Parino tutti santuzzi!

 

 

Commedia brillante in due atti di

 

Giovanni Allotta

 

 

 

Belmonte Mezzagno  30/ 07/ 08

 

 

 

Prefazione

Durante il periodo che ci si accinge alle votazioni, nelle famiglie si viene a creare una vera e propria confusione, dovuta al fatto che, ci si ritrova ad aver in mano, tanta di quella cartacea elettorale, non sapendo a chi votare. In questi casi, subentrano i veri protagonisti che pur di accaparrarsi la nostra fiducia, e di conseguenza il voto, iniziano a promettere di tutto! Ma...le bugie hanno le gambe corte!

 

 

Personaggi

       

Carmelo di Natale, Capo famiglia

Maria di  Natale, Moglie

Peppuccio di Natale, Figlio

Zio Cosimo, Parente di famiglia

Zia Alfonsina, Moglie di Cosimo

Petru Tagliavia, Politico

Salvo Carnevale, Politico

Nino a Mare, Politico

Turiddu, Amico di Carmelo

 

 

 

 Primo atto

 

 

(La scena si svolge, all’interno della casa Di natale. La stanza è arredata con quadri, un tavolo al centro qualche ornamento, e una poltroncina)

 

ZIO COSIMO

(Uomo di cinquanta anni. Entra esaltato) Muriu! Muriu! Presto viniti tutti, ca muriu!

 

MARIA

(Entra spaventata) Chi è! Chi successi, zio Cosimo?

 

ZIO COSIMO

(Gira per la stanza, piangendo) Muriu! Muriu!

 

MARIA

Cu muriu?

 

ZIO COSIMO

Comu cu muriu? U mortu muriu!

 

MARIA

(Disperata) Chi consumazioni! Propria oggi havia a moriri, ca c’è l’ultima puntata di cento vetrine! (Urlante)  Carmelo! Carmelo! Veni subito cca!

 

CARMELO

(Entrando) Chi è Maria! Chi successi?

 

MARIA

Vidi ca muriu!

 

CARMELO

Cu è ca muriu?

 

ZIO COSIMO

Nun lu sacciu cu muriu, ma di sicuru hava essiri mortu!

 

CARMELO

Ah, muriu u mortu? Nun vi scantati! L’importante ca nun muriu u vivu!

 

ZIO COSIMO

Senza schirzari! Ti pari giustu schirzari?

 

CARMELO

(Confuso) Zio Cosimo, mi sta facennu cunfunniri a radice quadrata di capiddi! Carmati, e dimmi cu è ca muriu!

 

ZIO COSIMO

U mortu!

 

CARMELO

E fino a cca, ci semu! Ora dimmi, cu è stu mortu, Maria.

 

MARIA

Chiddu chi muriu!

 

CARMELO

(Nervoso) U capivu ca u mortu è mortu, vulissi sapiri, comu si chiama?

 

MARIA

Ca...comu si chiama, ca vuci! (Urla) “A tia mortu, veni cca ti devo parrare!”

 

CARMELO

Comu si vidi ca siti zio e nipote! Di tutti e dui, un ciriveddu bonu, nun si po’ fari! Pinsatici vuatri o mortu, picchì io chi pazzi nun ci staju! (Sta per uscire)

 

ZIO COSIMO

Ma unni vai? Nun t’interessa du mortu!

 

CARMELO

A iddu, cu ciù dissi di moriri! Anzi, fatici i condoglianze o mortu da parte mia!

 

ZIO COSIMO

E tu, nun ci vai a vidillu?

 

CARMELO

E chi ci vaju a vidiri ora che mortu! Si era vivo u mortu, ci iva, ma ora...

 

ZIO COSIMO

Mischina, a cummari Rosa nun si da paci, pi sta morti accussì disgraziata!

 

MARIA

Zio, chi ci trasi cummari Rosa cu mortu?

 

ZIO COSIMO

Certo ca ci trasi! Muriu l’uccellino della commare! (Piange)

 

CARMELO

Ah! Ora, capisciu picchì ci trasi! Anzi, nun ci trasi cchiù! (Ironica) Picchì ci muriu l’uccellino a commare!

 

ZIO COSIMO

Ci l’havia lassatu so marito prima di moriri. Pi deci anni ci ha fattu sempri compagnia! Comu po’ ghiri avanti a cummari, senza il suo uccellino?!

 

CARMELO

Dimmi ‘na cosa zio, pozzu capiri ca si lu tiniva beddu strittu pi la compagnia, ma...u tiniva sotto ghiaccio pi tinilu vivu vivu?

 

ZIO COSIMO

Ma chi dici! Du aciduzzu, cantava a tutti li mumenti quannu stava ca cummari!

 

MARIA

Io mu ricordu, era pulitu, sistimatu. Si faciva accarezzari di tutti! Era sempre, beddu tisu tisu!

 

CARMELO

(Stizzoso) Chi cosa? Tu canuscivu l’uccellino della commare?

MARIA

Certu, ca u canusciva!

 

CARMELO

E...l’accarezzavi?

 

MARIA

L’accarezzava, mi lu vasavu tuttu! Oh, tutti li voti ca lu vasavu, cantava ca era un piaceri a sentiri stu cardellino strittu nna li me manu!

 

CARMELO

(Le da uno schiaffo) Svergognata! Ti piaci accarezzari e vasari l’aciduzzu di l’avutri? Vidi ca io t’ammazzu!

 

MARIA

(Gemendo) Ma era chiddu da cummari Rosa!

 

CARMELO

Ma allura a pigghiari bastonati pi capillu! Sai comu dici u pruverbiu: “ Ne amici e parenti, nun ci tuccari e nun ci vasari nenti” Inveci tu, ci vasasti l’uccellino a cummari! Vatinni da dintra, e va puliziati a bocca cu l’acido muriatico! (Maria esce delusa)

 

ZIO COSIMO

Nun c’è bisogno di trattalla così a tò mugghieri! In fondo, sulu un aciduzzu era!

 

CARMELO

Zio, si comincia chi cosi nichi e poi, si va a finiri chi cosi grossi! Oggi un aciduzzu, dumani un ...(Si tappa la bocca) Talè, nun mi fari parrari ch’è megghiu!

 

ZIO COSIMO

Mischina, avissi a vidiri a cummari comu è dispirata! Mittemuni ne so panni, deci anni cu stissu aceddu, poi arriva e mori, nun è un trauma?

 

CARMELO

Mi pari logico ca è un trauma, anzi ‘na tragedia! Da l’oggi al domani truvarisi senza aceddu di sti tempi, è gravissimo!

 

ZIO COSIMO

Ora dico io, dunni ci lu pozzu  truvari navutru aceddu pi farici tappari a vucca, e nun vidilla chianciri cchiù?!

 

CARMELO

Io l’avissi un aceddu bonu di darici a cummari! Ci l’haju a portata di mano!

 

ZIO COSIMO

Veru? E chi aceddu è? Nun facemu ca avissi a fari mala figura! A cummari si nni intendi di aceddi!

 

CARMELO

Cu mia, mala figura nun ni fai zio! È un aceddu originale! È ‘na cosa di lusso!

 

ZIO COSIMO

Ma unni l’hai stu aceddu? Fammillu vidiri, po’ essiri ca ‘un mi piaci!

 

CARMELO

Scusami zio, picchì hava a piaciri a tia, o a idda?

 

ZIO COSIMO

A cummari!

 

CARMELO

Allura, zittuti e fatti affari tò, ca poi ci pensu io pi l’aceddu da cummari!

 

ZIO COSIMO

Allura, pozzu star tranquillo, ca pi l’aceddu ci pensi tu! Ora, mi nni vaju. Sugnu incaricatu di farici u funerale a l’aciduzzu.

 

CARMELO

Chi tipo di funerale ci fai?

ZIO COSIMO

U pigghiu e u fazzu vulari du balconi!

 

CARMELO

Minchiuni! Si un beccu chi fiocchi!

 

ZIO COSIMO

Beccu to patri c’è!

 

CARMELO

Scusami zio, vuliva diri : beccamorto!

 

ZIO COSIMO

Oh, mentri stava vinennu cca, o corso du paisi, vitti ‘na marea di genti! Ma chi vosi succediri? ‘un facemu ca su tutti dispirati pi l’aceddu da cummari?

 

CARMELO

Se, u pappagaddu di so soru! Zio, mancu pari ca fussi di stu paisi! ‘un lu sai ca ogni vota ca c’è sta cunfisioni o paisi, è signali ca ci sunnu vutazioni!

 

ZIO COSIMO

Veru! Per ora, semu tutti amici e parenti!

 

CARMELO

E quannu finiscinu i vutazioni, nun li po’ guardari e nun ci po’ diri nenti!

 

ZIO COSIMO

Ti vennu tutti e peri, ti vasanu, ti allisciano, insomma, ti pigghianu pi fissa, finu a lu mumentu ca ti dicinu: “Mi servi un votu, ca poi fazzu...dicu...ti fazzu parrari cu tizio...ti fazzu travagghiari” Nuatri comu pecoroni, ci cascamu!

 

CARMELO

Eh no, caro zio! Io nun ci casco! Inveci di essiri iddi a pigghiari pi fissa a mia, sugnu ju ca li pigghiu pi fissa! Ci calo a testa a tutti, e i lassu contenti!

 

ZIO COSIMO

Bonu fai! I politici, sunnu tutti...comu si dici...nun mi veni a parola...

 

CARMELO

Ladri!

 

ZIO COSIMO

Picchì, chi ci futteru a borsa a to matri?!

 

CARMELO

A pensioni a me patri!

 

ZIO COSIMO

Ma zittuti! I politici sunnu tutti...

 

CARMELO

Vampiri!

 

ZIO COSIMO

E picchì, sintemu!

 

CARMELO

Picchì, nni stannu succanu u sangu!

 

ZIO COSIMO

A finisci! I politici, nun sunnu cattivi!

 

CARMELO

Ma mancu, sunnu tantu boni!

 

ZIO COSIMO

Allura, dimmillu tu, comu sunnu i politici!

 

CARMELO

I politici, sunnu allevatori di pesci! Ovviamente, i pisci semu nuatri!

 

ZIO COSIMO

Mu vò spiegari picchì i politici sunnu allevatori di pisci, e nuatri semu i pisci?

 

CARMELO

Allevatori di pisci, picchì basta ca ni dicinu dui fissarii, nuatri già semu sazi di chiacchiere, e ci curremu dietro!

 

ZIO COSIMO

Docu, nun ti pozzu dari torto! Però, nun haju caputu, picchì semu nuatri i pisci?

