Vai pi futtiri e resti futtutu

 

 

Commedia brillante in due atti di

 

Giovanni Allotta

 

 

 

Belmonte Mezzagno  14/ 02/ 10

 

 

 

Prefazione

Saro vecchio pensionato, vive in casa solo, ma viene assistito dalla sorella Ninetta, anche lei senza marito, ma con un figlio, Totò che uscendo dal carcere, va a casa dello zio, facendo la sorpresa a Ninetta. Un giorno di pioggia, Saro diede ospitalità ad una bella ragazza. Piano piano, la ragazza scopre dei segreti di Saro ed inizia ad ammaliarlo, al punto che, svela il codice segreto della cassaforte là dove teneva custodita la pensione. La ragazza ruba tutto e supportata da un complice, trova l’alibi per fuggire. Scoperto il furto, Saro incolpa la sorella e il nipote, litigandosi. La ragazza a seguito di una scusa, ritorna da Saro dopo due giorni per derubarlo. Involontariamente scopre l’inghippo, ed organizza una bella sorpresa finale coinvolgendo anche... 

 

Personaggi

       

Saruzzu(60 anni)                           pensionato

Ninetta(50 anni)                             sorella di Saruzzu

Dottore(40 anni)

Totò (20 anni)                               figlio di Ninetta

Lucia(25 anni)                               truffatrice

Complice(30 anni)                        truffatore

Postina(30 anni

Carabiniere(30 anni)

 

 

 

 Primo atto

 

 

(La scena darà impronta di un vecchio contadino che vive solo, con oggetti sparsi nella stanza: vestiti, scarpe, attrezzi da lavoro appesi al muro. Un vecchia credenza, un piccolo mobile con sopra un telefono antico. Un misero tavolo, nel lato destro. Al centro una poltrona mal conciata. A destra l’ingresso nelle altre stanze. A sinistra, la porta di uscita, a fianco una finestra aperta. Un quadro di San Giuseppe con lumini accesi)

 

SARUZZU

(Da fuori, si sentono colpi di tosse e starnuti in continuazione. Piano piano entra Saro con una borsa d’acqua attaccata in testa, due intorno ai polpacci. Scialle sulle spalle. Sciarpa intorno al collo. Vestito pesante dalla testa fino ai piedi. Un grande termometro in bocca. Con una mano tira un carrettino, con una montagna di scatole di medicinali. Si siede) Chi mi sentu mali! Si sapiva ca oggi mi havia a sentiri mali, mi arruspigghiava dumani! (Starnuti) ahi ahi! Mi sentu tuttu ruttu. Pari ca mi avissi passatu di supra un treno espresso senza fermata! (Starnuti) havi ‘na matinata chi mi pigghiu pinnuli, ma nun mi fannu nenti! (Tosse) ora chiamu o dutturi, videmu chi mi dici! (Nota distanza tra lui e telefono e gli parla) Po’ veniri tu? A stissa strata c’è! (Starnutisce) Mi lassi sbattiri! (si alza e va al telef.) cocchi jornu te tagghiari u filo del discorso. (compone il numero) Pronto? C’è Liccalicca?

 

DOTTORE AL TELEFONO

Mi ristaru gelati cavuri e patatini scaduti! A lei chi ci servi?

 

SARUZZU

Dutturi, oggi nun è periodo di schirzari! Facissi a persona di serie A (tosse)

 

DOTTORE AL TELEF.

Da come si esprime, sorge spontanea la battuta. Semmai avrebbe dovuto dire, c’è il dottore Licca licca? Ch’è diverso! Andiamo a noi, mi dica!

 

SARUZZU

Dutturi, chiamavu pi dirici ca... (Starnuto)

 

DOTTORE AL TEL.

Salute...che se na va!

SARUZZU

Iddu ca ni haju assai, si parti puru chista io...(nota la finestra aperta, lascia il telef. di corsa va a chiuderla. Il dottore lo chiama al telef.) Chiudivu a finestra, dutturi. Almenu, stu poco di salute chi haju resta dintra.

 

DOTTORE AL TEL.

Mi dica cosa vuole, che ho ben altro da fare.

 

SARUZZU

Ci vulissi diri...(Starnuto) Comunque, u chiamavu pi dirici...(Starnuto)

 

DOTTORE AL TEL.

(Ira) A finisci di schirzari! Ci vulissi diri, ci vulissi diri però nun mi lu dici

 

SARUZZU

Si calmassi dutturi, già ci basta ca ci l’haju vunci ju! Ci vulissi diri, chiddu chi haju di diri, ma si u naso nun voli ca ci lu dicu, mica è curpa mia!

 

DOTTORE AL TEL.

(Stressato) lei chiffari nun havi! Non mi faccia perdere tempo. si sbrighi!

 

SARUZZU

(Con indice e pollice tappa le narici) U chiamavu pi dirici ca...stamatina mi svegliavu chinu di dulura, mi sentu tuttu tamponato. Lei chi dici ca moru cu l’influenza? (toglie le dita dalle narici)

 

DOTTORE AL TEL.

S’infilassi ‘na supposta, fra dieci minuti sarò da lei! (Fine telefonata)

 

SARUZZU

Dutturi a supposta dunni mi l’haju a mettiri? Pronto! Mi chiudiu? Ma chi curnutu è! (Chiude telef. tosse) almenu mi lu diciva! Mah! Dici ca sta vinennu, mi lu dici di persona. (si siede e guarda il caos nella stanza) beddamatri chi cunfisioni! A curpa è da bonarma di me mugghieri, ca preferiu moriri ca fari i pulizii. Ju, mancu sugnu bonu bollitu. (Bussano) Già cca è! (Entra Ninetta la sorella. Porta una insalatiera con della pasta)

NINETTA

(donna matura. Una tipa premurosa. Al vederlo in quel modo, posa l’insalatiera sul tavolo, dandogli tante attenzioni, che lo infastidiscono) Sangu miu, comu si cumminatu! Stai partennu militari?

 

SARUZZU

(Allibito)Io haju l’influenza e a tia, ti colpiu ‘n testa! (Stanuto e tosse)

 

NINETTA

(Inizia a toccarlo ovunque) Stai male e nun mi l’hai dittu! Ti fa mali cca, cca o cca! Si mi lu dicivi, ti viniva a fari u veglione. A chiamasti a teleambulanza?

 

SARUZZU

Se a radiocronaca! A vo finiri Ninetta! Stai facennu cchiù cunfisioni tu, ca a frevi chi haju di supra! (Starnuto)

 

NINETTA

Nenti ti hai pigghiatu, pi sta febbre? Cocchi bicchiere di marsala, alivi di mari, ossa cu pani, supposta cu sali! Nenti ti hai pigghiatu, sangu miu! 

 

SARUZZU

U vidi u carrettino chinu di medicinali? Chiddu è u me pani, pi campari

 

NINETTA

Ti nni pigghi una o jornu?

 

SARUZZU

O jornu? Una pi manciari, pi dormiri, pi digeriri, pi insicchiri, pi nun muriri, una o minutu! (Tosse)

 

NINETTA

Ma comu fai a ricurdaritilli tutti! U dutturi nenti ti dici?

 

SARUZZU

U chiamavu cinqu minuti fa. Dici ca avissi a veniri! (Starnuto)

NINETTA

(Prende l’insalatiera) Ti purtavu un chilu di pasta cu l’agghia e l’ogghiu, fatta chi sarde! (Gliela mette davanti) Teni cca, mancia e fatti granni!

 

SARUZZU

(Annusando la pasta) Grazie Ninetta! U Signuri tu paga!

 

NINETTA

Ma quali Signuri! Appena pigghi a pinsioni, tu mi l’ha pagari! (Allibito. Dalla credenza prende una bottiglia di vino, forchetta. Prende una tovaglia da tavola, la mette intorno al collo a Saro, per non farlo sporcare) mancia beddu sistimatu, io sistemo casa (Saro mangia. Ninetta tutto quello che trova tra i piedi, li prende da un punto e li butta alla rinfusa in un altro.) vaju in bagnu a canciari l’acqua a rosetta. (esce dalla porta di destra)

 

SARUZZU

(Continua a mangiare) Complimenti pa pasta (Da fuori Ninetta grida “Grazie” ) pari di umma! –gomma- (Ninetta rientra sistemandosi. Si siede accanto al fratello, lo guarda attentamente mentre mangia, tanto da irritarlo)

 

SARUZZU

(Infastidito) Muschi ‘nta l’aria nun ci nnè, invece di taliari a mia mentri manciu! Nun vogghiu essiri taliatu, ca mi emoziono. (Starnutisce)

 

NINETTA

Ti guardo pi vidiri si ci vai bonu a manciari! Se affoghi, ti do un pugno nella bocca dello stomaco, e ti fazzu ripigghiari! (Saro mangia ignorandola) ‘Na vota stava murennu annegata, cu brodo di pollo! Ti ricordi? (Ride) quannu eru nica, ero ‘na cretina!

 

SARUZZU

Se, picchì ora, si scarta?

 

NINETTA

U vidi ch’è bona a pasta, nasciu di me manu! (Saro beve il vino direttamente dalla bottiglia. Ninetta si accorge di una mosca sulla pasta di Saro, urla forsennatamente) ‘Na musca supra a pasta! (Saro soffoca dallo spavento. Gira sconvolta, va al centro e piange saltella dalla disperazione, urlando) Me frati sta murennu annegatu! Signuri aiutalo, ca si persi ‘nto bicchiere di acqua! Sbagliavu, ‘nta ‘na buttighia di vino! Aiutatilo!

 

SARUZZU

(Si riprende) Vinisti cca pa festa o pi rumpirici a testa! Mi stavi facennu moriri! Inveci di aiutarimi, ti metti a ballari a macarena?

 

NINETTA

Quannu c’è quarcunu chi havi bisogno, mi vennu attachi di panico!

 

SARUZZU

(Irritato) ma va fatti attaccari o manicomio, vai! A tia, mancu appresso l’ave maria ti vulissi. Si a stari cca, nun a parrari cchiù ca io e manciari!

 

NINETTA

(Triste) Si mi fai domande, comu ti rispunnu con l’alfabeto muto?

 

SARUZZU

A parrari si, però in silenzio! Mi cali a testa, comu i muli surdi! U capisti? (Ninetta annuisce con la testa. Saro si siede a mangiare. Bussano) Va grapi.

 

DOTTORE

(Ninetta va ad aprire, entra il dottore) Buongiorno. Signora Ninetta come va? (Ninetta annuisce con la testa)  Tutto bene? (Ninetta annuisce di nuovo)

 

SARUZZU

(si alza) Dottore, a lei stava aspittannu! Mi pariva ca nun viniva cchiù! (Tosse) m’insignassi cocchi pinza, pi nun fari cchiù...(Starnutisce) 

 

DOTTORE

Signor Saro, come si è conciato? È vestito da carnevale, o è pronto pi jri a fari una vacanza nella casa di cura, scoppiati di ciriveddu?

 

SARUZZU

Si assittassi dutturi. (si siedono tutti) Ieri sera havia i piedi due coni gelato. Mi ci misi sti due borse d’acqua cavura nei polpacci. I misi cca, picchì si li mittiva sutta i peri, quannu caminu mi viniva il mal di mare. I peri mi riscaldaru, però mi acchianò a prissioni fino ‘nte capiddi. Pi falla abbassari, ci misi una borsa d’acqua fridda in testa. Fra cavuru di sutta e friddu di supra, mi sentu i granchi nello stomaco! È grave?

 

DOTTORE

Ma che dice! Semmai i crampi allo stomaco!

 

SARUZZU

Esatto, i granchi! Ogni minutu mi susiva, pi jri in bagnu a gomitare. Arrivavu o puntu di mittirimu u catetere in bocca pi gomitare con comodità  da coricato. Ora, mi sentu un bucu ‘nto stomaco. Chi c’è di fari pi tappallu?

 

DOTTORE

Accuminciassi a manciari, e vidi ca si tappa. Dico bene, signora Ninetta? (Ninetta annuisce) Ma chi havi so soru?

 

SARUZZU

È in castigo! Si hava a stari cca, non deve parlare!

