronta?

 

MELINA

Pi fari chi?

 

PINA

Per l’affuccamento!

 

MELINA

No gioia mia, cchiù tardu mi affogo! Ti chiamavu picchì vinni u postinu e purtò stu paccu cu sta lettera. Siccome è ‘na lettera straniera, e tu figghia mia, hai più coltura di nuatri, la putissi leggiri? (Le da in mano la lettera)

 

PINA

(Legge con gli occhi) Ma quali straniera! È italiana! Mancu l’italianu canusciti!   

 

CICCIU

A curpa nun è mia! Quannu nascivu ju, ancora l’avianu ad invitari i scoli!

 

MELINA

(Imbarazzata) Inveci io...comunque lassamu perdiri! Leggi e videmu cu è ca ni scrivi!

 

PINA

(Legge dalla lettera) Per la famiglia stoccafisso, dal vostro caro zio Gerry Walker!  

 

MELINA

(Felice) Che bellu! Ni scrivi u zio Reggy!

 

CICCIU

(Felice) Chiddu riccu chi sta a broccolino!

 

PINA

Brooklyn! No, broccolino! Si chiama Gerry e no u contrario, Reggy!

 

CICCIU

Fittutinni! Vai avanti! (Melina e Cicciu si siedono, mentre Pina dinanzi a loro  legge la lettera)

 

PINA

(Legge) Carissimi  nipoti, vi voglio bene!

 

MELINA

(Felice) Che bellu! U zio Reggy ni voli beni!

 

CICCIU

(Infastidito) Accuminciamu! Si ad ogni parola, ci fa ‘na telenovela, nun finemu cchiù! Statti muta! (Fa segno a Pina di continuare)

 

PINA

(Leggendo) Mi rivolgo soprattutto a te, mio caro e unico nipote, Frenz!

 

CICCIU

(A Pina) Fermi tutti! Frenz? E cu è stu curnutu!

 

MELINA

Tu!

 

CICCIU

To patri c’è!

 

MELINA

No, ci si tu!

 

CICCIU

Tu e tutta a to razza!

 

MELINA

Tu, e la settimana generazione!

 

PINA

Finitila! Ti chiamò Frenz, picchì in America u to nomi, cioè Franco si dice Frenz! (Cicciu annuisce, le fa segno di continuare a leggere) Caro Frenz, ricordi i bei momenti passati insieme a liccari la sarda? Quando ero morto di fame, anche se tu facevi più schifo di me, mi davi coraggio a non mollare mai! Ora, che qui ho trovato la mia ricchezza, non potrei scordarmi di te! Dietro la lettera, troverai un foglio bancario. L’ho compilato in tutte le sue parti.  Compilalo anche tu, soprattutto inserisci il tuo codice di accesso al tuo conto in banca. Porta il tutto in banca, loro sapranno cosa fare. Caro Frenz, dopo di ciò in te riverserò (Il viso di Cicciu si illumina) milioni di milioni di milioni di affetto! Non perder tempo! Corri in banca! Dimenticavo, nel pacco ho un mio caro oggetto, lo do a te con affetto il tuo caro zio Gerry! Fine!

 

MELINA

In poche parole, u ziu ni sta lettera, chi vuliva diri?

 

CICCIU

(Entusiasmato) Non lo so! Io capivu sulu milioni di milioni, di milioni!

 

PINA

U ziu, ni sta lettera scrissi ca quannu era ‘na cosa nutuli, comu u papà, ci stava sempri vicinu! Ora, che diventò riccu, ni voli aiutari, donandoci...

 

CICCIU

(Estasiato) Milioni di milioni di milioni!

 

PINA

Esatto! Però, (Esibendo il foglio) devi mettere nna stu fogghiu, il tuo codice di lu cuntu in banca, u porti in banca e...

 

MELINA E CICCIU

Milioni di milioni di milioni!

 

CICCIU

Chistu è un corpu di fortuna! Allura veru è, ca i lagnusi hannu cchiù fortuna! Menu mali ca ogni jornu nuddu veni ad aggiustari scarpi e mi mettu a taliare le mosche chi volano!

 

MELINA

(Felice) Chistu significa, ca diventeremo ricchi?

 

CICCIU

Sfondatissimi!

 

MELINA

Appena divintamu ricchi, mi accattu ‘na pelliccia di elefante e vaju a purtaricci i sordi a du crastu du carnizzeri. Prima chi ci dugniu li sordi, lu fazzu mettiri in ginocchio a stu beccu e mi fazzu vasari li mano!

 

PINA

(Parla come se fosse snob) Poi, pigghiamu li cammareri e ni facemu purtari colazione a letto, pranzo a tavolo. Ogni sera a cena fuori!

 

CICCIU

Se, davanti a porta! Sai ca balconi nun ni avemu! A cena la putemu fari puru dintra!

PINA

(Dandosi arie nobili) Ma papà, a cena fuori, significa ca ogni sira, manciamu o ristoranti! Tutte ben vestite con diamanti raggianti, da testa fino ‘nta li pedi! (Prende sotto braccio la madre, passeggiano con aria da nobili) Dunni passamu nuatri devono astotare le luci!

 

CICCIU

Ancora c’è u pacco! Videmu chi c’è cca dintra! (Lo apre, ne esce un orologio da tasca) Che beddu! (le donne ne ammirano la bellezza) sugnu allergico agli orologi, ma visto ca è regalu du ziu, mu mettu no taschino! Nun pirdemu cchiù tempu! Dammi stu fogghiu, vaju di cursa a banca! (Si avvia)

 

MELINA

Aspetta Cicciu! Mentri tu vai a banca, nuatri dui chi facemu?

 

CICCIU

Contiunuati a fari i provini, pi quannu divintamu ricchi. Appena vegniu ju, vi fazzu compagnia! (Bussano) Sintemu cu è! Andiamo avanti ca c’è posto!   

 

COMARE MARIELLA

(Entra insieme al marito. Ciascuno porta una valigia. Sia lei che il marito Saruzzu sono mosci) Buongiorno Cumpari Cicciu!

 

CICCIU

Buongiorno a vuatri!

 

MARIELLA

Buongiorno cummari Melina!

 

MELINA

Buongiorno cummari! Tutto bene? Mi pariti un poco rincoglioniti tutti e dui!

 

MARIELLA

Ma quannu mai! Vostra impressione! Passavu picchì...(Non sa che dire) aviti prezzemolo?

 

MELINA

Mi dispiaci cummari, haju pitrusinu!

 

PINA

Mamà, chiddu chi chiami in dialetto pitrusinu, in italiano si chiama prezzemolo!

 

MELINA

Chi è curpa mia si nun avemu ne chiddu in italianu, ne chiddu in dialetto!

 

CICCIU

Cumpari Saruzzu! Vuatri ca siti ‘na macchinetta pi parrari, nenti diciti?

 

CUMPARI SARUZZU

Che diri caru cumpari! La megghiu parola è chidda ca nun si dici!

 

MELINA

Assittamuni e parramu! Chi vi successi? E poi, picchì aviti sti valigi?

 

MARIELLA

Passamu di cca, a scusa di lu prezzemolo, ma in realtà,...stamu partennu!

 

CICCIU

Veru? Unni stati andannu?

 

SARUZZU

In un altro mondo!

 

MELINA

Esiste navutru munnu?

 

CICCIU

Cretina! Mai l’hai sintutu in televisione quannu parranu du terzo mondo? Dda stannu andannu!

 

SARUZZU

Ma quali terzo e quarto mondo! Stamu andannu in contro a la morti!

 

MELINA

Ma chi diciti cumpari!

 

MARIELLA

(Gemente) Si, è veru cummari Melina! Nun si po’ cchiù fari sta vita! Sunnu chiossà li tassi, ca lu stipendiu! Poco fa, u patroni di casa, vinni e ni jettà fora casa, havi dui anni chi nun ci pagamu l’affittu! Semu chini di debiti! (Piange)

 

MELINA

Cummari, nun fati così! Nuatri puru semu ‘na sti situazioni, inveci di manciari carni, ni bivemu u brodu!

 

CICCIU

E ni liccamu a sarda da matina fino a sira. Oh cumpari, talmente a liccamu tantu, ca la purtamu a lamera!

 

SARUZZU

Chistu è veru! Anchi si la sira, vi jti a curcari senza manciari, nun c’è nuddu chi vi po’ jettari fora casa, picchì chista è casa vostra!  

 

CICCIU

U viditi? Quannu eramu picciotti, chi vi diceva? “ Cumpari Saruzzu, inveci di pagari l’affitto, vi fati un prestito e fra deci anni a casa è vostra!” io lu fici, ora chista è casa mia. E vuatri?

 

SARUZZU

Chi sputa in cielo, in faccia torna! Ora comu ora, mancu haju un euro, dico un euro, pi accattari un litru di benzina.

 

CICCIU

Ristastuvu in panne ca machina?

 

SARUZZU

Ma quannu mai! Chi ci trasi a machina!

 

CICCIU

E allura, picchì vi servi a benzina?

 

SARUZZU

Pi darimi focu!

 

MARIELLA

(Gemente) Saruzzu miu! Nun diri sti cosi! A mia nun mi pensi? Mi lassi sula?

