Finchè dura è sfurtuna

Commedia brillante in due atti di:

 

     Giovanni Allotta

 

 

Belmonte Mezzagno 16/04/09

 

 Prefazione

Due fratelli disoccupati, vivono ancora in casa con la madre e la sorella. La madre li incita a cercarsi lavoro. I due s’inventano un lavoro, a dir poco insolito, i loro piani sono a lungo termine, ma loro non sanno che...

 

Personaggi

Maria                                              la madre

Fulippo                                             il figlio

Tanuzzu                                           il figlio

Laura                                                 figlia

Dottore Cimmi Ciolla          medico di famiglia

Dottore  I. N.P.S.                                 

Zia Marta                                sorella di Maria

Postino

Marco                                    fidanzato di Laura

Signora Franca                     mamma di Marco

Signor Andrea                           zio di Marco

 

                                                               

 

(La scena si svolgerà in una sala da pranzo, dove c’è un tavolo, sedie, quadri, un divano, un mobile. Sul mobile, vi si trova un telefono antico. A destra, ci sarà l’uscita che darà accesso agli attori, nella casa. a sinistra, ci sarà la porta, per andar fuori casa. Sul lato sinistro, c’è una finestra. Nel divano tutto coperto, dorme Tanuzzu, un adulto bamboccio. Maria la madre, donna di mezz’età, con una pezza pulisce la casa)

 

MARIA

(canta forzatamente) Vitti ‘na crozza supra lu cantuni, e cu sta crozza mi misi a parrari, idda mi rispunniu, cu gran duluri, io mossi senza un toccu di campani...la la la lero la lero...Ogni jornu, sempri a stissa musica! Si lava, si stira, si ammira, si schifia, mai ‘na vota, chi si fannu cosi diversi! Vulissi sapiri io, cu fu stu crastu, ca invintò i pulizii! Pozzu capiri, la pulizia ci vuole, mica è giusta ca i fimmini da matina fino a Sira, semu li schiavi da casa? (tira la pezza per aria e si siede) Ma iti a fari ‘nto culu i pulizii e cu li invintò puru! Da oggi in poi, cu si voli fari li fa, i pulizii!

 

FULIPPO

(Entra Fulippo. Un adulto bamboccio) Mamma, io sugna cca! (Vedendola seduta) Chi ci fu un miracolu ca ti vju assettata?

 

MARIA

Da oggi in poi, sono in ferie! Mi siddiò a fari tutti cosi! Ora, cu si voli dari da fari, si alza il culo dalla sedia e si sbraccia!

 

FULIPPO

Mamà, dicennu così mi fai preoccupari! Si nun fai cchiù nenti tu acca dintra, semu ‘nte guai!

 

MARIA

U sai diri ca siti ‘nte guai! Vi pari ca vi facistivu a schiava? Pozzu capiri a to soru ca studia, ma tu e to frati ca ancora a trent’anni, siti schietti vecchi e senza travagghiu!

 

FULIPPO

Ih, e batte sempri cu stu travagghiu! Quantu voti ti l’haju a diri ca la Sicilia è una repubblica fondata sulla disoccupazione!

 

MARIA

E tu mi pari ca fussi, u presidenti di sta repubblica disoccupatica! ...Anzi, comu finì cu du discursu? Ci isti dall’assessore?

 

FULIPPO

Si, ci sono stato, ma... nenti nun successi nenti!

 

MARIA

Comu nun successi nenti? Parra, spiegati megghiu!

 

FULIPPO

Tu veramente hai creduto, ca l’assessore Picchi Pacchi mi dava u travagghiu? I politici, rispettando qualcuno, sunnu tutti vucca! 

 

MARIA

(Disperata) Comu! Stu disgraziato ti aveva promesso un posto di lavoro, e poi, nun si fici vidiri cchiù? Nun c’è proprio di farici affidamento a sti politici! Quannu ti calanu la testa, e comu raccumannari a pecora o lupu!

 

FULIPPO

Nun fari abilii! Tanto, navutru lavoro lo troverò!

 

MARIA

(Insospettita) Però, a mia mi fa diri a testa, ca tu mi stai dicennu cocchi fissaria! Secunnu mia, tu, all’assessore Picchi Pacchi, mancu ci parrasti!

 

FULIPPO

Mamà, sugna sincero! Sugna pulito, comu l’acqua du baccalaro!

 

MARIA

Si si, a tia, sulu io ti canusciu bonu! Tu, o travagghiu, ci hai sempri sparato!

 

FULIPPO

(Stufato) Chi camurria! È curpa mia, si nascivu disoccupatu?! Pari ca fussi un disonori essiri disoccupato!  

 

MARIA

Ca nascisti disoccupatu puru io lu sacciu, ca stai criscennu lagnusu mi pari di averlo intuito!  

 

FULIPPO

Senti, si nun mi cridi, vai o municipio, e ci dici all’assessore si è vero ca mi dissi, ca per ora, travagghiu, nun mi nni po’ dari, picchì a comune è senza soldi!

 

MARIA

E tutti li picciuli chi stanziaru pi fari a strada succursale o paisi, chi fine hanno fatto?

 

FULIPPO

Che fine hanno fatto? Secunnu tia?

 

MARIA

Si manciaru tutti!

 

FULIPPO

U vidi ca ci sei arrivata!

 

MARIA

Mah! E mussolini, vuliva vinciru a guerra!

 

FULIPPO

(Si butta nel divano, là dove si trova coperto Tanuzzu che balza in aria urlando, facendo spaventare Fulippo che si nasconde dietro la madre, gridando) Aiuto, Mussolini c’è! (Maria dallo spavento  chiude gli occhi e fa il rosario)

 

MARIA

Santo Nofrio aiutami tu! San Bartulò aiutami tu! San Bennardo aiutami tu, San Giovanni decollato aiutami tu...(Tanuzzu si toglie la coperta)

 

FULIPPO

Pezzu di cretinu! (Va a schiaffeggiarlo) Mi stavi facennu veniri, un ics!

 

MARIA

(Continua a tenere gli occhi chiusi, facendo il rosario) Santo Pippareddu aiutami tu, San Jachino e San Crispino aiutami tu, San Remo aiutami tu!

 

FULIPPO

Mamà sveglia! Nun è ura di cantari! U vidi cu è, du cretinu di me frati!

 

MARIA

(Idillica) Gioia mia, chi ti vinissi ‘na diarrea elettrostatica, accussì mi devi fare scantare? Sai ca soffro di cervicali ‘nto cori! Mi vò fari moriri?

 

TANUZZU

(Parla in modo goffo e lento) Mamà, ma io stavo dormendo! Quannu io dormo, sugna in tensione, basta una mosca e io mi spavento troppo forte!

 

FULIPPO

(Minaccioso)A prossima vota chi fai navutru scherzo del genere, t’ammazzu cu tutti i sentimenti!

 

TANUZZU

Allura, nun pozzu dormiri cchiù?

 

FULIPPO

Po’ dormiri! Però, ci lu po’ mettiri un cartello fuori, con la deviazione

“ Attenzione, lavori in corso!” accussì, è sicuru, ca nuddu mori!  

 

MARIA

(Vede Tanuzzu triste e lo va a consolare) Basta Fulippo! O picciriddu miu, l’hai troppo amminazzato! – Rimproverato- Sunnu cosi chi capitano!

 

FULIPPO

(Nervoso) U picciriddu? Un citruluni a trent’anni, mu chiami picciriddu!

 

MARIA

È cchiu nicu di tia, quindi è picciriddu pi mia!

 

TANUZZU

Sugna picciriddu, picchì rispetto a te, di età, sono minorato!

 

FULIPPO

Sulu di età sei minorato? Tu scordasti u ciriveddu ca ci l’hai in ferie!  

 

TANUZZU

(Gemente) Mamà, Fulippo non mi vuole benere!

 

MARIA

Nun è vero Fulippo? Dai, diglielo tu, o picciriddu che lo volessi tanto benere!

 

FULIPPO

Si si, lo voglio benere! ma...dimmi ‘na cosa, u trovasti u travagghiu?

 

TANUZZU

No! l’haju circatu, ma nun lu pozzu truvari!

 

FULIPPO

(Infuriato) Certo, dormi fino a tardi, comu fai a truvari travagghiu! Alzati, e vai a circari lavoro, subito! 

 

MARIA

Ueh ueh! Abbassa a vuci! Inveci di trattari così a to frati, pensa pi tia, ca tu si peggio di iddu! Parri così, comu si tu, fussi un lavoratore nato e cresciuto!  

 

FULIPPO

Vidi ca io quannu c’è di travagghiari, fazzu la qualsiasi! Quannu lavoro nun c’è ne, mi riposo e pensu, dunni pozzu iri a circari travagghiu!

MARIA

Combinazioni, vai sempri dunni travagghiu nun ci n’hannu!

 

FULIPPO

Almeno ci provo a fari stu sforzo! Inveci iddu chi fa? Dormi! (A Tanuzzu) ...ma va jettati a mari!

 

TANUZZU

(Piagnucolando) Mamà, Fulippo mi dissi cretino!

 

MARIA

Veramente, to frati ti dissi, va jettati a mari!

 

TANUZZU

Ma io non sacciu nuotare, quindi sugna cretino! (Piange)

 

FULIPPO

Finalmente! ‘na vota ogni tantu, ci sentu diri ‘na cosa intelligenti!

 

MARIA

Sintiti a mia, chiddu chi vaju a diri, aviti a pinsari ca io ormai sugna vecchia, chi mi ponnu ristari avutri cinquanta, centu anni di campari!

 

FULIPPO

Cent’anni? Appena mori, inveci du cimiteru, ti purtamu direttamente e catacombe!  

 

MARIA

Parrò a scimmia di tarzan! Cu li quattro sordi di pensione chi ni dannu di la buonanima di vostru patri, nun si po’ fari cchiù nenti! Semu quattro, dintra sta casa e...a vita è cara! Avemu di ringraziari u patri eternu ca riniscemu a manciari! Vuatri ogni giorno, vi passate di mano e mano u pinseri di circarivi un impiego! Ora basta!

 

TANUZZU

Menu mali, di oggi in poi nun si pensa cchiù a circari travagghiu! Sono felice!

 

MARIA

Allura veru cretinu si! Io, intendevo, ca nun vi vogghiu cchiù sentiri parrari di travagghiu...

 

FULIPPO

(interrompe Maria e le si genuflette davanti) Perdonami Mamma! non parlerò MAI più di lavoro! Mi avissi a fulminari u ciriveddu, si nun ti stai dicennu a verità!

 

TANUZZU

Io pure mamma! Ti prometto, ca mancu mi sognu di travagghiari! Vogghiu campari cent’anni comu u nonno Peppi!

 

MARIA

Tu, u sai picchì to  nonno Peppi campo cent’anni?

 

TANUZZU

Picchì, si faciva sempri i cazzi so!

 

MARIA

(Rabbia trattenuta) Campò cent’anni, picchì travagghiò fino alla morti! (Tra se) Dico jo, ni avissi fatto un figghiu bonu! Dico, almeno unu cu ciriveddu!

 

FULIPPO

Mamà, tu dicisti, nun vò cchiù ca nuatri parramu di travagghiu, giustu? Mica ci voli l’università pi capiri ca tu ni voi lagnusi e contenti!

 

MARIA

Facissi un pellegrinaggio a Santa Rosalia, a pedi nudi e cu culu di fora, pi farmi ‘na grazia di aviri dui figghi cretini, ma lavoratori! Vi diciva, nun vi vogghiu cchiù sentiri parrari e dico parrari, di travagghiu! Ma!,da questo momento in poi, vi dovete isare il culo dalla seggia e...(Urla, tanto che i due cadono a terra ovunque essi si trovino) Truvarivi u travagghiu! Se nò, stasera, vi putiti fari li valigi e partite! (Entra Laura un’altra figlia di Maria con in mano un registro. Una ragazza giovane e molto affabile)

 

LAURA

(Sbalordita) Mamma, ch’è successo! Perché queste voci? E voi che fate a terra?