 

CARMELO

Comu picchì? Di quant’havi chi curremu dietro a li politici, semu tutti a mare!

 

PEPPUCCIO

(Giovane ragazzino. Entra con la cartella in spalla, tutto esaltato) Papà, finiu a scola! Fuvu promosso! Mi fai u regalu? Amunì, per favore, vogghiu u regalu!

 

CARMELO

(Confuso) Accuminciamu! Dicillu o zio Cosimo chi ti fa u regalu! (Esce di scena)

 

PEPPUCCIO

No, u zio Cosimo mi deve fare u regalu, quannu fazzu u compleanno! Vero?

 

ZIO COSIMO

Arreri? Già tu fici u regalu!

 

PEPPUCCIO

L’anno scorso mu facisti! Quest’anno di nuovo fazzu u compleannu!

 

ZIO COSIMO

Ah, picchì ogni annu fai u compleannu?!

 

PEPPUCCIO

(Felice) Ca certu!

 

ZIO COSIMO

Taliatilu com’è contenti! Ma ‘un lu sai chi dissiru in televisione? (Peppuccio dice no) Dissiru, “Chiunque fa u compleannu ogni annu,...mori!”

 

PEPPUCCIO

(Spaventato) Allura, u compleannu quannu l’haju a fari?

 

ZIO COSIMO

Ogni morti di papa! Senti, io mi nni vaju. Dicillu tu, a to patri(Esce)

 

PEPPUCCIO

Si, ti nni po iri! (Pensando) Però, si fazzu u compleanno ogni morti di papà, poi a mamà comu fa, o chianci u mortu, o ridi cu figghiu! Bho! (Entra Carmelo) U sai chi mi dissi u zio? Ca fazzu u compleannu ogni vota chi moru u papà!

 

CARMELO

(Si tocca) ‘nte corna a so soru! A stu to zio, cocchi vota c’è fari passari tuttu stu scherzo cretino chi havi!

 

PEPPUCCIO

Papà,  mu facisti u regalu?

 

CARMELO

(Stufo) Minchiuni cu stu regalu! Ma fari spendiri pi forza picciuli? Unni lu vidi ca sugnu senza travagghiu! (Peppuccio ci rimane male) Amunì, nun ti siddiari! Sai chi facemu? Ti prometto ca venerdì quannu c’è u mercatino ci dicu a to matri chi ti accatta ‘na cosa chi custa poco! Si, cuntentu?

 

PEPPUCCIO

(Felice) Si si! Sugnu curioso! Amunì, dimmi cosa mi devi accattare!

CARMELO

Ti accattu, una patente!

 

PEPPUCCIO

Però, una è poca! Si poi a perdu, restu senza patente!

 

CARMELO

Chistu è veru! Io, mica sacciu i prezzi! Aspetta ca chiamo a tò matri! (A gridare) Maria, veni  cca!

 

MARIA

(Entrando con una pezzuola e un grembiule da lavoro) Chi è? Chi successi?

 

CARMELO

U picciriddu fu promosso a scola, e ci promisi u regalu. Venerdì veni cu tia o mercatinu e ci devi accattare a patente. Iddu, giustamente dici, una è poca! Io vuliva sapiri di tia, sai a quantu i vinninu o chilu i patenti o mercatinu?

 

MARIA

A secunnu da patenti? A cchiù cara è a patente A, chidda pi l’aerei. Quaranta  euri o chilu! Poi c’è a B, chidda pi bicicletti a deci euri o chilu! Poi  a C, chidda pa curriola  a venti euri o chilu!

 

CARMELO

Oh, mancu ‘na patente si po’ cchiù accattari! Senti chi facemu Peppuccio, si nun è stu venerdì, sarà u prossimo di navutru annu, ma ti promettu ca ti accattu a patente B, chidda pa bicicletta! Si, cuntento?

 

PEPPUCCIO

(Triste) Nun sugnu contenti! A bicicletta nun mi piaci! Accattami a patente A, chidda di l’aerei! Accudì a scola ci vaju cu l’aereo, e pi posteggiare nun haju problemi, picchì u pozzu lassari supra u tettu!

 

CARMELO

Ma chi dici! Quaranta euri o chilo, sunnu assai! E poi, cu tu dissi cu la patente B, po’ purtari sulu i bicletti? U dici a stissa parola, B come bici, ma anche come barca !

 

PEPPUCCIO

(Felice) Veru? E poi, mi nni pozzu iri a scola, tuttu imbarcato ?

 

CARMELO

Ca certo! (Peppuccio è eccitatissimo) Si, però a stari attentu dunni a posteggi! U sai, ca o paisi i ladri hannu i manu longhi!

 

PEPPUCCIO

Nun ti scantari papà! Ci fazzu mettiri l’antifurto ancorato! Papà, e poi nna barca, ci lu pozzu fari l’impianto di deci mila watt pi sentiri a musica!

 

CARMELO

Deci mila watt? Cchiù pianu ‘un la senti a musica! Si, surdu?

 

PEPPUCCIO

U fattu è, ca pozzu fari i gari di l’impianto e vinciu sempri io! Oh, u mio impianto hava essiri u cchiù forti du paisi! Dunni passu io, e fari scoppiari tutti cosi!

 

CARMELO

Si li to intenzioni sunnu chisti, facci l’impianto a gas, ti fazzu vidiri ca dunni passi tu, mancu criscinu cchiù i petri! (Peppuccio esce felicemente)

 

MARIA

Ma picchì ci cunti sti fissarii a tò figghiu? Ca iddu, ci cridi veru!

 

CARMELO

Chi ci pozzu fari! Almeno, u lassu cuntentu, poi si ni parra!

 

MARIA

Appena ti veni ad inquitare ca voli a barca, ti vogghiu!

 

CARMELO

E va beh, poi si vidi! Intanto, pinsamu per ora! Tantu, haju fiducia e proverbi antichi: “ Tempu e malu tempu, nun dura sempri un tempu!”

 

MARIA

Quannu c’è u malu tempu, veni u diluviu e ni fa affunnari. Quannu veni u buon tempu, semu tutti a mare! (Bussano) Avanti!

 

PETRU TAGLIAVIA

(Entrando) Buongiorno a tutti, a chiddi longhi e a chiddi curti, nna sta casa trasiu Petru Tagliavia, ca nun vinni pi disturbari, ma pi farivi un poco di compagnia!

 

CARMELO

(Continua cantilena) Di la to compagnia, mi ni staju fregannu, mi trovu cu me mugghieri, e mi staju divirtennu, arrivi tu cu sta specie di poesia, e vinisti a rumpirimi i mazzi a mia!

 

PETRU 

Bella accoglienza! Si vò, mi nni vaju! Nun ti creari problemi!

 

CARMELO

Stai calmo, scimunito! Dissi così, picchì mi sono meravigliato di questo tuo trasimento poetico nella mia casa, e io ti ho dato l’accoglimento poetico! Nun pinsari ca io dissi mazzi, nel senso di mazzi! Ma dissi mazzi, nel senso di...

 

MARIA

(Stizzita) Ancora! A du cristianu chi ci fai cridiri ca io t’insignu sti paroli? Pezzu di vastasu!

 

CARMELO

Ci tengo a precisare, ca sta parola l’ho sentita nno corso du paisi. C’eranu dui fimmini, ca si stavano litigannu e si dicivanu: “Pezza di cerbottana, nun mi rumpiri i ...azzi” Io, che sono un tipo che i cosi, nun mi scordu cchiù, mi restò impressa cca, nno centru della spinosa cervicale!

 

PETRU

Basta u capivu! Ti pari ca vinni cca, pi sentiri a morte e passione?!

 

CARMELO

Maria, va pigghia a coroncina du rusariu, ca Petru s’hava a fari a morte e passione!

 

MARIA

A morte e passione, ora l’hava a fari? A mumentu semu a natale!

 

CARMELO

(Adirato) Tu, pigghialu u stissu u rusariu! E bonu, ca ci comincia di ora a pregare, servi ca pi la prossima pasqua, pigghia postu prima!

 

PETRU

(Stizzito) Ma quali pasqua e Natale! A vuliti finiri! Vinni cca, pi parrari cu tutti e dui!

 

CARMELO

Vinistivu pi parrari? Picchì, nun mi l’avissi dittu prima? Assittamuni, e parramu! (Tutti e tre, si siedono) Però, scusami Petru, havi ca nun ti facivi vidiri a me casa, ‘na vita! Comu mai, vinisti ora?

 

PETRU

Comu picchì vinni? Picchì, te diri ‘na cosa!

 

CARMELO

E facisti tanta strata, pi dirimi ‘na cosa? Ti cunviniva, ricogghiri navutra cosa, e così vinivi facennu, un viaggio e dui cosi!

 

PETRU

Finiscila! Nun haju tempu di perdiri! (Guarda al polso) A mumentu sunnu i dudici e mezza, e ancora me fari u giru du paisi! Si nun mi spicciu, fazzu notti!

 

CARMELO

Hai fattu abilii pi nun parrari! Ora, pigghiu a machina e tu fazzu fari io u giru du paisi, e ‘nta cinqu minuti, si puru a casa! (Petru è nervoso, ma si trattiene. Maria capisce, e richiama a Carmelo)

 

MARIA

(A Carmelo) Ora, ti vò zittiri cinqu minuti! Lassalu parrari a du cristianu! (A Petru) Prego signor lei, po’ parrari! Appena me maritu, lu disturba, ci dugniu un pugnu ca manu manca, ca ci fazzu ballari a macarena in punta di peri!

 

PETRU

Vegniu subitu o puntu! Vinni cca, pi ricurdarivi ca domenica, ci sunnu i vutazioni. Vinni pi dirivi, ca mi servi un voto di fiducia, un voto utile, pi una persona ca s’ha fattu sempri in quattro pi cu havi di bisognu!

 

CARMELO

Chista è ‘na pigghiatina pu culu! Dici ca sta persona, si fa in quattro pi cu havi di bisognu. Si i cristiani chi hannu di bisognu sunnu cinqu? Dimmillu tu comu fa!

 

PETRU

Dico io, tu cià mettiri  pi forza i puntini sulla i?

 

CARMELO

Pi forza! Tu, l’hai mai vistu un cristianu senza la testa?

 

PETRU

(Adirato) Nun l’haju mai vistu! Ma, picca ci voli, e l’haju davanti l’occhi! (Dalla tasca prende dei volantini) Chistu è u candidato chi aviti a vutari! Si vi servi cocchi cosa, viniti ne mia, e vi fazzu vidiri ca vuatri ordinati e iddu (Indicando il volantino) Esegue!

 

MARIA

(legge il volantino) Onorevole Giustino Passal’acquafridda domenica 15 Giugno. Mischinu,  comu muriu?!