 

SARUZZU

Nun ti lassu sula! Ni damu focu tutti e dui!

 

CICCIU

Vuatri problemi seri aviti!  

 

MELINA

Cumpari, nuatri puru avemu problemi, ma nun arrivamu a tantu! Semmai, ni putemu pigghiari ‘na corda e ni affucamu! Risparmiamu l’euro da benzina!  

 

SARUZZU

Aviti ragioni! Ora, amuninni Mariella. Livamu u disturbu!

 

MELINA

Ma dunni stati andannu di precisu?

 

SARUZZU

Menzu ‘na strata! A fari i vagabondi! Quannu arriva la nostra ura...

 

MELINA

(Li blocca sulla porta) No, nun lu pozzu permettiri! Mancu a li cani auguru sti cosi! Anchi si semu cchiù consumati di vuatri, ni strincemu e videmu pi stari tutti insieme!

 

PINA

Nna me stanza ci sunnu dui letti. Vi putiti curcari dda dintra. Io, mi pozzu puru curcari ‘nto divanu! (Intanto Cicciu è pensieroso e non bada alle loro chiacchiere)

 

MARIELLA

Vi ringraziamu cu tuttu lu cori, nun vulemu dari disturbu a nuddu! Voli diri ca la nostra vita, havia a finiri così!

 

MELINA

Ma zittitivi, e nun diciti cchiù sti fissarii! (Aiutata da Pina, tolgono ad entrambi le valigie) Vuatri ristati cca!

 

SARUZZU

Vi ringrazio ca vuatri insistiti, ma nun spetta a vui di dicidiri! Si l’avissi vulutu, mi l’avissi dittu u cumpari di stari cca, inveci...(Tutti guardano Cicciu che vedendosi guardato rientra in se)

 

CICCIU

Allura...di comu mi fici i me cunta, putiti ristari a me casa! Vi fazzu manciari, fino a scoppiari! Vi regalu vestiti belli e luminosi, ca la centrale elettrica, vi pagherà i diritti d’autore pi pigghiare a vostra luci!  

 

SARUZZU

Chi schifiu diciti cumpari! Chi è, du forti pittitu, vi sucastivu u ciriveddu?

 

MELINA

È veru cumpari! Prima chi vinissivu vuatri, arrivò ‘na lettera da broccolino di so zio Reggy

 

PINA

Mamà, ma si ritardata? Ti scordi i cosi! Arrivò ‘na lettera dall’America, di preciso, Brooklyn! Da parte du zio Gerry Walker!

 

SARUZZU

Chiddu chi nun haju caputu, chi c’entra tuttu chistu cu lu manciari assai, i robbi luminosi!

 

CICCIU

In America, vi pari ca sunnu morti di fami comu nuatri? Avutru chi liccari sarda, dda si mancia caviale arrostito, ossobuco di calamaro, culatello di aragosta! I picciuli, nun hannu dunni mittilli! Diri ca sunnu ricchi, è il minimo!

 

MARIELLA

E allura?

 

MELINA

Allura! Grazie o zio Reggy, puru nuatri...picciuli a palate! Accussì, aiutamu puru a vuatri, regalandovi ‘na villa a dieci stelle!

 

SARUZZU

(Va ad abbracciare la moglie) U sentisti Mariella! Chistu vuol diri, ca nun c’è cchiù  bisogno di moriri! Da oggi, si campa! Grazie allo zio Reggy!

 

PINA

Gerry! Si chiama Gerry!

 

CICCIU

(tutti insieme fanno un hippy hippy urrà, per lo zio Gerry) Scusati, io vaju a banca! Vuatri continuati a ringraziari u zio! (Gridando) Per lo zio Gerry!

 

TUTTI

Hippy hippy urrà! (Cicciu esce e loro continuano. Piano piano, cala il sipario)

 

Fine primo atto

 

 

 

 

 

Secondo atto

 

 

(Stessa scena del primo atto. Cicciu e Saruzzu, sono seduti silenziosi. L’eccesso di sbadigli, evidenzia la loro noia. Dopo un po’ si sente un ronzio, i due inseguono una mosca fino ad ucciderla, con le mani)

 

SARUZZU

Io, io l’ammazzavu!

 

CICCIU

(Guardandando la mosca a terra) Ma quali ammazzari! Ancora viva è a musca! (La schiaccia col piede) Ora è morta! Punto mio!

 

SARUZZU

(Stizzoso) Ma quali punto tuo! A musca quannu cadiu ‘n terra , era già morta!

 

CICCIU

Ma quali morta! Ancora ‘nta l’ali ci battiva u cori!

 

SARUZZU

Si muviva l’ali, picchì c’è ventu forti! Quindi, l’ammazzavu ju, punto e basta!  

 

CICCIU

Chi schifiu diciti! L’ammazzavu ju! Fuvu cchiù veloci!

 

SARUZZU

Ma quali veloci! Ju partivu in quarta pi ammazzari a musca, vuatri ancora mancu l’aviavu azionatu u ciriveddu, pi partiri! Accittati ca pirdistivu!

 

CICCIU

(Deluso) U capivu u capivu! Vincisti tu! Basta ca nun ti fai cchiù schifiari! Allura, quantu stamu?

 

SARUZZU

Centu trenta muschi ju, settanta vui! Cumpari, nun vi aviti a siddiari! L’aviti ad accettari ca sugnu forti! (Vanno a sedersi e attendono che passino mosche. Nell’attesa si annoiano)

 

CICCIU

Però già mi sta siddiannu! Passa ‘na musca ogni mezzora!

 

SARUZZU

Mi pari logico! Stamu facennu ‘na stragi di muschi! Taliati chi c’è ‘n terra!

 

CICCIU

Però, pinsannuci bonu, è un peccatu a falli perdiri tutta sta carne! Chi diciti, ni facemu ca sarsa?

 

SARUZZU

Secunnu vui, ci bastanu pi tutti, o ‘n’ammazzanu navutra para di chili?! 

 

CICCIU

Ci bastanu! Poi, troppa carni ni veni u polistirolo in testa! ‘N terra, du centu muschi ci sunnu! Semu cinqu. Quaranta a testa e manciamu comu porci!

 

SARUZZU

Aspettati, vaju da dintra e dicu a li fimmini ca priparanu a sarsa cu l’agghia e olio! (Sta per avviarsi)

 

CICCIU

(Sorridente) Viniti cca! Veru ci cridistivu?

 

SARUZZU

Picchì era uno scherzo? (Cicciu annuisce) Cumpari, du pitittu chi haju, mi manciassi puru ‘na bedda insalata di  furmiculi fatta alla capricciosa!

 

CICCIU

Veru è, ca semu morti di fame, arrivari a manciarini i muschi o i furmiculi e da cannibali! (Sbadiglia, guarda l’orologio da taschino) Porca miseria! Già i dudici e mezza sunnu!  (Urla) Oh, comu finì?

 

MELINA F. S.

Prontu è! Stamu trasennu!

 

CICCIU

U sintistivu! Assettativi, ca u manciari è prontu!

 

SARUZZU

(Meravigliato) Minchionello, che beddu stu orologio! Ma ‘nta quali contenitori da mondezza u truvastivu?

 

CICCIU

Ueh! Porta rispetto! Stu orologio, mi lu regalò mio zio Reggy, l’americano! U viditi ch’è bellu? (Sottovoce) Va pozzu fari ‘na confidenza, mi lu tegniu, picchì è regalu di me zio, ma a mia i orologi, nun mi piacinu!

 

MELINA

(entrando, Melina porta una pentola, Mariella porta piatti e bicchieri, Pina porta il vino. Le donne, apparecchiano sulle sedie, perché sono in assenza di tavolo) Scusati u ritardu, ni misimu a parrari di cose serie, e si persi tempu!

 

CICCIU

(Adirato) Vulissi sapiri quali sunnu pi vuatri i cosi serie, visto ca, aviti i capiddi longhi, e u ciriveddu fino! Mancu pinsati a li vostri mariti, ca stannu murennu di pitittu!

 

MELINA

Ma zittuti! Sempri chi ti lamenti! Vulissi vidiri si dintra nna casa nun ci fussi ‘na fimmina, chi cosa riniscissivu a fari, vuatri masculi! Nenti! Proprio nenti!

 

CICCIU

Senti, vidi ca i masculi siamo il seme della terra! Senza di nuatri, i fimmini vi putissivu stari beddi frischi appoggiate al muro, a sventoliare...(Mima uno sventagliare con le mani, nelle parti basse)

 

MELINA

I masculi, siti boni sulu pi ‘na cosa...pi pisciari o muru!

 

MARIELLA

Cummari nun faciti abilii. Tantu è sciatu sprecatu!

 

SARUZZU

(Adirato) Oh, ma chi c’è a rivoluzioni di fimmini! Viditi ca u masculu dintra ‘na casa è masculu! È a fimmina si deve fari la fimmina!

 

MARIELLA

(Adirata) Oh, ma nun poi pritenniri ca io sugnu a to schiava, puru ju haju u me dirittu di diri, chiddu chi vogghiu diri! Ormai li fimmini avemu a parità!