 

TANUZZU

A terra si sta belli freschi!

 

LAURA

(Va dalla madre ch’è esasperata) Cos’hai mamma! Cosa è successo?

 

MARIA

(Con rabbia) Entro stasera, si devono trovare il lavoro, se nò, li jettu fora! Laura, non pinsari ca niscivu pazza, ma nun è giustu alla loro età, fannu i so porci comodi e io, ci fazzu la schiava! La mia non è cattiveria, chista è un insegnamento!

 

LAURA

Sono pienamente d’accordo con te mamma! quasi quasi, anch’io mi sento in colpa con te! Studio tutto il giorno, arrivo, mangio e vado a letto, poi nel pomeriggio riprendo a studiare, e non ti aiuto mai.

 

MARIA

Ma il problema non sei tu. A differenza di sti due cose da buttare ‘nta fognatura, studi pi fariti una posizione, ma iddi chi fannu? L’acqua li vagna e u ventu li asciuga!

 

LAURA

Ora, rilassati! Loro, sono adulti e vaccinati e se la sbrigano da soli! Dai, vieni di là, che ti devo dire una cosa, importante! (Le due donne si allontanano. I due fratelli si rialzano)

 

FULIPPO

Nun ni pozzu cchiù! Devo evadere da questa casa!

TANUZZU

E ora chi facemu?

 

FULIPPO

(Nervosamente gira per la stanza) Buttana da miseria! Vidi in che razza di guai ni misi a mamà! Ma chi ci pigghiò? Era tranquilla, è impazzì tuttu in un minutu! Appena fazzu cinquant’anni, mi sparo! Si nò, diventu comu idda!

 

TANUZZU

E ora, dunni u truvamu u travagghiu?

 

FULIPPO

Havi ‘na vita ca nun travagghiu cchiù, devo disonorare la mia persona, andando a travagghiari, pi fari contenta a me matri, se nò, ni jetta fora! Tanuzzu, semu costretti a pigghiari ‘na soluzioni o ni circamu u travagghiu...o...(Pensando) ni lu circamu pi forza! Tu, chi pinsata ti vinni?

 

TANUZZU

Ancora nenti! Staju pinsannu, a chi pinsata pozzu pinsari!

 

FULIPPO

Si, buonanotte! Se aspettu a tia, stasera ni putemu iri a curcari ai semafori! sai chi staju pinsannu? O zù Giannuzzu Minnicaruti! Circava dui mungitori di l’animali. Io, so munciri! Tu, hai mai munciutu vacche, tori?

 

TANUZZU

No, comu si fa?

 

FULIPPO

È semplice! Talia comu si fa! (Spiega a Tanuzzu, la tecnica della mungitura. La fa con molta grazia, eseguendo dei movimenti dolci. Prima di iniziare si lecca le dita) Pigghi i minni, li stringi dolcemente e...zig zag zig zag...e nesci u latti!

 

TANUZZU

(Imbarazzato) Nun lu fazzu,mi vergogno! ancora sono vergine!

FULIPPO

Picchì chi ti dissi io, accoppiati ca vacca? Tu, a munciri i minni...e basta!

 

TANUZZU

Ma io mi vergogno! Nun ci l’haju mai tuccatu i minni a li fimmini!

 

FULIPPO

(Nervoso) Cretino! Chi c’entra li fimmini cu la vacca! A vacca è ‘na cosa, li fimmini un’altra!

 

TANUZZU

A vacca havi i minni, quindi è fimmina!

 

FULIPPO

(Più confuso che persuaso) U capivu, lassamu stari! Pi curpa tua, stu travagghiu, nun si po’ fari!

 

TANUZZU

Chi ci pozzu fari, se mi vergogno! Visto ca tu sei bravo a mungiri minni, fallo tu!

 

FULIPPO

Dobbiamo stare vicini vicini! (Si siede e parla tra se) chi travagghiu putissimo fari tutti e due? (dopo un po’, gli si illumina la mente) Sai chi putissimo fari? ni grapemu un’agenzia di pompe funebri

 

TANUZZU

Ma nun si chiamava pompe di benzina? Canciò nomi?!

 

FULIPPO

Chi c’entra! Pompe funebri è...aviri a che fare, chi morti!

 

TANUZZU

(Cerca di nascondersi e piagnucola) Beddamatri, mi scantu di morti!

 

FULIPPO

I morti sunnu morti, e nun ti ponnu fari nenti! Ti devi scantare di vivi! Allura, pinsavu di grapirini un’agenzia di pompe funebri, cioè, aspittari ca li genti morinu, noi li andiamo a pigliare e poi, li andiamo a jettare o cimiteru! Chi ni pensi?

 

TANUZZU

Cu sta crisi chi c’è, nun lu vidi ca nun mori cchiù nuddu! Dobbiamo morire nuatri di fame, pi campare?

 

FULIPPO

(Pensa alle parole del fratello) Sai, ca nun ci havia pinsatu! (Innervosito) chi genti inutile chi c’è supra a terra! È talmente egoista, ca nun voli moriri cchiù nuddu! Chi ci custa moriri, nenti! (Si siede pensieroso)

 

TANUZZU

A chiddu ca mori, nun ci custa nenti! A chiddi ca hannu a pagari, ci custa!

 

FULIPPO

(Dopo un po’ di riflessione, balza in aria) Vero! Perché non ci ho pensato prima! Tanuzzu, visto ca nun mori nuddu, c’è lavoro pi tia! Li fai morire tu!

 

TANUZZU

Li fazzu morire io? E comu? Ci mannu l’invito di morte?

 

FULIPPO

Ti procuri un’arma da fuoco, e fai un poco di piazza pulita!

 

TANUZZU

(Si tocca le tasche e non trova nulla, poi chiede al fratello) Prestami cinque euro, che poi ti dugniu!

 

FULIPPO

Si io avissi cinque euro, fussi acca? Ma...c’ha fari?

 

TANUZZU

Mu finisti di diri che mi devo procurare un’arma da fuoco, per fare piazza pulita! E io, mi servinu cinque euro pi comprare spirito e cerini! 

 

FULIPPO

(Gli da uno spintone)Finiscila, gnucculuni! Arma da fuoco è...a scupetta col piombo!

 

TANUZZU

Ora divintò arma da fuoco? Minchione, ficiru puru u fucili, senza piombo!

 

FULIPPO

U to travagghiu consiste in, ogni giorno ti metti ‘n capu la tua panda smontabile, e giri pu paisi, appena vidi qualcunu ca ti sta supra le pa...(Si zittisce e guarda in giro) ...palpebre, ci spari una inchiommata acca (Indicando il centro della fronte) Così, chiddu chi ammazzi mori...veni ne mia la famiglia e ci fa u funerale! Chi ni pensi?

 

TANUZZU

Spiegami ‘na cosa, ...‘nto fucili, c’è u mirino? Sai, ca sugna distrabico di deci centimetri ‘nta l’occhio destro! Nun vulissi mirare acca, (Segna in testa) e lu piglio ‘nta aricchi! 

 

FULIPPO

Tu, pi nun sbagliari, miri ‘nta aricchi sinistra, così è sicuru ca u pigghi acca! (Segna il centro della fronte)

 

TANUZZU

Si però c’è un problema!

 

FULIPPO

Chi problema?

 

TANUZZU

Nun ci l’haju u porto d’armi pi ammazzari i cristiani!

 

FULIPPO

Ma quale porto d’armi! Appena diventi un professionista, ti fazzu pigliare una qualifica di “Sparatore nno centro dello strombolone” Si cuntentu?

 

TANUZZU

(Ci pensa un attimo, poi aggiunge) Sentimi Fulippo, io stu mestiere dell’uccisore di genti nun lu vogghiu fari! nun è travagghiu pi mia! Mi cuntentu, farmi jettari fora da mamà, ma stu mestiere...no!

 

FULIPPO

(Nervosamente, alza la voce) Allura pi curpa tua, puru ju, me ghiri a curcari sutta un ponti? Certi voti ‘na vita, è megghiu nasciri suli, senza frati!

 

TANUZZU

Ma picchì, chi nascemu in società? Tu, fascisti pi fatti bui, e io pi fatti me! Quindi, mica havemu i peri incocchiati! Ognunu di nuatri, si deve trovare un lavoro pi fatti so!

 

FULIPPO

(Parla tra se) Nun putiva nasciri fimmina! Da matina finu a sira, mi stava dintra cu ‘na coscia supra l’avutra e mi taliava cento telenovele o jornu! Essendo masculu, haju a sfortuna di circarimi u travagghiu! Nuddu curnutu parenti americanu haju! Chi si spara, s’ammazza e mi lassassi in eredità, mezza America! (Sbuffa) Buttana da miseria! Ci vulissi un colpo di fortuna pi livarimi di soffriri! Ma sti colpi, succedinu sulu nei film!

 

LAURA F. S.

(Da fuori scena, Laura inizia a chiedere aiuto ai fratelli) Tanuzzu, Fillippo, venite mamma sta male!

 

TANUZZU

Minchione! Un colpo di fortuna, pigghiò a mamà! (Tanuzzu e Fulippo, scappano di scena, poi rientrano sostenendo la madre svenuta. La adagiano sulla sedia e Laura spaventata la sostiene)

 

FULIPPO

Laura, ma chi havi a mamma?

LAURA

(Agitata) Mentre eravamo di là, l’ho vista svenire!

 

TANUZZU

(Chiama la madre, dandole piccoli schiaffetti sulle guance) Mamma! Mamma! Tu dici svenire? Secunnu mia, dormi!

 

LAURA

(Molto preoccupata) Che dorme! Prendi dell’acqua! (Tanuzzu esce e rientra con una brocca d’acqua. Laura ne versa un po’ sulle mani e le bagna il viso che piano piano si risveglia) Mamma! Come ti senti? (è frastornata, non riesce a parlare) Che fate lì impalati! Chiamate il medico di famiglia!

 

FULIPPO

Ci penso io! (Va al telefono, compone il numero e attende) buongiorno dottore Cimmi Ciolla, sono Fulippo Cacalasagne, figlio di Maria Fammiridiri! Le volevo dire, siccome a mia madre ci vinni l’ics, chi c’è di fare? (Pausa, poi si rivolge alla sorella) Dice il dottore, meglio di niente!

 

LAURA

Meglio di niente?  Digli che dobbiamo fare, sbrigati!

 

FULIPPO

Dottore, e ora, per risolvere a situazione, chi c’è di fare?(Pausa, poi ripete quanto ascoltato) dice, uno a zero e, palla al centro!

 

LAURA

(Esasperata) Ma che idiozie! Digli di venire subito, che mamma sta male!

 

FULIPPO

Dottore, facissi con comodo, basta ca si stocca li gambine subito a me casa, ca me matri sta mali! ...Si spicciassi! (Riattacca telefono)

 

LAURA

Che ti ha detto?

 

FULIPPO

Mi dissi, “ tra un attimo, mi precipito da voi !” (Più confuso che persuaso)  si precipita? (Va a guardare fuori dalla finestra) nun facemu ca pi veniri subito, si jetta cu tuttu l’aereo supra a casa!

 

LAURA

(Maria, da segni di rinvenimento, Laura la coccola accarezzandole il viso) Mamma, come ti senti?

 

MARIA

(frastornata  parla con voce fioca) un po’ meglio! Dammi un po’ d’acqua! (Tanuzzu le versa un po’ d’acqua nel bicchiere e la da alla madre, che beve)  

 

TANUZZU

Mamma, ma picchì svenisti? Havii sonnu?