 

PETRU

(Adirato) Ma quali mortu e mortu! Chistu è candidatu politico!

 

CARMELO

Nun t’incazzari Petru! Me mugghieri vitti sta santina, liggiu Passal’acquafridda, giustamente pinsò, “Chistu muriu ghiacciato!”

 

PETRU

Se se, vi uncistivu tutti dui, l’orbu e u cumpagnu! Ora mi nni vaju! Mi raccomando, fatimi aviri almeno ‘na trentina di voti!

 

CARMELO

E l’onorevole Passal’acquafridda chi mi dà, si ci fazzu aviri trenta voti?

 

PETRU

Nun ti scantari! Facci aviri i trenta voti, ca poi senza chi ti l’aspetti, ti fazzu vidiri ca veni l’onorevole e ti porta direttamente sul posto di lavoro!

 

MARIA

(Felice) Se pi chistu, allura m’impegnu puru ju a farici i voti pi l’onorevole!

 

PETRU

Allura, mi nni vaju! Mi raccomando i voti! Amici, nemici, parenti, fettenti, amanti, odianti! Aviti a coinvolgere tutti! Mi nni vaju! Salutamu! (Esce)

 

MARIA

U sentisti Carmelo! Avemu di impegnarinni si lu posto di travagghiu vò truvari!

 

CARMELO

Maria, nun mi diri ca ci cridisti veru? Chissi, sunnu tutti chiacchiere! Si i politici, facissiru tutti i furnari, murissimu tutti di fami!

MARIA

Sempri o solito si! Pensi sempri mali! Po’ essiri ca chista è la vota bona!

 

CARMELO

Cara muglieri mia! Sai quantu voti puru ju pinsavu, “Chista è la vota bona”, ma poi, ristava cu l’occhi chini e i manu vacanti! Tantu ni vali, calari a testa a tutti, e lassalli contenti!

 

MARIA

Po’ essiri ca è comu dici tu, ma io ci vogghiu cridiri! Pensa ca avemu un figghiu di crisciri! Si tu, stai senza travagghiu, chi futuru ci putemu dari? Nenti! Io, m’impegnu pi farici aviri i voti all’onorevole!

 

CARMELO

Comu vò fari, fai! Chi vò ca ti dicu! (Bussano) Arreri cca è! Po’ essiri ca si scurdà cocchi cosa! Avanti!

 

SALVO CARNEVALE

(Entra. Uomo ben vestito. Cordiale) Buongiorno signori! (Porgendo la mano, salutando ai coniugi) Sono Salvo Carnevale!

 

CARMELO

Piacere, Carmelo di Natale! Questa è mia moglie, Maria di Natale!

 

SALVO

Voi non mi conoscete, ma sono vostro compaesano. Quindi, se mi permettete, vorrei accomodarvi, per dirvi alcune cose!

 

CARMELO

Presto Maria, pigghia ‘na seggia, pi Carnevale! (Maria gli porge la sedia al signor Carnevale, sedendosi tutti) Allora, possiamo parlare! Ho tappato tutti l’avutri buchi, e ho graputo quelli delle aricchie! Prego!

 

SALVO

Come dicevo poco fa, sono un vostro compaesano nato, cresciuto qui, in questo paese ricco di tradizioni, sole, amore, di fiori, di natura...

CARMELO

(Stufo) ...di porci, di cristiani! Signor Carnevale, vinni pi farmi la cartina geografica di lu me paisi? Ormai, lu canusciu, pi sfortuna! Si po’ sapiri picchì vinni! E poi, lei dice ch’è mio paesano, ma io, a lei, nun l’haju mai vistu!

 

SALVO

(Stizzito) Se lei non mi avesse interrotto, ci sarei arrivato da solo!

 

MARIA

A vo finiri di rumpirici i cosi a du cristianu! Iddu sulu, ci sapi arrivari a rumpirisilli! Ma dico io, ta fari schifiari sempri di tutti chiddi chi vennu? Zittuti e ascolta! (A Salvo) Prego!

 

SALVO

Grazie! Allora, prima che io mi trovassi a dover esser interrotto, dal signor di Natale, stavo cercando di dire una traccia che ricorda le mie radici, ma...

 

CARMELO

(Confuso) Signor Carnevale, mi sta facennu veniri l’elettro cardiogramma in testa, eh! Mica c’è bisogno di fare tutta sta strata, pi ricordarisi i radici! Lei, mi dicessi chi foglia è l’albiru, e io ci dicu i radici!

 

SALVO

(Stufo) Mi ascolti, sono stanco e non ho voglia di scherzare! Allora, sono venuto qui, per parlarvi di politica!

 

CARMELO

Ah, di politica! Picchì, nun mi l’avissi dittu subitu, ca l’avissi fattu vulari da finestra! (Salvo si meraviglia. Nella stanza cala un momento di silenzio, dove tutti si guardano, poi, Carmelo spezza il ghiaccio) Ma stavo scherzando! (Scherzosamente) A Carnevale, ogni scherzo vale, eh!

 

MARIA

Ma quale carnevale,(A cantilena)  fra ‘na para di misi semu a Natale!

 

CARMELO

Nella famiglia di Natale, oggi c’è il signor Carnevale! Quindi, si po’ scherzare!

SALVO

Signori di Natale, vi chiedo gentilmente un aiuto! Sono candidato alle prossime elezioni politiche! La mia vittoria, dipende da ognuno di voi! L’importante che, mi votiate!

 

MARIA

Lei dice da noi, cioè,  io e mio marito?

 

SALVO

Certo! L’unione fa la forza!

 

MARIA

(Felice) U vidi Carmelo? Semu talmente importante, ca tutto dipende da noi! Basta ca tu, hai sempre dittu ca semu ‘na famiglia inutili! Invece, sirvemu a cocchi cosa!

 

SALVO

(Da il volantino a Maria) Questo sono io! Dietro, troverete le indicazioni per barrare il partito e scrivere Carnevale! Vi prego, l’importante è che mi votiate!

 

CARMELO

Stassi tranquillo! Cu sta santina chi nni detti, cinquanta voti ci fazzu pigghiari!

 

SALVO

(Felice) Davvero mi dice?

 

CARMELO

Haju ‘na facci di scherzu? No! Ci giuru, cinquanta voti, sunnu sicurissimi! Un momento, cinquanta solo di conoscenti, nun parranno da famigghia! Signor Carnevale, nun vogghiu esagerare ma i trecento voti, cu mia i pigghia! Sulu chi me voti, lei po’ jri a fari u presidente da repubblica! (Salvo è felice)

 

PEPPUCCIO F. S.

Mamma, po’ veniri cca! Fici un incidente nna play station e ora, i carabinieri mi vonnu ritirari a patenti!

 

MARIA

E talmente fissato, cu sta schifia di play stazione, ca si ci sta bruciannu a scheda du ciriveddu! (A Peppuccio, urlando) Peppuccio, dicillu e carabinieri ca nun pozzu veniri, ca haju chiffari! Cchiù tardu, i chiamu io!

 

PEPPUCCIO F. S.

(Quasi piangendo) Devo memorizzare a partita! Mamà, lassa tutti cosi e veni cca!

 

CARMELO

(Stufo) Buttana da miseria, nun mi putiva fari parrino! Almenu, havia tanti frati boni, no un figghiu cretino! (Urla al figlio) Dicillu e carabinieri, poi passa me patri e ciù paga u dannu!

 

MARIA

Peppuccio! Veni cca, ca c’è carnevale!

 

PEPPUCCIO

(Entra meravigliato) Cu c’è, carnevale? (Va a guardare Salvo) Tu, sei carnevale? (Salvo annuisce) Minchiuni bella maschera, fa schifo! (Da un calcio nel sedere a Salvo)

 

MARIA

(Lo insegue) Pezzu di vastasu! Si fannu sti cosi? Chiedici scusa o signor carnevale! Chista è l’educazione chi hai?

 

PEPPUCCIO

A vo finiri mamà! Nun lu sai ca a carnevale, ogni cavuciu nno culu vale!

 

CARMELO

(Gli tira l’orecchio a Peppuccio, che si dimena per liberarsi) Signor carnevale, gli chiedo scusa per il cavuciu che sta cosa nutuli ci detti! Chi voli, è picciotto!

SALVO

Lo lasci andare! In fondo ha ragione, con me, ogni scherzo vale! E poi, si vede ch’è piuttosto vivace!

 

PEPPUCCIO

(Liberato dal padre) Vivace io? Papà, u senti a chistu chi mi dici paroli! (A Salvo) Vivace du beccu di to patri c’è! Pezzu di carnevale scadutu!

 

SALVO

Ma che hai capito? Vivace vuol dire, che sei attivo, pieno di vita! Non è una parolaccia!

 

CARMELO

U lassassi perdiri! L’acculturamento me figghiu ci l’havi sulu a jucari, ca play stazione! Si iddu inveci, avissi un travagghiu, tuttu chistu nun ci fussi! Picchì fussi impegnato e...

 

SALVO

Perché non me lo avrebbe detto prima! Per suo figlio ho un posto di lavoro come assistente agli anziani! Però,  l’importante che mi votiate!

 

MARIA

Assistente agli anziani? Me figghiu, mancu è bonu pi iddu, e hava a stari attentu agli anziani! Si nun voli aviri cocchi anzianu supra la coscienza, ci cunveni ca nun ci lu duna stu travagghiu!

 

SALVO

Visto ch’è così, gliene posso far aver un altro! Tipo, impiegato di banca o, di posta! Non lo so, poi si vedrà! L’importante che mi votiate!

 

CARMELO

Gira e rigira, a musica sempri chidda è!

 

SALVO

Ora devo andare! Ci vedremo dopo le elezioni, per festeggiare!

 

MARIA

Il posto di lavoro, di me figghiu?

 

SALVO

Ma no! La mia vittoria alle elezioni! (Da la mano a tutti) Signori di Natale, è stato un piacere aver avuto la vostra disponibilità! Ci rivedremo! (Sta per uscire)ricordatevi, l’importante che...

 

CARMELO

(Stufo) Ca ci damu u votu! Però, nun s’hava a fari schifiari, eh! U capemu! (Salvo saluta con la mano ed esce)

 

PEPPUCCIO

Ora, fazzu l’impiegato di banca, accussì mi accattu a Barca! Minchiuni, colpo di fortuna!

 

MARIA

(Gli da uno schiaffo dietro il collo, che lo fa cadere a terra) Chistu fu un colpo di fortuna! Pezzo di vastasu! Cu è, ca t’insigna sti paroli, ah?