 

DOTTORE

(Prende lo stetoscopio e il legnetto per la lingua) Ci pari ca semu, all’età della pietra? Signora Ninetta, lasci stare suo fratello, parli pure!

 

NINETTA

(Emette un respiro di sollievo)Mi mancava l’aria, di lu troppu silenzio! U Signuri ci lu paga dutturi!

 

SARUZZU

(Con autorità) Cu tu dissi di parrari?

 

NINETTA

(Spaventata) U dutturi mu dissi, io nun ci curpu nenti! Se era pi mia nun parrava mai, iddu mi detti u telecomando di parrari!

SARUZZU

Dutturi lei cu è, pi darici u telecomando a me soru?

 

DOTTORE

(Con allusione) Ju sugnu chiddu chi haju a midicina pi campari, comu puru pi moriri! Certi atteggiamenti mi fanno annebbiare, mi putissi puru sbagliari

 

SARUZZU

Attenzione a nun fari cunfisioni. Ancora sugnu giovani pi partiri (Indica il cielo)Ninetta, parra e nun ti firmari cchiù! U dutturi havi u telecomando tuo 

 

NINETTA

Grazie dottore! U Signuri ci lu paga!

 

DOTTORE

Ma quali Signuri! Appena finisciu, lei mi hava a pagari! Alzi la maglietta. (Appoggia lo stetoscopio sulle spalle di Saro) Emetta un bel colpo di tosse (Saro fa un colpo di tosse asfissiante) non sento niente. Prenderò quello tecnologico. (Dalla borsa esce un tubicino di gomma. Nell’estremità superiore vi è una cuffia. In quella inferiore un imbuto) Ora si che ci siamo! Rifaccia un colpo di tosse, come l’ultimo bello asfissiante! 

 

SARUZZU

Dutturi, cu tutti i pinseri chi haju in testa, ci pari ca mi ricordu comu fici a tussi un minutu fa?

 

DOTTORE

Allora, ne faccia un altro! Si sbrighi! (Saro rifà un colpo di tosse) ora mi dica trentatre. Ha capito bene? dica Trentatre!

 

SARUZZU

Sessantasei!

 

DOTTORE

Come ha detto?

 

SARUZZU

Sessantasei! Trentatre e trentatre fa sessantasei! (Esausto posa il tutto in borsa) veru ca a scola nun ci jvu, ma u sacciu quantu fa zero più zero!

 

DOTTORE

(Prende il pezzetto di legno) Esca la lingua, dica Aaaa. (Saro esce la lingua e dice aaaaa. Il medico gli tiene la lingua con il legnetto e Saro dice ooooo) le ho detto di dire A, no O!

 

SARUZZU

(Adirato) A curpa chi è mia si appena lei ammaccò a lingua nisciu la O.

 

DOTTORE

Lei deve dire A! (Ancora col legnetto nella lingua, Saro dice O) porca miseria e che ci vuole a dire A!

 

SARUZZU

Chiddu arrabbiatu ju sugnu, a forza di pressarimi a lingua, ma fici sudari tutta e havi puru u curaggiu di incazzoliarisi! (Il dottore posa tutto e va sul tavolo a scrivere)

 

NINETTA

Dutturi, chi havi me frati? Ma ci arriva a Natali? (Saro fa gli scongiuri)

 

DOTTORE

Ci arriva ci arriva! Quella di suo fratello, è una semplice influenza. Le sto scrivendo diverse pillole da prendere, e vedrà che starà meglio!

 

SARUZZU

Ancora! Taliassi du carrettino chinu di midicinali! A navutri dui jorna, ma pozzu grapiri ju ‘na farmacia!

 

NINETTA

Scusassi la mia ignorantichità, inveci di farici pigghiari una pinnula pi chistu, una pi chiddu, nun ci putissi fari pigghiari un pinnuluni pi tutti cosi?

 

DOTTORE

Bella scoperta! Un pillolone per tutti i malanni. Intanto, gli faccia prendere queste. Ne deve prendere una prima dei pasti, una dopo i pasti e una durante la preparazione dei pasti (Da il foglio a Ninetta. Bussano)

 

NINETTA

Dutturi, si siddia sia apre lei a porta. Haju a ricetta ‘nte manu e nun la pozzu grapiri

 

DOTTORE

(Irritato) Vi facistivu u maggiordomo! A chi ci semu, vi cantu puru a ninna nanna? (Apre ed entra un giovane ragazzo Totò figlio di Ninetta)

 

TOTO’

(Entra gioioso) Matri! Matruzza bedda, cca sugnu! Turnavu a casa!  

 

NINETTA

(Inizia a gridare) Figghiu, figghiu miu! Chi sugnu felice. Dutturi haju a prissioni alle stalle, si vaju ad abbrazzari a me figghiu, pozzu schiattare?

 

DOTTORE

Nun mi facissi ridiri, e si abbrazzassi a so figghiu!

 

NINETTA

(Apre le braccia, da ferma grida) Figghiu, figghiu miu! (Va di corsa ad abbracciare il figlio) Sangu miu, fatti taliari! Di quant’havi ca hai statu in vacanza, cchiù grossu sei fatto!

 

DOTTORE

Era da tanto che non lo vedevo a suo figlio.

 

NINETTA

Chistu è sangu di lu me sangu! (Evidenzia vene del polso) Di vini capillari mi nisciu dutturi! A bonarma di me maritu tuttu cretinu era, però mi lasciò stu beddu figghiu! Assettati gioia mia, che sarai stanco!

 

TOTO’

(Va a salutare Saro) Ziu Saruzzu! Comu schifia si cumminatu? Mamà, u ziu havi u morbo del plasmon?

 

SARUZZU

Nun sai leggiri? Ci l’haju scrittu ‘nta faccia ca haju a frevi a cinquanta e due linee!

 

NINETTA

Totò, ti va fazzu ‘na para di chili di pasta? Scommetto che hai fame, veru cucciolottone mio?

 

TOTO’

Grazie mamma! Nun ti preoccupari, riposati! Nun ci pinsari pi mia, ogni tantu pensa puru pi tia!

 

NINETTA

(Si genuflette) Grazie Signuri grazie! Tu mica mi dasti un figghiu, mi dasti un ancilu spugghiatu! Grazie! (Si alza)Dutturi u vidi chi figghiu d’oro haju?

 

DOTTORE

(A Totò) Cosa fai, studi? Sei stato in America?

 

TOTO’

Ma quale America! Haju statu in carcere!  

 

DOTTORE

Minchione! E menu mali che è un figghiu d’oro!

 

NINETTA

Ci pari ca in carcere ci vannu sulu i delinquenti? U carciri è apertu a tutti. Ci vannu puru (Accarezza il figlio) i bravi picciotti comu u picciriddu miu

 

SARUZZU

(Tra se) Bravo, ca testa tagghiata!

 

DOTTORE

Visto che mi trovo nel bel mezzo di questo dialogo, sarei curioso, sempre che tu lo voglia, di sapere come mai sei stato in carcere!

 

TOTO’

Comu lei sa, in Sicilia c’è cchiù disoccupazione che lavoro. Pi mancanza di travagghiu e pi bisogno di soldi, ero dispiratu. Ammazzari nun è cosa mia, di rubari mancu e pinsavu di fare una cosa leggera leggera, mi misi a riciclare denaro sporco!

 

DOTTORE

È questa illegalità, me la dai per una cosa leggera?

 

NINETTA

Sangu miu, a sira nisciva a ricogghiri ‘nte contenitori da munnizza, soldi sporchi. Passava tutta la santa jurnata a lavalli dintra a lavatrici. Appena eranu asciutti, faciva beneficenza nei negozi, per smerciarli. Gioia mia, chi cori granni chi havi stu me figghiu!

 

DOTTORE

(Esterrefatto) Non ho parole! (A Saro)Lei ch’è una persona onesta, sapeva di questo lavoro illegale di suo nipote, e glielo ha permesso!

 

SARUZZU

Chi nni sacciu ju, ca me niputi riciclava soldi sporchi! Quannu mi dava a mia, i picciuli erano puliti e stirati!

 

DOTTORE

Questo significa, che quando mi pagavate le visite, erano soldi...(Con premura) Io vado, ho già sentito più di quello che avrei mai pensato di sentire! Buongiorno a tutti! (Si avvia per la porta)

 

SARUZZU

Dutturi aspittassi! I picciuli di la visita, nun li voli?  

 

DOTTORE

U Signuri mi la paga! (Esce)

 

SARUZZU

(Nervoso si strappa dalla testa e polpacci, le borse d’acqua, scagliandole a terra) Facissi succediri un fini munnu! Era necessario dirici o dutturi picchì fusti arrestato! Mancu pi tia pensi, pi la tua reputazione, pu to futuru!

 

TOTO’

Ziu, vidi ca stamu ‘nto paisi, ca puru si piscia aceddu, prima chi la pisciatina asciuga, u sannu finu a Roma!

 

SARUZZU

Ti vò sposari o vo ristari sulu pi sempri? Nun ha parrari cchiù di chiddu chi fu. Da oggi in poi, a parrari di la tua nuova vita! E a sapiri; I panni sporchi si lavano in famigghia!

 

NINETTA

Prima si c’è acqua. Si acqua nun ci nne, ni lassamu misi. (nota tristezza in Totò) Totò, chi hai ca si siddiato?

 

TOTO

(Triste) Mi livavu du focu, e mi misi nno infernu! Niscivu du carciri,ma sugnu in libertà vigilata! Ogni passu bonu o tintu chi fazzu, sugnu sutta tiru!

 

SARUZZU

Qual è u problema! Cercati un travagghiu sistimatu e sta vigilanza finisci

 

TOTO’

Un travagghiu sistimatu? U sannu tutti picchì fuvu arristatu! Nuddu mi pigghia pi travagghiari, picchì mancu di fiducia. (Con dolore) si vogghiu campari, e fari sempre mali travagghi.

 

NINETTA

(Triste) Nun ti scuraggiari Totò, si cerchi un travagghiu bonu lu trovi

 

SARUZZU

Nella vita volere e potere! Si tu hai a testa malata ca ti piacinu i soldi facili è un discursu. U fattu ca nun c’è travagghiu è navutru discursu!  

 

TOTO’

Vi pari ca mi piaci, turnari in carciri? Si nun c’è travagghiu, comu si campa? Comu! Mamà, io ci provo, ma si nun trovo travagghiu, sugnu costretto a travagghiari sempri chi soldi falsi. (Ninetta si dispera. Da fuori si sentono tuoni, segno di maltempo)

 

NINETTA

Amuninni Totò prima ca chiovi. Semu senza ombrello!

 

TOTO’

Aspetta mamma. Vaju un minutu in bagnu, zio. (Esce dalla porta di destra)

 

SARUZZU

(A Ninetta) Sai quanti ragazzi ci sunnu comu iddu ca sunnu dispirati ca nun c’è travagghiu! A curpa è du guvernu ca si nni futti di li giovani! Videmu chi si po’ fari pi Totò, pi farici truvari ‘na sistemazioni. (poggia la mano sulla spalla di Ninetta)nun ti preoccupari Ninetta! (Si risentono i tuoni)

 

NINETTA

Nun sacciu mancu ju chiddu ca e diri! Semu, sutta stu cielu! Chiddu chi veni, ni pigghiamu.

 

TOTO’

(Entra sistemandosi la camicia dentro i pantaloni) Fora diluvia! L’avemu l’ombrello?

 

NINETTA

Saro, ombrello di pristari hai? (Saro dice no) Totò amunì, ni riparamu sutta i balconi. (Si avviano ad andar via) Ni videmu cchiù tardu! (Escono)

 

SARUZZU

(Li guarda dalla finestra) State attenti! (Chiude la finestra, va a sedersi sulla poltrona) Caro San Giuseppe, comu si hava a fari? A vita jornu pi jornu, diventa sempri cchiù pisanti pi sti giovani! U governo, sapi diri in Sicilia sunnu tutti delinquenti. Ci dicissi, i primi curnuti siti vuatri chi vi nni futtiti di la gioventù siciliana! Se dassiru lavoro, nuddu facissi mali travagghi! È inutili fari abilii, u saziu o dijunu nun la cridutu mai! (Sbadiglia. Si posiziona per dormire) Ora mi fazzu ‘na urata di sonnu, a facci di chi mi voli mali (Bussano) A cu ci mancianu i manu!? (va ad aprire, lamentandosi)

 

LUCIA

(Entra una bella ragazza col cappotto, tutta bagnata. Sulla porta) Buongiorno, scusi il disturbo. Sono stata sorpresa da una pioggia copiosa, sono sprovvista di ombrello, le spiace se entro un attimo?

