Il profumo della gioventù

 

Commedia brillante in due atti di

GIANCARLO BUCCHERI

PERSONAGGI

Nicolò Cangemi

Rosalia C. (moglie di Nicolò)

Giacomo C. (figlio di Nicolò)

Elena C. (moglie di Giacomo)

Ylenia C. (figlia di Giacomo ed Elena)

Sonia C. ( figlia di Giacomo ed Elena)

Frank C. ( Fratello di Nicolò)

Rosario D.C. (fidanzato di Sonia)

Carmelina A. (la vicina di casa)

Michele A. (Figlio di Carmelina, a 18 anni frequenta ancora la scuola inferiore)

Padre Melchiorre (il prete)

L’ Amica di Sonia

Il marito dell’amica

 

 

Primo atto

 

 

IN UNA CITTADINA DI SICILIA AI GIORNI NOSTRI

LA SCENA SI APRE ALL’ORA DI PRANZO, IL NONNO NICOLO’ E LA NONNA ROSALIA ARMEGGIANO PER I PREPARATIVI IN ATTESA CHE LA FAMIGLIA RIENTRI

 

SCENA N I

 

N. Nicolò:Rosalia, la mittisti la pignata ca su’ l’una e a momenti s’arricampanu tutti affamati comu li lupa.

N. Rosalia:Avi chi è misa deci minuti e già l’acqua punci.

N. Nicolò:La preparasti la salsa? E di secunnu chi si mancia?

N. Rosalia:Pi nuautri preparà carni aggrassata ccù li patati, pi tia, chi ha lu polistirolu e lu grassu ti fa mali, filetti di merluzzu vugghiuti.

N. Nicolò:Ah… chi bella notizia chi mi dasti, a lu sulu pinseri mi spampina lu figatu ccù tutta la curata. Merluzzu vugghiutu! (facendo un’espressione di disgusto)… Autru chi merluzzu vugghiutu mi manciassi ‘na mitrata di sosizza arrustuta a lu focu ccù dù brocculi affucati.

N. Rosalia:Ma chi ci vò fari, t’ha rassegnari, ha manciari cosi leggeri, Rosario ti lu dissi, si vo’ campari, t’ha limitari ‘ntà lu manciari… …e po’, lu focu pi arrustiri ‘un si po’ fari… a la signura Arcangelu lu fumu ci duna ‘mpicciu e po’ so figghiu Michele è allergicu, lu sa’, no, chi avi l’asma!.

N. Nicolò:Beddra matri, (in falsetto) comu su delicati ‘sti vicini, lu fumu ci duna mpacciu. A drù scemu di Michele ci veni l’allergia. Chi beddri vicini chi avemu! ‘Na famigghia di minchiulunazzi!

N. Rosalia:Ma picchì dici accussì ? su genti boni ed educati.!

N. Nicolò:Pirchì… pirchì …iu dicu, ma comu si po’ fari… soccu ci vinni’n testa… di cognomi si chiamanu Arcangelu e a lu figghiu di nomi ci vannu a mettiri Micheli… s’avissiru avutu n’atri dù figghi comu l’avissiru chiamatu? Gabrieli e Raffaeli? …Si chista ‘un è babbaria, dimmi tu socch’è?.

Rosalia, Rosalia beddra…

N. Rosalia :Chi ha?… Chi c’è?.. ‘Un mi nociri… chi ti pigghià la testa ?… Lassami stari.

N. Nicolò:Rosalia… Rosalia…veni ccà fatti abbrazzari!

N. Rosalia:Ma chi vò? ‘un fari lu scemu… me matri lu sa soccu mi dicia…? Quannu lu diavulu t’accarizza, voli diri chi voli l’arma!

N. Nicolò: Po essiri, ma’ chi ha manciari sempri li stessi cosi? Si propriu lu vo’ sapiri…..‘un ni possu cchiù. Pisci vugghiuti e spaghetti cù l’ogghiu…..spaghetti cu l’ogghiu e pisci vugghiuti…..a momenti m’affaccianu li argi, ( branchie) li squami, li pinni e la cuda comu un pisci e a lu postu di la……"natura"….un maccaruncinu. Almenu, fammi du’ broccoli affucati, avi chi ‘un ni manciu!

N. Rosalia:Ecco lu viri… lu sapia chi m’avissi addumannatu qualchi cosa. Ma ‘un ni lu sa chi a tò nora lu fetu di brocculi ‘un ci piaci?!?

N. Nicolò:Fetu… fetu… autru chi fetu! Esti un profumo ce…le…sti…a...le! Si putissi, mi facissi li perfumi , di sicuru m’allargassiru li prumuna.( facendo il gesto di chi respira con soddisfazione )

N. Rosalia:‘Un avemu nenti chi fari, lu pranzu è quasi prontu e chistu n’avemu a manciari.Comu si dici….o ti manci ‘sta minestra…..