 

FULIPPO

Vu dicu ju, picchì è svenuta...picchì c’è stato u cambiamento d’aria, di acca dintra a da dintra, canciò l’aria e...ci vinni l’ics!

 

LAURA

Ma stai zitto, ignorante! Parli come se le stanze di casa, fossero a dieci chilometri di distanza una dall’altra!

 

FULIPPO

Senti maestrina, io mi talìo tutti i documentari del mondo, e sono aggiornatissimo di cambi di atmosfere! Quindi, si ti dico ch’è così...è così!

 

LAURA

(Ironica) Si si, meriti il premio nobel per l’ignoranza!

 

FULIPPO

(Va su tutte le furie) Vidi si nun la finisci, pigghiu a Tanuzzu e tu tiru! (Fa il gesto, ma evita per la pesantezza di Tanuzzu)

 

LAURA

Abbassa la  voce! Sii rispettoso verso mamma! Sii educato!

 

FULIPPO

(Ironico) io, sogno educato (Maria rabbonisce Laura con lo sguardo, che ignora il fratello che si lamenta. Bussano e va ad aprire Fulippo. Entra il dottore)

 

DOTTORE CIMMI CIOLLA

(Entra un uomo maturo, ben vestito. Con se, ha la borsa con attrezzi medici) Buongiorno! Scusate il ritardo!     

 

FULIPPO

(Si lancia sul dottore con disperazione, impugnando le mani sulle spalle del dottore) dottore, mi dicessi a verità! Come sta mia matre! chi havi?

 

DOTTORE

Ancora devo controllarla e già devo dirti cos’ha! Anzi, ditemi cosa ha avuto!

 

FULIPPO

Esatto! Ero distratto, e ho diciuto prima, chiddu chi havia a diri dopo! Confusioni mentali, ci fu! Prego dottore, smuntassi a me matri!

 

LAURA

Stavamo insieme con mamma, quando all’improvviso si è sentita mancare ed è svenuta!

 

DOTTORE

(Il medico si avvicina a Maria e le parla col sorriso) Signora Maria! Ma come, una donna forte come lei, mi sta male? (Maria alza le spalle, accennando un sorriso. Il dottore prende dalla borsa lo stetoscopio e la controlla. I tre fratelli, seguono minutamente le operazioni del dottore)

 

TANUZZU

(Gemente e dispiaciuto) Sai mamma chi staju pinsannu? Tu di cognome fai, Fammiridiri. Però, per ora cu sta faccia di cadavere chi hai, mi fai veniri di chianciri, avutru chi ridiri!

LAURA

(Fulmina il fratello con lo sguardo. Dopo aver terminato, risistema gli attrezzi nella borsa) Allora dottore! Cos’ha mamma?

 

DOTTORE

Niente di cui preoccuparsi! La pressione va bene! le pulsazioni altrettanto! Sono malanni che purtroppo capitano!

 

LAURA

Deve prendere delle medicine?

 

DOTTORE

Ma quali medicine! Non ha bisogno di nulla! Solo di star un po’ tranquilla! E...mi rivolgo a lei (A Maria) Cerchi di non essere fissata con le pulizie, si prenda una bella vacanza! La vita non è fatta di solo lavoro!

 

TANUZZU E FULIPPO

(Battono le mani, acclamando il dottore) Bravo dottore! Bis! Bis!

 

DOTTORE

(Basito) Cosa ho detto di così eclatante?

 

LAURA

(Con voce carica d’ira, ma contenuta) adesso ha capito perché mia madre si è sentita male? per colpa di quei due pelandroni che l’hanno applaudita! 

 

DOTTORE

Mi avete applaudito, perché ho detto che la vita non è fatta di solo lavoro?

 

FULIPPO

Giustissimamente giusto!

 

DOTTORE

(Risata ironica) Sappiate che; il lavoro mobilita l’uomo!

 

TANUZZU

E lo rende simile ad una... bestia!

 

DOTTORE

Da quello che deduco dai vostri ragionamenti, il lavoro, manco lo sognate!

 

TANUZZU

Io e mio fratello, siamo allergichi alla sudorazione! Poi, ni asciuga a lingua!

 

DOTTORE

Dovreste pensare a lasciar casa, per farvi una vita! (Rivolto a Laura) Ora capisco i malanni di vostra madre!

 

FULIPPO

(Un po’ irritato) Primo: si me matri havi i malanni, a curpa nun è mia! Secondo: io, nun sugna lagnusu! Haju fattu tutti i generi di lavoro! (Tutto d’un fiato) Fattorino, becchino, lecchino,  attacchino, cretino! Di quant’havi che nun si trova cchiù travagghiu, mi vinni a malatia, di essere lagnusu!

 

DOTTORE

Che in paese ci sia la crisi, questa è una crudele realtà che bisogna accettare! Però, in una famiglia ci sono tante esigenze, quindi, bisogna darsi da fare!

 

MARIA

(Con languida voce) Ci lu spiegassi lei, ca la vita è cara!

 

FULIPPO

(Infastidito) Ma tu, nun stavi male? statti muta!

 

DOTTORE

Meno male che io ho il mio lavoro, i miei clienti e...non posso lamentarmi!

 

TANUZZU

(Al dottore) mi scusi, stu altoparlante (Riferendosi allo stetoscopio)servi pi mittillu supra i cristiani e sentiri si di dintra parra corcunu? 

 

DOTTORE

Quello che tu chiami altoparlante, e lo stetoscopio! Serve per ascoltare i suoni del nostro corpo!

 

FULIPPO

Picchistu ogni tantu mi friscanu aricchi! Certu, dentro di mia, ci sunnu i suonerie e io, nun ni sapiva nenti!

 

LAURA

Dottore, lasci perdere i miei fratelli, sono ignoranti!

 

FULIPPO

(Stizzoso) Ignorante a cu? Scimunita! (Fa il verso con la mano, di darle uno schiaffo) Insignati a parrari cu mia, o ti do uno scoppolone, ca ti fazzu fari u giru du paisi, pi ‘na simana!

 

LAURA

Provaci pure se ne hai il coraggio, buffone!

 

FULIPPO

(S’infuria) Buffone a mia? (Si rivolge a Tanuzzu e dottore) Tutti e due, mi putiti fari un favori? Tinitimi! (I due, si dispongono uno per lato, tenendolo per le braccia. Poi, alla sorella) U vidi? Si fortunata ca chisti dui, mi tennu! Si nò, ti strappassi a muzzicuni a forfora chi hai ‘nta capiddi!

 

LAURA

Guarda che il dottore ha da fare! La smetti di fare il pagliaccio!

 

FULIPPO

Pagliaccio a mia? (Nervoso, si dimena cercando di liberarsi) Lassatimi! Lassatimi ca fazzu ‘na strage di sorelle!

 

MARIA

(Stizzita) Fulippo basta! Cercati un travagghiu e ti levi di dintra! Stannu dintra, hai sempri chi diri cu tutti!

 

DOTTORE

(Fulippo si stacca dai due che lo tengono) ora, se vogliate scusarmi, io avrei altre visite da andare a fare! Signora Maria, dovesse avere di bisogno, mi chiami! Arrivederci!  

 

FULIPPO

Aspettassi! (Il dottore si ferma) Havi assai ca cercu di parrari cu lei, ma nun ci ha mai statu u fini! Lei deve aiutarmi a truvari un travagghiu!

 

DOTTORE

Devo aiutarti a trovare un lavoro, io? Io faccio il medico curante!

 

TANUZZU

Tra una curanza e un’altra, nun ci po’ aiutare a circare un lavoro?

 

MARIA

A vuliti finiri tutti e due! Lassatilu in paci u dutturi, ca havi chiffari!

 

LAURA

Riuscite sempre a dare ostacoli a tutti! Siete insopportabili!

 

FULIPPO

Si nun ti zitti, ti dugniu una cinquina(Indicando la mano) ca ti fazzu pigghiare a laurea senza picciuli! (Al dottore) Lei nun po’ fari nenti...chi sacciu...una assicurazione sulla vita ...facissi lei, basta chi si fa cocchi cosa!

 

MARIA

Quannu è ca metti un poco di ciriveddu! U dutturi ti pari ca havi l’agenzia di travagghiu? Zittuti e lassalu iri!

 

FULIPPO

(Furioso) Ma dicu io, mi dovete contraddicere sempre! Niscitivinni!

 

LAURA

(Aiuta la madre ad alzarsi)Andiamo di là mamma! evitiamo noi, che rispetto ad altra gente, (carica il tono guardando Fulippo)siamo educate!

 

MARIA

Buongiorno dottore, grazie di tutto!

 

DOTTORE

Si figuri! (Maria e Laura escono dal lato destro della stanza. Il dottore è nervoso) Ci tengo a precisare che faccio il medico! Se pensate che io vi possa fare un’assicurazione sulla vita o altro, vi sbagliate!

 

FULIPPO

O paisi, haju un amico che havi famiglia e nun travagghia! (Accentua ciò che dice) All’improvviso, ogni misi ci arriva dintra un assegno di pensione! E pinsari ca l’amico mio, havi quarant’anni! Comu po’ essiri! Lei, ni sapi nenti?

 

DOTTORE

(Imbarazzato non sa che dire) Io? Cosa ne posso sapere io!

 

FULIPPO

Questo mio amico, si chiama... Nino Pannolone! (Il dottore si conturba)u canusci? (Il dottore dice di no) Stranu! mi parra spissu e volentieri di lei! Ora dico io, stu dutturi Cimmi Ciolla, si fici aviri a pensioni a Nino, po’ aiutari puru a mia!

 

TANUZZU

Veru? U dutturi vinni pensioni? Mi nni ordinassi una pi mia, bedda china di picciuli!

 

DOTTORE

(Nervoso) Primo: Io non do pensioni a nessuno! Secondo: questo tuo amico non lo conosco! Meglio per lui che ha la pensione, ma io...non c’entro nulla!

 

FULIPPO

Io e Nino siamo un’anima un corpo! Quindi, sacciu a verità! E se lei, non mi aiuta, io mi metto a cantare!  

 

TANUZZU

A San Remo?

 

FULIPPO

A questura!

 

DOTTORE

(Pensa un po’ su, poi sbuffa) Si, lo conosco! L’ho aiutato a studiare una situazione in cui, si poteva richiedere la pensione d’invalidità! Nino di natura ha già un difetto, ch’è zoppo, quindi, è venuto facile accentuare il problema! Avendo fatto la richiesta all’inps, gli hanno mandato un medico a visitarlo e gli hanno accettato la pensione!

 

FULIPPO

Dutturi, a cu aspetta! Mi facissi a richiesta e mi facissi pigghiari a pensioni!

 

DOTTORE

La richiesta posso farla solo quando la persona che mi chiama in causa, ha già un problemino e io lo posso accentuare! Tu stai bene! Chi viene a visitarti, nota ch’è una truffa, andiamo tutti in carcere! 

 

FULIPPO

Taliassi a me frati! (Tanuzzu fa una risata scema) È cchiù cretino, da morti! Cchiù invalidità di chista, nun esiste! pari bonu, ma è chinu di malatie! Havi diabete, gastrite, epatite, sinusite, colite, pancreatine! Polistirolo, Zuccaru nno sangu! Havi pidocchi, scarabocchi, quannu scoreggia parinu cani morti! Di cchiù di chistu, nun si po’! Sa merita a pensioni, o no?

 

TANUZZU

Minchiuni! Tutti sti cosi haju? E tu nun mi hai dittu mai nenti!

 

DOTTORE

(Il dottore è confuso, e stufo di badare ai due fratelli) sentite, vi aiuterò, ma ad una condizione! Dal momento in cui, io vi farò la richiesta, poi non voglio che mi si metta in causa! Sbrigatevela da soli!