 

SARUZZU

Ma certo, si accomodassi! Il no, manco si dici ai cani! Prego!

 

LUCIA

(Entrando resta in piedi) Che tempaccio! E poi, all’improvviso! E pensare che siamo quasi in estate!  

 

SARUZZU

Havi ragiuni signorina! U tempu è comu lu stomacu, quannu c’è aria chi voli nesciri, nun si sapi s’è pirito o cacarella. (Lucia ride imbarazzata) Si assittassi! Nun ci la fazzu pagari a seggia, prego! (Porgendole la sedia)

 

LUCIA

Molto gentile. Sono tutta bagnata, non vorrei sporcare. Sua moglie, ci rimarrebbe male. Rimarrò il tempo che smetta di piovere, poi andrò.

 

SARUZZU

Nun si preoccupassi signorina, me mugghieri nun si siddia cchiù. Non sta più con me, canciò casa!

 

LUCIA

È divorziato? (Saro dice di no)  Dove sta sua moglie?

 

SARUZZU

Sta a terzo piano o Cimitero. (Triste. prende una foto dal cassetto) Chista è me mugghieri quannu ci siamo sposati. Vinni chi capiddi tisi, picchì u fotografo ni fici il flescion, si spaventò e ci attiseru! (Posa la foto) Lei nun po’ capiri comu è brutto rimanere vedovo allegro, giovane

 

LUCIA

Questo mi dispiace! ( si siede con tutto il cappotto) non mi sono presentata. (porge la mano) Piacere Lucia Bellavista.

 

SARUZZU

(Porge anch’egli la mano) Piacere, Saruzzu U Gadduzzu

 

LUCIA

(Nota la pasta sul tavolo) Vedo che stava mangiando. Prego, continui.

 

SARUZZU

Nun si preoccupassi! Chista è a pasta pu cani!

 

LUCIA

lei sta da solo o con altri parenti?

 

SARUZZU

(Gli si siede accanto. Parla con voce misera) Solo, come un cane bastonato!

 

LUCIA

(miserevole) oh, che cucciolo! È brutto star soli in una casa così grande. Mi scusi, ma come vive?

 

SARUZZU

Io vivo cu bicchiere. Quannu nun ci nnè, appizzo a vucca ‘nta buttigghia!

 

LUCIA

Non ha capito! Le dicevo, come vive nel senso, come riesce a mantenersi!

 

SARUZZU

Scusassi mi ero confuso con vivere (Allude a bere, mimando il gesto) Mi mantegniu ca pensioni! Menu mali ca haju chidda, si no, mi nni putissi iri a fari il gigolone!

 

LUCIA

(Lucia ride) la smetta di dire queste cose alla sua età!

 

SARUZZU

(Iracondo. Fa allusione parladando del pipino) Ci pari ca è morto? A me campana sona mezzogiorno di fuoco! (la guarda con desiderio) nun ci mettu i manu di supra, picchì havi u cappotto! 

 

LUCIA

Con la crisi che attanaglia la nostra vita, a malapena si arriva a fine mese, come riesce a vivere con 500 euro di pensione?

 

SARUZZU

Comu fa a sapillu ca sono 500 euro? Pigghia a pinsioni puru lei?

 

LUCIA

Ma no! Ho a che fare con tanti anziani e lo so!

 

SARUZZU

Anziani? Chi lavoro fa lei?

 

LUCIA

(Non sapendo che dire) Io...che lavoro faccio...faccio...la badante ecco!

 

SARUZZU

Signorina, cu tutti i cosi chi ci sunnu di pagari ci pari ca una misera pensione mi basta? Mancu mi nni ristassiru pi accattari i caramelle!

 

LUCIA

Come fa allora?

 

SARUZZU

Signorina, lei punge lo scecco nella acchianata! Ma visto ch’ è sapurita ci lu dicu! (Sottovoce) Riesco ad andare avanti, picchì a parti a mia, haju navutri dui pinsioni! (fa segno di silenzio) sssssssssssssss

 

LUCIA

( sottovoce) Come può essere che prende tre pensioni?

 

SARUZZU

Pi menzu di santi si va in paradisu! Pigghiu a pinsioni di la bonarma di me mugghieri e di la bonarma di me soggira!

 

LUCIA

La pensione di sua suocera?

 

SARUZZU

Ma picchì parramu pianu? (Lucia risponde con un “ bho!” parlano normale) U statu mi affidò a pinsione di me soggira, come eroe di guerra! In tuttu u munnu fuvu l’unicu ca la vuliva beni! U sapi quali fu a me furtuna? Me soggira era muta! Menu mali! Se no, l’avissi ammazzatu ju.

 

LUCIA

(Accentua la curiosità) Quanto riscuote al mese avendo tre pensioni?

 

SARUZZU

Ora voli sapiri troppo! Mi dispiace, ma è un segreto! Non è che lo pozzo dire a prima chi capita, eh!

 

LUCIA

(Si toglie il cappotto mettendo in evidenza un vestitino scollato, ed una gonna maliziosa, accavallando le gambe) Inizio a sentire caldo! Sa, io sono una tipa molto accaldata! Le spiace che ho tolto il cappotto?

 

SARUZZU

(imbambolato) ma lei si po livari tutti cosi, puru a dignità. Io ci sugnu abituato a vidiri tanto verde cu giardinu! (barcolla cadendo a terra, Lucia lo soccorre) Nun si scantassi, ogni tantu fazzu i prove di cascamorto (Si rialza)

LUCIA

(Si avvicina a Saro, provocandolo) ho un piccolo difettucio, sono molto curiosa. E poi, mi piace sapere tutto dei bei uomini come lei. (carezza il viso di Saro con la mano, facendolo andar su di giri)

 

SARUZZU

Ma cu è ca mi misi a stufa sutta i peri, staju squagghiannu! (Le carezze sempre più frequenti da farlo sciogliere) signorina, non glielo posso dire che prendo tre mila euro al mese di pensione!

 

LUCIA

(lo stuzzica sempre più, per incitarlo a parlare) Cosa ne fa con quei soldi un uomo tutto solo come lei?

 

SARUZZU

(Con dolcezza) A lei, chi ci nni futti! (Lucia gli si accosta sempre più vicino, con la mano gli fa il sollettico sulla pancia e Saro si esalta) I soldi li conservo in un posto segreto. Ma non glielo posso dire, manco se mi ammazza! (le carezze di Lucia si accentuano e Saro imbambolato svela tutto) il posto segreto è in bagno!

 

LUCIA

(Accarezzandolo) lei soffre di memoria?

 

SARUZZU

(sempre più infervorato) Dopo la morte di mia moglie, tantissimo! Ora cu lei, mi vinni a memoria di un ventenne! Andiamo di là, ci la fazzu vidiri!

 

LUCIA

Ma che ha capito! dico, ricorda almeno la data di nascita?

 

SARUZZU

Certo! Sunnu l’unici nummari chi usu e nun mi scordu mai! Sono nato nel 1950. (Fa lo spelling) 1.9.5.0 . allura, voli veniri nna stanza da letto, (con tono virile) ci fazzu vidiri la mia memoria, ci l’ahju di ferru!

 

LUCIA

(indifferente) Che mi importa a me della sua memoria! M’interessava saperlo, per scoprire il...(Si zittisce e torna a stuzzicarlo, strusciandoglisi gli gira intorno) certo che voglio vederla! Guardi che ho il potere di farla andare ( all’orecchio sensualmente) in paradiso!

 

SARUZZU

(sempre incantato) In paradiso no, c’è me mugghieri! All’inferno nemmeno picchì c’è mia suocera. Mi facissi andare nello (con voglia)...spurgatorio!

 

LUCIA

La farò andare ovunque, ma ora mi faccia andare in bagno! Torno subito! (Esce da destra, mandandogli bacetti)

 

SARUZZU

Beddamatri a prissioni mi sta vinennu. A mumentu mi scoppia a rota di scorta! (nell’angolo della stanza, si allarga i pantaloni) Ooh, mi senti pasqualino! Truvavu pani pi to denti! A vidisti a sta fiminazza? Isati a testa, ca l’avemu a smuntari tutta! A casa ci hava a turnari chi va annaccanu comu ‘na scimmia imbriaca! Nun mi fai fari mala fiura! Cu tia parru! Isati a testa, nun è ura di dormiri! Si fai u bravo, ti compro a bambola gonfiabile!

 

LUCIA

(Rientra con aria serena. Saro si sistema) Finalmente, mi sento molto piena!

 

SARUZZU

Come piena? Di solito in bagno si scarica, lei fa o cuntrariu?

 

LUCIA

(è molto serena e sorride. Gli da pizzicotti) So i fatti miei! Lei è biricchino! Le chiedo una cortesia, visto che tardo posso fare una telefonata a papà?

 

SARUZZU

Prego prego, facissi con comodo. (Allusivo) Poi, fazzu con comodo io!

 

LUCIA

(Al telefono) Ciao papà! – Sai, sono a casa di un vero uomo! Certo che c’è là il malloppo. Ed è pure bello grosso! (Sarò fraintende e si da arie) Lui non se ne accorto, ma io l’ho toccato. (Gli lancia sguardi maliziosi) è stato bello stringerlo tra le mie mani. Certo, che ce l’ho in pugno! Oramai è mio! Ora gli chiedo (A Saro) mi dia il suo indirizzo di casa.

 

SARUZZU

Via Simone Pinnasicca numero 2.

 

LUCIA

Via Simone Pinnasicca numero 2. Ti aspetto papà, non fare tardi! (Chiude chiamata) ho un papà molto speciale!

 

SARUZZU

Ho sentito quello che ha detto, a parte ca ancora io e lei, non abbiamo fatto niente, anche se, così ci parra a suo padre?

 

LUCIA

Ah, perché lei ha frainteso che io dicessi a mio padre...(Ride) bella questa! È stato bello incontrarla oggi. Da un semplice riparo, è nata l’amicizia!

 

SARUZZU

Non ci vedremo più? Mi facissi a badante? Una come lei, a notti mi servi!

 

LUCIA

Ma lei è una persona in gamba, sa cavarsela bene da solo!

 

SARUZZU

Me la cavo da solo da quannu muriu me mugghieri, ora che ho trovato lei, vulissi stare vicini vicini! Ci pari che non la pago? Haju soldi ca la pozzu vestiri d’oro! Fra due giorni, mi arriva l’altra pensione. Chi mi dici? (Bussano) Hava essiri me soru Ninetta! (va ad aprire entra un mendicante)

 

COMPLICE TRAVEST. DA MENDICANTE

(Parlerà con accento rom) buongiorno signore. Avere fame, avere sete.

 

SARUZZU

(Sgarbato) E chi voli di mia, vatinni o ristoranti!

 

MENDICANTE

Ma io essere povero, tanto povero. Io essere morto di fame! (Gemendo) tu dare a me qualche cosa, per favore!

 

SARUZZU

Aspettami cca, ca ti vaju a pigghiu un pistolone di pane cunsatu cu l’olio!

 

MENDICANTE

(Trattiene Saro) Aspettare tu! Io non volere pane. Volere soldi per comprare il pane!

 

SARUZZU

Picchì si già ti lu dugniu prontu u pane, nun è megghiu? Aspettami cca!

 

MENDICANTE

(Trattiene Saro) Aspetta! È’ meglio che tu mi dai soldi ed io essere felice!

 

SARUZZU

Si tu, ti nni vai a rumpiriti i corna da navutra parti, sai quanti mi fai felici? Anzi feliccissimo! Via, sciò sciò!