 

SARUZZU

Cumpari u sintistivu? Dici ca li fimmini hannu la parità! Mariella io ti obbligo di stariti muta, e nun mi fari acchianare le calorie, picchì quannu mi arrabbio nun sugnu cchiù bravo!

 

CICCIU

A televisione vi sta rovinando! Ca vi metti in testa li fissarii di la parità! Ma quali parità e parità! A fimmina deve avere occhi, ma nun havi a taliari, havi aricchi, ma nun havi a sentiri, havi la vucca(Accentua il tono di voce) ma non deve, e dico non deve parrare!!!

 

MELINA

A tutti e dui, si nun v’insignati l’educazioni cu nuatri fimmini, e capiti ca li fimmini siamo chiddi chi comandano dintra ‘na casa, vi fazzu iri a curcari, senza cena!!! (Cicciu e Saruzzu si guardano, poi si toccano lo stomaco e rivolgendo dolci sguardi alle mogli, si avvicinano per baciarle. Cicciu si scorda, torna a baciare anche la figlia. Entrambi si siedono)

SARUZZU E CICCIU

(Si scusano con una misera voce quasi da bambini) Scusate, non lo facciamo più!

 

PINA

(Ride) Parinu, dui picciriddu di asilo! (Le donne ridono)

 

MELINA

(La tavola è apparecchiata) Allora, semu pronti pi manciari? (Tutti dicono Si) I manu vi lavastivu? (Mariella e Pina dicono si, Saruzzu e Cicciu si girano di lato, si sputano tra le mani e poi, dicono si) In piedi pi la preghierina!

 

TUTTI INSIEME 

Signore Gesù, ti ringraziamo sempre più. Anche oggi ci doni da mangiare, tutto stu ben di Dio, da leccare. Fai ca, nni facissi profitto, vasinnò acito nni fa u pititto! Facci arrivare fino a stasera, fanni u regalu di moriri ca panza china. Grazie Signore Gesù, ti ringraziamo sempre più!

 

MELINA

(Tutti prendono posto. Melina apre la pentola e dona ad ognuno una sarda) Datimi i piatti, ca vi dugniu a sarda! (Ognuna prende la propria sarda) Ci l’avemu tutti? (Tutti dicono si) Buon pranzo! (Ognuno  lecca la propria sarda, seduto sulla propria sedia)

 

SARUZZU

(A Cicciu sottovoce, per non far sentire alle donne) Oh, menu mali ca du manciari, mia havia di scoppiari a panza! ...Veru mi sta scoppiannu, ma du pitittu!

 

CICCIU

(Sottovoce) Havi dui jorna ca niscivu i documenti a banca, comu mi scrissi me ziu! Vuatri, aviti a stari tranquillo! Questione di aspittari! E poi, u tempu ci voli, prima ca li picciuli arrivano!

 

SARUZZU

Dunni stannu arrivannu sti picciuli, d ‘America!

 

CICCIU

Precisamente, broccolino!

 

MARIELLA

(Scorge i due che chiacchierano piano)Vi stati facennu u rusariu tutti e dui?

 

SARUZZU

(Leccando) Ci stava dicennu o cumpari, ca talmente è fatta bona sta sarda, ca mi pari peccatu a manciarimilla!

 

MARIELLA

(Allunga la mano, per prendere la sarda del marito) Dammilla a mia, ca ci pensu ju a fallu stu peccatu!

 

SARUZZU

(ritrae il piatto, per non far prendere la sarda alla moglie) Levati i manu di cca, vasinnò ti fazzu cadiri cu tutti l’unghia!    

 

CICCIU

(Leccando la sarda) Porca miseria!

 

MELINA

Chi è cicciu!

 

CICCIU

Talmente sugnu furtunatu, mi capitò arreri a sarda d’assira!

 

SARUZZU

Ma comu fati a diri ca è a sarda d’assira? I sardi tutti uguali sunnu!

 

CICCIU

Ni sugnu sicuru! (Esibisce ai commensali la sardina) Taliati cca! Talmente l’haju tantu liccata sta sarda, ca si ci vidi u tilaru!

MARIELLA

(Prende in mano la sardina di Cicciu, la osserva) Cumpari, un ci viditi? A sarda, havi dui lati! Si vuatri liccati sempri di un latu, mi pari giustu ca la purtati a lamera! (Evidenziandogliela negli occhi) U viditi? Ancora di stu latu c’è carni! Putiti liccari, pi navutru misi!

 

CICCIU

(Imbarazzato) Nun mi nni havia accorgiuto! Haju sempri statu abituatu a liccari di un latu, appena ci vidiva a ruggini, l’haju jettatu!

 

PINA

Peccatu! Quantu beni di Dio!

 

CICCIU

(Prende la bottiglia del vino e si riempie il bicchiere, poi invita Saruzzu) Cumpari Saruzzu, datimi u bicchieri ca vi dugniu un poco di vinu.

 

MARIELLA

(Saruzzu avanza il bicchiere per farselo riempire, ma la moglie ferma  Cicciu) Aspettati cumpari! Nun ci mittiti vinu a me maritu, ca nun lu sopporta!

 

SARUZZU

Zittuti! Supportu a tia ca si peggio di ‘na soggira e nun avissi a suppurtari u vinu? Zittuti e licca! Mittitimi stu vinu nno biccheri cumpari!

 

MARIELLA

(Cicciu non sa che fare. Mariella si altera) Ah si! Pi mia po’ biviri! Si ti avissi a sentiri mali, nun pinsari ca chiamu i pumperi! Pi mia po’ ristari siccu docu!

 

SARUZZU

(Adirato) U sintistivu chiddu chi mi dissi, sta vipirazza vilinusa!

 

MELINA

Cumpari, nun sbagliati a parrari! A cummari, vi lu dici pi lu vostru beni!

SARUZZU

Ma quali beni! Mi proibisci di bivirimi un biccheri di vinu in compagnia!

 

CICCIU

(Tra se) Ma chi fuvu pazzu a pigghiari stu vinu!

 

SARUZZU

Cumpari, virsati stu vinu, ‘nto biccheri, forza!

 

MELINA

Cummari, picchì nun ci lu lassati biviri un biccheri di vinu! Ca carestia chi avemu, vi pari ca dumani si lu po’ permettiri di bivirisillu navutra vota? No!

 

MARIELLA

L’avutra vota, si biviu un biccheri di vinu, nno zu Turiddu u panza lenta, chiddu chi sta accanto a nuatri! Cummari, appena trasiu dintra, nun vi dicu chiddu chi fici, si strappò a maglietta si appizzò ‘nto lampadario e jettava vuci, dici ca era tarzan! Mi capiti ora?

 

CICCIU

U capivu! Teni sta buttighia Pina, va posala! Cu sa, u cumpari si ni bivi un poco e l’avissimu a ghiri assicutannu, lampadai lampadai! (Pina va a posare il vino, fuori scena e rientra)

 

SARUZZU

(Adirato) Vi nni approfittati?

 

CICCIU

Ma quannu mai! Sapiti ca ju scherzu! Pi mia, putiti fari puru king kong! Però pi sicurezza, vinu nun ni biviti!  

 

SARUZZU

(Pacandosi)Vi lu putiti permettiri di schirzari, ormai semu cumpari! Vi ricordati quannu eramu picciotti?

 

PINA

Chi facivavu quannu eravu picciotti?

 

SARUZZU

Quannu ero picciottu ju, nuddu mi putiva diri, levati di cca e mettiti dda, ca già faciva succediri ‘na guerra! Cu to patri, spissu ni litigavamo!

 

PINA

Cu è, ca pigghiava corpa?

 

SARUZZU

To patri!

 

CICCIU

Si, aviti ammettiri ca ju nun vi dava bastonati, picchì mi facivate pietà!

 

SARUZZU

Se se...! Eramu diversi ma talmente semu diversi, ca puru i nomi su diversi iddu Cicciu e ju Saruzzu!

 

CICCIU

Facistivu a scoperta d’ America!

 

SARUZZU

Vi lu ricordati cumpari? Ju eru u cani, vuatri la gatta! Io ero il cattivone, vuatri il minchione!

 

CICCIU

Chi è, manciastivu grasso? Nun fati lo stronzone! Ora, vi vogghiu diri ‘na cosa, vuatri u sapiti picchì vi sceglivu comu cumpari di matrimonio? (Saruzzu dice no) Picchì avemu ‘na cosa in comune!

 

SARUZZU

Qual è sta cosa chi avemu in comune?

 

CICCIU

Chidda, ...di liccarini a sarda! (Tutti ridono)

 

MARIELLA

Chista bella è!

 

MELINA

Ma di unni li pigghi sti paroli intelligenti, du saccu? (Bussano)

 

CICCIU

Sintemu, cu schifia è, all’ura di manciari! (Va ad aprire la porta. Nel veder  chi è, indietreggia lentamente, ed entrano in casa il macellaio e il panettiere che tiene in mano uno sfilatino lungo. Pina, Melina, Mariella si abbracciano impaurite) Buongiorno!