 

FULIPPO

A mia, servi sulu la sua richiesta, poi ci pinsamu nuatri, a fare gli attori!

 

DOTTORE

I medici dell’inps, non sono così stupidi da farsi imbrogliare facilmente! Ripeto! Da ora in poi, scomparirò dai vostri occhi! (Prende dei fogli dalla borsa, poi a Tanuzzu) dai, finiamola qui!  Dammi i connotati!

 

TANUZZU

(Indugia, non sa che dire) e...per ora, nun ci l’haju a purtata di manu!

 

DOTTORE

Che hai capito! Dammi le tue generalità!

 

TANUZZU

Fuvu riformato e u militari nun lu fici! Io vuliva fari u sergente, ma poi mi misiru a lavari piatta.

 

DOTTORE

(Nervoso) chi c’entra u militari! Dimmi comu ti chiami, forza!

 

TANUZZU

Picchì nun mi l’avissi dittu prima! mi chiamu Tanuzzu Cacalasagni! (Il dottore scrive)

 

FULIPPO

Dutturi, u vidi puru lei ca è senza ciriveddu! ci scrivessi disabile al mille per mille! (Entrano Maria e Laura, Fulippo ferma il dottore di scrivere)

 

MARIA

Dutturi, lei ancora acca è?

 

FULIPPO

(Anticipando il dottore) Stava andando via! Anzi...visto che dobbiamo finire un discursu, niscemu puru nuatri! (Afferra Dottore e Tanuzzu ed escono)

 

MARIA

(Maria e Laura si siedono) Mi fanno pena i to frati! Capisciu ca è sbagliato ca stannu dintra a nun fari nenti, ma si travagghiu nun ci nnè!

 

LAURA

Di loro mi da fastidio che, pur sapendo che non c’è lavoro non fanno nulla, per cercarselo! (Maria alza le spalle) comunque è inutile! Prendo un po’ di the! (Esce, poi rientra con due tazze di the. Da la tazza alla madre e si siede) è tiepido ancora! tieni! (Maria beve il the, Laura lo sorseggia)

 

MARIA

(Parla, fissando il pavimento) Comu divintò difficili a vita! Quannu eru nica, ricordo ca u pitittu ni facitu acitu, me matri buonanima, quannu mi vidiva lamintari, mi diceva di nun preoccuparimi ca la vita havia di migliorare! Haju cinquant’anni, e mi pari che i cosi vannu cchiù a peggiorare che migliorare! (s’accorge che Laura è in soprappensiero) Laura!mi senti?

 

LAURA

Scusami mamma, ero in soprappensiero!

 

MARIA

A cu pensi? (Con dolcezza) ...Al tuo Marco? (Laura sorride) Quand’è ca lu porti dintra?

 

LAURA

Lascia che sia il tempo a darci risposta! E quando sarà ora, lo farò!

 

MARIA

Anchi si mu dicisti stamattina, io l’havia caputu da tempo che si innamorata!

 

LAURA

Cosa ti ha portata a scoprirlo?

 

MARIA

Quannu ci si innamora,u cori s’illumina,si diventa cchiù beddi. Comu sei tu!

 

LAURA

Io che non avrei più pensato di innamorarmi, dopo l’ultima delusione che mi ha fatto tanto male!

 

MARIA

Nna vita si nun si cadi e nun si sbaglia, nun si crisci! Dopo chiddu chi passasti, ni sugna sicura, che affronti questa  amicizia, con occhi diversi!

 

LAURA

(Con passione) Sento che mi batte il cuore, tutte le volte che lo penso, lo sento, lo vedo! Con Marco, sento il battito dell’amore!

 

MARIA

Un consiglio di mamma, nun haviri premura! Capisciu il tuo amore, ma lui, ricambia stu affetto? I ragazzi, pensanu sulu a divirtirisi!

 

LAURA

Dovresti conoscerlo per capire che umanità ha! Sprigiona sicurezza e fedeltà da tutti i pori!

 

MARIA

Figghia mia, io vogghiu sulu a to felicità! nun ti vogghiu cchiù vidiri soffriri

 

LAURA

(Dalla tasca prende un foglio) ti leggerò l’ultima poesia che mi ha dedicata, poi capirai! (Legge la poesia, con amore)

Ti regalerei una rosa,

quando penso ch’è bella la nostra

amicizia.

Ti regalerei l’emozione,

se sapessi che un battito ti ruba il respiro.

Quando non ti guardo negli occhi

E pensi che non vali per me

Ti regalerei il mio cuore,

solo allora capirai che

HO VOGLIA DI TE!!!

MARIA

(Felice) Non ho parole! Bellissima! (Poggia la mano, su quella di Laura) fai tuttu chiddu chi ti dici u cori! Quannu pensi che sarà u mumentu giustu e lu porti dintra a nostra casa, li me porti du cori, sunnu già aperti!

 

LAURA

(Si abbracciano felicemente) Grazie mamma! Ti voglio bene! (Entrano da fuori Fulippo e Tanuzzu che vedono le due donne abbracciate)

 

FULIPPO

Chi è, nun vi aviti vistu!

 

TANUZZU

Stati partennu pi l’America?

 

MAMMA

Pi broccolino stamu partennu! ...dico, nun pozzu abbrazzari a vostra soru!

 

FULIPPO

Pi mia, vi putiti puru curcari nno stissu lettu, nun m’interessa!

 

TANUZZU

 (Quasi piangente si offende, si mette in disparte) A mia, nun mi vo beni?

 

MAMMA

(si avvicina a Tanuzzu dandogli pizzichi)Certu! Tu, si u picciriddu miu!

 

FULIPPO

(li guarda e si infastidisce di tante moine) Basta cu stu vasa vasa, munci munci! Già, mi siddiò! Viditi si aviti a ghiri a priparari di manciari!

 

LAURA

(Con sdegno) Sei sempre il solito! Riesci sempre a rovinare tutto! (Va a prendere la madre sottobraccio) Mamma, vieni con me. Devo andare dalla zia Gina, fammi compagnia! (le due donne escono silenziose)

 

TANUZZU

Ti parsi giustu chiddu chi dicisti! Menu mali, ca u cretinu sugna ju!

 

FULIPPO

Ueh! Scartisti? Hai u curaggiu, di dirmi così! Tu scordasti chi impegnu ni pigghiamu! Ancora nun avemu nenti di pronto!

 

TANUZZU

Chi avemu a priparari! Mica semu a scola! Supra a carta, si canta a musica!

 

FULIPPO

(Alterato) Giustamente tu dici: “io sugna cretinu, chi problema c’è!” si, però havemu a circari di diri tutti e due a stissa cosa! ...(Ci pensa un po’ su) forsi è megghiu ca parru ju sulu! (si avvia per uscire dal lato destro.Bussano) va grapi, hava essiri a mamma! 

 

TANUZZU

(Guarda dalla finestra) È un cristianu chi baffi! (Fulippo, di corsa va alla finestra) Cu po’ essiri?(Bussano)

 

FULIPPO

Nun facemu ca è...ma no chi dicu! Mancu u tempu di fari a richiesta! Minimu minimu hannu a passari deci jorna! (Bussano con foga) Chi è?

 

DOTTORE INPS F. S.

Sono il medico, mandato dall’Inps! (Tra Fulippo e Tanuzzu, si crea confusione. Tanuzzu  fa gesti  a Fulippo gli dice che deve fare, che disperato gli da uno schiaffo e calci nel sedere e lo fa uscire di scena)

 

FULIPPO

(Cerca di calmarsi) Un momento! (Apre la porta e lo fa entrare) Buongiorno! (il dottore, guarda con sospetto Fulippo)

DOTTORE INPS

(Uomo maturo. Entra ben vestito, portando con se una borsa) Buongiorno! Piacere Bruno Cornaduri! (Le da la mano, poi con sospetto)Qualcosa non va?

 

FULIPPO

Tutto va! Tutto va! Prego si assettassi!

 

DOTTORE

Mi trovavo nella zona a far visite, quando sono stato chiamato dalla sede, dove mi segnalano un altro ammalato, giusto giusto, dove io mi trovavo! Non potevo che non venir, dico, meglio per voi, visto che con la burocrazia i tempi di attesa sono lunghi! Allora, dov’è il malato terminale? (Dalla borsa prende delle carte)

 

FULIPPO

Scusi, l’ammalato che ci ho ju, nun è terminale! A malatia ci cominciò ca havi picca! Quindi è malato iniziale!

 

DOTTORE

Terminale, significa che è più di là che di qua! Su, mi porti a visitarlo!(Il dottore si alza)

 

FULIPPO

Si assettassi! (Entrambi si siedono) U dissi puru lei che u malato è più di là, appena è prontu, veni di qua! Mica sacciu chi malattia decisi di farisi veniri! Ancora nun haviamu priparatu nenti, damuci u tempu di pripararisi e poi...

 

DOTTORE

(con sospetto) Preparare di cosa? Che mi nasconde?

 

FULIPPO

No, pi carità, mi sono impappinato! Mi avissiru ad acciuncari l’unghia di pedi, si nun staju dicennu a verità!

 

DOTTORE

La prego, non mi faccia innervosire! Mi porti dall’ammalato! Ora, subito!

 

FULIPPO

Ora u facemu veniri! (non fa in tempo ad aprir bocca che esce Tanuzzu con occhiali scuri, che va sbattendo. Fulippo lo aiuta a sedersi. Sottovoce a Tanuzzu) Chi schifia di malatia, hai?(Tanuzzu sta in posizione eretta muto)

 

DOTTORE

(A Fulippo) Il signore è l’ammalato?

 

FULIPPO

Ci l’havi scrittu puru ‘nta faccia, ca è cunsumatu! U taliassi!

 

DOTTORE

(A Tanuzzu) Buongiorno, sono Bruno Cornaduri! Sono qui per farle visita! Mi dica, quali sono i suoi disturbi? (Tanuzzu è immobile. Il dottore perplesso guarda Fulippo, poi riprova) Mi sente? Che disturbi ha? (Tanuzzu immobile)

 

FULIPPO

(Gli molla un ceffone dietro il collo) Ca rispunni! Chi si surdu!

 

TANUZZU

(Risponde con dolore) Nun lu vidi ca sugna surdu!

 

FULIPPO

Vero! Mi l’havia scurdatu! Mio fratello è surdu!

 

DOTTORE

È sordo e le ha risposto al suo richiamo?

 

FULIPPO

Al contrario di chiddi ca l’emozione non ha voce, me frati, quannu si emoziona, ci senti!

 

DOTTORE

Capisco!(A Tanuzzu alza la voce) Come si chiama? (Tanuzzu non risponde)

 

FULIPPO

(prova lui, gridandogli nelle orecchie) Tanuzzu, dici u dutturi comu ti chiami? (Tanuzzu fa segni che non può parlare e Fulippo lo imita) dici ca si chiama Tanuzzu...(Rifà dei segni, ai quali risponde Tanuzzu) Cacalasagni!

 

DOTTORE

(Innervosito) è assurdo a quanto assisto! Vi siete fatti così tante gesta, che nemmeno un esercito di vigili farebbero! Poteva benissimo dirmelo lei, visto ch’è il fratello! 

 

FULIPPO

Certo ca ci lu putiva diri! Ma lei, deve constatare ca me frati è cretino! Si ci lu dicu ju, pari ca fussi ‘na truffa! Inveci, lu vidi lei chi so occhi, è megghiu!