 

MENDICANTE

(Gemendo) Essere sfortunato io. Avere madre morta, padre ammazzato. Cugino suicidato, zio strangolato. Essere solo io, non so cosa fare! (piange)

 

SARUZZU

U vo un consiglio? Pigghi ‘na pistola e ti spari. Almenu ti levi di soffriri! Ora nesci da me casa, ca mi fai allergia! 

 

LUCIA

(Gemente) La smetta! Tacevo per vergogna, questo signore è mio padre! (Saro si meraviglia) Quello che ha detto è la verità, e lei ha il coraggio di cacciarlo via! Non ha un cuore. Faceva il buono con me per sfruttarmi. Vergogna! Andiamo papà! (Esce col mendicante)

 

SARUZZU

Fazzu così schifu, ca mi schifiu puru a dirimillu. Si lu sapiva ca stu morto di fame era u patri da signorina Lucia, u trattava bonu! Ora ca havia truvatu a zita, a persi. (Nervoso cerca in giro per la casa) lassatimi ca mi ammazzu! Fuvu puru furtunatu ca nun c’è specchiu, se no, ‘na sputata ‘nta facci nun mi la evitava nuddu! (Si prende a schiaffi) ora mi ammazzu pi penitenza! sugnu disgraziatu! (Bussano) turnò ne mia! Arrivo amore! (Di corsa va ad aprire. Estasiato, si lancia sulla sorella baciandola. Alle urla di Ninetta, si sposta sputando a terra) Ma che schifo!

 

NINETTA

(Pulendosi le labbra) tu dici che schifo? Io, pi curpa tua mi devo fare una lavanda ecologica pi puliziarimi a vucca! Ma a cu ti stavi sognannu, a zita?

 

SARUZZU

Ma sognava? Fino ad un minutu fa era cca, avutru chi sogno!

 

NINETTA

Era cca? Nun sacciu si ci facisti caso, l’arterio sclerotico ti purtò u ciriveddu a lamera! Zittuti brocculu vugghiutu, a tua età cerca a zita!

 

SARUZZU

(Adirato) puru si haju sessant’anni, ancora sugnu giovani! L’invidia ti fa parrari! (Ninetta prende l’insalatiera) dimmi chiddu chi vo, e vatinni

 

NINETTA

Mi vinni a pigghiari l’insalatiera! Chi vo fattu stasira pi manciari?

 

SARUZZU

(Con voce bassa) Chiddu chi vò fari, fai! Io pitittu nun n’haju!

 

NINETTA

Si si, pitittu nun n’hai, e poi ti manci puru u piattu! Mi meravigliu comu mai nun hai ancora manciatu! Dammi cocchi cosa di soldi ca ti fazzu accattari due fettine di baccalaro a bagnomaria.

 

SARUZZU

(Si cerca addosso, non ne trova) Li vaju a pigghiu da dintra. (Esce da destra. Urla da fuori, entra furioso) I picciuli si futteru! Cu fu? A cassaforti vacanti truvavu. Ninetta dimmi cu fu!

 

NINETTA

Tu stai dintra, e mi cerchi a mia cu fu io ca staju a tricentu metri di cca

 

SARUZZU

(Furibondo) Tu mai nenti sai! Tutti i picciuli si futteru! Cu fu? Cu fu stu crastu ca mi vinni a rubari? Finu a stamatina eranu tutti dda, ca li controllavu, e ora nun ci sunnu cchiù!

 

NINETTA

A cu ha fattu trasiri dintra, di quant’havi ca io mi nni jvu?

 

SARUZZU

A nuddu haju fattu trasiri!

 

NINETTA

Allura, po essiri ca si li agghiuttiu – inghiottire- u tirrenu?

 

SARUZZU

(Adirato) Ninetta, nun schirzari! Cunsumatu sugnu! Cu li potti pigghiari? (Pensa e gira per la stanza) veru! A parti iddu, nuddu a trasutu in bagnu!

 

NINETTA

A cu pinsasti ca li potti pigghiari?

 

SARUZZU

To figghiu Totò, quannu trasiu in bagnu!

 

NINETTA

Aspetta Saruzzu, si pensi ca a pigghiari i picciuli da cassaforti fu me figghiu Totò, ti sbagli di cca in America!

 

SARUZZU

Iddu trasiu in bagnu! Mica ci trasivu ju! Sia tu ca iddu, sapiti tutti i segreti da me casa, quindi mica vinniru di fora a pigghiari sti picciuli!

 

NINETTA

Pozzu capiri ca me figghiu ha fattu tanti sbagli, ma iddu mai e poi mai, si avissi misu pi rubari a corcunu da famigghia. Mai!  

 

SARUZZU

Ti dicu ca fu to figghiu! Mi fazzu tagghiari a testa ca fu iddu. Ma poi dicu, si ci sirvivanu picciuli, picchì nun mi lu diciva, inveci di rubarimilli!

 

NINETTA

Insisti? Ora u fazzu veniri, e videmu cu havi ragiuni! ( al telefono) io sugnu Totò. Senti, avvicina cca nno ziu Saru che ti deve parrare! Spicciati. (Fine chiamata) U giudici dui ni hava a sentiri aricchi, e poi si po’ giudicari! Sangu me, iddu ci teni a tia e nun l’avissi mai fattu ‘na cosa di chista

 

SARUZZU

Allura, si fusti tu dimmillu e a chiudemu cca sta situazioni!

 

NINETTA

Dici veru? Mi canusci bona e lu sai ca nun l’avissi mai fattu! (Saro si siede, mettendosi la testa tra le mani. Bussano, Ninetta apre ed entra Totò)

 

TOTO’

Chi c’è ziu? (nota disperazione negli occhi della madre) Chi hai mamà?

 

SARUZZU

Assettati. (Totò si siede) Sai ca ti hai vulutu sempri beni. Quannu mi hai chiesto cocchi cosa, ti haju mai dittu no? (Totò dice di no) C’è un problema. Qualcunu mi grapiu a cassaforti e si futtiu a pinsioni. Tu chi mi dici?  

TOTO’

Io? Nun ni sacciu parrari ziu! (Saro sta in silenzio) Canuscennu a mia, pensi ca i picciuli ti pigghiavu ju!

 

SARUZZU

Proprio picchì ti canusciu, sospettu di tia!

 

TOTO’

Ma stai schirzannu o dici veru? Io in famigghia, sti cosi nun li fazzu!  

 

SARUZZU

(Nervoso) Tu nun fusti. To matri nun fu. Cu si li pigghiaru, i spirdi? Viditi ca nun nascivu l’avutru jornu, haju sessant’anni e picciriddu nun ci sugnu!

 

NINETTA

Si veramente convintu ca i picciuli ni pigghiamu nuatri! Havi di quant’havi chi muriu to mugghieri ca ti pascio comu si fussi me maritu! Ti lavu, ti stiru, ti cucinu, ti fazzu a pulizia e hai u curaggiu di diri sti cosi!

 

SARUZZU

Ora chi fai, mi stai rinfacciannu tutti cosi? Chistu mi fa capiri ca i cosi i facivi tirati pi aggi! – gola-

 

NINETTA

Nun ti stai rinfacciannu nenti! Ti dissi comu stannu i cosi, pi fariti capiri ca nuatri semu a to famigghia! E nun ni apprufittamu di tia!

 

SARUZZU

I megghiu pugnalati, chi parenti si ricivinu! Di davanti a bella faccia, e appena voti li spaddi, i pugnalati quantu sunnu mancu si ponnu cuntari!

 

TOTO’

Dopo tuttu chiddu chi ha fattu me matri pi tia, pensi chistu? Prima di ammazzari un cristianu, assicurati ca vali la pena fallu! Dopo ca lu fai, chianciri sunnu lacrimi persi. (Esce insieme la madre che piange)

 

SARUZZU

(Si siede) Nun pensu ca sunnu così bravi a recitari da pigghiarimi pi fissa! Me soru, a canusciu bona e nun l’avissi mai fattu! Me niputi, è tuttu pa famigghia, ma è puru veru ca i picciuli fannu veniri a vista a l’orbo! A mia mi mancanu un saccu di picciuli! Si me soru nun fu, me niputi mancu. Allura, cu potti essiri? (Cala il sipario)

 

 

   

Fine primo atto

 

 

  

 

Secondo atto

 

 

(Scena medesima come nel primo atto. Essendo passati due giorni, Saro sarà vestito, senza indumenti pesanti. Entra, portando tra le mani un piatto di pasta. Lo posa sul tavolo, prende dal mobile una bottiglia di vino)

 

SARUZZU

Comu si vidi, ca mi manca l’aiuto di me soru! Sulu un piattu di pasta mi fici, pari ca avissi fattu u pranzo di natale! (Si siede. Mangia e si disgusta) O sugnu ju ca nun mi fidu a cucinari, o sta pasta ma vinneru pi colla! (scosta il piatto) Si mi la manciava cruda, cchiù duci era! Mancu sugnu bonu pi mia! (Bussano) avanti ca è aperto!

 

POSTINA

(Entra una postina con la borsa della posta. Cicciona porta le trecce e occhiali da sole) Signor Saruzzu, a porta aperta a lassa? Si trasi cocchi zingaro, lu po’ violentare!

 

SARUZZU

Ca bonu, accussì mi fa ripigghiari un poco!

 

POSTINA

Lei u sapi che ho un debole per lei, (Avvicinandoglisi e Saro indietreggia) si facissi violentare da me!

 

SARUZZU

Nun ti avvicinari, se no, ti rumpu u tavulu in testa! A purtasti a pinsioni?

 

POSTINA

(Si siede) Pensa a pinsioni, trascurannu tantu beni di Dio! (toccando il seno) Mi fici a consegna da posta, e di cursa jvu a scanciari l’assegno, tutto per lei! No pi vantarimi, postini comu mia o paisi, nun esistinu!

 

SARUZZU

(Tra se) Mi pari logico ca nun esistinu,  è l’unica postina di due cento chili! Ora, dammi a pinsioni e te ne puoi scappare di cursa!

POSTINA

Mi dicissi ‘na cosa, nun è pi farimi i fatti so, comu mai so soru Ninetta nun vinni a pigghiarisi a pinsioni, comu ogni misi?    

 

SARUZZU

Chi t’interessa! (Inventa qualcosa) Nun vinni picchì...picchì...a jatta si vuliva muzzicari a coda ci girò a testa e ci vinni a diabete!

 

POSTINA

(Sconvolta) Ma chi dici? comu po’ essiri una cosa di chista?

 

SARUZZU

Me soru ci lu diciva, nun ti muzzicari a cuda ca ti veni a diabete! Ora è costretta a starisi a casa, a farici punture di vasellina.Ogni jornu ci metti u zuccaru ‘nto sangu, se no, ci diventa amaro.

 

POSTINA

A signora Ninetta, santa fimmina di altri tempi! Si avissi statu ju, a jatta cu diabete mi l’avissi fatta chi patati o furnu! A proposito, ma chi mancia?

 

SARUZZU

Ova strapazzate fatte a pic pac! (Ira)  Nun si vidi ca è pasta?!!!

 

POSTINA

Pasta? A mia mi pariva frutta di marturana, disegnata! Allura è vera? (Tenta di toccarla e con un urlo Saro, la fa ritirare)

 

SARUZZU

Ritira le zampe, chendi chendi! Nun hai chiffari? Dammi a pinsioni e smamma

 

POSTINA

(Prende una busta dalla borsa e la consegna) Tenga! Sunnu tre mila euro! (Saro guarda dentro la busta, conta con gli occhi) mu meritu un beddu baciu sechisi sechisi? (Pronuncia le labbra per un bacio. Saro si scansa)  

 

SARUZZU

Ti meriti un corpu di lignu grossu grossu!

 

POSTINA

(Ritrae le labbra) Nun sacciu si l’ha sintutu, per ora o paisi ci ha statu a scanna di vicchiareddi!

 

SARUZZU

Stannu ammazzannu a tutti i vecchi, pi fari spaziu?

 

POSTINA

No, tutti i pensionati derubati! Cu dici fu una vistuta di monaca, cu dici fu unu vistutu di zorro, sta u fattu ca i pensionati, l’hannu lassatu nudi e crudi.

 

SARUZZU

C’è di scantarisi allura! Nuddu nenti fa, pi evitari sti cosi?