 

PEPPUCCIO

(Si rialza da terra, quasi piangendo) U papà, m’insigna!

 

CARMELO

(Gli da uno schiaffo dietro il collo, che ricade a terra) Chi schifiu dici! Ci fai capiri a to matri, ca sugnu io l’istruttore sporcaccione!

 

MARIA

Mischinu, chi sa nun è a verità!

 

CARMELO

Anche si mi scappa cocchi parola di la vucca, io mica saccio ca iddu havi aricchie aperti e i senti?

 

MARIA

A picchì, ora aricchie si ponnu grapiri e chiudiri comu un cancello? Se se, bonu ragioni cosi!

 

PEPPUCCIO

(Si era già rialzato, e si guarda i vestiti) Ora, comu u fazzu l’impiegato di banca? Buttana da miseria, mi sono allordato! /Sporcato/

 

MARIA

(Gli molla un altro schiaffo che ricade a terra) Ancora, continui a diri paroli! Vidi ca ti scippu l’artrosi cervicale se continui a diri parolacce!

 

CARMELO

Fai u bravu Peppuccio! Io mi nni vaju anticchia da dintra, mi vaju a riposu!

 

PEPPUCCIO

Aspetta papà! Mi aiuti pi ghiri a circari i voti, per Carnevale! U sentisti chi dissi? Dici ca, mi fa fari l’impiegato di banca, però c’è fari aviri i voti!

 

CARMELO

Tappati aricchie! (Peppuccio si tappa le orecchie) Minchiuni! (Fa segnale al figlio di potersi liberare le orecchie) si, peggio di to matri! Vidi ca io, nascivu prima di vuatri! Tutti chissi chi ti dicinu ti prometto palazzi e casteddi, nni canusciu quantu a rina o mari!

 

PEPPUCCIO

Si sempri u stissu! Pi tia, sunnu boni sulu i cristiani ca ti fannu piaceri! A chiddi, ca mi fannu piaceri a mia, nun sunnu boni! U sai chi fazzu? Ora, mi ci impegnu ju pi voti, e appena fazzu l’impiegato di banca e mi accattu a barca, nun ti la presto mancu pi ghiri ad accattari u pani!

 

CARMELO

Inveci, tu a stari attentu, si iddu affondi in menzu o trafficu! Si ti ricordi, nun sai nuotari!

 

MARIA

Tu, nun ti preoccupari, ca me figghiu sapi guidari a barca! E poi, facennu l’impiegato di banca, havi i picciuli puru pi accattarisi a patente N!

 

CARMELO

A patente N?

 

MARIA

Chidda pi insignarisi a nuotare! (Carmelo esce ridendo) Ridi ridi! Ora, ci vaju puru ju cu Peppuccio a ghiri a circari i voti! Nun havemu bisognu di tia!

 

PEPPUCCIO

Mamà, ma di unni ci cuminciamu ora?

 

MARIA

Ci cuminciamu di supra a chiesa, e facemu di ‘n capu a scinniri! Però aspetta, (Dalla tasca prende l’altro volantino) U vidi chistu, u signor Giustino Passal’acquafridda, ci promisi un postu di travagghiu a to patri, mi pari giustu ca ci facemu aviri cocchi votu, puru a iddu!

 

PEPPUCCIO

E comu facemu ora? Mica, putemu dirici e genti,  vutati uno e vutati l’avutru! Ci dobbiamo mettiri d’accordo mamà! O pigghiamu a Carnevale, o pigghiamu a Carnevale!

 

MARIA

Possibili ca a tia ti hannu a interessari sulu i to cosi, e ti nni freghi di chiddi di l’avutri! Facemu ‘na cosa, impegnamuni pi Passal’acquafridda, ca almenu ci da u travagghiu a to patri, accussì havi i picciuli pi accattariti a patente B, e ti pò puru accattari a barca!

 

PEPPUCCIO

Inveci, picchì nni impegnamu pi Carnevale! Così, io fazzu l’impiegato di banca, mi accattu a patente e barca, e si mi restanu picciuli, ci accattu ju, u travagghiu o papà! Chi nni pensi?

 

MARIA

Chi nni pensu? Ca ciriveddu nun hai proprio! Mancu pensi pa famigghia! Pensi sulu pi tia!

 

PEPPUCCIO

Facemu ‘na cosa, ni spartemu e ognunu si fa i so voti!

 

MARIA

Tu, a fari chiddu chi ti dicu ju! Tu, veni cu mia e mi aiuti a fari i voti pi Passal’acquafridda!

 

PEPPUCCIO

Noooo! Passal’acquafridda nun mi piaci, picchì havi u sangu mortu! Invece con  Carnevale, ogni scherzo vale!

 

MARIA

(Adirata, lo rincorre per dargli bastonate) Ora, tu fazzu vidiri ju, a cu è, ca ci devi dare u votu!

 

ZIO COSIMO

(Entrando) Fermi tutti! (Maria e Peppuccio si fermano) Nun fati abilii! Ora, vi lu dicu ju, cu aviti a vutari! (Rivolto verso la porta) Fatti avanti! (Entra Nino un uomo grasso, basso, porta la coppola e fuma un sigaro)

 

MARIA

Zio, ma cu è stu vaccaru?

 

ZIO COSIMO

Nun ti permettiri a dillu navutra vota! Chistu è un uomo, una garanzia per il futuro du nostro paisi! Chistu è il volto nuovo della politica paesana!

 

PEPPUCCIO

(Osservandolo per bene) Zio, ma unni u trovasti a chistu? Nne patatini scaduti?!

 

ZIO COSIMO

(Corre da Peppuccio e gli molla uno schiaffo dietro al collo, che cade a terra) Oh, comu ti permetti a parrari così! Chistu è un pezzo da novanta!

 

PEPPUCCIO

Ma quali novanta! Chissu, minimu munimu due cento chili è! (Zio Cosimo si lancia sul nipote per schiaffeggiarlo, ma Nino lo ferma)

 

NINO A MARE

Fermati! Pozzu capiri sti to parenti mi dicinu così, picchì nun mi canuscinu! (Gli porge la mano a Maria, poi a Peppuccio) Piacere, sono Nino a Mare!

 

ZIO COSIMO

Questi sono i miei nipoti. Maria di Natale, e so figghiu Peppuccio! Maria, to maritu dunni si trova?

 

MARIA

È da dintra! Sta ripusannu!

 

NINO

Signori, io vogghiu cambiari la mentalità della politica! Vogghiu ‘na politica cchiù politica! Il mio obbiettivo è dare lavoro a tutti! (Tutto d’un fiato) Grandi, nichi, neonati, pensionati, arristati, terremotati, masculi, fimmini, e sciddicati!

 

MARIA

(Sottovoce a Peppuccio) Ma cu sunnu i sciddicati?

 

PEPPUCCIO

I froci!

 

NINO

Nun fazzu distinzioni per nessuno! Dunni passo io, a me parola ha valore! Si dicu, ca u tizio hava a travagghiari, travagghia!

 

MARIA

(Imbarazzata) Pi mia, cocchi travagghiu nun c’è?

NINO

Certo signora! Giusto giusto, per ora, ho un posto per lei comu portiera! Ci piaci?

 

MARIA

Mica l’haju fattu mai a portiera!

 

NINO

Signora, nun ci voli nenti a fare a portiera! Lei, arriva e si sta tutta la santa giornata, a proteggiri a porta!

 

MARIA

Si, ma i guanti mi li dati vuatri? O, mi l’haju ad accattari io?

 

NINO

I guanti? Pi fari chi?

 

MARIA

Comu? Dici ca e fari a portiera! Comu le fari, senza guanti? E i gol, comu i paru, chi manu?

 

NINO

Chi c’entra! Ci pariva a portiera du Palermo? (Maria annuisce) Ma quannu mai! A portiera di un palazzu! Lei si sta dda, e vidi tutti chiddi chi trasinu e nescinu! Arrivata o misi, havi u so beddu stipendiu!

 

ZIO COSIMO

U viditi chi c’è cca! Puru io, avevo dubbi supra li politici, ma canuscennu a Nino, capivu ca in politica, nun sunnu tutti i stissi! Vi pari ca vi purtava unu ca mancu sapi dunni l’havi a manu dritta? Nino, sapi puru a marca du latti chi ci dava so matri quannu era nicu!

 

PEPPUCCIO

Se, nun ci cridu!

 

NINO

Nun ci cridi? A marca du latte chi me matri mi dava, si chiamava: (Toccandosi il seno) Minnalat!

 

PEPPUCCIO

Mamà, tu ricordi chi latte mi pigghiava io?

 

MARIA

(Toccandosi il seno) Minnarolo!

 

ZIO COSIMO

Ora basta cu sti discorsi di latte! Passamu a cosi cchiù serie! (Prende dalla tasca il volantino) Cca u viditi? C’è l’esempio di comu aviti a vutari! Basta fari una x supra u partito, e poi a lato ci scriviti: a Mare!

 

MARIA

Cosa avemu di scriviri? A Mare? Ma chi bo diri, zio!

 

ZIO COSIMO

Già tu scordasti! Stu cristianu si chiama Nino a Mare! A iddu, l’aviti a dari u votu e, aviti a vidiri pi girarivi in famigghia, pi tuttu u paisi pi ricogghiri più di un votu! Vuatri ci aviti a diri: (Urlante) “Votate e facete votare, Nino a Mare!”

 

PEPPUCCIO

(Ridendo) Oh, m’immaginu appena dicemu: “ Aviti a vutari Nino a Mare” Chiddi scummissa ca dicinu: “Comu! Ci avemu a dari u votu a Nino, e iddu si trova  a mare?” (Ride)

 

ZIO COSIMO

Sta battuta mi è piaciuta! Complimenti Peppuccio! Amunì Nino, ca nuatri avemu chiffari! Mi raccomando Maria! Si nun vò perdiri stu postu comu portiera, a circari i voti pi Nino a Mare! Dicillu puru a to maritu!

 

MARIA

Stai tranquillo zio! M’impegnerò!

 

NINO

(Saluta con la mano) Piacere di averla conosciuta signora! Piacere picciriddu!

 

PEPPUCCIO

Picciriddu, to patri c’è!(Maria gli da uno schiaffo dietro il collo, che cade a terra. Zio Cosimo e Nino escono)

 

MARIA

Dicu ju, ma fari fari sempri brutta figura chi cristiani! Inveci di dimostrari di essiri un bravo ragazzo, fai u cannavazzo! / Monello/  Amunì, susiti e fammi compagnia pi ghiri a circari i voti!

 

PEPPUCCIO

Pi Carnevale, vero?