 

DOTTORE

(Il dottore fa degli appunti sul registro) lo  faccia alzare( Fulippo aiuta Tanuzzu ad alzarsi) ora lei gli ripeta quello che le dirò! Gli dica che deve star in piedi da solo, voglio vedere l’equilibrio. Quando le faccio segno lo lasci

 

FULIPPO

(Urlando a Tanuzzu) Ora, io ti lassu. U dutturi voli vidiri si sei bravu a fari l’equilibrio. Stai attentu, a cadiri! (Il dottore fa cenno e Fulippo lo lascia. Tanuzzu non si regge in piedi e cade. Fulippo lo rialza, lo lasci e cade) u vidi? Havi i jammi fatti di ricotta!

 

DOTTORE

Lo tenga per favore! Si metta dietro di lui a sostenerlo, gli dica che deve unire l’indice di entrambe le mani! (Il dottore esegue il giusto movimento su Tanuzzu)

 

FULIPPO

(Urlando) U capisti? Devi farti l’indice di manu! (Il dottore alza le mani di Tanuzzu, il quale dovrebbe riuscire ad unire l’indice di entrambe le mani, ma sbaglia in continuazione, volutamente)

 

DOTTORE

(Esausto) Ma che ci vuole ad unire l’indice! Credete che io sia uno stupido? Io, vi denuncio! (Gli toglie gli occhiali a Tanuzzu, il quale ha gli occhi torti. Fulippo e dottore sono meravigliati. Tanuzzu si lamenta facendo gesta, Fulippo recupera gli occhiali e li mette al fratello. Il dottore è mortificato) Senta io...non volevo! E solo che...

 

FULIPPO

Ci pari ca è ‘na truffa? Me frati è veramente combinato male! comu lei ha visto è orbo, surdu e mutu! A lei, ci pari ca nuatri schirzamu!

 

DOTTORE

(è fortemente mortificato del gesto) Vi chiedo scusa della mia irruenza, ma è una lotta continua che faccio con i truffatori! (Con rabbia) Ogni volta che ne trovo uno che fa il furbo, gli faccio pentire d’esser nato! Se foste stati uno di loro, vi avrei rinchiuso in carcere, buttando le chiavi! (Pacato) Vi chiedo scusa se ho dubitato, strappando gli occhiali a suo fratello! Come posso fare per farmi perdonare?

 

FULIPPO

Ni facissi aviri a pensioni!

 

DOTTORE

A tutti e due? A suo fratello, non a lei!

 

FULIPPO

Si, ma io sugna chiddu chi ci lava, stira, pripara u manciari, ci jettu vuci, l’accumpagnu...eccu! pi mia, ci voli l’accumpagnamentu!

 

DOTTORE

(Suona il cellulare al dottore, e risponde) Va bene, vado subito! (A fulippo) il dovere mi chiama! Ho la vostra pratica, quando sarò in ufficio, avvierò le carte per la pensione e l’accompagnamento! Ora, devo andare che devo far altre visite! Sono dolente del mio comportamento...

 

FULIPPO

Nun ci pinsassi cchiù! Semu brava genti, e nun ci pinsamu a certi cosi!

 

DOTTORE

Bene per voi! (Con aria minacciosa) Se fosse stati truffaldini...caput! (Fa segno di tagliare la gola) buona fortuna! (Va via)

 

FULIPPO

(Si accerta dalla finestra che il dottore si sia allontanato)Nun c’è cchiù!Ma comu schifia facisti a fariti l’occhi torti? (Tanuzzu prende un batuffolo dalle tasche e togli il trucco dalle palpebre e apre gli occhi)

 

TANUZZU

 U vidisti? Con un po’ di intelligenza e un poco di culuri, tutto è possibili!

 

FULIPPO

Ma tu nun si normale! Tu sei un mostro! Un mostro di intelligenza! (Inizia a baciare Tanuzzu) Tanuzzu, a pensioni ni accittaru! riniscemu ad ingannare o dutturi Cornaduri! (Ridono e ballano allegramente. Si chiude il sipario)

 

 

 

 

 

Fine primo atto

 

 

 

               Secondo atto

(Medesima scena come nel primo atto. All’inizio, la scena comparirà vuota, si sentirà bussare e andrà ad aprire Laura, ch’è ben vestita)

 

LAURA

(Facendo accomodare la zia in casa) Ciao Zia! Grazie d’esser venuta!

 

ZIA MARTA

(Donna matura entra vestita di nero, ma ben vestita, con seno e sedere prosperosi. La zia, ha un modo di parlare goffo) Ciao Lauretta! Non potevo che non essereci! Fatti taliari! Si, troppu bedda! Pari ‘na pupa di cera! Dovene, tua matre?

 

LAURA

E di là mamma! adesso viene! Intanto sediamoci! (Le due donne si siedono) Come mai lo zio non è venuto?

 

ZIA MARTA

A quillo citrolone di tuo zio, ci devono dare sempri di travagghiare! Io, non ne potesse cchiune! Io, mi vorrebbe separare, purtroppo, l’amore è cieco!

 

MARIA

(Entra Maria ben vestita) Marta! Chi piaceri vidiri a me soru!

 

ZIA MARTA

Il piaceri eni tutto u mio! (Si salutano, poi si riaccomodano tutte)

 

MARIA

E to maritu?

 

ZIA MARTA

Stavo dicennu proprio chisto a Lauretta! Voi, mi dovessimo scusare, ma nun vosi veniri me marito, picchì si scanta ca li favi se li mancianu li passeri! E quindi, facesse lu vigile!

 

MARIA

E  nun vinni pi chistu? Ora ci pari ca i passeri nun si lu manciani i favi?

 

ZIA MARTA

Iddo, si trova làni, picchì fa u spaventapasseri! Avite capisciuto! (Maria e Laura ridono. Dalla borsa prende un regalo, dandolo alla nipote) Cara Lauretta, io ti avisse fatto nu bello regalo, per il tuo zitamento! Tieni!

 

LAURA

(Laura apre il regalo, e ne esce un oggetto raffigurante il cesso, con accanto una candela) Grazie dell’originalità! Ma come mai questo regalo?

 

ZIA MARTA

Questo eni, un souvvenire da quando io avere partuta con tuo zio! Quella eni cicago di notte! Te lo dognio in regalo, così ci vai con tuo zito!

 

LAURA

(Sorridente) Grazie! Di sicuro, ci andremo! E non solo nel viaggio di nozze!

 

MARIA

A me soru, ci piaci riciclare i regali, eh!

 

ZIA MARTA

È’ bello riciclare, così rispettiamo l’atmosferica, senza lo smoking in aria! Ma quannu vene questo zito, sono ansiolitica di conoscerlo!

 

LAURA

Tra non molto Marco e la sua famiglia, saranno qua!

 

ZIA MARTA

(Entra in scena Fulippo, che va mangiando una mela. È vestito normale) ciao Filippo! Fatti dare una bella vasata!(I due si salutano) Tu sempre mangiare!

 

FULIPPO

Io? Staju dannu l’arma a Dio! Ti taliasti tu! Pari ‘na vacca elegante!

MARIA

Oh, pezzi di porco! Cu è to soru ca ci parri così! Chiedi scusa a to zia!

 

ZIA MARTA

Non ti preoccupiscere! Io, non mi ci appricassi che lo mio nipote, mi dicesse così! In effetti, io essere un poco estra largie! Dovrei accuminciare a fare la dietologa, per seccarmi nu poco !

 

FULIPPO

Pi capiriti, bisogna purtarisi dappresso u vocabolario triccani e due jatti!

 

LAURA

Ma ancora, non ti sei sistemato? Tra non molto, saranno tutti qua!

 

FULIPPO

Picchì, si restu comu sugna, nun ti ci po’ fari cchiù zita?

 

MARIA

Vidi di mittiriti u vistitu, e almenu pi ‘na vota, fai a persona seria!

 

FULIPPO

Sai comu si dici: Nun è l’abitu ca fa u monacu!

 

ZIA MARTA

Puru tuo zio dicessere così! La sira, quannu veni di zappari, si vane a corcare cu li vestiti lordi. Ci dicu di andaresi a lavare, ma iddu mi dici: Che l’indomani si deve allordare di nuovo, quindi, nun è l’acqua ca fa u monaco!

 

MARIA

Certo ca to marito, è un tipo economico!(Bussano) chi è?

 

TANUZZU F. S.

(Da fuori grida) C’è posta per la famiglia Cacalasagni! (Fulippo in fretta, va ad aprire la porta, vedendo entrare Tanuzzu sorridente, lo riempie di calci e schiaffi, le donne lo dividono, si viene a creare confusione)Ma io scherzavo!

 

FULIPPO

(Alterato) Havi un misi chi aspetto con ansia sto momento e tu mi fai stu scherzu?! (Tanuzzu Esce di scena col broncio)

 

ZIA MARTA

Fulippo, io non ti avisse mai visto, così incazzulutu! Sei brutto!

 

FULIPPO

Ti taliasti tu! Pari ‘na arancina chi pedi!

 

MARIA

(Nervosa) A chi semu a discussioni, mu vo diri chi aspetti! Havi un misi, ca ogni jornu, mi dumanni sempri si ha arrivatu posta! Si po sapiri, cos’è?  

 

FULIPPO

Nenti, cosi mii, e ri du cretinu chi nisciu!

 

MARIA

Ora, u signorino havi i segreti! Tantu dintra a schiava ci l’havi! Vidi ca, nun mi l’haju scurdatu di jettariti fora!

 

FULIPPO

S’è vero ca avissi ad arrivari sta cosa da posta, nun avissimu ad aviri cchiù problemi economici!

 

ZIA MARTA

Scusatemi l’introduzione, ma io avissi di fare due goccie di acqua! Dov’è il pisciatoio?

 

LAURA

Vieni zia, il bagno e di là! (Prende la zia sottobraccio ed escono)

 

MARIA

(A Fulippo)Vidi di sistimariti e fai l’omu di casa! ora, ci pensu ju pi l’avutru! Vi raccumannu, a nun fari i cretini davanti a di persone!(Esce)

 

FULIPPO

(Nervoso) Nun ni pozzu cchiù! Giuru, si nun mi jetta fora idda, mi nni vaju ju! Pagassi picciuli, pi nun aviri a nuddu in menzu i pedi! Nun ci sunnu picciuli, pi putiri pagari a libertà! (Si siede) no, cu iddi, ca ogni minuti hannu di contraddiri a tutti cosi chi dicu e chi fazzu! (Bussano) Chi è?

 

POSTINO F. S.

C’è posta per la famiglia Cacalasagni!

 

FULIPPO

Arreri iddu è! Ci dissi ca sti scherzi nun mi l’havi a fari! ora, l’ammazzu! (Apre la porta e si avventa su chi sta fuori, lo tira dentro ed è il postino)

 

POSTINO

Oh, ma tu, accussì ritiri a posta?

 

FULIPPO

Scusa! Mi pariva da cosa nutuli di me frati, chi mi fa sempri scherzi!

 

POSTINO

U Signuri, ni detti l’occhi pi taliarini ‘nta facci! Tu, ‘un mi vidisti ca io nun sugna to frati?!

 

FULIPPO

Eru pigghiatu dal’emozioni e nun ti taliava ‘nta l’occhi!

 

POSTINO

(Gli da una busta e una ricevuta) Firma acca! (Fulippo firma) Ti dico ‘na cosa, appena mi capita di purtariti navutra vota a posta, mi licenzio! (Esce)

 

FULIPPO

(Legge) Inps! (Euforico) Acca sunnu! (Odora la busta) Chi ciavuru! Sunnu cavuri cavuri (Chiama Tanuzzu) Tano...Tanuzzu, veni acca!

 

TANUZZU

(Entrando) Chi vo, dopo chiddu chi mi facisti? (Gli esibisce la lettera) Mi chiamasti pi farmi vidiri a lettera?

 

FULIPPO

Nun lu senti in aria, l’odore di soldi!

 

TANUZZU

(Annusa l’aria) Veramente sentu puzza di quasetti bolliti!