 

MACELLAIO

A chiddu ca vju c’è una riunione! Chi riunione è, di gabinetto? (Ride amaramente)

 

MELINA

Circamu di eleggere uno stronzo! Lei havi impegni?

 

MACELLAIO

(Il panettiere si scompiscia dalle risate, il macellaio imbestialito gli da un calcio nel sedere) Circamu di schirzari di meno, se nò, oggi finisci mali! Anzi, a proposito, chi jornu è oggi?

 

SARUZZU

Un jornu chiossà di ieri, e menu di dumani!

 

PANETTIERE

(Stizzoso)Nun cuminciamu a fari i sciddica lingua! Haju premura! U viditi stu pani? Ci l’haju a purtari alla signora Toccamilla! Quindi, muvemunni!

 

MACELLAIO

(Indicando la lunghezza dello sfilatino) A voglia di tuccari chi havi a signora! Comunque, turnamu a nuatri! Le signore lu sannu quali era u nostro accordo! Entru dui jorna...è veru?

 

MELINA

Veru è! Ma dui jorna mica hannu passatu!

 

MACELLAIO

Comu nun hannu passatu? Vinni cca lunedì, oggi è mercoledì! Quindi, passaru dui jorna!

 

PINA

Mi scusassi, u jornu finisce a mezzanotti! Ancora è mezzojornu! Ancora ci sunnu dudici uri, prima chi finisci oggi!

 

MACELLAIO

Signorina maestrina, ti dissi pi casu, di farmi sapiri chi tempu fa? Zittuti! Ancora sei nica pi capiri certi cosi! 

 

PANETTIERE

(Al macellaio) Si proprio haju a diri a verità, è veru chiddu chi dissi a maestrina! (Poetico)Il giorno finisce, quando navutru accomincia!

 

MACELLAIO

Divintasti poetistico? Quannu tu pigghiasti stu diploma intellettistico?

 

PANETTIERE

Diploma nun mi nni haju pigliatu, ma dintra haju tanti qualifiche di attestati!

 

MACELLAIO

Si nun ti stai zitto, a momentu ti dugniu ju navutra para di testati!

 

CICCIU

Scusati, dicitimi chiddu chi vuliti! Picchì già, mi siddiò a cummattiri cu tutti!

MACELLAIO

Talè a chistu! Ci siddiò a iddu, allura ju chi avissi a diri?(Tira fuori il coltello)  Oggi, di cca nun mi muovo, si nun mi dati tutti i picciuli chi avanzo, vi tagghiu tutti pezza pezza!

 

MARIELLA

Si calmassi! Pi stavolta chiudessi un occhio e i lassassi stari e me cumpari! E poi, sunnu di carni dura!

 

MACELLAIO

A carni dura, va di moda! Sapiti chi fazzu? I chiudu tutti e dui l’occhi, così fazzu ‘na stragi! Mi fermu sulu quannu mi perdu ‘nto mari di sangu! (Risata tenebrosa)

 

PINA

Mamà, mi scantu! Nun sacciu nuotari!

 

MELINA

(La stringe a se) Nun ti scantari figghia mia, ci sugnu ju ca cu tia! Puru si nun sugnu capaci a nuotari, aggrappati a mia, ca ti salvo io!

 

MARIELLA

(Si stringe a Melina) Cummari salvati a vostra figghia, ca a vuatri vi salvo io!

 

SARUZZU

Salvi a cu! Tu, mancu sai nuotari ‘nto bidè, e a salvari a cummari?

 

MARIELLA

E va beh...L’importante è partecipare!

 

MACELLAIO

Di ciriveddu siti tutti in coma! Aviti i lampadini fulminati! Vi fazzu un regalu, appena vi tagghiu pezza pezza, l’unica cosa chi vi lassu è u ciriveddu!

 

CICCIU

Basta cu sti discorsi di ammazzamento! Allura, vuatri vinistivu cca, picchì avanzati picciuli di mia! Mi pari giustu ca vi l’haju a dari, ma nun c’è bisogno di fare stu teatrino! Questione di tempu, e avreti li vostri soldi!

 

PANETTIERE

(Stizzoso) Oh! Haju primura! U pani a signora Toccamilla ci sta raffreddanu! A idda, piacinu i cosi cavuri! Quindi, spicciamuni!

 

CICCIU

Basta agitare prima dell’uso, e a signora Toccamilla havi u sfilatino beddu cavuru cavuru!

 

PANETTIERE

Comu si vidi ca nun la canusciti! La signora Toccamilla, ogni vota ca ci portu u sfilatinu, si fa truvari pronta! Pronta pi mittirisillu ‘nta vucca!

 

MACELLAIO

Ma u sai ca a sta signora mi la fari canusciri! Appena ci fazzu assaggiari u me ossobuco...ci fazzu liccari puru...!

 

CICCIU

A sarda!

 

MACELLAIO

(Sfottente) Se, a melenciana! Ci fazzu liccari i manu!

 

MELINA

A propositu, Cicciu finisci di liccari, ca già si rifriddò!

 

MACELLAIO

Ah, picchì vuatri inveci di manciari, liccati? (Tutti dicono si) 

 

CICCIU

Allura, nun lu voli capiri ca semu pronti pu cimiteru!

 

MACELLAIO

Sugnu curiusu! Facitimi vidiri stu leccamento! (La famiglia si mette intorno al tavolo, Cicciu da il via e tutti leccanu a tempu. Il macellaio ride, divertendosi a sbracciarsi come se stesse dirigendo una orchestra)

 

PANETTIERE

(esaltato) Oh, ti mittisti a fari u maestru di lecca lecca! Haju primura! U sfilatinu da signora Toccamilla era beddu tisu, ma ora sta ammoscendo!

 

MACELLAIO

(Torna sulle sue) Basta! (Tutti smettono di leccare. Li minaccia col coltello, sfiorando i loro visi) Stamu pirdennu troppu tempu! All’amico mio, ci sta ammoscendo u sfilatino! Entru dui minuti mi aviti a dari picciuli! Si nò, zag zag, vi tagghiu tutti cosi!

 

PANETTIERE

A mia prima di dui minuti! Haju primura, c’è purtari u pani a signora Toccamilla! Siccome idda...

 

TUTTI INSIEME

(Nauseati dalle troppe volte che il panettiere ripetesse quella frase) U capemu!

 

MACELLAIO

(al panettiere) Mih, mi stai azzannannu u ciriveddu! Ma to patri, quannu quannu fici a tia, a cu pinsava, a un pappagaddu? Sempri i stissi cosi ripeti! (Guardando l’orologio) comunque, un minuto alla fine!

 

SARUZZU

(Impaurito) Scusassi, ci l’haju u tempu di andari in bagno?

 

MACELLAIO

Di cca, nun si movi nessuno! Pi mia ti po’cacari di supra! (Saruzzu scoreggia)

 

MARIELLA

(Tutti si tappano il naso dalla puzza) Saruzzu, ma chi schifia ti manciasti, banani scaduti?

 

MELINA

Se, citrola bolliti! Havi dui jorna chi stati dintra a me casa! Tutti quanti n’amu liccatu a sarda!

 

CICCIU

Pi fari sta puzza, scummissa ca a sarda chi si liccò iddu, havia a essiri morta!(Saruzzu continua a scoreggiare. Cicciu fornisce ai presenti delle pinze, che metteranno tutti sul naso) Tiniti cca! Vasinnò, cca tutti muremu di inquinamento scoreggioso!!

 

SARUZZU

Mi aviti a scusari, quannu mi scantu, mi si libera u stomaco! È difficili trattinirimi! (Continua a scoreggiare)

 

MACELLAIO

Porca miseria! Ma chi havi, u culu a raffica? Unu appressu a navutru ni fa! (Saruzzu scoreggia) Tappatici u culu! Un infarto ‘nto naso mi sta vinennu! (Bussano)  

 

CICCIU

(Va ad aprire, con la pinza sul naso. Entra un uomo ben vestito con una valigia. Entrando resta di stucco nel vedere tutti con la pinza nel naso) Buongiorno! Nun si scanta, nun semu lunatici! Siamo paesani di paese! Desidera cocchi cosa?

 

ESATTORE DI BANCA

Cerco la famiglia, Stoccafisso! Se non erro, è questa la casa!

 

CICCIU

Nuatri semu! (Porgendogli la mano) Piacere, famiglia baccalaro!

 

ESATTORE

Stoccafisso!

CICCIU

Baccalaro picchì sugnu dialettistico. Visto che lei è italianissimo, Stoccafisso!  Lei chi vorrebbe essere?

 

ESATTORE

(Dandogli la mano) Piacere, sono Giuseppe Musetti, esattore della banca del vostro paese. Sono stato mandato qui da lei, per regolare alcuni conti!

 

CICCIU

Ha detto, conti?

 

ESATTORE

Si si, conti!

 

CICCIU

(Fa segnale all’esattore di attendere, chiama in disparte i componenti della famiglia. Parlandogli sottovoce, suscita la curiosità dell’esattore del macellaio e panettiere) U sintistivu chi dissi? Io capivu sulu banca e conti! Esattore chi significa?

 

MELINA

U dici a stissa parola, es- attore!

 

MARIELLA

Nun po’ essiri mai un attore, havi a valigia!