 

POSTINA

Mica si sapi cu è! Sunnu talmenti bravi, ca si travestinu da monachi, parrini... (Si lancia su Saro stringendolo) Non si preoccupi, la salvo io dalla gente cattiva!  

 

SARUZZU

(Si libera, respirando) Mi salvi di iddi e mi ammazzi tu! Levati di cca, ca nun fazzu trasiri a nuddu, mancu ai testimoni di genova! Ora vatinni!!

 

POSTINA

Si ti vonnu ammazzari, mi fai uno squillo che ti salvo io! (Si alza) mi nni vaju, ni videmu!

 

SARUZZU

(imita a distanza la stretta di mano con la postina, la quale cerca di stringergli la mano, ma non riesce perché Saro la ritrae) Grazie di cuore di chiddu chi facisti! U Signuri ti lu paga! (la postina, resta immobile a guardarlo con occhi di chi chiede qualcosa) Chi vo? Vai, in pace figliuola!

 

POSTINA

O nun capisci, o fa finta di nun capiri! Mi la miritassi a mancia, o no?

 

SARUZZU

Certu! Assettati e mancia! Da dintra, c’è navutru pignatuni di pasta. Ta po’ manciari tutta, tantu l’haju a jettari!  (Porgendole la sedia)

 

POSTINA

A lei nun ci po’ fari acidità ‘nto centrino du stomaco, ca mi l’haju a manciari ju! Dicu, la ricompensa pi lu piaciri chi fici, nenti mi da?

 

SARUZZU

Nun sulu ca ti fazzu travagghiari, vo puru picciuli! Certu ca bonu ragiuni tu

 

POSTINA

Ah si? Si c’è veru u Signuri, i picciuli ci hannu a divintari tutti pidocchi (Con un gesto della mano, lo manda a quel paese, e va via)

 

SARUZZU

Nun sulu a fazzu travagghiari, voli essiri puru pagata. Avissi a pagari a mia ca la tegniu impegnata e si lamenta! Bho! Posu sti soldi nna cassaforte. (sta per uscire e si ferma)Si li mettu dda, cu si li pigghiò a prima vota, ci ritorna. (Pensa) dunni li pozzu mettiri? Sutta u telefonu! Cu si immaggina i picciuli sunnu misi cca sutta? Nuddu! Ognunu pensa posti segreti, e cca nun cerca nuddu! (In mano poche banconote)chisti picca li mettu nna cassaforte, così u ladru ca cerca, vidi ca c’è pitittu! (Esce. Bussano e rientra in scena) nun c’è nuddu dintra! È inutile ca tuppuliati!

 

LUCIA F. S.

Signor Saro, sono io Lucia! La prego mi apra! Non mi lasci fuori!

 

SARUZZU

(di scatto va ad aprire) Pi lei, subitu mi stoccu li jammi! (Entra Lucia. Indossa un vestitino con la gonna. Le bacia la mano) Signorina Lucia, è un piacere vedere che mi compare dentro le popille come a madonna

 

LUCIA

Il piacere è tutto mio. Mi scusi se l’ho disturbata, sono tornata per chiederle scusa. Mi sento tanto in colpa con lei.

 

SARUZZU

In colpa con me? E picchì?

 

LUCIA

Ricorda due giorni fa quando la offesi dicendole parole offensive davanti mio padre? Mi sono pentita e non le do colpa! Durante il giorno chissà quanti ne vede come mio padre. Sono venuta a scusarmi, prima di partire!

 

SARUZZU

(Commosso) Mi sta pigghiannu una commozione celebrale, mai provata prima. Nun ci pinsassi cchiù e si assetta! (Le porge la sedia e Saro, gli si siede accanto) ha detto che deve partire? Dove va?

 

LUCIA

Vado in un altro paese. In questo, ho già dato tanto a quei poveri vecchietti. Vado là dove posso ancora dare, ma soprattutto ricevere!

 

SARUZZU

Signorina, lei da a chisto da a chiddu, e a mia nun mi da nenti?

 

LUCIA

A lei? (ad ogni carezza, Saro fa il bambinone) a lei ho già dato! Anzi, lei mi ha dato più di quello che mi sarei aspettata!

 

SARUZZU

(Scatta in piedi) Un momento! Veramente io a lei, ancora nun ci haju datu nenti! Nun facemu che ha abusato di mia mentre dormivo e si fici u self service?

 

LUCIA

La sua ricompensa nei miei confronti è stata molto ma molto gratificante!

 

SARUZZU

(Si vanta) Lei deve sapere più l’età avanza, più pigghianu valuri! Certe volte, quannu fazzu abilii cu me soru o me niputi, mi stricanu ‘n terra!

 

LUCIA

(Si alza) prima di andare le volevo dire una cosa(Triste) Sono una povera vedova, casa in affitto, tanti debiti e un piccolino di cinque anni da crescere! Mi piace apparire bella, dietro di me tanti problemi! (Piange)

 

SARUZZU

(Si commuove) Nun chiancissi così, mi fa emozionare! (Cerca nelle tasche) manco haju u fazzulettu, pi sciusciarimi u nasu! Nun chiancissi cchiù per favore, se no sculu tuttu (Si asciuga il naso nella manica)

 

LUCIA

Mi spiace averla ferita, le chiedo scusa! (Accentua il pianto) Morirò di fame

 

SARUZZU

(Parla mentre piange) Lei mica mi ha ferito, mi sta spaccannu u cori a metà, comu un cocomero a primavera! Nun si preoccupassi, si risolve tutto!

 

LUCIA

Come si risolve senza soldi! Questi sono problemi miei, non suoi! (Piangendo, si avvia sulla porta lentamente. Girandosi lo saluta) Bye bye!

 

SARUZZU

(Piange vedendo Lucia allontanarsi) Bau bau! (Viene colto da idea) Fermi tutti! (ferma Lucia sulla porta) Ho trovato a soluzione! i picciuli ce li do io!

 

LUCIA

Lasci stare! Lei vive da solo, quei pochi soldi che ha le servono per vivere!

 

SARUZZU

Se pi chistu, io vivo puru nna funtana! Mi dicesse quantu ci servono ce li do

 

LUCIA

Me ne servono così tanti, che non oso nemmeno dirglielo!

 

SARUZZU

Nun si scantassi, osi osi! E poi nella vita bisogna aiutari chi havi di bisogno, pi costruire una casetta in canadà! (Allude al cielo) Allura, mi dicissi!

 

LUCIA

Mi servirebbero cento euro per comprare un piatto di pasta a mio figlio!

 

SARUZZU

Aspittassi ca li vaju a pigghiu! (Esce da destra di corsa andando in bagno e rientra dandole i soldi) Ecco qua!

 

LUCIA

Non è giusto dargli solo la pasta! Mi servirebbero cento euro per comprargli anche il pane!

 

SARUZZU

Giustissimo!Aspittassi li vaju a pigghiu (Di corsa va,rientra dandole i soldi)

 

LUCIA

Gli do il pane semplice? Mi servono altri cento euro per condirlo con pancetta, porchetta, calamari, salsiccia! (Saro di corsa esce e rientra con i soldi, sempre più affaticato) Dopo il pane non gli do nulla? Mi servono cento euro per comprargli la frutta fresca stagionata! (Saro di corsa va, rientra col fiatone e da i soldi) Che fa dopo la frutta gli faccio mancare il dolce? (Saro esce e rientra strisciando a terra e le da i soldi. si rialza a stento) dopo il dolce mio figlio...

 

SARUZZU

(Adirato) Aaaah! Lei non pensa a suo figlio ch’è abituato a moriri di fami, appena si vidi tuttu stu manciari davanti, da cuntintizza scoppia di salute!

 

LUCIA

Ha ragione! Non ho parole per ringraziarla! Mi ha dato cinque cento euro! Come farà ad andare avanti, fino a che non le daranno l’altra pensione?

SARUZZU

Lei nun si preoccupassi, ca già a pinsioni ci l’haju dintra!

 

LUCIA

(Sorpresa) ah bene! Allora penso che non partirò più per oggi. Mi tratterrò ancora un po’ solo per lei! (Dandogli teneri pizzicotti sulla guancia. Saro s’intenerisce) 

 

SARUZZU

(Felice) pi mia?

 

LUCIA

(Lo accarezza dolcemente, facendolo rabbrividire) Solo per lei! ho tanto ma tanto bisogno di coccole, di una persona bella e buona come lei!

 

SARUZZU

(Si addolcisce alle carezze) Signora Lucia, lei con le carezze che mi fa, sta risvegliando la bestia ch’è in me. Nun dicissi ch’è curpa mia si ci blocca a crescita! (Qualche secondo)...Facemu ‘na cosa! Mi aspetti io vado e torno

 

LUCIA

(Spaventata) Mi lascia sola? Non mi dica che va dai carabinieri, vero?

 

SARUZZU

Ma quannu mai! Si mittissi comoda, facissi finta ca è a me casa! ( Indietreggiando fino alla porta, le manda bacetti la quale risponde. Poi va, lasciando la porta socchiusa)

 

LUCIA

Riesco a farli cadere tutti ai miei piedi! altro che ladra, il mio era un destino da diva! (Ride) Prima che torni sto scemo, vado a prelevare la pensione dalla cassaforte...se non erro la combinazione è (Pensa ) ah si! 1,9,5,0. È stato un gioco da ragazzi scoprirla. La maggior parte dei vecchietti, usa la propria data per paura di dimenticare il codice! (esce, rientra scossa) è vuota! Mi ha detto di averla presa. Mi ha mentito! Oppure li ha nascosti da qualche altra parte! (Cerca in tutti gli oggetti visibili in scena) ma dove li ha messi? Do una controllata in bagno (Esce da destra)

 

SARUZZU

(entra in punta di piedi con un mazzo di fiori. Si sentono urla di disperazione. Sottovoce) Si sta facennu bella pi la prima notte di miele con me per stare incollati sotto le lenzuola a fare zic zac zic zac. Ci fazzu ‘na sorpresa! (Si nasconde dietro la poltrona, in modo che Lucia non lo veda)

 

LUCIA

(Esce disperata) ma dove sono, dove sono! (Lucia va a telefonare) Sono Laura! (Saro si meraviglia) – Non venire, non ho trovato nulla! Chissà dove cavolo li ha nascosti i soldi, quel cretino! – Me l’avevo detto di aver preso la pensione. Proverò un altro giorno visto che non trovo nulla...(Lucia esegue un movimento rotatorio, facendo cadere il telefono. Vede i soldi e li prende ridendo) Li ho trovati! Quell’imbecille li ha nascosti sotto il telefono! (Saro si morde le dita) Ti aspetto, ma cambia vestito stavolta, non vorrei che capisse qualcosa! (Lucia ride e si conserva i soldi. Saro fa rumore per caso. Lucia sistema il telefono ed esce da destra. Saro esce)

 

SARUZZU

(Parla piano) A scusa da vedova allegra, mi futtìu! (Innervosito) Mi fidava di sta zoccola fitusa, fa cchiù schifu du gabinettu du stadiu! Sta disgraziata!

 

LUCIA F. S.

Chi c’è di là? È lei signor Saro?

 

SARUZZU

(Con falsa serenità) Si gioia! Sogno io! Che fai di là, stoccati le jamme qua!

 

LUCIA

(entra in scena) Mi perdoni signor Saro, temevo ad uscire credevo fossero i ladri! ( vede il mazzo di fiori) ops! Questi sono per me?

 

SARUZZU

Sono per lei, però mi sa che ho sbagliato fiori! (Col sorriso) Si sapiva tuttu chistu, ci purtava un mazzo di crisantemi!

 

LUCIA

Il crisantemo si porta ai morti!

 

SARUZZU

Appunto! (Nel modo di porgerglieli, fa la mossa senza che lei lo noti, come se volesse tirarglieli)  

 

LUCIA

Lei è molto gentile! Sono stata fortunata ad incontrarla!

 

SARUZZU

(Col sorriso) Chiddu chi dicu puru ju! Cu lei mi misi, l’acqua dintra e u rubinettu fora! (Bussano) Nun aspettu a nuddu, e nun grapu ( Lucia va per aprire) Ferma lei! picchì havi tutta sta premura di grapiri? Aspetta quarcunu?