N. Nicolò:Buttigghia di la miseria (sottovoce) sempri la stessa pappa. Si ‘un fussi chi semu a primu pianu mi jttassi veru di la finestra…Arribbuttigghia di la miseria, a chiddri lu fumu ci duna ‘mpacciu, a chiddr’ autri li brocculi ci fannu fetu… e po,’ giustu.. giustu, me niputi s’app’agghiri a fari zita ccù dutturi… (in falsetto): siete anziani… vi dovete controllare… facciamo le analisi…

Si però n’avissimu restatu a la nostra casa,tutti ‘sti problemi ‘un ci fussiru, ‘n campagna lu fetu di brocculi e di fumu ‘un avissi datu ‘mpacciu a nuddru. Avissi manciatu chiddru chi m’avissi piaciutu…ahhh …comu si dici …pani e tumazzu….sanità di corpu e libertà di …..….lassamu perdiri, va’ ….

N. Rosalia: ‘N campagna… ‘n campagna a la nostra età oramà ‘un n’era cchiù cosa…

Troppu anziani semu… e la saluti ‘un n’accumpagna… ‘un era strada chi spunta… ‘un n’avemu nenti chi fari ,n’amu a rassegnari e am’ha essiri cuntenti e grati a tò figghiu e a tò nora chi ni fannu stari ccà. Stamu ‘n compagnia e ni putemu godiri li nostri niputeddri…

N. Nicolò: Anziani… anziani… tu parra pi tia …chi iu ‘un mi sentu affattu anzianu…Sono ancora nel pieno…..di tutti li me’ forzi.

N. Rosalia:Noo…’un si’ affatto anzianu , noo… si un picciriddru… anzi un picciutteddru di primu pilu. Ma si ti lamenti di la matina a la sira… ahi ahi…. Haiu duluri ‘ntà li rini… ahi ahi… mi fa mali la panza e ‘un pozzu digiriri…La notti ‘un dormi e ti susi decimila voti pi pisciari. Autru chi picciottu, si vecchiu e ‘un c’è .. nenti di fari!

N. Nicolò:Vecchiu… vecchiu… si ‘un fussi pi stì quattru cocci di camula ancora ….mi sintissi… mi sintissi… veni ccà… Rosalia, chi ti fazzu viriri soccu mi sintissi di fari!….

N. Rosalia: Ma chi vò… ti pigghià la testa? parri… parri… ma po’…. (ridendo e facendo il gesto di muovere la mano con aperti pollice e indice) ‘un fa’nenti!!

N. Nicolò: Veni ccà ‘un scappari… veni ccà chi ti fazzu viriri si ‘un mi firu cchiù a fari nenti…

N. Rosalia: Finiscila… la vò finiri… parri picchì sa chi a momenti sunnu tutti ccà e ti po’ salvari.

N. Nicolò: Ha ragioni, pi ora ‘un putemu fari nenti… ma stasira… ti fazzu viriri iu…

N. Rosalia:(ridendo) Parri… parri po’ la sira all’ottu mori di sonnu e appena metti la testa nta lu cuscinu t’addummisci… Inveci di straripari metti la tavula.

Il nonno incomincia a disporre sulla tavola le stoviglie. Piatti, bicchieri, posate vengono disposte e ordinate sulla tavola. Nel frattempo rientra Ilenia dalla scuola.

 

 

SCENA N 2

 

 

N. Nicolò:Beddra la mè niputeddra, veni ccà chi ti vogghiu abbrazzari. Soccu facisti oggi a la scola? Soccu ti ‘nsignaru? Mi raccumannu, ha sturiai!!. La scola ‘ntà la vita è tuttu. Cchiù cosi unu si ‘nsigna, cchiù strata fa po’ ntà la vita. T’interrogaru?

Ilenia:No, non mi hanno interrogata. La professoressa, visto che siamo prossimi alle festività natalizie, ci ha assegnato alcuni compiti da svolgere.

N. Nicolò:Rosalia, ma tu lu senti a tò niputi? parra chi pari ‘na dottoressa!! Taliano pi taliano… mancu ‘n’erruri fici……mizzica chi scilinguagnulu…… A li me tempi la maestra quannu faciamu qualchi erruri … eranu bacchittati ntà li manu…certu è… chi iu ccù la scola limentari ‘un sacciu scriviri tantu bonu… ma ntà l’operazioni… sugnu un mastru…….Po,’ dopu chi manciamu, t’aiutu iu ‘un ti preoccupari.

Ilenia: Tra i compiti assegnati c’è un tema un po’ complicato.

N. Nicolò:‘Un ti preoccupari… t’aiutu iu.

N. Rosalia:Ma chi vò aiutari tu, si parri e scrivi tuttu sgrammaticatu chi pari un alfabeta.

N. Nicolò:Sì, lu sacciu, ‘un sacciu scriviri… ma la fantasia, lu sa’, un mi manca. Iu ci dugnu qualchi idea e iddra po’ si la scrivi a modu so’.Va lavati li manu…chi tra pocu si mancia.(suonano alla porta)

N. Nicolò:Rosalia va rapi av’a essiri tò niputi Sonia chi s’arricampa.(Entra in scena Sonia)

Sonia :(precedendo il nonno) …Chi su beddri ‘sti vicchiareddri.