 

FULIPPO

Hai di bisogno uno spurgante pi l’aricchi! Mancu senti l’odore di picciuli! (Apre la busta e legge) Egregia famiglia Cacalasagni, dovuta alla vostra richiesta, il nostro incaricato Cornaduri a confermato l’inabilità del signor Tanuzzu Cacalasagni! in quanto...(fa brusio)riceverà pensione e accompagnamento per i prossimi quattro anni! (con emozione, apre la busta, ne estrae l’assegno e lo bacia) Chista si ch’è fortuna! Avutru chi attori e hollywud, nuatri siamo più furbi del padrino! (bacia l’assegno)

 

TANUZZU

Semu sprecati nna stu paisi! Comunque, comu prima vota, ni finiu bona!

 

FULIPPO

Pi quattro anni, ogni misi, ni arriverà sti binidittu assegnu di tre mila euro! cu havi a travagghiari cchiù!

 

TANUZZU

Speriamo sulu, ca i cosi vannu sempri boni!

 

FULIPPO

Si, riniscemu a farini dari a pensioni, ti pari ca vennu cchiù a controllari? No! pi quattro anni, semu apposto!

 

TANUZZU

Finchè dura è sfortuna!

 

FULIPPO

Cretinu, mancu sai u proverbio! Si dici: Finchè dura è fortuna!

 

TANUZZU

Dissi giustu! Finchè ni va bona, tutto è lecito! Si ni avissiru a scopriri, semu consumati!

 

FULIPPO

Tu, si un aciddu di malauguriu! Cu ni po’ scopriri? Nuddu! (Bacia l’assegno) alla faccia di quel cornutazzo di Cornaduri che stana i truffaldini! (Ride a crepapelle. Rientrano Laura, zia Marta e Maria)

 

MARIA

Chi sunnu sti risati?  

 

FULIPPO

(Con aria felice) Mamma siediti, ti devo dare ‘na bedda notizia!

 

MARIA

(Si siede preoccupata) Beddamatri, quannu dici così, mi fai scantare!

 

FULIPPO

Ti dissi ‘na bella notizia, mica ti dissi ammazzavu a corcunu!

 

ZIA MARTA

Pi oggi non si fa scuartaria a nuddu! Oggi, la mia nipote, si deve zitare e non ci possiamo lordare!

 

FULIPPO

(Con dolcezza) Cara mamma, tu dicevi sempri ca io sugna cretinu e invece, da oggi tuttu chiddu chi dicisti su di mia, te lo rimangerai!

 

ZIA MARTA

Guarda che ci sarebbe pure io, pi manciare! Dallo pititto, ho le tegole negli occhi!

 

MARIA

Tu zittuti, appena si nni vannu di signori, mangiamu! (A Fulippo) Picchì mi stai facennu stu discursu?

 

FULIPPO

Grazie alla mia scaltrezza, sono rinisciuto a...

 

TANUZZU

(Interrompendolo) Puru ju sugna scartu, mica sulu tu!

 

FULIPPO

Giustissimo! Grazie alla mia...e sua scaltrezza, abbiamo trovatu un lavoro!

 

MARIA

(Felice) Veru? Chi sugna contenta! E chi travagghiu è? (Fulippo esibisce apertamente la lettera)

 

ZIA MARTA

(Spaventata) Bellamatre, dintro quilla lettera, c’è una bombola?

 

FULIPPO

(Con derisione) Si, u muturi a scoppio! Viditi ca sta lettera, è u nostro travagghiu!

 

LAURA

(Con derisione) vi hanno preso come lecca francobolli?

 

FULIPPO

Appena vi lu dicu, l’invidia vi havi a manciari l’occhi! Dintra sta busta c’è u nostru furturu!( Bussano e si blocca. Laura va a guardare dalla finestra)

 

LAURA

Sono loro! Presto, sistematevi! (Bussano nuovamente. La madre spinge Tanuzzu e Fulippo ad andarsi a cambiare, i due non battono ciglio. Laura, fa un lungo respiro e apre) Buongiorno signora Franca!

 

SIGNORA FRANCA

(Donna di mezz’età. Vestita di lusso, ha modi affabili) Ciao Laura bella! (Si baciano. Si avvicina a Maria) Piacere, Franca!

 

MARIA

Piacere Maria! (La signora saluta i presenti con stretta di mano. di seguito, entra zio Andrea, uomo maturo dai modi affabili. Saluta i presenti con stretta di mano, presentandosi. Subito dopo entra Marco, un bel ragazzo. Con se, ha due mazzi di fiori)

 

MARCO

(Entrando sulla porta, trova Laura che la saluta con un baciamano e le da un mazzo di fiori) Questi sono per te, mia dolce stella!

 

LAURA

(Emozionata, riceve i fiori) grazie, sei molto gentile! Vieni, ti presento mamma! (Si avvicinano a Maria) Mamma, questo è Marco!

 

MARCO

(Facendole un inchino con la testa) Piacere di conoscerla signora! (Maria ricambia il saluto con una stretta di mano) Questi sono per lei! (Dandole il mazzo di fiori)

 

MARIA

Che sono belli! Grazie!

 

LAURA

Questa è mia zia Marta, sorella di mamma!

 

ZIA MARTA

(Dandogli la mano a Marco) Piacere, io sogno la zia! Tu essere nu bello picciottello!

 

MARCO

(Le da la mano) Sono costernato, non potevo sapere che ci fosse lei, non le ho portato i fiori!

 

ZIA MARTA

Non ti preoccupare beddu! Poi un fiorellino ce lo arrobbo a mia sorella!

 

LAURA

Questi, sono i miei due fratelli scapoloni!

 

FULIPPO

(Sorridente, gli da la mano) Piacere Cacalasagni!

 

TANUZZU

(Sorridente, gli da la mano) Piacere, sono il fratello di sua sorella! (Si riferisce a Fulippo)

 

MARCO

Sono Marco! (Con sorriso)  Che simpatici che siete!

 

MARIA

Che facciamo ancora in piedi? sediamoci! Tano e Fulippo, pigghiati li seggie! (I due escono e rientrano con le sedie. Si siedono tutti) è un piacere ospitarivi nella mia casa. è nica nica, ma sapurita!

 

SIGNORA FRANCA

Come dice un famoso detto: “Chi poco ha, caro tiene!”

 

ZIO ANDREA

(Guardando in giro) È proprio una casa accogliente! Ne sono certo, che la famiglia, non sarà di meno!

 

MARCO

Conoscendo la purezza e la specialità di Laura, non avevo dubbi che avesse una famiglia così bella! (Laura sorride teneramente, poi si accorge della porta aperta)

 

LAURA

Che sbadata! Ho dimenticato la porta aperta! (Va per andarla a chiudere)

 

MARCO

Aspetta! (Allo zio) E papà?

 

ZIO ANDREA

Non lo so, era dietro di me?

 

MARIA

(Alla signora Franca) mi scusi, questo signore, nun è so marito?

 

SIGNORA FRANCA

No, è mio cognato Andrea,  fratello di mio marito!

 

MARCO

Dall’emozione non ve l’ho presentato! Zio Andrea è il fratello di papà! (Affaccia la testa dalla porta) Papà, dove sei?!

 

SIGNOR BRUNO F. S.

(In lontananza si sente la sua voce) Arrivo subito!

 

MARCO

Scusatemi! Sono entrato senza presentarvi ne mia mamma, ne lo zio! Chiedo umilmente perdono!

 

ZIA MARTA

Non ti preoccupisciare! Ci abbiamo presentati, non appena trasuti! Tu sei giustificazionabile perché la testata ce l’hai al cacio! (Allude a Laura)

 

FULIPPO

(Indignato) Zia! Cerca di parrari potabile! U ciriveddu, nu fa iri in tilt!

 

MARIA

Si, sempri u solito sconza jocu! Sparti sai ca a zia parra così! Pensa pi tia!

 

FULIPPO

(Con stizza) Vidi ca io sono troppo furbo d’intelligenza! Nun accuminciari ad offendermi, picchì si nò, mi fa bollire u ciriveddu! E poi, sfaso!

ZIO ANDREA

State calmi, non è successo niente! (A Fulippo) Tu che fai?

 

FULIPPO

Chi fazzu? Ca staju parrannu cu lei, chi è, nun si vidi!

 

SIGNORA FRANCA

(Ridendo) Che comico, questo ragazzo!

 

ZIO ANDREA

(Ridacchiando) intendevo, che lavoro fai? Di cosa ti occupi, ecco!

 

MARIA

Ci lu dicu ju, i me figghi, travagghianu ‘nta ditta dei L. S. I.

 

ZIO ANDREA

L. S. I. ? non conosco questa sigla! È una ditta edile?

 

MARIA

È a ditta, dei lavori socialmente inutili! (Tutti ridono, tranne Fulippo)

 

FULIPPO

(Indignato, ribatte con presunzione) finalmente truvavu u travagghiu! Chi non tutti si lu ponnu permettiri di guadagnari stando a casa, cu ‘na gamba, supra navutra! (Fa il gesto) Tuttu chistu, grazie alla mia e sua (Di Tanuzzu) intelligenza!!!!!

 

SIGNORA FRANCA

Ah però! Non vorrei essere invadente, ma che genere di lavoro fate!

 

FULIPPO

Tanuzzu, parra tu!!

 

TANUZZU

Ju nun sacciu nenti! Nun vogghiu sapiri nenti e si c’era, nun mi ricordu nenti!

FULIPPO

Parra, scimunitu di guerra! Ora, ci lu dicu ju! Nuatri avemu un travagghiu, ca pi quattru anni, guadagnamu sicuramente picciuli a palate! (Bussano. Fulippo si irrita) Cu è, ca mi disturba mentri parru!

 

SIGNOR BRUNO

(Entra il signor Bruno, ovvero il papà di Marco è il dottore dell’Inps, che il mese prima, aveva visitato Tanuzzu. Entra con un vassoio di dolci. Fulippo e Tanuzzu al vederlo, da sereni, si girano di spalle preoccupatissimi) buongiorno a tutti! mi perdonino i signori, per la mia improvvisa assenza!

 

MARCO

Ma dov’eri finito?

 

SIGNOR BRUNO

Oggi, è un giorno particolare! Non potevo che non allietare questo momento con dei dolci! ( posail vassoio sul tavolo, segue il figlio che lo presenta alla famiglia di Laura. Nel frattempo, Tanuzzu e Fulippo danno le spalle a tutti)

 

TANUZZU

(Di spalle a tutti, parla sottovoce a Fulippo) u vidisti cu è? Chi ci fa acca, Cornaduri?

 

FULIPPO

Ci vinni a rumpiri l’ova ‘nto panaru! Si nni vidi, semu fritti! Chi facemu?

 

TANUZZU

Si ni avissi a diri cocchi cosa, ci dicemu ca nun semu nuatri! (Marco e il padre, si avvicinano ai due) Sentu chi s’avvicina! Sentu li vibrazioni!

 

MARCO

Papà, questi sono i fratelli di Laura!

 

FULIPPO

(Ingrossandosi la voce) Nun mi pozzu girari, mi vinni u girocollo!

 

MARCO

(Ridendo) Girocollo? Tanuzzu, girati!

 

TANUZZU

(Parla con la lingua tra i denti, quasi a non capire niente) Nun mi pozzu girari, picchì mi vinni ‘na paralisi cervicale ‘nta lingua!

 

MARIA

Amunì, circati di fare meno i cretini e salutati a du cristianu!

 

MARCO

Ho capito che volete scherzare!

 

FULIPPO

Ma quali scherzo e scherzo! Chisti sunnu disgrazie!

 

TANUZZU

Vi pari ca vi schirzamu? Vulissi vidiri a vuatri, si fussivu anticappatici!