 

LUCIA

Non aspetto nessuno! Apro per educazione! Potrebbe essere qualcunu che ha di bisogno! (Va ad aprire)

 

SARUZZU

Cu havi pietà di avutri, i so carni, si mancianu i cani!

 

COMPLICE TRAVEST. DA DONNA

(ben vestito. Si camuffa la voce da donna) Buongiorno a tutti! Lucia figghia mia, havi cinquant’anni ca ti cerco! (piange due secondi. Vede  Saro) Stu cristianu assumigghia a bonanima di to nannu Ciccu Peraficu, chiddu chi murìu di astioperosi! (Saro Si tocca) cu è, u to zitu?

 

LUCIA

Ma che dici mamma! questo è il signor Saro. È una persona speciale!

 

COMPLICE

(Dandogli la mano) Piacere, sono la mamma di lei, mia figlia di suo patre!

 

SARUZZU

(Dandogli la mano) Piacere, sugnu u niputi di me nannu, figghiu di me patri

 

COMPLICE

Figghia mia, da una strinciuta di mano ho capito che la fortuna è cieca, tu incontrando a stu bravo signore, a pigghiasti di pettu!

 

SARUZZU

Io a lei nun la canusciu. No pi farimi i so fatti, a lei cu ci lu dissi ca so figghia era a me casa?

 

LUCIA

(Il complice non sa che dire ed esita. Lucia interviene a lampo) è stato l’istinto materno a portarla da me! Vero mamma?

 

COMPLICE

Ca certo. Se non era pi iddu, io mancu viniva! L’istinto mi dissi a strata pi arrivari cca! Lei deve sapere (A Saro) la mamma è sempre la mamma!

 

SARUZZU

(La guarda per bene) Lei, mamma cu sta faccia? A mia mi pari un incrocio tra omo sapiens e fimmina nun sapiens!

 

COMPLICE

Visto che have sti dubbi, secunnu lei, chi nni po’ nesciri fora?

 

SARUZZU

Un cristiano cogliones!

 

COMPLICE

A mia sti cosi? Lei deve ringraziare ca c’è mia figghia ca mi guarda, se no ci sfardava a lingua e ci la purtava a sarta!

 

LUCIA

Perché dalla sarta?

 

COMPLICE

Pi farici misurari li paroli a stu vastasu, quannu parra cu mia! Chi cosa è sta vastasata con una signora di Ottanta voglia di campare! ma poi, lei mica è mamma, quindi nun po’ capiri chi significa istinto!

 

LUCIA

Signor Saro, le chiedo scusa se mia madre ha inveito su di lei, è l’età che la porta a sbandare di cervello! Accetti le mie scuse!

 

SARUZZU

Non si scusi affatto Signorina Lucia! Sono io che mi scuso con lei! (Guardando il complice per bene, il quale cerca di nascondersi il viso) vero ca mi mancano deci gradi sotto zero nna vista, lei somiglia a unu chi dumannava picciuli! Vero?  

 

LUCIA

(teme che Saro, capisca la truffa) Il mondo è piccolo, ci somigliamo in sette

 

COMPLICE

Diccilla a verità. Vero, ho un fratello gemello, chiede l’elemosina è tutto sciancato! –zoppo- Mischinu! (Piange) quannu ci pensu, mi eccito!

 

LUCIA

(Al complice) Su mamma non fare così! Signor Saro io e mamma andiamo!

 

COMPLICE

(Gemendo) si si, amuninni! Voglio andare a sfogarmi a casa! chianciri nelle case delle altre cristiani, mi fa emozionare! Mi dispiace, non è cosa mia!

 

SARUZZU

(Prende in disparte Lucia) Sacciu che non è il momento giusto, siccome ci tinissi a rividilla, le chiedo si mi putissi dari...u so numero di telefono!

 

LUCIA

Certo! (Dalla tasca esce un biglietto) Questo è il mio biglietto da visita. Usualmente lo do nelle case di riposo per anziani, per fare la badante. Per lei farò una eccezione! (Gli da il biglietto)

 

SARUZZU

Nun si scantassi, cu mia a voglia di guadagnare soldi! Le farò una pubblicità ca lei i soldi li guadagnerà ad alluvione!  

 

COMPLICE

Ci raccomando, ogni ventisette del mese, ci chiamassi a me e mia figghia ca idda, veni a fari piazza pulita!

 

LUCIA

(Lo spinge a d uscire) Ci vediamo Signor Saro. A presto! (gli manda bacetti e Saro ricambia. I due escono) 

 

SARUZZU

(furioso) chi ci siccassi a tutti e dui a radice quadrata di peri, così nun caminassiru a cunsumari i cristiani! Senza vulillu, scoprivu i ladri ca futtinu pinsioni. (Guarda il biglietto che le aveva dato Lucia) A signora Lucia...ma quali Lucia, puru u nomi favusu havi, si chiama Laura! Brava e gentili, di lu dispiaciri mi l’avissi sposata, inveci viditi chi faccia di butta...(Si tappa la bocca e lancia il biglietto. Si siede con tristezza, poi va a telefonare) Ciao Ninetta! Scusa ca vi disturbo, viniti tu e Totò, vi devo parrari con urgenza! Vi aspetto!(Chiude chiamata. Va a sedersi segnato dal dolore. Qualche secondo e bussano. Saro apre ed entrano Lucia e Totò affannati)

 

NINETTA

(Saro torna a sedersi) Chi c’è Saruzzu cu sta urgenza!

 

TOTO’

Ziu, ti senti mali?  Vaju a chiamu o dutturi?

 

SARUZZU

(Afflitto) Grazie, assittativi!(Ninetta e Totò si siedono) nun vi preoccupati. Stati sereni, tantu ju nun lu meritu tantu interesse di vuatri!

TOTO’

Ma chi dici ziu! Si nun ti lu miritassi, ne io ne me matri vinivamu di cursa!

 

SARUZZU

Vi ringraziu cu tuttu u cori. Vi chiamavu pi dirivi...scusa!

 

NINETTA

Quali scusa Saruzzu?

 

SARUZZU

Chidda di avirivi fattu ladri di li me picciuli e vi jettavu fora! Dubitavu di vuatri, nun cridivu alla vostra sincerità! (Si inginocchia e piange) Perdono!!

 

TOTO’

(dispiaciuto si guarda con la madre, poi alza lo zio) Nun c’è bisogno di mittiriti in ginocchio! Anchi si tra di nuatri ci fu stu malinteso, nun significa ti purtamu odio! L’odio u portanu l’ignoranti. Nun pinsamuci cchiù. Semu ‘na famigghia sia nel bene che nel male! (Saruzzu piangendo abbraccia Totò, unendosi anche Ninetta)

 

NINETTA

(si siedono tutti) almenu, i truvasti sti picciuli?

 

SARUZZU

No, ma scoprivu cu fu. O paisi da un periodo di tempu, giranu dui ca ingannanu i vecchi e futtinu pinsioni. A mia mi successi dui voti, cu una fimmina. Scoprii u codici da cassaforte, ancora nun sacciu comu. (Pensa) Nun facemu ca quannu mi allisciava, mi tirava li vermi di lu stomacu, e io...

 

TOTO’

Quantu tira un pilu di fimmina, mancu un carrettu di viteddi

 

NINETTA

Ti facisti futtiri di mano e mano! L’avissi a sapiri, quannu u diavulu alliscia e signu ca, voli l’anima! Comu putisti fari a cascarici?

 

TOTO’

A fimmina quantu voli fa! A nuatri masculi, ni girianu e ni firrianu comu vonnu. Nuatri, cretini  ca ci cascamu! I fimmini, siti a cunsumazioni!

 

NINETTA

(Adirata) Siti i masculi, ca aviti u ciriveddu sempri a ‘na cosa sula! E mi fermu cca!!!

 

SARUZZU

Sintiti a mia, vogghiu risolviri sta situazioni di picciuli!

 

TOTO’

A vo risolviri ora ca fusti, curnutu e vastuniatu?! Prima ci havia a pinsari!

 

SARUZZU

No pi picciuli. Vogghiu firmari a sti dui latri. Nun vogghiu ca continuanu a futtiri avutri poveri vicchiareddi chi campanu cu ‘na misera pinsioni!

 

NINETTA

mi piaci sta pinsata! Chi vulissi fari?

 

SARUZZU

Mi servi puru u vostro aiuto sopratuttu u tuo, Totò! Ri di soldi ca tu trafichii, ci n’hai cchiù pi manu?

 

TOTO’

Pi sfurtuna mia, pi campari sempri du travagghiu fazzu! Chi nna fari tu?!

 

SARUZZU

Senti a mia, pigghia tutti i picciuli chi teni dintra e mi porti cca a mia ora stissu, ca poi ci pensu ju!

 

TOTO’

Tu si pazzu! Mi vo fari arristari! Vidi ca sunnu assai! E poi, tu scurdasti ca sugnu sorvegliato! Appena, mi vidinu cu cocchi cosa sospetta, mi arrestanu!

 

SARUZZU

Ninetta, pensaci tu! Mettili dintra cocchi pignata da pasta, fai in modo ca all’occhi di cristiani, nun pensanu ca ci sunnu picciuli! 

 

NINETTA

Prima chi succedi un manicomio, fammi capiri, chi vo fari cu  sti picciuli?

 

SARUZZU

Si vi dicu u piccatu, nun vi pozzu diri u piccaturi! L’applauso alla fine mi l’aviti a fari, no ora! Amunì, picca parole! Ninetta, vai a casa e portami sti soldi. Totò nun veniri, tu fazzu sapiri ju quannu po’ veniri! spicciativi!

 

TOTO’

Ti fazzu aviri tuttu chiddu chi mi dicisti, nun facemu ca mi fai arristari?!

 

SARUZZU

Ma chi fai scherzi! Fammi aviri tutti sti soldi, e poi vidi comu finisci! (Ninetta e Totò escono. Si cerca le tasche) Unni schifia lu misi! (Trova il biglietto da visita a terra) Cca è! (Compone il numero) Pronto? Signora Lucia! Disturbo? –Ci vulissi diri, a vulissi invitari a me casa. - Nun po’ veniri? Peccato, ci havia preparatu un regalino, d’oro! Una cosa di lusso! Sta vinennu di cursa? Stassi attenta a nun rumpirisi u coddu. Purtassi puru a sua matre, ci nne puru pi idda! Baci baci! (Chiude telefono,sputa al telefono) puh, cani di mannara! Nun putiva veniri, appena ci dissi oro, ci attiseru aricchi comu i crasti! Ju sugnu bonu e caru, ma la pigghiata pi fissa nun mi piaci! Iddi, vinniru a rubari nna casa du latru! (Bussano) Cu è? 

 

NINETTA

ju sugnu, grapi! (Saro apre ed entra Ninetta affaticata con un mastello pieno di vestiti. Lo poggia a terra) A vita mi livavu a purtarli fino a cca!

 

SARUZZU

(Esclamazione di ira) Porca da bedda anciova! Chi mi pigghiassi ‘n testa prima a mia e poi a tia! Ti dissi di purtarimi chiddi cosi subitu subitu, e vinisti a vinnirimi i vistiti? Bho!

 

NINETTA

Scricchiati l’occhi e talìa cca! (Ninetta rovescia il mastello coi vestiti, cade un sacco, Saro apre e vede i soldi) ti pari ca cretinu ci si sulu tu, puru ju ci sugnu intelligente!

 

SARUZZU

(Sereno) Brava. A pinsata di vistiti, fu megghiu di mittilli dintra a pignata! Senti chi fai, vai dintra e ci dici a Totò chi metti dintra uno zaino assai carta. Chiossà ci nni metti, megghiu è!

 

NINETTA

Chi vò fari u falò ‘nto bidè?! Oggi, nun ti capisciu!