 

SARUZZU

Picchì l’attore nun hannu a valigia?

 

MARIELLA

L’attori sunnu ricchi e caminanu cu l’aerei, no chi valigi!

 

SARUZZU

Oh, ma ci l’hai a licenza pi sparari sti minchiati! Nun vulissi pagari cocchi multa pi culpa tua!

 

PINA

Siti tutti ritardati! U dici la stissa parola u significatu! Esattore, uguale esatto! Dunni passa iddu, è tutto esatto!  

 

CICCIU

(ragionandoci su) Esatto-re, banca, conti...Veru! Chistu significa ca, vinni a dari l’esattamento dei conti ca u ziu ni mandò milioni di milioni in banca! (Bacia la figlia) Grazie Pina! Sei troppo furbosa! Appena divintamu ricchi, ti fazzu fari zita cu sindacu du paisi! (Si dirige allegramente dall’esattore. Si sforza a parlar bene l’italiano) Prego, perché non si avisse assettato signor esattore!

 

ESATTORE

Grazie, ma non credo che mi tratterrò molto!

 

MACELLAIO

(Alzando la voce, parla col panettiere) Nuatri havi un’ura ca semu dintra sta fognatura, e mancu ni la dittu di assittarini, ora vinni stu ricchionello e lu invitò ad assittarisi!

 

PANETTIERE

Fici bonu ca nun ni fici assittari!

 

MACELLAIO

Picchì?

 

PANETTIERE

Haju primura! Siccome c’è a signora Toccamilla chi mi...(Riceve uno schiaffo dal macellaio)

 

CICCIU

(Gli parla all’orecchio) Stativi carmi! Nun mi fati fari mala figura! Viditi ca chiddu è una persona esatta!

 

MACELLAIO

Picchì, nuatri chi semu sbagliati!?

CICCIU

Sicuramente! Vuatri di mia li vuliti i picciuli, ma iddu mi nni da, a palate!

 

MACELLAIO

(Adirato) Ora, tu fazzi vidiri ju, cu è genti sbagliata! (Si avventa su Cicciu, strangolandolo. I familiari cercano di aiutarlo, ma impauriti dal ringhio del macellaio, indietreggiano, incitandolo a distanza. L’esattore si apparta, guardandoli disgustato si tappa il naso con le dita)

 

MELINA

Forza Cicciu! non mollare mai!

 

SARUZZU

Nun vi scantati cumpari! Continuate così! Prima o poi, si stanca!

 

MARIELLA

Tiratici i pedi! Datici un cavuciu ‘nte capiddi!

 

PANETTIERE

(Al macellaio) Spicciati! A signora Toccamilla mi aspetta!

 

MACELLAIO

(Il macellaio lascia Cicciu) Un momento! Mi dicisti ca iddu vinni pi dariti sordi? (Cicciu annuisce)Si indebitatu cu tuttu u munnu, e chistu vinni pi dariti sordi a tia? Sta cosa è strana!

 

CICCIU

(Sottovoce) Haju a me ziu America... accorciannu i discursi, mi detti soldi, ma tanti soldi! Stu signore, mi vinni a dari l’esatto ca i picciuli sunnu a banca. Chistu significa, ca pozzu pagari a tia, o furnaru e a tutti u paisi!

 

MACELLAIO

(Lo spinge verso l’esattore) Allura, cerca di spicciariti e danni sti picciuli! (Il panettiere sta per parlare, il macellaio gli tappa la bocca e...) A signora Toccamilla, ci aspetta!

 

CICCIU

(Si da una sistemata e con ilarità, si rivolge all’esattore) Mi scuserebbe, ma in famiglia siamo molto uniti! Come ha veduto, questo è un parente stretto! (Riferendosi al macellaio)  

 

ESATTORE

(ironico) Me ne sono accorto! Adesso, se non le dispiace, vorrei accorciare i tempi, visto che si è giocato una parte del mio tempo, dimostrandovi affetto. 

 

CICCIU

Non si preoccuperebbi! Possiamo continuare a giocare insieme! (Ai presenti, come a volerli rimproverare) Non mi incuetate cchiù! Ho bisogno di concintramento per contare i conti, che già sono stati contati dallo zio! Non mi facessivo arrabbiare, si nò poi ni facemu i cunti! (All’esattore con calma) Potessivo iniziare a contare!

 

ESATTORE

(Con le dita che si tappa il naso) Non le ho detto niente appena entrato, per educazione, ma l’aria è insopportabile! Aprite le finestre o sarò costretto ad andar via!

 

CICCIU

Ma quale andar via, si starebbi carmo! C’è sta puzza perché... poco fa, si è intuppato il tubo della fogna ca si trova davanti la porta. Ed è nisciuto il ciavuru di stronzi!

 

MACELLAIO

(Riferendosi a Saruzzu) Picchì nun ci dici a verità, ca u strunzu, ci l’hai dintra casa! (Cicciu gli fa segnali di star zitto)

 

CICCIU

Pina, va grapi tutti i finestri di sta casa. Cumpari Saruzzu, mi raccomando! Controllativi!

 

PINA

Papà, ma dintra casa sulu mura avemu. Finestre nun ci nnè!

 

CICCIU

E va beh, tu grapili u stissu! Ora silenzio, che dovessimo iniziare a contare! (All’esattore) Mi scuserebbe, ma ogni impedimento e contamento! Prego!

 

ESATTORE

Mi auguro, che non ci siano altre interruzioni. (Guardando in giro) Ho così tanto da contare!

 

CICCIU

(Allegramente gesticola alla famiglia la conta dei soldi, i quali si animano con gioia)  Signor esattore, non vorrebbi che lei si affaticheresse a contare. Si voli  gli do una mano ...ma quale una, due mani. Si voli, puru tri manu!

 

ESATTORE

(Sorrisino) Tre mani? Come farà a darmi tre mani?

 

CICCIU

(Indicando i familiari, i quali appena citati, alzano tutti le mani) Taliassi dda, quantu operai chi manu ca ci sunnu! Si servi, ma fazzu pristari di iddi una!

 

ESATTORE

Si, il vostro aiuto mi servirà al momento del trasporto! Per ora, pensiamo al presente! A quello che verrà dopo, poi ci pensiamo!  

 

CICCIU

(Sempre più felice, ma si contiene) Le volevo dire, mi scuserebbi che ci rompo i ...azzi, ma quannu in futuro lei fossivo pronti, io vorrebbi sapere, ma li ha portati dintra li sacchi?

 

ESATTORE

Ma quale sacchi! (Guardando in giro per la casa) Non credo che i sacchi ne possano contenere la capienza!

MELINA

Chistu significa ca sunnu talmente assai ca i sacchi nun ci bastanu?

 

ESATTORE

È normale signora! Ma non ci vuole un genio per capire certe cose!(Melina è felice, abbraccia Pina e Mariella)

 

MELINA

Nun l’haju mai avutu a fortuna di vidiri dintra a me casa, tanta fortuna!

 

ESATTORE

Fortuna? Ah, se per voi questa è fortuna, di sicuro avete dei seri problemi!

 

CICCIU

Pi lei è normale! Lei è abituato a navigare nell’oro, nuatri semu affunnati ‘nto mari di guai! Pi nostra sfortuna, cca dintra nuddu sapi nuotari. Appena lei finisce di contare, ci giuru, avissi a moriri (Nell’orecchio dell’esattore) me soggira, m’insigno a nuotare! ...A proposito, comu mi purtò sti picciuli? Di carta a pezzi da cento e cinquecento euro, o tutti assegni da cento mila euro?

 

ESATTORE

Cosa? Carta, assegni...Lei pensa che io sono venuto qui per...(Sorrisino) da quello che io possa dedurre, finora con lei, non abbiamo parlato con la stessa lingua!

 

CICCIU

(Quasi a volerlo rimproverare) Ah ah! Sugnu poveru, ma non un linguaccione! Ci parri ca mi mettu a dari corpi di lingua di cca, e di là! Ognuno parra con le sue lingue!

 

ESATTORE

(Ironico) Mi perdoni per l’ignoranza, ma non intendevo quello che lei dice! Le volevo dire, che non sono stato mandato qui dalla banca per dare, ma per ricevere! Anzi, per prendere!

 

CICCIU

Con questo suo modo di parrare, così avverbato, mi sta facennu fulminare i lampadini celebratiche! (Toccandosi la testa) Si voli spiegare meglio, nun parri cu sti paroli troppo acculturate! Parli comu nuatri, ...in parole povere!

 

ESATTORE

E va bene! (Legge da un fascicolo che prende dalla valigia) Due giorni fa, lei è venuto in banca a consegnare dei fogli, nei quali le veniva richiesto di immettere il codice segreto del suo conto in banca, anche se, in esso non vi era un centesimo bucato! Mettendo quel codice, a dato a noi il consenso di poter far accedere a quel conto, il signor Gerry Walker, il quale lei asseriva fosse suo zio Americano! Come lei ci ha autorizzati, noi abbiamo lasciato fare! (Chiude il fascicolo) Ne è proprio sicuro che questo signore fosse suo zio? Pensa di aver fatto bene?

