Animali


Attrova 'na parola: schivila 'cca sutta e ammacca u buttuni

Cavaddu spitignusu mori machiru

(Chi si schifa di tutto si ritrova poi a mani vuote - "muore magro")

 

U sceccu chi mangia ficari si leva u viziu quannu mori

(Il lupo perde il pelo ma non il vizio)

 

A chi t'arridducisti, addu di Sciacca: a essiri pizzuliatu di la ciocca!

(A cosa ti sei ridotto gallo di Sciacca: a essere beccato dalla chioccia! - riferito a chi si dà area di duro e poi si arrende alle minime difficoltà)

 

U cardiddu 'nta la aggia canta pi 'mmiria o pi raggia

(Il cardellino nella gabbia canta per invidia o per rabbia)

 

A addinedda camina, camina, s'arritira ca bozza china

(La gallinella camminando camminando torna a casa con lo stomaco pieno, ci si riferisce ad una persona che sa mettere a frutto qualsiasi cosa trovi sul suo cammino)

 

A addina fa l'ovu e o addu ci abbrucia u culu

(La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il culo, c'è sempre qualcuno che si atteggia per le vittorie altrui)

 

Frivaru frivaloru a cchiù tinta addina avi a fari l'ovu

(Nel mese di febbraio tutte le galline depongono le uova, anche le peggiori)

 

Campa sceccu meu finu ca veni a pagghia nova!

(Vivi mio asino, finchè arriva la paglia nuova. Si suole dire quando qualcuno perde molto tempo nel fare una cosa o quando per fare una determinata cosa bisogna aspettare che cambino delle condizioni che, obiettivamente, si presentano molto lunghe)

 

Ci dissi l'adduzzu a la puddastra: tuttu lu munnu è comu casa nostra

(Disse il gallo alla gallina: tutto il mondo è ovunque uguale, ossia ovunque vai ci sono gli stessi problemi e le stesse situazioni, tutto il mondo è paese)

 

Ammatula ca frischi, quannu u sceccu un voli viviri

(È inutile che fischi se l'asino non vuole bere, è inutile impegnarsi oltremodo per una cosa impossibile)

 

U sceccu unni cari si susi

(Lett: l'asino dove cade si alza - detto di persona ignorante,  indifferente e/o fatalista)

 

A jatta priscialora fici i figghi orvi

(Gatta frettolosa fa i gattini ciechi)

 

Fai beni a jatta chi t'aratta

(Accarezza la gatta e ti graffia lo stesso, situazioni in cui pensi che poichè hai fatto del bene a qualcuno questi sia obbligato a rendertelo e invece non lo fa)

 

Cu è figghiu di atti surci pigghia

(Chi è figlio di gatto prende i topi. I figli agiscono secondo l'esempio dei genitori)

 

Quannu t'aiu dittu babbaluciu, t'aiu dittu: cuinnnutu, vavusu, strican'terra e portan'coddu!

(Classico utilizzo di un termine multisignificato per definire qualcuno. Letteralmente: quando ti ho detto lumaca, t'ho detto cornuto, sbavoso, che striscia a terra e trascina pesi)

 

Ci rissi u sceccu 'o mulu: nascemu pi 'ddari u culu

(Disse l'asino al mulo : siamo nati (solo) per dare il culo)

 

U cani muzzica sempri u 'cchiù spardatu

(Il cane morde sempre il più malconcio. Il destino si accanisce spesso sui più sfortunati)

 

Ti canusciu, sceccu e... un t'accattu!

(Mio caro asino, ti conosco così bene che non mi sogno affatto di comprarti)