ANGOLO VOLGARE


Per la serie: BAMBINI, QUESTE COSE NON SI DICONO!!!

  • Essiri 'na pacchianella cacata: Detto per un uomo che ha sempre paura.

  • Essiri 'na minchia carricata di passuli: Essere una persona inutile.

  • Essiri 'na bācara persa: Vedi sopra.

  • Essiri cchių curnutu di 'na cartedda di babbaluci: Detto spesso per l'arbitro (letteralmente: essere pių cornuto di una cassa di lumache).

  • Arrusu: Chi si fa sodomizzare. Al femminile sta per donna di facili costumi.

  • Acidduzzu, pipėa, pitolla, cazzu, ciolla, minchia, bācara: Il sesso maschile negli anni.

  • Ciaccatu: Pederasta.

  • Pacchiu, sticchiu, paffiu: Il sesso femminile.

  • Minchia marina: Oloturia. Termine spesso utilizzato anche come dispregiativo.

  • Trummiari, futtiri: L'atto sessuale.

  • Bacarata, minchiata: Come cazzata.

  • Cabbasisi, cugghiuna, paddi, baddi: Testicoli.

  • Ciullittuni: Persona inconcludente.

  • Cicireddu: Si usa scherzosamente per definire le dimensioni del sesso maschile.

  • Cacārisi 'ncoddu: Cacarsi addosso, avere paura.

  • Scassari la minchia/u cazzu: Rompere le scatole.

  • Pirricāna: Organo genitale maschile (nel nisseno).

  • 'Njčschisi: Organo genitale maschile (nella zona della Conca d'Oro).

  • Minarisėlla: Masturbarsi.

  • Mi la putiti sucari! (Sottinteso "la minchia!"): Me la potete succhiare, non potete fare niente contro di me.

  • Fella: Metaforicamente, l'organo sessuale maschile. Ma anche la natica, il culo.

  • Va sgangati i cuorna a laigga: Vai a romperti le corna al largo, usato nel palermitano, e si capisce anche dalla pronuncia/scrittura

  • Grannissimu pezzu i cuinnutu!!!: Grandissimo pezzo di cornuto.

  • Va scassacilla a laigga!!!: Vai a romperla al largo.

  • Si na minchia sculata: Offensivo, molto. Sei una minchia scolata = dicasi di persona stupida.

  • Si na tri mutura: Offensivo = Peripatetica, baldracca e pure puttana, usato nel palermitano.

  • Pulla sturduta: Offensivo. Troia rincoglionita, in uso a Mazara del Vallo.

  • Va fatti schifiari: si dice a qualcuno per mandarlo a quel paese.

  • Sgammariddata: Squartata, lacerata, malridotta. " 'Dda rran tutta sgammariddata e 'rrutta si to soru!"
     

Torna al menų