 

MARIA

Se pi Carnevale? Si devono fari i voti pi...(Pensa) Aspetta, cca si vinni a creari ‘na cunfisioni pazzesca! Pi cu l’avemu a fari ora sti voti? Passal’acquafridda promisi travagghiu a to patri. Carnevale promisi travagghiua a tia. A Mare, promisi travagghiu a mia. E ora, comu facemu?

 

PEPPUCCIO

(Si gratta la testa) Mancu avemu cuminciatu, e già mi sentu tuttu cunfusu!

 

MARIA

Facemu ‘na cosa! Ora, veni cu mia, e mi aiuti a fari voti pi Nino a Mare! Almeno, puru ju pozzu aviri un travagghiu!

 

PEPPUCCIO

Chi m’interessa! Io, pensu pi mia! Io, ci fazzu i voti a Carnevale!

 

MARIA

Pi to patri cu ci pensa? Vistu ca si figghiu di famigghia, tu ci fai i voti pi, Passal’acquafridda!

 

PEPPUCCIO

Pi mia, a chistu l’acqua ci la ponnu chiudiri, nun m’interessa nenti! Io, penso per me!

 

MARIA

Pensi per te? Ora, tu fazzu vidiri io, pi cu a pinsari tu! (Peppuccio esce di scena correndo, Maria lo rincorre. Le luci si vanno spegnendo)

 

 

 

Fine primo atto

 

 

 

 

 

 

Secondo atto

 

 

(Una voce fuori campo, annunzierà ch’è passato, un mese)

(Medesima scena di prima. Maria entra con uno spolverino e spolvera tutta la stanza. Canta. La melodia è quella di “Vitti ‘na crozza!)

 

MARIA

Vitti ‘na vota a me soru, ca tiniva stritto in manu, u conu du zio Isidoru. Iddu, ci diceva, nun lu guardari, è cchiù bellu si, cuminci a liccari! La la la la la la la... (Bussano e parla cantando) Ora, videmu cu sta tuppuliannu. Videmu cu è, ca mi disturba, mentri staju travagghiannu! (Bussano) Avanti!

 

ZIA ALFONSINA

(Donna matura, ben vestita) Cara nipote Maria! (Si abbracciano)

 

MARIA

Ciao zia Alfonsina! Ma chi vai facennu a chist’ura di matina!

 

ZIA ALFONSINA

Staju vinennu du cimiteru!

 

MARIA

(Preoccupata) Picchì zia! Chi successi!

 

ZIA ALFONSINA

Niente di grave! Ho faciuto compagnia alla signora bevil’acqua, è andata a trovari a so marito. Maria credimi, quannu trasivu nno cimiteru, c’era una pace, una tranquillità, c’era un silenzio da tomba!

 

MARIA

Mi pari logico zia! O cimiteru, chi vulivi truvari, a discoteca?

 

ZIA ALFONSINA

Appena arrivamu davanti la lapide del marito da signora bevil’acqua, mischina, si misi a chianciri così tanto, pariva ca scinnivanu di l’occhi, i cascati du Niagara!

MARIA

Cu tutta l’acqua chi si vivi a signora, è normale ca di l’occhi ci scinninu cascati! Immaginu, quannu ci veni di pisciari...

 

ZIA ALFONSINA

A signora bevil’acqua chianciva e mi talìava nna faccia, mi pariva mali picchì io nun chianciva, e così mi jvu a fari ‘na caminata. Caminannu pi li strati du cimiteru, un vitti ca c’era un fiori ‘n terra e ho truppiccato, e jvu a sbattiri a testa o muru!

 

MARIA

Chi cosa? Ti sei arrizzolata /Caduta/  per mezzo di un fiore? Scusa zia, ma chi fiore era, di petra?

 

ZIA ALFONSINA

Chi nni sacciu! Sacciu sulu ca du forti duluri, mi misi a chianciri comu ‘na picciridda! A signora bevil’acqua, appena mi vitti chianciri mi dissi: “ Che hai Alfonsina?” Ci stava dicennu a verità, poi pinsai a idda ca chianciva e ci dissi: “(Piangente) Camminando per queste vie, ho inciampato in un vecchio ricordo del passato, e mi ha ricordato, quantu era importante tuo marito” E docu, mi misi a chianciri, comu ‘na vedova desiderosa di ca...

 

MARIA

Zia! Nun ti permettu di diri sti porcati a me casa! (Sottovoce) Da dintra, c’è Peppuccio!

 

ZIA ALFONSINA

Chi capisti! Comu ‘na vedova in cerca di calma! Maria, credimi, tutti e dui, di lu forti chiantu e lacrimi, u custode di lu cimiteru, vidennu ca i fazzolettini ni avianu finutu ed eravamo tutte e due bagnate, ni dava aiutu ad asciugarinni li lacrimi...cu mocio!   Chiddu chi servi, pi asciugare u pavimentu!

 

MARIA

Si, lu canusciu! Lo uso, pi fari i pulizii!

 

ZIA ALFONSINA

Ora canciamu discursu! Ma, tò maritu dov’è?

 

MARIA

Nisciutu è zia, havia a purtari a frutta o mircatu! Ci devi dire cocchi cosa?

 

ZIA ALFONSINA

U vuliva ringraziari, pi la frutta chi mi fici aviri l’avutru jornu cu to zio Cosimo! Era bedda frisca! C’era da verdura, ca era duci duci! Pariva zuccaru! E poi, di albicocchi, fragole, pesche ‘na cosa di lusso!

 

MARIA

È proprio vero, a frutta di lu nostru terreno, è a megghiu chi c’è o paisi! Zia, me maritu nun travagghiannu, almenu si dedica a campagna!

 

ZIA ALFONSINA

Io, sugnu innamorata di tutta la frutta chi coltiva to marito, ma di una cosa sula ni nesciu pazza! Pagassi, tuttu l’oro du munnu pi nun mi nni fari mai mancari!

 

MARIA

Chi frutto è?

 

ZIA ALFONSINA

U citrolo! Maria, no picchì to marito è me niputi, ma u citrolu chi havi iddu, u megghiu chi si senti o paisi, nun lu po’ aviri!

 

MARIA

Zia, ti pari picchì mi lu maritavu? Quannu eravamo ziti cu me marito, stavamo a distanza, mancu ni putivamo taliari ‘nta l’occhi! ‘Na sira chi me patri e me matri durmivano supra u tavulu, si avvicinò a mia, mi pigghiò a manu, ca io tiniva sutta u tavulu, e mi misi in manu, u citrolu! Appena, mu misi in bocca, era duci duci! Capivu ca iddu era l’uomo giustu pi mia! Grazie a Dio, fino ad oggi, nun mi ha mai fattu mancari nenti, ne pani e ne citrolu!

 

ZIA ALFONSINA

Io vulissi sapiri, comu fa ad avillu così beddu? To zio inveci, fa schifo! O nun si fida a coltivarlo, o è propria iddu chi fa schifo!

 

MARIA

Zia, devi capire ca u zio Cosimo, havi i so cinquant’anni passati! Me marito, ancora è nno fiore da gioventù! Quindi, ancora l’havi a forza di coltivare u citrolu!

 

ZIA ALFONSINA

(Nervosa) Hai perfettamente ragione! To zio, pi sta schifia di politica, trascura a tutti! A mia, mi fa mancare tutto! Pane, pasta, frutta, verdura! Dicu ju, ma cu ci lu fa fari, perdiri tempu cu sta politica!

 

CARMELO

(Entrando) Eh no! Dintra a me casa di politica, nun si nni deve parrare!

 

ZIA ALFONSINA

Ciao Carmelo, io sugnu!

 

CARMELO

Ciao zia! Mi devi scusare, ma pi mentri campo io, di politica dintra sta casa, mancu si deve sfiorare l’odore!

 

ZIA ALFONSINA

Mi devi scusare Carmelo! Ma picchì, sei arrabbiato ca politica!

 

MARIA

(Carmelo è nervoso) Zia, canciamu discursu, per favore! Anzi, dicci a me marito picchì vinisti?

 

ZIA ALFONSINA

Ah si! Carmelo, vinni pi fariti i complimenti di lu to citrolu! È una meraviglia!

 

CARMELO

Grazie zia! È un dono di natura! (Pensa un po’) Aspetta, picchì, tu hai mai assaggiato u me citrolu?

 

ZIA ALFONSINA

Ca certo! Già tu scordasti? Chi è a prima vota chi l’assaggio!

 

CARMELO

(Confuso) Porca miseria! Nun mi lu ricordu! E...dimmi, ti è piaciuto?

 

ZIA ALFONSINA

Certo ca mi piaci! Se no, ti pari ca tu vinissi a diri? Anzi, ora ca ni parramu, mi sta vinennu la liquorina in bocca!

 

CARMELO

Zia, ma chi dici! Mica ti lu pozzu dari cca! Cchiù tardu, vegniu a to casa e tu portu! U vidi? Ti fazzu puru u servizio a domicilio!

 

ZIA ALFONSINA

(Accarezzandolo) Grazie Niputeddu miu! Nun ti scantari, ca poi ti fazzu un beddu regalu! Maria, a chi veni to maritu, veni puru tu, e manciati a me casa!

 

MARIA

Va bene zia!

 

CARMELO

Ma quale va bene! Zia, ca comu finiu!? Dici ca ti servi sulu a tia u citrolu! Chi c’entra ca hava a veniri puru me mugghieri a manciari! Idda, lu sapi ca quannu voli, si lu po’ manciari a tutti i minuti!

 

MARIA

(Sia avvicina a Carmelo, con aria minacciosa) Mi pare a mia, ca nun nni stamu capennu cchiù! A zia voli u citrolu! No chiddu chi pensi tu, ma chiddu chi pensu ju! Cioè, chiddu chi si coltiva in campagna! Capisti? (Carmelo è imbarazzato)

 

ZIA ALFONSINA

Maria, ma picchì ci dicisti così a to maritu? Picchì, iddu cosa havia pinsatu?

 

MARIA

Nenti zia! Iddu pinsava, alla cocuzza friscarella! Stu pezzu di citruluni!

 

ZIA ALFONSINA

Ah si, u capivu! Allura, mi nni vaju! Carmelo, mu porti tu cchiù tardu u citrolu?

 

CARMELO

(Imbarazzato nel rispondere) Va bene zia. Cchiù tardu u vaju a pigghiu in campagna e tu portu!

 

ZIA ALFONSINA

Ora, passo du mercatinu ca fazzu a spisa. Stasera a me casa, veni a manciari u politico, Nino a Mare. Deve festeggiare insieme a tò zio, a vittoria alle elezioni. Picchì nun viniti puru vuatri?