 

CICCIU

Certo ca è mio zio! Anche si parru un poco, accitrulunato, si tagghia sti vini scurri sangue Americano! E poi, mio zio mi scrissi nna lettera che doveva riversare in quel conto milioni, di milioni di milioni! (Parla all’aria) Ovunque sei zio, grazie d’esistere! (Manda bacia all’aria) Mi lasciasti milioni di milioni di milioni!

 

ESATTORE

Di debiti!

 

CICCIU

Debiti? In italiano che significa?

 

ESATTORE

Per dirla in parole povere, siete tutti nella merda! (Saruzzu scoreggia)

 

MARIELLA

Tanto pi ristari in tema!

 

MACELLAIO

(Riferendosi a Saruzzu che ha ripreso a scoreggiare) Porca miseria! Vi dissi di tapparicillu stu culu! (Adirato) Dici ca ti scappavano quannu ti scantavi. Di cu ti scantasti?!

 

SARUZZU

Di nuddu! Siccome si parrò di merda, e mi vinni spontaneo!

 

CICCIU

Finitila tutti e dui! Signor esattore, allora, che significa ca semu ‘nta merda? (Saruzzu scoreggia)

 

MACELLAIO

Arreri! Oh, vi avviso, si nun ci lu tappati stu culu, ci lu tagghiu!

 

ESATTORE

(Infastidito) Per favore signori! Allora, ho usato il termine che siete nella merda...(Saruzzu scoreggia. Il macellaio tira fuori il coltello e si avventa su Saruzzu, che fugge dietro le donne, mentre il macellaio viene trattenuto da Cicciu e Panettiere)

 

MACELLAIO

(A Saruzzu) Ringrazia ca mi tinivanu, vasinnò, ni faciva fettine di pollo du to culu!

 

SARUZZU

(Impaurito) A curpa nun è a mia, ma tutti li voti chi si parra di merda...(Scoreggia. Il macellaio si avventa nuovamente su Saruzzu, che si nasconde dietro le donne più impaurite di lui) Fermo fermo! Stavolta, è stato un mio errore a dillu, ma u dissi pi faricillu capiri!

 

MACELLAIO

(Calmandosi) Chistu è vero! È stato un errore! Pi stavolta, nun t’ammazzo! Mi raccomando, ca nuddu si faccia nesciri di la vucca, e mancu du culu a parola...(Non dice merda) mi capistivu! Prego signor esatto!

 

ESATTORE

(Esausto) Sentite, se dovete continuare a fare queste buffonate, io me ne vado! Per abbreviare: Dovuto al fatto di quell’accesso che lei ha permesso a suo zio nei suoi conti, suo zio si è offerto a noi come garante ed ha preso dalla banca ben cinquanta mila euro! (Tra i presenti vi è meraviglia)

 

CICCIU

(Con gli occhi spalancati) Quantu?!

 

ESATTORE

Cinquanta mila euro! ...La cosa grave non è il fatto di averli presi, il fatto è come, restituirli a noi!

 

CICCIU

Scusassi, si i picciuli si pigghiò iddu, ora chi voli di mia?

 

MARIELLA

Si i picciuli si pigghiò iddu, chi voli di me maritu?

 

PINA

Si i picciuli si pigghiò iddu, ora chi voli di me patri?

 

PANETTIERE

Vi incantastivu? Mi pariti i ricchi e poveri! A du cristianu ci stati facennu due bocconcini così! (Fa il segnale con le mani come se volesse dire “ due palle così”)   

 

ESATTORE

(Più che esausto) Comunque, visto che suo zio ha prelevato questi soldi, ed ha fatto perdere le sue tracce, perché l’indirizzo della lettera non era a lui intestato, ma ad ignoto, è ovvio che qualcuno dovrà pur pagare! Chi?

 

CICCIU

Io, mancu haju sordi pi accattarimi ‘na corda e m’impiccu! Mi dispiaci, nun lu pozzu aiutari!

 

ESATTORE

Questo lo sapevo già! Provvederò! (Prende un libro. Girando per la casa inizia a valutare quei pochi oggetti presenti. Suscita curiosità tra i familiari)

 

MELINA

Mi scusi, ma chi sta facennu?

 

ESATTORE

Valuto gli oggetti per portarmeli! Devo pur recuperare questi soldi!

 

MELINA

Ci pari ca avemu tutti sti picciuli, o megghiu diri, tutti sti oggetti?  

 

ESATTORE

Allora, è inutile star qui a perder tempo, ci prenderemo la casa!

 

CICCIU

Chi cosa? Aspettassi, ora fazzu ‘na colletta i recupero io sti picciuli! (Con la mano va a chiedere elemosina ai parenti) Nisciti tutti i miliardi chi aviti, ca avemu a ricogghiri cinquanta mila euro! (Melina prende dal seno dei soldi) Deci centesimi! Brava mugghieri! Cummari, datimi il vostro tributo! (Mariella infila la mano nelle mutande di dietro e tira fuori i soldi) Grazie cummari! Pi mia, sti vostri vinti centesimi, foru un corpo di culo! Forza Pina! (mette la mano nelle mutande davanti tira fuori cinquanta centesimi) Cinquanta centesimi? Grazie picciridda mia! Picchì mittisti a manu davanti, di unni li pigghiasti sti soldi?

 

PINA

Du salvadanaio!

 

CICCIU

Riniscisti a infilarici le ditini pi pigghiari i picciuli! Brava la mia picciridda!

 

PINA

Ma quali ditini, ci infilavu tutta a manu! U salvadanaio, è ruttu!

CICCIU

(Disperato) Comu! Ti facisti rumpiri u salvadanaio a sta età! (Piangendo)

 

MELINA

Nun fari così, sunnu così chi capitanu! Quannu havia la sua età, ti ricordi ca chiddu miu, u rumpemu assieme!

 

CICCIU

Chi c’entra! Chiddu tuo, nun era salvadanaio!

 

MELINA

(Adirata) Chi vò diri nun era salvadanaio! Era beddu impacchettato, pariva ‘na bomboniera!

 

CICCIU

Si, ma quannu si rumpìu, picciuli nun ci nni truvavu! ...Comunque, nun sunnu discursi da fari ora, poi nni parramu! Cumpari Saruzzu, mittitici cocchi milioni, forza! (Saruzzu cerca in tutte le tasche e tira fuori 5 cent)

 

SARUZZU

Cumpari, truvavu cinque centesimi! U stissu è?

 

CICCIU

Megghiu di nenti! (Al macellaio e panettiere) Vuatri nenti mi dati?

 

MACELLAIO

Si nun ti levi di cca, ti dugniu un pugnu ca ti fazzu fari il ballo del qua qua, in punta di pedi!

 

PANETTIERE

Io, ti vulissi dari cocchi cosa, ma siccome haju primura c’è a signora Toccamilla chi mi...

 

CICCIU

Basta, u capivu! Videmu quantu ho arricogliuto! (Conta i soldi. li da all’esattore) Signor esattore, cca ci sunnu ottantacinque... (Controlla la tasche e racimola 5 cent) novanta centesimi! Tinissi cca! I mittissi in acconto! Vedrà che piano piano, centesimo oggi centesimo domani, paghiamo il debituccio!

 

ESATTORE

(Esplode di rabbia) Ora basta! Avete superato ogni limite! (Prende dalla valigia un cartello e lo appende al muro) Vedete questo? Con questo cartello, dichiara questa casa proprietà della banca. Visto che oramai questa non casa è più proprietà vostra, siete degli intrusi! Se non sloggiate entro cinque minuti, vi farò arrestare! Forza, andate via!

 

CICCIU

(implorandolo) La prego, ni facissi ‘na grazia! Nun ni mittissi ‘nta ‘na strata, come degli agnellini indifesi! Mi scanto dei lupi! E poi, a curpa non è mia!

 

ESATTORE

(Esaltato) A me non interessa più niente! Oramai, questa casa non è più sua! Non implori me, ma ringrazi suo zio, per il regalo che gli ha fatto!

 

CICCIU

Ah già, lo devo ringraziare! (Si finge calmo, poi gira per la casa, gridando parolacce) Curnutu! Curnutazzu! Unni si! Nesci fitusu!

 

MELINA

Finiscila! Chiddu è America, comu ti senti!

 

CICCIU

Ora tu fazzi vidiri io comu mi senti! (Apre la porta esce fuori scena e grida a squarciagola) Curnutu! Tu, e tutta America! Veni cca, ca ti fazzu un culu, quantu ‘na casa a tia cu tuttu u prisidenti! (Saruzzu e Melina vanno a prendere fuori Cicciu, lo trascinano dentro a stento, il quale, continua a dire parole) Avutru chi milioni di milioni, mezzu ‘na strata mi jettò! Disgraziato! Curnutu! Lassatimi ca l’ammazzu! Lassatimi!

 

PINA

Papà, ma com’è ca l’ammazzi? Chiddu, si trova America!