 

FULIPPO

(A Tanuzzu) Lassamuli iri a sti genti che non capiscono i disgraziati!  (Escono di corsa)

 

MARIA

Ma dunni stati andannu? Viniti acca! Cu vuatri parru!

 

LAURA

(imbarazzata) Vi chiedo scusa, per il comportamento dei miei fratelli! Non capisco che cosa gli sia preso!

 

MARCO

Secondo me, quei due stanno architettando qualche scherzo!

 

MARIA

(Urla ai due) viniti acca tutti e due!

 

FULIPPO F. S.

Nun putemu veniri! Io e me frati semu menomatici!

 

SIGNOR BRUNO

I suoi figli, hanno handicap, o scherzano?

 

MARIA

Ma che anticap! Sapiva ca sunnu cretini, ma no a stu livellu! (Ai presenti) Vi chiedo scusa! Mi sento addolorata, pi comu si stannu comportannu! Viditi chi malafiura mi stannu facennu fari!

 

SIGNOR BRUNO

(Si siede) Signora, non si preoccupi! Sono ragazzi! (Aprendo il vassoio con i dolci) Su, prendete! (ognuno prende un dolcino)

 

ZIA MARTA

Io, non ne potrebbi mangiare, ma per il piaceri della mia nipota, mi mancio tutto il vassoio! (prende il vassoio e se lo mette sulle gambe)

 

LAURA

Zia! Un po’ di rispetto!

 

ZIA MARTA

(Ride) Pensavi che io...ma io starebbi scherzando! Se me li mancio tutti, divento una ippopotama! E poi, quannu con tuo zio giocamu a scopa, lo sotterro! (Ride)

 

MARCO

Vedi che famiglia allegra papà!

 

SIGNOR BRUNO

Si, non c’è che dire! A parte, il comportamento di quei due, che mi mette sospetto! (Guarda la casa) E poi, questo posto...

 

ZIO ANDREA

Bruno, sono due simpaticoni! Prima che venissi tu, parlavamo e scherzavamo! Vedrai che stanno mettendo su qualcosa! ne sono certo! 

 

SIGNORA FRANCA

(Il signor Bruno guarda attentamente la casa, girando la testa su se stesso) Bruno, hai visto che bella ragazza ha nostro figlio?

 

SIGNOR BRUNO

Marco me ne ha parlato così tanto bene di lei, che quasi quasi, non so che dirle! (A Laura) La cosa che posso dirti, che sei la benvenuta nella nostra famiglia! Non sei la ragazza di mio figlio, ma una seconda figlia per noi!

 

LAURA

Grazie di cuore! Vi assicuro, che non vi deluderò! Porterò rispetto alla vostra persona, come sono stata educata dal mio caro papà! (Alza gli occhi in cielo. Maria si rattrista, asciugandosi la lacrimuccia che le leviga silenziosa il viso. Laura notando ciò, le stringe la mano. in scena, cala il silenzio)

 

ZIA MARTA

(Cerca di rompere il ghiaccio) signor Andrea, ma dove l’avesse lasciata alla sua mogliera?

 

ZIA ANDREA

(Intanto, signor Bruno è distratto perché guarda la casa) mia moglie? No, non sono più sposato! Mi ha lasciato, per un altro!

 

ZIA MARTA

Ma la sua echisi, è orba che ha lasciato un beddu mascolone comu lei? Mah!

 

SIGNORA FRANCA

Ha perfettamente ragione signora! Certe donne non appena vedono altri uomini, escono fuori di senno! Proprio come ha fatto la sua ex moglie!

 

ZIA MARTA

Ora ho caputo perché il signor Andrea ha lasciato la sua echisi, perché una donna che esce fuori di seno, è una svergognatica!

 

ZIA ANDREA

No fuori di seno, di senno! D’intelligenza! Lei, come mai è sola ? è vedova?

 

ZIA MARTA

Ma quando mai! Mio marito è vegetatissimo! Ancora zappa il terreno! (Allude all’atto sessuale)

 

ZIA ANDREA

Scusi! Siccome la vedo vestita di nero,  mi sorge spontanea la domanda!

 

ZIA MARTA

Mi sono vestuta di nero, perché il completino bianco ci l’haju sporco color panna! (Con occhi dolci) e poi, ci avisse piaciuto se io fossa stata vedovica?

 

SIGNORA FRANCA

(Signora Andrea, ricambia gli occhi dolci, ma spezza la connessione tra i due la signora Franca) che lavoro fa suo marito?

 

ZIA MARTA

Lo spaventapasseri! (Tutti ridono) ...vero! si scanta ca li passeri, si mancianu li favi! Si sta là impalato, appena li vidi arrivare, ci fa bum! E li fa scantare!

 

SIGNORA FRANCA

(Sorridente) ma in questa famiglia, l’avete nel DNA la comicità! Non è vero Bruno? (Il signor Bruno osserva la casa ed è pensieroso) Bruno, mi senti?

 

SIGNOR BRUNO

(si sforza a ricordare)Questa casa non mi è nuova! Se non erro, ci sono già stato qui, ma non ricordo bene!

 

MARIA

Lei ha statu acca? Ma si nun l’haju mai vistu? Oggi, è a prima vota ca lu vju!

SIGNOR BRUNO

(Sempre più confuso) nemmeno io l’avevo vista prima di adesso, ma c’è qualcosa che mi sfugge!

 

MARCO

Papà, con il lavoro che fai, giri così tante case! Forse, ci sarà qualche dettaglio che ti collega a qualcosa  che hai visto!

 

SIGNOR ANDREA

Ma quei due, non son più tornati! Pensavo che facessero subito!

 

MARIA

(Li chiama) Ancora docu siti? Viniti di acca, subitu!

 

FULIPPO F. S.

Mamma, statti zitta ca nun putemu veniri!

 

TANUZZU F. S.

Avemu l’artrosi cerebrale ne jammi e nun putemu veniri!  

 

LAURA

Ma dico io, vedete che modi sono questi! (Si alza  e va fuori scena) Venite di là! Vi rendete conto che figura mi state facendo fare?

 

FULIPPO F. S.

Cu tutti i ziti chi ci sunnu o paisi, proprio o figghiu di chiddu ti havia a pigghiari! Nni truvamu ‘nta sti guai, e la curpa è tua!

 

LAURA

(Torna in scena) Sono impazziti! Signor Bruno, signora Franca, vi chiedo scusa per il comportamento dei miei fratelli! Lasciamoli stare, non so perché fanno così!

 

MARIA

(adirata, si alza per andar da loro) ora ci lu fazzu vidiri ju, a sti dui pirita marci!

SIGNOR BRUNO

(Fermando Maria) Si fermi signora! mi aiuti a capire, quei due sono suoi figli, giusto? (Maria dice di si) Uno di loro è disabile?

 

MARIA

Unu sulu? Chiddi, tutti e due nasceru disabili!

 

SIGNOR ANDREA

Signora ma che dice! Se li abbiamo visti bene in piedi! ci vuole prendere in giro?

 

MARIA

Picchì li vidistivu in peri, vi pari ca sunnu boni? Chiddi sunnu disabili acca dintra! (Col dito, si tocca la testa) Sunnu cchiù cretini da morti, e cchiù scarti di ‘na jatta ‘mbriaca!

 

SIGNOR BRUNO

(Con sospetto) Che lavoro fanno?

 

MARIA

Pi sfurtuna, nasceru disoccupati! E docu, tanta curpa nun hannu! Ma prima chi arrivassi lei, ni stava dicennu me figghiu, ca truvaru travagghiu!

 

SIGNOR ANDREA

Dicendo che se lo sono guadagnato, grazie alla loro intelligenza! Per quattro anni, avranno il guadagno sicuro! Ma di che lavoro si tratta, non ce l’hanno detto!

 

SIGNOR BRUNO

(Frega le mani, ribatte con sarcasmo) Bene bene! Signora, per lei è un problema che i suoi figli vengano di qua? O ha anche lei, qualcosa da nascondere?

 

MARIA

Io, nun haju nenti di ammucciari! Anzi, si vennu, mi fannu cuntenta! (Esce per andar a prendere i due fratelli. Fuori scena, si sente Maria che con ira ordina i figli di uscire i quali si rifiutano)

 

SIGNORA FRANCA

(A Laura) ma perché non vogliono uscire sti ragazzi? Quasi quasi, mi mettono sospetto!

 

SIGNOR BRUNO

(alla moglie) So perché i due non vogliono uscire! (Urla ai due) Perché non venite qui, avete paura di qualcosa?

 

LAURA

(Spaventata, parla con Marco) Ho paura! Non vorrei che i miei fratelli abbiano combinato qualche guaio! (Marco le stringe la mano. Maria rientra in scena avvilita)

 

TANUZZU F. S.

Nun putemu veniri, picchì...picchì ni stamu facennu a barba!

 

SIGNOR ANDREA

La barba? Ma se barba in faccia non avevano fino a poco fa, gli è cresciuta in cinque minuti? Cose da pazzi!

 

ZIA MARTA

I miei nipoti sono come mio marito, sono  molto precoce!

 

SIGNOR BRUNO

Venite da questa parte! Voglio avere l’onore di conoscervi! (silenziosi entrano con la faccia invasa dalla schiuma da barba, per nascondere il loro profilo. Al vederli, ribatte con ironia) che bella maschera! (ai presenti) Siamo a carnevale e non mi avete detto nulla?

 

MARIA

Taliati chi sunnu sapuriti! Chistu modu di presentarisi eh?! Puliziativi a faccia, vastasi! (Laura, esce di scena, rientra con una tovaglia, che la da ad uno dei due)

 

SIGNOR ANDREA

Lasciateli stare! Ve l’avevo detto, che stavano preparando qualcosa! su, fateci vedere che fate!

 

FULIPPO

(A Tanuzzu) facemuci vidiri comu si fa a varba! (Tanuzzu esce e rientra con la saponetta e due pennelli da barbiere. I due intingono il pennello e accentuano la schiuma uno sul viso dell’altro. L’eleganza nei movimenti suscita ilarità e commenti buffi tra i presenti, tranne il signor Bruno)

 

MARCO

Lo dicevo io che sono due tipi strani!

 

SIGNOR ANDREA

Scusate, mi vorrei fare la barba, vi dispiace se mi metto in mezzo? (Scoppia a ridere)

 

ZIA MARTA

Parinu i barbieri di ciniglia!

 

SIGNORA FRANCA

Avete una così bella eleganza, che dovreste dare lezioni alla mia estetista!

 

MARIA

A vuliti finiri! Pariti due frocignoli!

 

SIGNOR BRUNO

(Con tono acceso attira l’attenzione di tutti) Smettetela! avrei il piacere di parlare con voi guardandovi negli occhi, posso o chiedo troppo?

 

TANUZZU

(Parla normale) nuatri a schiuma l’avemu finu sutta l’occhi, quindi ni putemu taliari ‘nta l’occhi! (Fulippo si complimenta col fratello, baciandolo, se pur impastandosi tra la loro schiuma)

 

SIGNOR BRUNO

(porge loro la mano, assume un tono di voce ben caricato) Piacere, Bruno Cornaduri! Voi?

 

FULIPPO

(Porgendo la mano) io, mi chiamu comu mi misi me matri e me patri!

 

TANUZZU

(Porge la mano) io, sugna u stessu di me frati!

 

SIGNOR BRUNO

Come mai, non vogliate dirmi i vostri nomi? Paura! (gli gira intorno)tu (a Fulippo)non avevi il girocollo e parlavi come se ti fossi inghiottito un tamburo? E tu, (A Tanuzzu) non parlavi mangiandoti la lingua? O non sapete recitare, o siete stati miracolati!

 

SIGNORA FRANCA

Che ti è preso? Perché ti accanisci così tanto? In fondo, sono ragazzi! I ragazzi volevano scherzare!