 

CARMELO

(Maria abbassa lo sguardo e va in disparte nella stanza) Zia, per cortesia, ti dissi ca dintra a me casa, non si deve parrare di politica! U capisti?

 

ZIA ALFONSINA

Chistu u capivu! Ma picchì nun si deve parrare di politica?

 

CARMELO

(Con rabbia contenuta) Talia a to niputi  Maria! U vidi chi fa? Chianci! E ora, si nun vò ca sbagghiu a parrari, nun parrari cchiù di politica!

 

ZIA ALFONSINA

U capivu, u capivu! (Premurosa) Va beh, mi nni vaju! Salutatimi o picciriddu! Ciao Maria. Ciao Carmelo! (Esce di corsa)

 

MARIA

(Asciugandosi le lacrime) Nun c’era bisognu di pigghiaritilla ca zia! Mischina da cristiana, chi curpa havi!

 

CARMELO

Io, mica mi la pigghiavu cu idda! Ci dissi sulu, ca di politica dintra a me casa, nun si nni deve parrare. Punto e basta! Mi pari, ca nun ci dissi paroli!

 

MARIA

Hai ragioni, ma chi ci putemu fari? Chista è a vita!

 

CARMELO

Chista è a vita? Maria, chi ti scappa di la bocca! A vita nun è chista! La vita ci la complicamu, o miglioramu picchì semu nuatri a gestirla!

 

MARIA

Sbagliannu s’impara! Io nun pinsava ca...

 

CARMELO

...ti pigghiavanu pi fissa?

 

MARIA

(Chinando la testa) Si, proprio così!

 

CARMELO

Ricordi, ti diciva di nun cridiri a li fissarii chi ti dicivanu?! Passò un misi da li elezioni, hai vistu a nuddu? Ti pariva, ca ti vuliva mettiri u bastoni in menzu li jammi, picchì nun ti vogghiu grapiri alli porti du munnu? (Pausa) In un certu senso è così! Ma no, pi comu tu putissi pinsari, ca sugnu possessivo! Ma nun pozzu permettiri ca un qualsiasi tizio, ti putissi pigghiari pi fissa! (Nervoso, ma contenuto) E vidiriti così a soffriri, mentri tutti chiddi si trovanu nne ristoranti, ville a manciari e divirtirisi, e tu cca a chianciri!

 

MARIA

(Si avvicina a Carmelo, lo guarda e l’abbraccia piangendo) Perdonami Carmelo! Perdonami ca nun vuliva sentiri i to consigli! Nun pinsari, ca ti vutavu li spaddi, pinsava c’avissi statu un beni pi la nostra famigghia, si chiddu chi dicevano, avissi statu veru!

 

CARMELO

(Voce pacata) Quantu siri all’ura di cena, mi trovava sulu a taliari a televisioni, aspittannu ca tu e to figghiu, turnassivu dintra, dopo aviri fattu u giru du paisi, cu li santini, pi circari voti! E poi, alla fine nun sirvì sulu a nenti! A regalarivi sofferenza e lacrimi!

 

MARIA

Nun lu fazzu pi mali a chianciri! Ma nun mi pozzu capacitari, comu mai mi fici cunvinciri così tanto, da trascurare a famigghia, e picchì? Pi ricugghirinni sulu duluri, duluri e lacrimi tutti li voti chi ci pensu!

 

CARMELO

A distanza di un misi, li strati du paisi sunnu chini di tutti sti locandini, o megghiu diri, santini! Quantu picciuli spinnuti, inutilmente! Tantu ni vali, ad ogni politico ci avissiru fattu a processioni, ci avissi custatu cchiù picca!

 

MARIA

A processioni?

 

CARMELO

Si, a processioni! Cu tutti i lumini, fiori, banda musicale...

 

MARIA

(Sorridente) Tu, si proprio ‘na barzelletta vivente!

 

CARMELO

Pi vidiriti felice, mi facissi ballari supra a panza un canguro!

 

MARIA

Se, accussì appena ti salta di supra, ti fa schizzare u ciriveddu!

 

CARMELO

(Vantandosi) Ma chi dici! Vidi ca io ho, gli addominali!

 

MARIA

Tu hai i lardominali! (Scherzosamente Carmelo la rincorre. Entra Peppuccio)

 

PEPPUCCIO

Mamma papà! Vi devo dire ‘na cosa!

 

CARMELO

Sintemu! Sintemu chi dannu facisti!

 

PEPPUCCIO

Ancora dannu nun ni haju fattu! (Piangendo) Mih, sempri mali pensa!

 

MARIA

(Va ad abbracciare il figlio) Nun chianciri gioia mia! (A Carmelo) Pensa pi tia, nun pinsari pu picciriddu! (A Peppuccio) Nun chianciri cchiù! Purtroppo to patri pensa sempri mali, picchì havi u ciriveddu antropomorfico! Amunì, chi cosa ni devi dire!

 

PEPPUCCIO

(Felice) Mi sono fatto...

 

CARMELO

...A nonna!

 

MARIA

Se, a so soru si fici! Ma zittuti! Sempri a cavalcare pensi! Ti pari ca la vita è fatta sulu di galoppamento!

 

CARMELO

Ti pari ca ci dispiacessi a to matri, a farsi ‘na cavalcata! Specie cu Peppuccio, ca è un cavallino cu un pezzu di...(Allude all’oggetto)

 

MARIA

(Adirata) Ancora! Si nun la finisci, ti dugniu ‘na manacciata ca ti fazzu bruciari a guarnizioni da testata! (Dolce a Peppuccio) Continua gioia mia!

 

PEPPUCCIO

(Felice) Mi sono fatto...(Maria tappa la bocca a Carmelo) fidanzato!

 

MARIA

Vero? Ma chista è ‘na bellissima notizia! U sentisti Carmelo! Si, cuntentu?

 

CARMELO

Ma quali cuntentu! Chistu significa, ca consumò ‘na figghia di madre!

 

MARIA

(Adirata) Ma zittuti ! Allura, tu a mia, mi vinisti a cunsumari?

 

CARMELO

A tia no, ma a to matri si!

 

MARIA

Chi vò diri, a to matri si! Mi ricordo quannu ni sposamu, me matri li lacrimi, si li biviva!

 

CARMELO

Sai picchì chianciva? Quannu tu eri signorina, da matina fino a sira, facivi sempri pulizii! Ora, a casa di to matri, pari un campo di guerra! E prima di trasiri, avemu a chiamari u camion, spurgo pozzi neri!

 

MARIA

Ma chi vò diri? Me matri havi puru a so età, e pulizii nun li po’ fari sempri! Anzi, è già assai ca si fa u bidè, ‘na vota o misi!

 

PEPPUCCIO

‘Na vota o misi? Ora si, ca sacciu dov’è a casa dell’uomo ragno! (Ride insieme a Carmelo)

 

MARIA

(Innervosita) Pinsati pi vuatri, ca in menzu li cosci aviti l’uccellino, e nun si mancia i pidocchi chi ci girano ‘ntunnu! (Esce)

 

CARMELO

Ma chi voli diri? Ci girano ‘ntunnu? Semmai, si aggrappano alle noci di cocco e si sucanu u latti! Ma comunque, ora mi vaju a fari ‘na durmutedda ca mi sentu un minchione chi cammina!

 

PEPPUCCIO

Aspetta papà! Ti devo dire ‘na cosa!

 

CARMELO

Navutra! Nun mi la dicisti poco fa ‘na cosa?

 

PEPPUCCIO

Chista cosa chi te diri, è sempri a stissa cosa, ma è navutra cosa. Però, è a continuazione di ‘na cosa, chi ti dissi poco fa!

 

CARMELO

(Confuso) Buttana da miseria, nun staju capennu chi cazzarola di cosa mi vò diri! Parra potabile, almeno mi bivu chiddu chi mi dici, e digerendo digerendo ti pisciu un fiume di parole! Allora, dimmi!

 

PEPPUCCIO

Comu già ti dissi, sugnu fidanzato! Siccome io, nun haju mai statu zitu, vulissi sapiri di tia, chi si fa quannu unu è zitu!

 

CARMELO

(Osserva il figlio, sorridendo) Quannu ero zito io, sai chi ci faciva io a zita? Mi la purtava nna machina, e a smuntava tutta!

 

PEPPUCCIO

Vero? Ti aiutava a zita a smuntari a machina?

 

CARMELO

Ma quali machina! Smuntava a idda! Mi ricordo, u nonnu, all’epoca era me patri, ora divintò tuo nonno...

 

PEPPUCCIO

...Comu? Prima era to patri, ora divintò me nonno? Fici ‘na scuola di nonnismo?

 

CARMELO

Esatto! Me patri, pi divintari tuo nonno, fici a scuola di nonnismo! Allura, comu ti stava dicennu, to nonnu, havia ‘na cinquecento decappottabile. Ogni vota prima chi mi pigghiava sta machina pi falla addumari, mi tuccava fari u rusariu, pi farimi u miraculu. Appena messa in moto, pariva ‘na lavabiancheria cu motozappa incorporato! Quannu nisciva ca zita e caminavamu ca machina, sulu cu l’annacamento, mi faciva calari u sonnu!

 

PEPPUCCIO

‘un facemu ca era ‘na culla?(ride)

 

CARMELO

Se, u passeggino! Comunque, pi evitari ca mi putiva addormentari, io allungava a mano supra la so coscia da zita, idda mi diceva “Smettila!” io ci rispunniva, “ Amore, mi piacciono i tuoi jeans, che tessuto sono?” lei “ sono di stoffa!” stai attento ca li fimmini, dicinu tutte così! Io, furbo, ci diciva “ Che dici amore! Non sono di stoffa, ma ...tela in filo!” Chista è la parola chiave, pi accuminciari a infilare il discorso!

 

PEPPUCCIO

Parola chiave? A cosa serve a parola chiave?

 

CARMELO

Comu a chi servi! Senza da parola chiave, i porti du paradiso nun si aprinu!

 

PEPPUCCIO

Pi grapiri i porti du paradisu, a chiavi dunni s’infila?

 

CARMELO

Dunni s’infila? Nno bucu! Nno bucu da serratura! Come prima volta Peppuccio, ti consiglio di trasiri a chiave piano piano, picchì a serratura è stritta e a chiavi, havi di fari u rotaggio!

 

PEPPUCCIO

Ma piano piano comu? Così? (Con le mani, effettua un movimento rotatorio, come se stesse girando la chiave in serratura)

 

CARMELO

Eh no! Questa serratura è diversa da chidda di porti! Con a chiavi chi hai tu, pi grapiri a serratura ci devi dari piccoli, ma efficcaci colpi in avanti! (Simula quanto detto) e docu vidi, man mano che inizi, nun la finisci cchiù di grapiri e chiudiri a serratura!