 

CICCIU

Ora ci mannamu ‘na bedda lettera! Pigghia carta e pinna, e scrivi “(Falso idillico) Carissimo zio, sei un grandissimo cornutu!” mi raccomando Pina, mettici l’esclamazione! Accussì si lu ricorda ca è un cornutazzu doc!  Poi ci scrivi: “ Dice mio padre, che sarebbi meglio che ti sparerebbi prima, si nò, se ti incocia lui ...(Urlando) L’ammazzooooo!” lassatimi ca l’ammazzo! (Prende la lettera e se la mangia dalla rabbia)

 

ESATTORE

Signori, adesso basta! (Cicciu si siede esausto, trattenuto dai familiari) Spero abbiate finito di fare il vostro teatrino! Adesso, vi comunico che sia arrivato il momento di prepararvi le valigie!

 

CICCIU

Valigie? Cu ci l’havi sti valigie! Cumpari Saruzzu, ma ne vostri valigie, c’è posto?

 

SARUZZU

C’è posto, c’è posto! Nun avennu nenti di chi mittirici, nun ci pozzu mettiri nenti! Però, quannu partu, mi portu sempri dappresso! Da chiddu chi vju in giro, è la moda purtarisi i valigi quannu si parti!

 

MELINA

Mancu nuatri avemu nenti di mittirici ‘nte valigie!

 

CICCIU

Già vi lu dissi la mia mugliera ca mancu nuatri avemu nenti! Ma vi dissi si c’è posto, chi sa, quarcunu ni domanda, ci dicemu ca avemu i valigi in società! Va bene?

 

MARIELLA

No cumpari! I cosi in società, nun sunnu boni! Semmai, ni avissiru a dumannari, ci dicemu ca avemu li valigi bifamiliari!

 

PINA

(Urlando come un maschiaccio) Aoh! Mi lassati cca? A mia, nun ci pinsati? Mi lassati vedova di genitori!?

 

MELINA

Veru! Ni stavamo scurdannu a picciridda! Cummari, unu in più, uno in meno! Tri e due ventotto. Al posto di essiri bifamiliare,facemu a valigia trifamiliare!

 

ESATTORE

(Da pungenti colpi di tosse per attirare l’attenzione della famiglia. Appena avuta, fa segnale di stringere i tempi) Mi sa tanto, che i cinque minuti siano già passati! Forza, andate via, (Con disprezzo) morti di fame!

 

CICCIU

Morti di fame a nuatri? Guardassi, ca lei si sta sbagliannu di cca, fino ‘nta luna! Nuatri siamo magri, no picchì nun avemu manciari, ma picchì manteniamo la linea! (Aristocratico) E poi, si, andiamo via da queste mura che soffocano la nostra vita. In fondo, l’avevamo pensato di andar via da qua...non è vero amore?

 

MELINA

(Aria nobiliare) Verissimo amore! Non voglio più stare in questa fogna! ...(Saruzzu scoreggia, tutti  guardano Saruzzu. Il macellaio si trattiene)

 

SARUZZU

Scusate, u fici pi restare in tema!

 

CICCIU

Andremo ad abitare fuori all’aria aperta! In fondo, la natura abita all’aperto, gli animali abitano all’aperto...nun vju picchì nuatri continuamu a stare chiusi cca dintra! Cumpari, da dintra ci sunnu i valigi. Amuninni! (Si avviano all’uscita...)

 

MACELLAIO E  PANETTIERE

Un momento! (In coppia col panettiere) E a nuatri, cu nni paga?

CICCIU

(Adirato) Ah, siti fissati cu sti picciuli! Ma, nun aviti avutri cosi di fari, pinsari! No, sempre picciuli! Cu havi sempri u pinseri a li picciuli, mori dispiratu!

 

MACELLAIO

(Risata ironica) Allura, chiddi a moriri avissimu ad essiri nuatri, picchì pinsamu ai picciuli! Si tu, ca si convinto ca a campari assai! (Il macellaio e panettiere si avventano su Cicciu, che viene difeso dai parenti. Il panettiere da colpi di sfilatino a chiunque) Oh! Chi fa? U pani da signora Toccamilla!

 

PANETTIERE

(Si ferma) Pi oggi ci fazzu manciari u salamino! (Continuano con la zuffa)

 

CICCIU

(Ammassato tra la confusione, trova spazio per dire parole allo zio) Disgraziato! Curnutazzu! Fitusu! Curnutu e pezzu di fangu! (Nel bel mezzo della colluttazione, si sente bussare e poi una voce che chiama. A quel punto, tutti s’immobilizzano per ascoltare)

 

ZIO GERRY F. S.

(Pronunzia americana) Hallo! Cicciu! Come here! Where are you? Dove schifia essere tu! Tu, sentire me?

 

MELINA

Cu cazzarola  è, ca parri così tischi toschi?

 

ZIO GERRY F. S.

Hallo! Nipote Cicciu! Vieni ad aprire al tuo caro vecchio zio Gerry!

 

MELINA

Minchiuni iddu è! U zio Reggy!

 

CICCIU

Si parra du Diavulu, e spunta u curnutu! (si libera dalla mischia. Tutti si riordinano) Pina, va grapi a porta! (Pina va ad aprire. Entra lo zio Gerry  ben vestito, in testa ha un cappello da cow boy, ha una valigia, ed un sigaro acceso)

 

ZIO GERRY

Good morning! Good morning a tutti quanti! Io essere veramente felice di tornare qua, after long time! Dopo tanto tempo! ulalà, quante persone! Sapere che io arrivare, e prepararmi una festa? (Lo zio, da la mano a tutti e saluta, per ultimo lascia Cicciu)

 

CICCIU

(Sottovoce, digrignando i denti) Ora, ta fazzu ju a festa, pezzu di curnutu! (Sfregando le mani)

 

MELINA

(Standogli accanto, cerca di calmarlo. Gli parla sottovoce) Mi raccomando Cicciu, stai calmo! È sempre tuo zio! Chi avutu, avutu avutu. Chi ha dato, ha dato ha dato, scurdammice o passato chista è a vita, paisà! (Cicciu fulmina la moglie con uno sguardo)

 

ZIO GERRY

(Saluta con molto affetto Pina) Ciao, ma tu essere la figlia di mio nipote? Cara nipote mia! (Baciandola ripetutamente) Tu, assai biutiful! Ma vero assai assai biutiful! (Baciandola, se pur cerca di allontanarlo da lei)

 

PINA

Mamà, ma cu è stu pedofilo?

 

MELINA

(Va verso lo zio per distoglierlo da cosa ha detto Pina, e lo saluta) Pina, questo è lo zio Reggy! Chiddu chi sta a broccolino!

 

ZIO GERRY

No no! My name’s Gerry, Gerry Walker! E poi, io non abitare più a Brooklyn, ma a Los Angeles! In mezzo alle stelle!

 

MELINA

(A Pina) U sentisti? U zio nun ci sta cchiù America. Sta cu gli angeli, in mezzo le stelle!

 

ZIO GERRY

(Inizia a ridere) Davvero bella questa tua battuta! Tu, essere molto spiritosa! (Nota che Cicciu è rigido) Nipote, cosa avere tu? Da quando io essere qui, tu a me, non avere detto nulla! Non avere aperto bocca con tuo zio!   

 

SARUZZU

È megghiu ca nun la grapi!

 

ZIO GERRY

It’s ok? How are you! Stai bene? Essere tu felice, perchè io fare a te, una bella sorpresa?

 

CICCIU

(Melina gli tiene il braccio, mantenendolo calmo. Egli parla col sorriso sulle labbra) Zio, cchiù bella sorpresa di chiddi chi mi facisti, nun mi putivi fari!

 

ZIO GERRY

Allora, se per te essere una bella sorpresa che io essere qui, perché tu a me non mi abbracci? Perché tu a me, non mi dire niente?

 

CICCIU

(Allarga le braccia e parla con dispiacere) Hai ragione zio, ho sbagliato a non dirti niente, vieni qua zio abbracciami, con tutto il cuore ti dico...(Lo zio si avvicina per abbracciarlo e Ciccio con foga si avventa su di esso. Si viene a creare una confusione, tra i familiari che cercano di fermare Cicciu e il macellaio, panettiere e l’esattore cercano di tirar fuori lo zio, che chiede loro aiuto) Curnutu! Fitusu! T’ammazzo! Mi facisti a sorpresa di jettarimi menzu ‘na strata! Disgraziato! (Tra una tirata e l’altra, i due vengono divisi)

 

ZIO GERRY

Bella accoglienza, che tu avere fatto me! Se, io sapere che qui venire a prendere bastonate, io meglio se stare in mezzo ad una strata!

 

CICCIU

Grazie a tia, persi sta casa! Tinta pi comu putiva essiri, almenu mi ripararava quannu chiuviva! Quannu chiove, dunni mi riparu? Sutta l’acqua! Picchì, mi nni vaju a stari, menzu ‘na strata!

 

ZIO GERRY

(Si rattrista. Parla col capo chinato) Non pensavo di arrecarti questi problemi! Quando io, avere mandato la lettera, avere pensato tanto prima di fare questo brutto gesto, ma poi avere pensato che tu avresti capito, se mi avessi visto, con una corda intorno al collo. Mancava poco per cadere e morivo!

 

CICCIU

(Stizzoso) Nuddu curnutu c’era in America, ca ti putiva fari cadiri!