 

SARUZZU

Troppe domande fai! Dicci a to figghiu di fari stu lavoro e viniti tutti e dui! Smoviti! (Ninetta esce) Chi ci voli a capirmi, l’arti di pinna! Stu saccu dunni u posu? Chi sugnu cretinu. Dintra a cassaforti! (Esce e rientra senza sacco) almeno sunnu sicuri! (Ride sarcasticamente) oggi, mi vogghiu fari dui belli risati! Hannu a essiri belli belli, ca mi hannu a nesciri i tonsilli du stomaco! (Bussano) Arreri cca è! (va ad aprire) Chi ti scurdasti, Ninetta!

 

LUCIA

(aprendo, entra col complice travestito da donna) eccoci qua signor Saro!

 

SARUZZU

(Col sorriso) Che piacere rivedervi! Oggi, me manciari tri chili di carni suprecchiu. (Si salutano e si siedono) Accomodatevi! Spero di non avervi inquietate!

 

COMPLICE

(Voce da donna) Quannu si tratta di soldi, ni po’ chiamari sempre! Io e mia figlia, siamo come la purga. Dove trasemu, facemu piazza pulita! (Lucia gli fa segno di star zitto)

 

SARUZZU

Invece ju sugnu comu u manciari. Mi fazzu pigghiari pi fissa, mi lassu manciari ma prima chi mi cacanu, l’acidità chi lassu, fazzu bruciari puru i corna! (Sorride con sarcasmo)

 

LUCIA

Signor Saro, mi aveva detto per telefono che mi aveva fatto un bel regalino d’oro (Guarda in giro con gli occhi) non vedo nulla!

 

COMPLICE

Si, dissi ca puru pi mia c’è! l’ho sentito dal microfono du telefono! Nun si rimanciassi a parola, picchì ci veni l’acidità ‘nte corna! U dissi lei!

 

SARUZZU

U sacciu, u sacciu chiddu chi dissi, si calmassi signora licca licca!

 

COMPLICE

(Si altera) Come si permette a chiamarmi Licca licca, ci pari ca sugnu collega di so soru?

 

SARUZZU

No, mi pariva ca era parenti du me dutturi, entrambi aviti una cosa in comune. (Fa le corna) Turnamu a nuatri! Veru è u fattu du regalinu, ma chistu alla fine picchì è una sorpresa!

 

COMPLICE

(smaniosa) Ni dicissi ora chi regalo è. Nun mi facissi stari sulle spine!

 

SARUZZU

Pi carità! Nun vogghiu a nuddu supra a cuscienza! (Prende un’altra sedia la porge al complice) si assittassi cca, ca spini nun ci nnè! (Il complice si siede) Ci gratta cchiù il fondo culo? (Complice dice no) Carmativi, prima c’è il dolce e poi...

 

LUCIA

Signor Saro, come mai parla con questi doppi sensi? Qualcosa non va?

 

SARUZZU

Doppi sensi? Io caminu a senso unico! (parla in un confidenza) Vi fici veniri, picchì sugnu cuntenti! U statu, fici un concorso nazionale di impiegati statali, tra milioni di persone vincivu ju u concorso come il pensionato più intelligente d’Italia!

 

COMPLICE

Viditi chi corpo di culu! i cretini hannu sempri cchiù furtuna!

 

LUCIA

(Con cinismo) Ci ha fatti venire, per mostrarci la coppa?

 

SARUZZU

A coppa? Un coppone mi dettiru! Un momentu ca lu vaju a pigghiu! (Sta per uscire e si blocca sulla porta di destra. Si dispera con se stesso attirando l’attenzione dei due)

 

LUCIA

Cosa le è successo? Si sente male?

 

SARUZZU

Maliditta vicchiaia! Mi scurdavu u codici segreto pi grapiri a cassaforti! Semu nne guai. Senza codici nun la pozzu grapiri cchiù!

 

LUCIA

(Dispiaciuta) mi spiace! Non posso aiutarla! Il codice segreto lo sa solo lei!

 

SARUZZU

Allura nenti, vi nni putiti iri a casa, nun vi la pozzu fari vidiri il coppone!

 

COMPLICE

Nun ci chiamassi cchiù a farini perdiri tempu ca coppa du nonno! Io e mia figghia, avemu tante visite da fare! Salutami a nonna! (Afferra la figlia e spedita va verso la porta, le due donne erano gia fuori quando Saro dice...)

 

SARUZZU

Avutru chi coppa du nonno! da dintra ci sunnu ‘na muntagna di picciuli! (i due illuminati da quella parola, rientrano con energia)

 

LUCIA E COMPLICE

1950! 1. 9.5.0. chistu è u codici 1.9.5.0. apri subitu!!!

 

SARUZZU

(bacia i due sfiniti dalla corsa)Veru! L’havia in pizzu a lingua! Menu mali u sapiti vuatri u codice segreto! Senza di voi, ristava nudu e crudu

 

COMPLICE

(col fiatone) Piseddu arrappatu ca si, si mi lu dicivi prima ca ci sunnu picciuli da dintra, ti lu diciva subitu u codici!

 

SARUZZU

(Col sorriso) Aspittatimi cca, ca li vaju a pigghiu! (Esce da destra. Le due donne stanche, si siedono)

 

LUCIA

Pensi che si sia reso conto che siamo state noi a dargli la combinazione?

 

COMPLICE

U taliasti ‘nta facci? Si vidi luntanu un chilometro, ca havi u ciriveddu bruciatu. Si avissimu deci cretini comu iddu, nun ci fussi bisognu di girari tanti paisi, pi futtiri a sti cretini di pinsionati

 

LUCIA

Cretino dici? ma se ha vinto il concorso come pensionato intelligente!

 

SARUZZU

(rientra col sacco, posandolo sul tavolo. Ai due si illuminano gli occhi) Viditi comu è pisanti? Vi pari ca sunnu spicci? Chisti sunnu banconote da 200 e 500 euro! (mostra i soldi pigliandoli dal sacco) Nun parrati cchiù?

 

LUCIA

Non avevo mai visto, così tanti soldi!

COMPLICE

(Afferra il sacco) Chista si ch’è una bella sorpresa! (Cerca di andar via col sacco) Arrivederci e grazie!

 

SARUZZU

(Ferma il complice, togliendogli il sacco) Aspetta dunni vai cosci lordi! Chistu è mio e resta cca!

 

LUCIA

Mi scusi, allora la sorpresa cosa è? Pensavo fosse questa!

 

SARUZZU

No no! Questo è il mio premio d’intelligenza! La sorpresa pi vuatri, si trova a casa di me soru Ninetta! Aspittatimi cca, nun vi muviti la vaju a pigghiu. Un minutu ca posu stu saccu. (Esce da destra. I due si parlano a gesti, si bloccano appena rientra Saro) Regalu comu chiddu chi vi fazzu ju, nuddu è capaci di farivi! Aspittatimi. Ora vegniu! (Esce da sinistra)

 

COMPLICE

(Va alla finestra, si assicura che Saro sia lontano e sorridendo si strappa la parruca) Menu mali ca è u pensionatu cchiù intelligente du terzo mondo! Lassò a pecura in bucca o lupu! (Ride)

 

LUCIA

Smettila scemo! Rimettiti quella parruca, potrebbe tornare da un momento all’altro! (Esce da  destra)

 

COMPLICE

U tempu chi torna, semu ai caraibi, anzi no, alle sei ascelle (Ride a crepapelle)

 

LUCIA

(Affaccia la testa dalla porta) Invece di ridere aiutami a prendere questo sacco! (Il complice, va da Lucia. Entrano, portando il sacco sul tavolo)

 

COMPLICE

(Prendendo i soldi dal sacco, li odora) Chi beddu ciavuru fanno sti soldi, parinu puliti puliti! U sai chi ti dicu? A stu cretinu, sposatillu!

 

LUCIA

Ma che dici! Sono una ragazzina giovane e  bella! Merito di più!  

 

COMPLICE

Tu sposatillu, quando hai bisogno di fare (Allude all’atto sessuale) lascia e raddoppia, mi chiami! (Si avvicina per darle un bacio, Lucia è premurosa)

 

LUCIA

Smettila, non è il momento! Piuttosto, dove li mettiamo questi soldi?

 

COMPLICE

Ni purtamu cu tuttu u saccu!

 

LUCIA

Il sacco no! Se controlla mentre siamo ancora qua, siamo fritti! Mettili nella borsa e il sacco lo riposiamo nella cassaforte!

 

COMPLICE

Ma quali borsa! Nun ci l’haju! (Lucia si dispera) stai calma, appena mi abituo a fari a fimmina, a borsa nun mi la scordu cchiù!

 

LUCIA

Non abbiamo nemmeno un sacchetto! (Cerca in giro in casa, ma non trova nulla. Da fuori si sente fischiettare Saro. I due si spaventano) è già di ritorno! Come facciamo adesso?

 

COMPLICE

M’infilu dintra i mutanni! (Inizia a prendere qualche soldo e li mette dentro i pantaloni. Lucia lo ferma)

 

LUCIA

No lì! Devi metterli in un posto che non diano nell’occhio, non troppo evidenti! (Il fischiettio sempre più vicino) vai in bagno, corri! (Il complice prende la parruca ed esce col sacco)

 

SARUZZU

(entra) eccomi qua. Fuvu velocissimu! (Non vede il complice) signora Lucia, dov’è sua madre?

 

LUCIA

È andata un attimo in bagno! L’ha portata la sorpresa?

 

SARUZZU

La sta portando mia sorella! A mumentu, viditi chi bella sorpresa chi vi fazzu! (Esce da destra il complice con la pancia gonfia. Come fosse incinta) Beddamatri! A lassavu bona, e a vegniu a trovu incinta?

 

LUCIA

(aiutandolo a sedersi gli parla all’orecchio) ti avevo detto che non dava nell’occhio! (normale) mamma, che ti è successo? Chi ti ha messo incinta?

 

COMPLICE

(Affaticato) Figghia mia, nun lu sacciu cu fu. Pensu dui cosi. O foru i peperoncini arrostiti chi mi sono inchiommati nno viddicu – ombelico- oppure, l’odore di mutanni di to patri, mi misiru incinta (A Saro) Lei a sorpresa a purtò? (Bussano)

 

SARUZZU

Cca è, a sorpresa! (Apre ed entra Ninetta e Totò con uno zaino sulle spalle) Signori, vi presento mia sorella Ninetta e mio nipote Totò. (Si stringono le mani)

 

TOTO’

(guardando il complice) taliatilu ch’è bedda! Ma cu è stu Transalpino?

 

COMPLICE

(infastidito parla con la sua voce maschile) Ueh! Ficimu u surdatu nna stissa caserma! Picca cunfidenza!

 

NINETTA

(al complice) Signora, ma di quanti mesi è?

 

COMPLICE

(Torna con voce femminile) Di undici mesi signora!

 

TOTO’

E chi è, ‘na scecca elaborata!

 

COMPLICE

Peggiu! Già mi stricanu ‘nterra! E megghiu ca mi nni vaju! (Si alza per andare e Saro lo fa risedere)

 

SARUZZU

Stassi calma, ca ora a sorpresa arriva! Ninetta, dacci a sorpresa a signora!

 

NINETTA

A sorpresa? Quali sorpresa!

 

SARUZZU

Totò, dacilla tu a sorpresa a ste due signore!

 

TOTO’

Ziu, ma quale sorpresa! io purtavu chiddu chi mi dicisti tu, e basta!

 

LUCIA

Da quello che posso dedurre, ci ha prese in giro! Non c’è nessuna sorpresa!

 

SARUZZU

Signora Lucia, nun si offendesse a sorpresa arriverà (Bussano con insistenza)

 

CARABINIERE F. S.

(carabiniere fuori di testa) Aprite! Disgraziati vi siete chiusi dentro! Aprite o fazzu ‘na strage! (Saro Apre la porta ed entra il carabiniere. Un tipo molto esaltato. Tiene la pistola dalla canna, puntando il calcio sui presenti) Fermi tutti! il primo che batte sopracciglio fazzu ‘na macelleria! (Cammina come un pistolero del west. Scrutando tutti Meglio se i suoi passi, accompagnati da sottofondo west.) Mi chiamo Cicciu Sgarrapicca! Lavoro per un pugno di dollari, certe volte puru pi beneficenza! Ho il settimo senso per stanare i delinquenti! Quando questi mi vedono, si sparano soli per paura d’incrociare il mio sguardo agghiacciante! Io sono me medesimo, il terrore del west! (Saro sbadiglia ed emette un urlo, facendo spaventare il carabiniere che si nasconde) Beddamatri i spirdi ci sunnu!