 

PEPPUCCIO

Si, ma ancora nun haju caputu dunni ci l’haju ju a chiavi, e dunni è a serratura!

 

CARMELO

A serratura ci l’havi nascosta a to zita! Per convincerla a dartela...(Pausa) la fiducia, ci devi fare capire, ca tu si un picciotto di chiesa, tu hai la chiave del paradiso e idda havi a serratura, quindi, ci fai allargari u cori, tu infili a chiavi e...voli nel blu dipinto di blu!

 

PEPPUCCIO

E vai! A voglia di grapiri e chiudiri! Si, ma comu ci lu pozzu fari capiri a me zita, ca...

 

CARMELO

...ti havi a grapiri i cosc...vuliva diri, i porti du paradiso? (Peppuccio annuisce) Semplice! Tu, la guardi ‘nta l’occhi e ci dici: “ Amore, stanotte ho sognato d’essere in paradiso, ho rubato una stella per portartela, ma strada facendo, mi  è caduta! Ora, ti prego, stinnicchiati in questo letto, e aprimi le porte du paradiso!” e docu, ti ci accavalli di sopra e cominci a pruvari a chiavi!

 

PEPPUCCIO

Fino a cca, ci semu! Ora, a cosa cchiù importante è, ca a me zita voli presentarimi a so patri.

 

CARMELO

E allura, qual’è u problema?

 

PEPPUCCIO

Si mi dici, chi travagghiu fai? Chi ci dicu, ca finivu a scola e sugnu a spasso?!

 

CARMELO

Tu ci dici, ca per ora stai facennu un corso di, lagnusia sperimentale!

 

PEPPUCCIO

Si accumincio così, bonu ci vaju! (Triste) Ancora pensu a chiddu, a Salvo Carnevale, si mi avissi datu u travagghiu pi comu mi promisi, per ora nun mi trovassi nna sti problemi! M’impegnavu comu un cani, a farici aviri voti a quantità, pigghiò potere in politica, e si nni futtiu di mia!

 

CARMELO

Quannu sentu parrari di sti discursi, facissi succediri un fini munnu! Puru cu to matri, haviamu sti discursi! Vi lu diciva, ca nun c’è di fidarisi di nuddu! Specie di chiddi, chi ti vennu e peri pi chiediriti un voto! Appena pigghianu putiri, ti voltano i spaddi! A curpa u sai di chi è?

 

PEPPUCCIO

A nostra è a curpa, papà!

 

CARMELO

Bravo! A cosa giusta da fari, chi nuatri tutti avissimu a fari, sai qual è? Chidda di nun vutari cchiù! Chista fussi ‘na bedda punizione, pi tutti i politici truffaldini! Così, senza lu nostru votu, iddi nun sunnu nuddu! Sulu così, putissiru capiri, ca è grazie o popolo ca iddi sunnu qualcunu!

 

PEPPUCCIO

Ma poi, comu sunnu bravi a recitari! Ti fannu cridiri palazzi e castelli, e poi...patate! Nun mi resta di circarimi un travagghiu o paisi, prima si lu trovu, e poi, vaju ca me zita, ne so patri. (Bussano) Avanti!

 

TURIDDU

(Uomo maturo. È nervoso) Salutamu!

 

CARMELO

Chi è Turiddu? Chi successi?

 

TURIDDU

(L’ira, gli esce dagli occhi) Nenti! Nun mi diciti nenti, ca è megghiu! (Si siede sbuffando, è irrequieto. Carmelo e Peppuccio lo guardano esterrefatti. Turiddu li osserva e aggiunge con quiete) Buongiorno! (Carmelo e Peppuccio non parlano. Turiddu si irrita) Vi dissi buongiorno! Chi è, vi cadiu a lingua?

 

CARMELU

Sparti dici così? Arrivi tuttu incazzulutu, e nni dici: “Nenti, nun mi diciti nenti ca è megghiu” nuatri, ca semu gente di parola, ti ficimu passari la parola stannu zitti, e sparti ni dici ca ni cadiu a lingua!

 

TURIDDU

(Come se si volesse scusare) Haviti ragioni! Mi aviti a scusari, ma sugnu incazzatu nivuru nivuru! Ogni pilu, mi pari ‘na montagna!

 

PEPPUCCIO

Signor Turiddu, visto ch’è incazzato, picchì nun si metti u culu a bagno maria!

 

TURIDDU

Chi cosa?! Ci devo bagnare u culu a Maria? Ma chi ti nesci di sta vucca!

 

CARMELO

Se, a  so soru! Me figghiu vosi sentiri a diri, ca ti metti il culiddo in acqua, e ti carma l’incazzamento! Ma poi, non per farmi i fatti tuoi, ma...chi ti successi?

 

TURIDDU

Chi mi successi? Ci mancava poco oggi, e avissi divintato famoso!

 

CARMELO

Ti vulivanu pigghiari, pi fari un film d’azione?

 

TURIDDU

A momenti mi pigghiavano in manette, e mi portavano all’ucciardone! Si nun mi lu livavanu da li manu, oggi mi consumavo!

 

CARMELO

A cu ti livaru da li manu?

 

TURIDDU

A Pino u pandino!

 

CARMELO

Pi favori, ora a essiri tu, a nun dirimi cchiù nenti! Picchì, già sugnu un vulcanu ca nun vidi l’ura di rovescisarisi! Anzi! Ora vegniu! (Esce)

 

PEPPUCCIO

(Meravigliato) Ma chi ci pigghiò! Pariva bonu, fino ad un momento fa!

 

TURIDDU

Mi pariva di essere sulu jo chiddu pazzo! Vidennu a to patri, mi consolo!

 

PEPPUCCIO

Nun capisciu sta reazioni, appena ha sentito, Pino u pandino! Mi scusi, signor Turiddu...

 

TURIDDU

Ma quale signore! U signuri, sta in cielo! Po’ darmi del tu! (Come fosse un duro) Il mio nome è... ddu, Turi-ddu!

 

PEPPUCCIO

Allura Turiddu, ma cu è stu Pino u pandino?

 

TURIDDU

È un amministratore comunale, che lavora nel gabinetto del sindaco!!

PEPPUCCIO

Chi cosa! Ma comu ci sta da dintra, cu tutta da puzza! Ora capisciu a reazione di me patri! Dimmi ‘na cosa, chi ti fici Pino u pandino, ca ti fici arrabbiari?

 

TURIDDU

A Pino u pandino, u canusciu da quannu era picciriddo! Pariva un anciluzzu, pariva un santo! Ma...io mica sapiva ca havia i corna!

 

PEPPUCCIO

Vero? E...cu ci fici, sua mogliera?

 

TURIDDU

No, caro Peppuccio! Pino u Pandino, nun è sposato!  Devi sapere, la natura a certi genti, ci fa il dono delle corna, pi essiri cchiù beddi!

 

PEPPUCCIO

Ma chi c’entra! Io, nun haju mai vistu genti chi corna in testa!

 

TURIDDU

Fammi finiri di parrari! È vero ca li corna in testa ca la natura dona a certi individui nun si vidinu, ma, u veru dono ci l’hannu, cu è ca rinesci a vidiricilli in testa! Ti faccio un esempio: Ti è mai capitato di vidiri a unu pi strada ca ti fa antipatia e ci dici, o pensi: “Talè a chistu, quantu è curnutu!”

 

PEPPUCCIO

Minchiuni, ‘na marea nni canusciu o paisi!

 

TURIDDU

U vidi? Si furtunatu! La natura ti detti u dono del cornutiamento! Cioè, rinesci a canusciri un curnutu, su mille! Ti pari ca si sulu tu? Puru jo, haju stu dono! Grazie a stu dono, vitti ca Pino u pandino è un curnutazzu!

 

PEPPUCCIO

In poche parole, chi ti fici?

 

TURIDDU

Un misi fa, si ti ricordi, c’erano i vutazioni. Allura, un pomeriggio, veni ne mia e mi misi a diri, ca si stava candidando in politica, e se mi fossi impegnato a farici aviri ‘na decina di voti, mi avissi fatto aviri, a pensioni di invalidità civile, dovuto a questa mia malattia!! Inveci, nenti!

 

PEPPUCCIO

(Osservando attentamente) Invalidità civile? Ma chi hai? Io, ti vju bonu!

 

TURIDDU

Mi vidi bonu? Allura è segno, ca nun ci vidi proprio! Sugnu allergico o travagghiu!

 

PEPPUCCIO

(Meravigliato) Vero? Ma chi mi dici!

 

TURIDDU

Tutte li voti,  chi mi capita di iri a travagghiari, mi sentu mali! Mi fa mali u stomaco di un modo tale ca, quannu scoppio,  l’Etna in confronto a mia, è educata!

 

PEPPUCCIO

Ti fa mali u stomacu, picchì ti vennu i dimostrazioni comu i fimmini?

 

TURIDDU

No! Mi vennu malintenzioni comu i masculi! Ti giuru, si nun ti dicu a verità, avissi a cripari mia suocera! Si arrivassi a truvari a chi invintò u travagghiu, ci devo sparare ‘na fucilata ‘nto ciriveddu, quantu...(Pausa) Scusami sbagliavu, nun ci sparu nnò ciriveddu, ma in testa!

 

PEPPUCCIO

Ma chi vò diri! Picchì u ciriveddu, nun si trova in testa?

 

TURIDDU

Nelle persone normali, no ne iddu! Pensa, si chistu chi invintò u travagghiu, si avissi avutu ciriveddu, l’avissi invintato, no! Quindi, è comu ti dico io!

 

MARIA

(Entrando) Carmelo! Carmelo! (Vede a Turiddu) Buongiorno! (Petru ricambia il saluto) Peppuccio, dov’è to patri?

 

PEPPUCCIO

Bho! All’improvviso è impazzuto, e nisciu!

 

MARIA

È impazzuto? (Peppuccio annuisce) Comu po’ essiri! Unu mica impazzisci, da un momento all’avutru!

 

PEPPUCCIO

Po’ essiri, ca ciriveddu ci è andato in tilt?

 

TURIDDU

Zittuti Peppuccio! Carmelo sta bene signora! Impazziu, appena mi sentì diri Pino u pandino! Non so si lei u canusci, ma chistu lavora nel gabinetto del sindaco!

 

MARIA

Ah! Sentiva in aria ca c’era puzza, ma... Capivu puru u gestu di me maritu! È allergico ai politici! Appena senti u nome di un politico, sfasa!