 

SIGNOR BRUNO

(Con ira) Il loro è stato uno scherzo, vero? (Con cattiveria) Vi farò pentire, di esservi preso gioco di me! è inutile che vi nascondiate! Giù la maschera!

 

TANUZZU

Avemu la scumazza, fa lo stesso?

 

MARIA

Ma chi sta dicennu? Pozzu capiri ca i me figghi, sono poco educati pi comu si comportanu, ma nun c’è bisognu di arrabbiarisi accussì!

 

SIGNOR ANDREA

Bruno, la signora ha ragione! Non volevano prender in giro nessuno, dai!

 

MARCO

Papà, ti conosco fin troppo bene! adesso basta! Avevano voglia di scherzare! Chiudiamola qua!

 

SIGNORA FRANCA

Bruno! Li ho conosciuti da poco, non mi sembrano così cattivi! (A Maria) Lo scusi, ma mio marito è un tipo scrupoloso con certi atteggiamenti, e quindi...

 

SIGNOR BRUNO

(Interrompendo la moglie) smettetela anche voi, che non capite! Questi due che vi sembrano così angioletti, hanno le corna!  

 

FULIPPO

Veramente chiddu chi si chiama Cornaduri è lei! Nuatri semu Cacalasagni!

 

SIGNOR BRUNO

(Con rabbia) Silenzio! siete due farabutti! E pagherete per ciò che avete fatto!

 

LAURA

Guardi signor Bruno, che i miei due fratelli, se pur dispettosi con me o con mamma, non farebbero mai del male ad una mosca!

 

SIGNOR BRUNO

È inutile che li difendiate, siete tutti complici!

 

MARIA

Chi voli diri, cu stu semu tutti complici? Si spiegassi megghiu!

 

SIGNOR BRUNO

Ok, lo dirò in parole povere! I suoi figli, sono due ladri!

 

MARCO

(I presenti si sconvolgono) Ladri? Ma che dici, papà! li abbiamo appena conosciuti! Come puoi dire una cosa del genere?

 

MARIA

Di tuttu ci putemu diri e me figghi, ma non ladri! Ju u sacciu di chi pasta semu fatti! Semu ‘na famigghia all’antica, e ci tinemu all’onuri!

 

SIGNOR BRUNO

Opera nel settore della medicina, per conto dell’inps. Un mese fa, fui mandato in questa casa, a visitare un disabile orbo, cieco e muto. Devo dire, che hanno ben studiato, per farmici cascare! Così gli avviai le carte per la pensione, che penso che gli sia già arrivata, vero? (I due annuiscono) Signora, questo me lo chiama, onore? (Maria, non risponde. prende il cellulare ed effettua una chiamata) Ciao Alex, sono il dottore Cornaduri! Volevo dirti di presentarti in via 20 settembre numero 82. ne ho trovato altri! (Chiude chiamata)

 

MARIA

Ju, nun ni sapiva nenti di tuttu chistu! (ai figli) ma quannu è ca facistivu sta cosa? (I due silenziosi) criditimi, nun ni sapiva nenti! Giuru, sulla bonanima di me maritu!

 

SIGNOR BRUNO

È inutile che continua a recitare! Sapevate tutti e fingevate! Ma per mia fortuna e vostra sfortuna, vi ho stanati! Ho fiuto contro i ladri!

 

LAURA

Ladri a chi? Signor Bruno, lei si sbaglia sul nostro conto!

 

SIGNOR BRUNO

I tuoi fratelli, hanno truffato lo stato! Meno male che li ho fermati in tempo!

 

LAURA

Le giuro sia io che mamma, non sapevamo niente del loro gesto! (Ai fratelli) Come avete potuto fare una cosa del genere! Avete disonorato la famiglia! Il lavoro di cui ci parlavate poco fa, era questo? (I due annuiscono)

SIGNORA FRANCA

Sembrava tutto così bello per essere vero! Sembrava una famiglia così bella, invece sotto sotto, si cela la doppia personalità ipocrita!

 

SIGNOR BRUNO

Sapete quante ne scovo famiglie di ladri come voi? Una marea! Pensavate di avermi fatto fesso! Ma il destino ha voluto che io vi fermassi in tempo!

 

LAURA

(Gemente) Non pensi questo di noi! Siamo una famiglia timorata di Dio, fondata su valori di vita! Se i miei fratelli, hanno fatto questo guaio è giusto che...(Esplode a piangere)

 

SIGNOR BRUNO

Mi meraviglio anche di te, Marco! Come non hai avuto l’accortezza nel conoscere lei, di capire che genere di famiglia fosse! No, una famiglia perfetta, non potremmo mai unirci a gente come questa!

 

MARCO

Papà, non ti permetto di parlare così! Io non so cosa abbia portato i suoi fratelli a compiere questo gesto, ma ti assicuro che Laura è ben diversa!

 

SIGNOR BRUNO

Tu, fai come vuoi! Non appena avrò risolto la faccenda, non voglio più legami in questa casa!

 

ZIA MARTA

Invece di essere incazzoluto con la nostra famiglia, si calmassi e cercherebbi di capire la situazione! Nuatri semu genti brava!

 

SIGNORA FRANCA

Quando di mezzo ci sta un furto, non so fino a che punto si è bravi! Signora lei ha capito che gesto hanno fatto i suoi nipoti? Hanno rubato lo stato!

 

ZIA MARTA

U stato, a nuatri ci arrobba pure! Quindi, stiamo uno a uno e palla o centro! (Bussano e Maria va ad aprire, entra un carabiniere)

 

CARABINIERE

Buongiorno! Signor Bruno, mi comandi!

 

SIGNOR BRUNO

Grazie d’esser venuto, Alex! (Ai presenti) quest’uomo, lavora al reparto operativo della nostra sede, ho fatto arrestare più farabutti io, che tutto il comando dei carabinieri! Alex, ho scovato altri due bravi ragazzi. Tu sai ciò che devi fare!

 

MARCO

Papà, cerchiamo di risolvere la situazione in un altro modo! Ti prego, non arriviamo a così tanto!  (Il signor Bruno, gli lancia uno sguardo fulminante, poi lo ignora)

 

CARABINIERE

Ehi voi due! Toglietevi dal viso quella schiuma! (I due si puliscono)

 

MARIA

(Gemente) ora chi fati, li aviti arristari?

 

CARABINIERE

Sono venuto qui, per questo!

 

MARIA

(Piange, implorando il signor Bruno) pi favuri, nun li facissi arristari! Pagu qualsiasi prezzu, ma nun mi li purtati fora casa! i me figghi, sunnu a me vita, senza di iddi, nun sacciu viviri! Pi favuri, mi li lassassi dintra!

 

SIGNOR BRUNO

Mi ringrazi che non faccio arrestare anche lei! Le conviene star zitta! (Maria piange, Laura va a sostenerla)

 

FULIPPO

(Il carabiniere mette le manette a Tanuzzu) Arristati sulu a mia! la pinsata di la pinsioni, è mia! Me frati, nun havi curpa! (il carabiniere guarda il signor Bruno, il quale facendogli un cenno con la testa, autorizza a liberare Tanuzzu. La madre e Laura piangono) prima chi mi arristati, cunciditimi dui paroli!

 

SIGNOR BRUNO

Mi sento in tribunale! Comunque, puoi parlare!

 

FULIPPO

Mi tocca chianciri in silenzio, pi la vergogna! Ma aviti a sapiri, ca la dispirazioni, mi purtò a chistu! Pi vuatri, è facili aviri li cammareri chi vi servinu! Pi la me famiglia, è già un miraculu si avenmu la pasta! Nun pinsati ca si ju, avissi avutu  travagghiu, mi avissi pirmittutu di fari stu sbagliu? No! lei, nun mi po’ capiri Signor Bruno picchì lu fa granni, arristari chiddi comu mia! si fussi statu so figghiu sfurtunatu comu mia, lei in quantu patri, chi duluri putissi pruvari? Lu me gestu dispiratu, nun c’entra nenti cu li valuri di la me famigghia! Sbagliavu ed è giustu ca pago! Sugnu prontu! ( In scena cala il silenzio, poi si alza il signor Andrea)

 

SIGNOR ANDREA

Prima di aver una mia posizione, anch’io ho patito la fame! Anche tu ne sai qualcosa, vero Bruno? (Il quale non parla) siamo così tanto presi dalla vita, che non guardiamo mai a terra per dare una mano a chi sta sotto, dimenticando ciò che eravamo! La colpa non è tua figliolo! La colpa è nostra Bruno!

 

SIGNOR BRUNO

Nostra? Che vuoi dire?

 

SIGNOR ANDREA

Siamo stati accecati dal denaro, dimenticando le nostre origini! Cosa facevano mamma e papà? dormivano a terra, pur di darci il loro letto! Papà, andava nelle campagne delle persone, per rubare gli ortaggi per sfamarci! Il reato è nostro e di tutti quelli come noi, che stanno bene, ma vivono nell’ipocrisia! Quest’oggi, questa umile famiglia ci ha dato lezioni di vita! Ammettiamolo Bruno! (Il carabiniere guarda l’orologio)

 

CARABINIERE

Scusatemi, ma io ho ben altro da fare! ( Va da Fulippo, il quale alza i polsi per farsi ammanettare, ma il carabiniere si ferma non appena il signor Bruno, lo ferma con le sue mani) perché mi ferma?

 

SIGNOR BRUNO

Non c’è bisogno! Quello che meriterebbe la reclusione è la mia coscienza! Va pure Alex... grazie lo stesso! (Il carabiniere rimette nel fodero le manette e va via. Con afflizione si siede) L’ipocrisia è la malattia peggiore che possa contagiare l’uomo, bruciano l’anima! vi chiedo scusa e perdono, no per aver stanato voi che rubavate lo stato, ma per aver offeso delle persone umile costrette a rubare per vivere! Vi chiedo umilmente perdono!

 

SIGNORA FRANCA

(Triste) Anch’io mi scuso, se ho osato a parlare un po’ troppo!

 

ZIA MARTA

Picciottelli! Ora basta cu sto mortorio! Oggi, sti dui colombacci si stannu facennu ziti! Lassamu stari chiddu ca è statu, e festeggiamu!

 

MARIA

Ragiuni hai Marta! L’importante nun è sbagliari, l’importante è nun continuari a sbagliari! E spero ca li me figghi lu caperu! Inveci di manciari carni, bivemu brodu!

 

MARCO

Cadere, ci aiuta a capire dove è stato l’errore, per poter trovare una soluzione e non cadere ancora! Oggi, un po’ tutti siamo caduti, ma e ora di rimediare! Abbiamo dimenticato che oggi è festa! Io e Laura, ci amiamo! (Tanuzzu esce e rientra con una bottiglia di champagne. Viene stappata e tutti riempiono i bicchieri)

 

SIGNOR BRUNO

Oggi è un girono di festa, e con questo brindisi voglio augurare ai due fidanzati una lunga vita ricca di sani principi di vita, e augurarci a noi tutti di non camminare a testa alta, ma di chinare la testa e ascoltare anche il cuore! Auguri! (Tutti brindano allegramente)

 

TANUZZU

Signor Bruno, visto ca ora è di famiglia, a pozzu diri ‘na cosa?

 

SIGNOR BRUNO

Certo che puoi dire tutto quello che vuoi!

 

TANUZZU

Siccome stamattina mi susivu, con un dolore chi mi parti di l’unghiu du peri destru e mi arriva fino al menisco intercelebrale di la testa!

 

SIGNOR BRUNO

Vuoi che gli dia un’occhiata?

 

TANUZZU

No, vogghiu chi mi aumenta a pinsioni! ( Tutti inseguono Tanuzzu e si chiude il sipario)

 

Fine!