 

ZIO GERRY

Un mese fa, andai a giocare al casinò. Piano piano, io perdere tutto quello che io avere! Macchina, terreno, vestiti, casa! Nonostante tutto, io continuare a giocare!

 

MARIELLA

Chistu significa essiri cuccuzuni! Eh, mi scusi!

 

ZIO GERRY

Si è vero! Essere stato cretino! Non avendo più come pagare, avevo i debitori che mi volevano uccidere, se io non dare loro soldi! (A Cicciu) Così, mi avere venuto tu in mente! Sapevo tua situazione, che qua in Sicilia, lavoro poco, e tu vivere male, ma a me servire soldi! Così, avere io ingannato te, per paura che se avessi tu saputo verità, tu non aiutare me, e io potere morire! (Gemendo)So di essere uno verme a fare questo! Totalmente schifoso!

 

SARUZZU

Totalmente però!

 

ZIO GERRY

Se io sapere, che rovinare tua vita, forse, era meglio che io morire!

 

CICCIU

Ah, picchì pensi ca io, ti lassu vivu? Io t’ammazzo! (Si avventa sullo zio. Nuovamente si crea il trambusto)

 

ZIO GERRY

Ma io a te, avere fatto anche uno grande regalo! Quindi, non essere tanto cattivo! Io volere bene a te!

 

CICCIU

(Si ferma.dal taschino prende l’orologio) E tu sta specie di orologio, mu chiamu un regalo? Si vaju ne Mustafà, cu cinque euro, mi nni da deci chila di orologi! (Lo toglie dal polso e lo tira allo zio, non centrandolo, e riprende la zuffa)

 

ESATTORE

(Recupera l’orologio da terra, contemplandolo per bene, poi...) Fermi! (Tutti si fermano. Si rivolge a Cicciu con rabbia) Lei, lei è un assassino! Un pazzo scatenato! Lei non sa, che tragedia ha commesso nel tirare questo prezioso orologio! (Tiene stretto a se l’orologio)

 

CICCIU

Sugnu un assassino picchì tiravu stu orologio? (Guardando minaccioso lo zio) Mica ammazzavu a nuddu, pi sfortuna!

 

ESATTORE

Sono un collezionista di orologi da due generazioni! Questo è un orologio, pre-zi-o-si-ssimo! È un orologio da tasca, risalente al 1500, costruito dal tedesco Peter Henlein. Che a seguito di un errore, venne chiamato < l’uovo di Norimberga!> per me oggi è un colpo di fortuna averlo trovato! Lo cercavo da anni! (Cicciu guarda la famiglia allibito) Su avanti, mi dica quanto vuole!

CICCIU

Chi nni sacciu! O mercatinu di chisti li vinninu a deci euro, picchì è lei, mi dassi otto euro!

 

ESATTORE

(Sorrisino) Furbacchione! Da un pomeriggio sto quì, ed ho capito che lei sa fare benissimo l’attore! Ma ora, la prego diventi serio, mi dica quanto vuole!

 

CICCIU

Visto che insiste, mi dassi cinquanta euro!

 

ESATTORE

Ma non mi faccia ridere! Le ho detto, mi dica esattamente quanto soldi vuole per questo prezioso!

 

CICCIU

(Guarda meravigliato i familiari) Cento euro!

 

ESATTORE

Alzi alzi!

 

CICCIU

Cinque cento euro!

 

ESATTORE

Alzi alzi!

 

CICCIU

(Gradualmente accentua la sua meraviglia in viso) Mille euro!

 

ESATTORE

Più su! Più su!

 

CICCIU

Deci mila euro!

ESATTORE

Nooo! Sono troppo pochi per un capolavoro della storia!

 

CICCIU

(Inizia a sudare) Picciotti, aiutatimi vuatri, picchì già mi sento male!

 

SARUZZU

Venti  mila euro! (L’esattore fa segnale con la mano di alzare il prezzo)

 

MELINA

Cinquanta mila euro! (L’esattore segnala di alzare)

 

PINA

Ottanta mila euro! (L’esattore segnala di alzare)

 

MARIELLA

Cento mila!

 

ESATTORE

Basta! Siete le persone più villane e analfabeta che io avessi mai incontrato! Non riuscite a dare valore a questo meraviglioso orologio! Adesso ci penso io!

 

CICCIU

(Avendo piacere ad offendersi) Si, ci pinsassi lei pu prezzu! Noi, siamo dei villani! Facciamo schifo, si! Siamo degli stronzi, chi caminanu! (Saruzzu scoreggia) Bravu Cumpari! Noi, questo siamo! Siamo il rifiuto dei rifiuti! Una discarica in confronto a noi, è un ristorante a dieci stelle!

 

ESATTORE

Allora, vi propongo una cosa valuto questo orologio...tre cento mila euro! (Cicciu sviene. Tutti lo soccorrono  facendolo rialzare) sta bene?

 

CICCIU

Benissimo! Meglio di così, si muore!

 

MELINA

Mi scusi, nun si putissi aviri un piccolo acconto...di...cinquanta mila euro!

 

ESATTORE

Mi spiace, ma non ho soldi con me...(Guarda la valigia) Un momento! In valigia ho i soldi che devo depositare in banca per...sapete che vi dico? Tenete questo acconto di cento mila euro! (Gli da la valigia in mano a Cicciu, che sembra estasiato)  Poi, me la vedo io col direttore! (Prende dal portafogli un biglietto da visita e lo da a Cicciu) Questo è il mio biglietto da visita. Domani mattina, qualcuno di voi si presenti in banca, mi contatti, e vi darò il resto dei soldi! Contenti?

 

CICCIU

(Indifferente e con aristocrazia) Diciamo contenti! In fondo, l’orologio glielo sto regalando a questa cifra! Ma come si dice...meglio di niente!

 

ESATTORE

(Sorridendo) si si, ho capito! Signori miei, vi saluto! È stato un piacere avervi incontrato( Sta per andare)

 

CICCIU

Aspettassi! E a casa?

 

ESATTORE

(Toglie il cartello che aveva appeso al muro) domani, verrà in banca e pagherà il debito! Ormai, non è più un problema per lei, vero?

 

CICCIU

Esatto! A domani signor esatto! (l’esattore va via. Tutti i presenti, tranne lo zio Gerry che rattristato si tiene in disparte, si avvicinano a Cicciu per l’apertura della valigia. La apre con cautela, appena aperta tutti insieme, manifestano meraviglia) Ooooh! (Cicciu prende un malloppo di soldi) Miiiiih! (Cerca lo zio e lo vede in disparte. È commosso) Zio... zio...ma tu cca ha statu? Sai, ti vogghiu tantu beni! Lassati abbracciari! (Si lancia sullo zio, riempiendolo di baci) Zio, grazie d’esistere! Che mondo sarebbe senza uno zio! Sorridi! Ma picchì sei siddiato? Cu ti muriu, u pisellino? Nun ti scantari, ora ti compra deci chili di viagra!

ZIO GERRY

Io essere triste, perché se avessi saputo che quello oggetto valere tanto, io a te non dare. Tenere io! Così a te, non rovinare vita!

 

CICCIU

Ma chi dici! Oramai, chi vai pinsannu! Chi ha avutu avutu avutu, chi ha datu datu datu, scurdammice o passato, chista è a nostra felicità!

 

MELINA

Cicciu! (Gli fa cenno verso il macellaio e panettiere, i quali tengono testa china)

 

CICCIU

Già! (Prende un malloppo di soldi, si avvicina ai due, con aristocrazia, poi leccandosi le dita, divide i soldi ai due) E tenete il resto! (Stavano per andarsene) Alt! (I due s’immobilizzano) Dimenticate qualcosa! (I due si guardano perplessi. Cicciu allunga la mano, i due intuiscono e inginocchiandosi gli baciano la mano) A tutti i presenti! (Baciano le mani a tutti) e ora, ve ne potete andare! Svelti, di corsa! (I due, si affrettano ad uscire, Cicciu si affaccia dalla porta) salutatemi a signora Toccamilla! (Ride)

 

MELINA

Cicciu, e ora chi facemu?

 

CICCIU

Non lo so! Non sono mai stato ricco! Vi ricordati, quannu fici u paragoni ca i ricchi navigano nell’oro, e nuatri EX...poveri cristi, eramu affannati ‘nta la dispirazioni! C’è nuddu di vuatri chi sapi nuotari? (Tutti dicono “no!”) sapiti chi vi dicu? Mittitivi u salvagenti, si nun vuliti moriri annegati!

 

SARUZZU

Cumpari, ma chi diciti? Chi è, già li troppi sordi, vi ficiru sballari?

 

CICCIU

Vuatri pinsati ca sugnu pazzu? Io, intanto mi mettu a nuotari, si vuatri muriti, nun diciti ca è curpa mia!

 

MELINA

Si po’ sapiri com’è ca avemu a nuotari?

 

CICCIU

Così! (Prende la valigia, riversa i soldi tutti su di lui, li prende da terra e li lancia in aria sorridendo allegramente. I presenti lo imitano, e poi tutti si mettono a nuotare in quel mare di soldi)  

 

Fine