 

PEPPUCCIO

(Triste) mamà, comu fazzu ora? Io, mi havia fatti i me calcoli, pinsannu ca travagghiannu a posta o a banca, mi accattava a patente B, così quannu nisciva ca me zita, nun havia problemi, inveci...

 

MARIA

Basta, nun ci pinsari cchiù! Piano piano, si arriva a tutto! (A Turiddu) Me figghiu, ci ristò mali picchì pi sti elezioni, un politico ci promisi un posto di lavoro, e poi...Aspetta e spera!

 

TURIDDU

Cu so figghiu, di chistu parravamu poco fa. Puru a mia, Pino u pandino mi promisi, mi promisi, ma poi...nenti! (Va da Peppuccio) Nun ci pinsari! Nun ti scantari ca a patente B pi purtari a machina, ti la puoi pigghiari quannu vuoi! Nun stari speranza di nuddu!

 

PEPPUCCIO

Ma quali machina! A patenti B, servi pi purtari a barca!

 

TURIDDU

Comu? Ca B, si po purtari a machina, no a barca! E poi dico io, quannu nesci ca zita dunni a metti, nna barca?

 

PEPPUCCIO

Certo! La metto a poppa, e la porto a passeggio! Picchì, ci sono problemi, ah?

 

TURIDDU

C’è u problema! Perché poi, ti aggrippano i manu! Inveci, ca machina, vai tranquillo! E a porti a passiari...a scimmia! (Ridendo)

 

PEPPUCCIO

Oh, come ti permetti! Vidi ca me zita, si fa la ceretta a lampo secca tutto!

 

MARIA

Se, sciuscia ca svampa, ca a st’ura è tardu! Scusatemi, vuatri continuati puru, ca io vado di là, a priparari di manciari! (Sta per uscire, e sente arrivare Carmelo)

 

CARMELO

(Entrando) Buongiorno a tutti!

 

MARIA

Ehi Carmelo! Stava pi iri da dintra, pi priparari di manciari.

 

CARMELO

Veni cca mia signora! Per ora, nun priparari nenti! Stannu vinennu amici, e ci tegniu alla tua presenza!

 

MARIA

Stannu vinennu amici, e nun mi fai preparari nenti? Aspetta, ca vaju a priparari cocchi cosa!

 

CARMELO

(Fermandola) Aspetta ti dissi! Con questo, pugno di amici, ca invitavu a veniri dintra a me casa, nun c’è bisogno di priparari, nenti! Anzi, c’è bisogno di puliziarisi u stomaco, in poche parole, cu s’hava a rovesciari, lo potrà fare!

 

TURIDDU

Scusami Carmelo, ma dicisti giustu? O capivu mali? Dicisti, rovesciari?

 

CARMELO

Esatto, rovesciarisi! Voce del verbo, lanzari tutti li cosi, chi si tennu supra a panza!

 

PEPPUCCIO

Papà, quannu vennu stu pugno di amici, ci dobbiamo rovesciare, in diretta?

 

CARMELO

No, a puntate! O si ti venni megghiu, ca replica! (Nervoso) Chi schifia capistivu! Ho detto rovesciare, pi stare a significare, ca quando si ha qualcosa da dire, la si può dire! (Si sente vociferare fuori scena. Guardando dalla finestra) Cca sunnu! (Maria si affretta a sistemare la casa, e se stessa. Bussano) Andiamo avanti! (Uno dietro l’altro entrano: Petru Tagliavia, Salvo Carnevale, e Nino a Mare) Trasemu, andiamo avanti! (Entrano i tre politici, scansandosi uno dall’altro) Chisti sunnu il pugno di amici, chi aspittava!

 

TURIDDU

Chisti sunnu il pugno di amici? Carmelo, mittisti a perdiri corpa! Tu dico io chi sunnu chisti? Chisti sunnu un pugno di ...

 

CARMELO

(Interrompendolo) Ah! Turiddu, controllati! Statti carmo! (I tre politici si posizionano nei tre punti della casa, facendosi smorfie minacciose) Ehi! Ma chi vi pigghiò a tutti tri? Chi vi vinni l’artrosi ‘nta lingua, e nun putiti parrari?

 

PETRU

Carmelo, io vinni a to casa, picchì mi vinisti ad invitari, ma nun sapiva di veniri a truvari, (Con disprezzo agli altri due) certi cristiani!

 

NINO

(Minaccioso) Amico bello! Quannu parri, misura li paroli! Vasinnò, vegniu docu e ti vunciu a faccia quantu un palluni! (Petru lo incita, e Nino si lancia, ma Carmelo lo ferma)

 

SALVO

Signor Carmelo! Se avessi saputo che in casa sua, sarei venuto a trovare due balordi, di sicuro non sarei venuto!

 

NINO

(Adirato) Tale a stu ricchionello! Ni dissi ca semu lordi! Sempri megghiu di tia, ca parri in italiano picchì sei sciddicato nella doccia! (Petru e Nino si lanciano su Salvo, Carmelo li divide)

 

CARMELO

Oh, ma comu finì! Vinistivu a me casa, pi litigarivi? Io, vi invitavu, pi parrarivi! (Tutti in silenzio) Allora, vi invitavu tutti e tre, picchì aviti qualcosa in comune! (I tre politici, obbiettano ciò ch’è stato detto da Carmelo, creando confusione) Oh! Uno alla volta!

 

SALVO

Io, non ho niente in comune con questi due! Il mio partito è: S.M.S.

 

PETRU

Siamo Molto Stronzi! (Ride)

 

SALVO

Non è quello il significato, villano! Questa è l’invidia, perché siamo il miglior partito!

 

PETRU

Ma ‘un mi fari ridiri! Il meglio partito è il mio! P. D. L.

 

PEPPUCCIO

Aspettati! La do io, la risposta! P. D. L. significa: Parto Di Lunedì! (Felice)

 

CARMELO

(Da uno schiaffo dietro il collo al figlio, che cade a terra) Fatti i ...azzi tuoi! Lassali pigghiari pi fissa, tra di loro!

 

NINO

Finistivu? Ora, nun faciti abilii, picchì vi lu dico io, qual è u megghiu partito! U megghiu partito è il mio:  S. T. C.!

 

TURIDDU

A sacciu ju, a definizione di : S. T. C.! Siti Tutti C...

 

CARMELO

Fermati Turiddu! Ti dissi, controllati! (Adirato) Allora, signori miei, ora che nuddu si pirmittissi di interrompermi mentre io parrerò cu voialtri, si nò ci lascio il signale del mio partito! C. C. G.!

 

MARIA

(Si avvivicina a Carmelo, gli parla all’orecchio) Ma comu, dici ca la politica nun ti piaci, e dici di aviri un tuo partito? Chi significa: C. C. G.?

 

CARMELO

Propria picchì nun mi piaci la politica, staju facennu un partito a mio piacere! Calci in Culo Gratis! Allora, vi dissi ca aviti tutti tri una cosa in comune, no u partito, ma intendevo ca tutti e tri siti, senza parola! Truffaldini! (I Politici obbiettano) Silenzio! E’ inutili ca vi lamintati, picchì è a verità!

 

PETRU

Ma chi dici Carmelo! Semu amici di ‘na vita, e mi dici così?

 

NINO

Io, nun haju mai pigghiatu pi fissa a nuddu!

 

SALVO

Altrettanto, pure io!

 

TURIDDU

(Gentilmente) Scusatemi la mia introduzione, ma vi vulissi chiediri una formazione. Per caso, qualcuno di vuatri, conosce un certo Pino u Pandino?

 

NINO

Si, travagghia cu mia nel gabinetto del sindaco! Picchì?

 

TURIDDU

Si ti dugniu ‘na cosa, ci la fai aviri?

 

NINO

Ca certu!

 

TURIDDU

(si avvicina a Nino e inizia a picchiarlo, tutti lo dividono) Lassatimi ca l’ammazzo! Lassatimi vi dissi!

 

CARMELO

Finiscila Turiddu! Ti dissi controllati! Chi ti ha fatto du cristiano ca lu voi ammazzari!

 

TURIDDU

Iddu nenti, ma Pino u Pandino cocchi cosa di grave a fici! (Si scaglia nuovamente su Nino, Tutti lo fermano) lassatimi ca l’ammazzu!

 

NINO

Ti pari giustu ca mi vo ammazzari? Chi ti haju fattu?! Mancu ni canuscemu!

 

TURIDDU

Statti tranquillo, ca nun ti vogghiu ammazzari a tia! Io, sono arrabbiato cu Pino!

 

NINO

Chi c’entro io!

 

TURIDDU

Tu, mi devi fare u favore di riportarici a Pino u Pandino, tutti i vastunati chi ti staju dannu! (Carmelo ferma Turiddu)

 

CARMELO

Petru, dov’è u lavoro che mi havia a dari, Passal’acquafridda? Salvo, u lavoro a me figghiu? Nino, u lavoro di me mugghieri! Ora, vulissi sapiri di vuatri, dunni è u travagghiu chi nni promettistivu? (Silenzio di tomba) C’era di aspittarisilla sta risposta! U problema nun è mio, io u sacciu comu siti fatti. U problema è pi sti dui criaturi  (Si avvicina a Maria e Peppuccio) Vinneru la so vita pi li strati du paisi, pi circarivi i voti e farivi stari beni! Pinsavanu di fari beni pi la famigghia, inveci... Vergognatevi! Vergognatevi pi dui motivi! A prima: Siti granni e potenti, grazie o popolo! Il minimo chi putissivu fari, quannu la gente vi chiama, inchinarivi a li loro bisogni! A secunnu cosa è, pi curpa di chiddi comu vuatri, chiancinu le conseguenze i veri politici onesti, bravi chi s’impegnano pi lu beni di la genti! Semu tutti amici e parenti prima! e poi? Nun semu cchiù nenti! Ora, è inutili stari cca a parrari, (Rivolgendosi al pubblico) A la genti chi mi senti, un messaggio vogghiu lanciari. Nun sintiti, cu vi prometti palazzi e casteddi, anche si stati dintra ‘na stalla, pinsati a li vostri sacrifici, e viditi ca li mura, sunnu molto cchiù beddi. Nun sintiti, cu vi prometti di regalarivi ‘na bedda risata, spirati sulu ca lu vostru cori ridi sempri, ed è sicuro ca nun fati mancari mai a li vostri figghi, la tavula cunsata. Tu, ca si politico, o politica vo fari, nun fallu sulu pi li beddi picciuli, chi beni ti fannu stari. Sei un signore, grazie alla volontà  di un morto di fame! Prima chi ti assetti a festeggiare, affacciati a finestra, e talìa nno marciapedi, cu è ca ti detti u putiri, chianci picchì e senza manciari!

 

Fine