 

SARUZZU

Signor torrone del west fuvu ju. Mi nisciu un poco di atmosfera du nasu! (il carabiniere è imbarazzato)

 

TOTO’

Menu mali ca è il terrone del west! Unu comu chistu, a guerra a vincissimu!

 

CARABINIERE

(Puntando la pistola) Fermi tutti! o vi sparu due sarde salate in testa, ca vi fazzu bruciari i capiddi (Guarda il complice non facendosi persuaso) Scusi, lei ha la faccia da maschio e la pancia da femmina, comu mai?

 

COMPLICE

Sono un incrocio! Dalla faccia alle minne somiglio a mio padre, dalle minne alla pancia a mia madre. dall’ombelico in giu, somiglio a mio padre!

 

TOTO’

Signor carabiniere, chistu è un transgenetico! (Ride)

 

COMPLICE

(Voce da uomo) Trans to patri c’è, scimunito!

 

TOTO’

(Infuriato) Si vegniu docu ti vunciu a faccia comu un tamburinu! (Si stava per scagliare sul complice)

 

CARABINIERE

(Puntando la pistola su tutti) Fermi tutti! O vi sparo dui piselli senza piombo ca di la velocità, vi fazzu fari aciditità! (A Totò, il quale ha già le mani in tasca) tu ca fai il sapientone vinni cca pi tia! ti sorvegliavo da giorni, seguivo ogni tuo passo. Aspettavo il momento di trovarti con le mani nel sacco! Sei finito! (Ride)

 

NINETTA

Veramente me figghiu havi i manu nna sacchetta, no nno saccu!

 

LUCIA

Si però, suo figlio un sacco sulle spalle ce l’ha! Ha ragione il signor sbirro!

 

SARUZZU

No no, chiddu è zaino no sacco! Vuatri nun capiti ca...

 

CARABINIERE

(interviene) Fermi tutti! o vi spremu comu racina e vi imbottiglio comu funghi sciampignon! Decido io! L’ho trovato con le mani nel sacco, ma però l’havi supra i spaddi u zaino! Non voglio nemmeno vedere, so cosa c’è lì, (Annusa lo zaino) sento l’odore di sporco! Andiamo in carcere

 

COMPLICE

(Premurosi)Signori voi facete con comodo. Nuatri ce ne andiamo!

 

SARUZZU

(Li ferma) un momento! Signor piedipiatti, prima di rovinare la sorpresa finale, lei non può incolpare me niputi senza nemmeno aver visto chi havi dintra u zaino! E poi, nun jettassi vuci, c’è la signora masculitata incinta!

 

NINETTA

Me figghiu è innocente! U fici ju, quindi u sacciu ca è innocente!   

 

CARABINIERE

Innocente? Allora in carcere cosa è andato a fare, una vacanza? Su non perdiamo tempo, svuota stu sacco a pelo e vieni con me!

 

NINETTA

(con rabbia) ooh! Ma quale sacco cu pilu! Chistu è u zaino du me tris nannu, quannu si pigghiò a laurea di zappatore! È uno zaino storico, senza sbagliari a parrari.

 

CARABINIERE

Ok, mi chieda scusa signora! svuota lo zaino della preistoria, subito!

 

TOTO’

È inutili ca facisti e dicisti ziu, ora sempri in carciri mi nni vaju, pi culpa tua!  (Svuota lo zaino e cade a terra tanta carta)

 

CARABINIERE

Ora possiamo andare in carcere!

 

SARUZZU

(Prende un po’ di carta per terra e la fa notare al carabiniere) Lei è il torrone del west che arresta un cristianu, picchì nno zaino havi carta?

 

CARABINIERE

Carta? (la guarda bene) Io pensavo fossero ...

 

SARUZZU

Lei nun hava a pinsari, havi a taliari! Me niputi mi stava purtannu carta pi arrostire carne di porco! U vitti chi so occhi, ca supra lu cuntu di me niputi vi sbagliavavu? Mio nipote non è ne truffaldino ne ladro! È onesto!!!

 

CARABINIERE

Allora è vero, ci siamo sbagliati sul suo conto! Farò rapporto di quanto ho assistito e farò sciogliere la sorveglianza! Strano, sentivo puzza di ladro, sarà che mi sono sbagliato! Anche se la sento ancora! (Lucia e complice piano piano si dirigono verso la porta) dove andate voi due?

LUCIA

(Impaurita) Andiamo via, mamma ha le doglie! (Tutti guardano il complice silenzioso. Lucia gli da un colpo di tacco sulla gamba, e urla dal dolore) Avete visto? Andiamo!

 

SARUZZU

(li ferma) Ve ne andate proprio ora, ca c’è a sorpresa? Ninetta va pigghia u vassoio da dintra chi havia priparatu cu spumante. Si festeggia! (Ninetta esce. Rientra e divide i bicchieri con lo spumante) Brindamu a mio nipote che finalmente nisciu assolto dalle accuse. Brindamu pi stu bebè che nascerà! (Va dal complice e gli tocca la pancia. Nota che si affloscia. Tutti si meravigliano) un momento! Picciotti u picciriddu si futteru!

 

NINETTA

(Traumatizzata) Signora, po’ essiri ca già nasciu e lei nun lu vitti nesciri?

 

TOTO’

Po’ essiri ca muriu anniatu! (Ninetta si dispera)

 

CARABINIERE

Po’ essiri ca a panza e tutta molla, picchì u picciriddu è ricchione comu a matri?

 

SARUZZU

Silenzio. Nella mia prima vita, faciva u ginecologico. Se mi permettete, visito io! (Le infila la mano nella pancia, se pur venisse respinto dal complice)

 

CARABINIERE

Fermi tutti! Levi le mani dalla pancia della signora, o ti arresto per molestie sessuali a masculi incinti! (Saro esce la mano tira fuori soldi) Soldi?

 

TOTO’

Talè chi fini fici u picciriddu! Si sfarinò tuttu!

 

CARABINIERE

Fermi tutti! u sacciu ju cosa sono. Quelli sono spermatozoi stagionati!

 

SARUZZU

(Lucia e complice impauriti. Al carabiniere) Controllassi e mi sapi diri chi cosa sunnu!

 

CARABINIERE

(Controlla e appura la falsità dei soldi) Ma questi sono...falsi! (punta la pistola su Lucia e complice) Fermi tutti, o ti faccio abortire io sparandoti due colpi di anestesia cu botto! Dove li avete presi quei soldi falsi! parlate!

 

COMPLICE

Signor sbirro, la colpa non è mia. A curpa è di chistu cca! (Punta il dito su Saro) Chisti sunnu soldi suoi, chi vinciu nno concorso nazionale di pensionato più intelligente d’Italia!

 

SARUZZU

Io Pensionato intelligente? Si fussi intelligente fussi a hollywood, invece sugnu a liccarimi a sarda cca!

 

CARABINIERE

(Al complice) Mi prende per i fornelli? (Prende dalla tascha una agenda e annota tutto) Verrà processato  per  offesa ad un pubblico ufficiale.

 

COMPLICE

Sintissi a mia, sti soldi nun li pigghiavu ju. Li pigghiò sta signorina (Indica Lucia) poi mi passava a mia, e arrivati dintra ce li spartivamu ancora!

 

CARABINIERE

(Si appunta tutto) Verrete arrestati per te tu e te io, cioè traffico di soldi sporchi in luogo chiuso!

 

LUCIA

Signor sbirro, però sti soldi li abbiamo rubati dalla sua cassaforte! (Di Saro)

 

CARABINIERE

Li avete anche rubati? Verrete arrestati per rapina a mano disarmata!

 

COMPLICE

(Parla con voce naturale, maschile e toglie la parrucca) Signor sbirro, u vidi sugnu masculu, era tutto uno scherzo!

 

CARABINIERE

Ha pagato i diritti d’autore alle donne per essere diventato donna? (Complice dice no) Cosa? Sarà arrestato con l’accusa di pirateria per aver masterizzato corpo femminile!

 

LUCIA

La prego, non ci arresti! E la prima volta che ci capita una confusione del genere! Con gli altri  pensionati derubati, non ci è mai successo!

 

CARABINIERE

Cosa? Significa che avete truffato altra gente! Verrete arrestati per molestie pensionistiche a pensionati  violentati psicologicamente!

 

SARUZZU

Vu pozzu dari un consiglio? È megghiu ca vi stati muti, ca ci faciti cchiù fiura! Se no trent’anni nun ve li leva nuddu!

 

CARABINIERE

Lei pensa che se la caveranno con qualche anno di carcere? Li farò uscire quando diventeranno uomini primitivi! (Gli da le manette, facendogliele mettere da soli) Arrestatevi da soli. Porgo le scuse da parta dell’arma dei carabinieri a te Totò. Goditi la vita! (Totò gli da la mano) E ora, (Urla come un militare) Attanzion...attanzion!

 

COMPLICE

Ma chi schifiu voli diri cu stu rattarol?

 

CARABINIERE

Ho detto attanzion, voce del verbo scricchiativi aricchi e fate attenzione! (Urla) Attanzion! (I due eseguono gli ordini) Pancia in fuori, culo in dentro, testa a nord, peri a sud! Amuninni picciotti! (Marciano come militari si avviano ad uscire)

 

SARUZZU

(Implora alt al carabiniere, il quale ferma i due) Un momento! Scusate, vi piacìu a bella sorpresa chi ci fici? A lei signora Laura! Chistu è u so nomi! Facissi con comodo, appena nesci fra cent’anni, aspetto a lei, pi farimi a badante. Scusate l’espressione, ora chi canuscivu a sta persona, (poggia la mano sulla spalla del complice) pozzu diri veru è ca i fimmini hannu i palle (Ride insieme a Totò e Ninetta. I tre riprendono a marciare ed escono)

 

NINETTA

(Tutti e tre felici si abbracciano) Che bello Totò, da oggi in poi sei libero!

 

TOTO’

Tuttu chistu, grazie o ziu Saruzzu!

 

NINETTA

Sulu ora capisciu a sorpresa finali! Saruzzu, comu mai ti vinni sta pinsata du concorso del pensionato più intelligente d’Italia?

 

SARUZZU

Pi ingannari a sti dui ladri u fici! Però, dopo chiddu chi fici, mu miritassi u premio comu u pensionatu più intelligente du paisi. Fici arristari a due truffaldini ca rubavanu i pensionati!

 

NINETTA

Grazie a tia, si sistimaru tutti cosi!

 

SARUZZU

Di chistu nu sugnu strafelici! Però puru ju ristavu senza soldi pi curpa di sti disgraziati! Ancora ci voli navutru misi pi pigghiari a pinsioni!

 

TOTO’

Nun ti scantari ca u lettu e un piattu di pasta nne nuatri nun ti manca!

 

SARUZZU

Io vi ringraziu, ma tu nun travagghi, to matri mancu. Io soldi pi fari a spisa nun n’haju, comu si fa?

 

TOTO’

Stamattina vinni un amicu a circarimi pi travagghiu, ju ci dissi ca nun m’interessava. Ora curru ci vaju e mu pigghiu! Da oggi, a me vita canciò! Mi puliziavu di li me piccati, vogghiu rinasciri, vogghiu crearimi ‘na bedda famigghia, grazie a tia! Ti vogghiu beni ziu Saruzzu! (I due si abbracciano)

 

NINETTA

Picciotti, ni persimu in chiacchere e nun festeggiamu cchiù! (prende i bicchieri e li divide) festeggiamu a una nuova vita ricca di pace, di saluti di amore verso Dio e il prossimo! Ma soprattutto brindamu alla faccia di chi voli u mali di l’avutri e campa supra li lacrimi di la genti! Veru ca si dici: (Con la mano fa segno di rubare) Futti futti ca Dio pirduna tutti, ma è puru veru ca, cu va pi futtiri resta futtutu! Auguri! (Brindano. Cala il sipario)

 

Fine