N. Nicolò:Che beddra ‘stà niputeddra. Chi facisti? Li sciglisti li regali? Lu vistitu di lu matrimoniu ti lu pruvasti? Certu chi tutta vistuta ccù lu strascicu… a pariri ‘na regina. Tò patri e tò matri stannu vinennu?

Sonia:Si la mamma dopo che ho provato l’abito stava chiudendo il negozio, a momenti dovrebbero essere qui.

N. Nicolò:Rosalia, po’ calari la pasta chi, a momenti, to’ figghiu s’arricogghi. Calaccinni "seicientu"

Nonna Rosalia: "Seicientu"? Picchì chi aspetti ‘nvitati? ….O ci l’amu ha dari a manciari all’"orfani"?

N.Nicolò: Ma’ scusari ‘un semu sei?….Mancu centu grammi a testa ci nnì vo’ calari?

N . Rosalia: ‘N primis..’n primis li to’ niputi su’ a dieta e chiossà di sessanta grammi l’unu ‘un si mancianu….to’ nora e iu ni manciamu miremma picca ….tutta ‘sta pasta ti l’avissi a manciari tu? Chi t’avi a veniri u’ bloccu ‘ntestinali?.

N.Nicolò: A mia mi pari chi lu bloccu ‘ntestinali mi veni manciannu picca….a cessu ci vaiu ogni quattro jorna! E pi sgravari sunnu sudura…..e dulura…

(Arrivano Giacomo ed Elena, entrano in scena e salutano nonno Nicolò e nonna Rosalia)

Giacomo:Ciao papà, ciao mamà, chi profumu!(Nel frattempo Elena e Giacomo si tolgono il cappotto e lo appendono nell’attaccapanni situato nell’igresso che è visibile dalla stanza di soggiorno in cui avviene la scena) Soccu cucinasti?……… Haiu ‘na fami chi mi stà manciannu li vureddra.

N. Nicolò:Tuttu è quasi prontu, va lavativi li manu e assettativi, chi fra pocu si mancia.(Suonano alla porta)

Giacomo:Sonia, va viri cu è!

N. Nicolò:A st’ura?… iu dicu, la genti ‘un’n’havi nuddra delicatezza! ‘un si capisci chi ognunu a ‘st’ura è assittatu a tavula chi mancia?

Sonia: E’ padre Melchiorre, è venuto per prendere gli ultimi accordi per il matrimonio.

Giacomo: S’accomodi, Patri Melchiorri. Trasissi, trasissi.

N. Nicolò: (a bassa voce) Ma quali trasissi e trasissi, chistu, ora, si mancia na panatica.

P. Melchiorre: Non vorrei disturbare. Non mi ero accorto che fosse così tardi.

Giacomo:Ma quale disturbo, anzi se non ha ancora mangiato, perché non si accomoda? S’assittassi ccà a capu tavula..

N. Nicolò: Lu viri, lu sapia… ccù la scusa di lu matrimoniu ora chistu ni scrocca un pranzu. Si…si s’assittassi ccà vicinu a mia ….chi, mentri manciamu, ni facemu quattro chiacchiere.

Padre Melchiorre si siede e contemporaneamente viene servito il pranzo.

P. Melchiorre : Ero venuto, per la verità, per discutere del matrimonio……..( Con la bocca piena, rischiando più volte di soffocare……tossendo )

N.Nicolò: Araciu….araciu ‘un s’affucassi ……vivissi un muccuni d’acqua, chi ci passa ( Il prete non se lo fa ripetere due volte, però, invece dell’acqua prende la bottiglia del vino).

N.Nicolò: Chi fa? scattia a lu vinu?……Ci possu tuppuliari li rini ? ( Ed essendo suo vicino di posto a tavola, gli da due belle manate sulle spalle ).

P.Melchiorre: Bonu …..bonu… grazi …grazi… mi passà…..Dunque ricìamu …..ah si ….E ripetere con Sonia quali sono i punti salienti del rito nuziale. Certo, se Sonia avesse frequentato di più la chiesa, non ci sarebbe stato bisogno di tante spiegazioni.

N. Nicolò : E chi ci voli fari, patri Melchiorri, li picciotti preferiscinu nesciri… addivertisi e la curpa é la vostra.

P.Melchiorre: E perché mai? Noi facciamo di tutto per tenere i giovani vicini alla Chiesa.

N. Nicolò:No… viatri faciti di tuttu pi falli allontanari. Ci faciti veniri la nausea di nichi-nichi cu lu catechismu. I dicu ,‘na para di misi… un anno di lezioni ‘un’abbastano? No! L’ata fari iri e veniri dui, tri anni. Certu, chi appena finiscine, ‘un ni vonnu sentiri cchiù nenti. A li me tempi c’era l’oratorio cù li tornei di calcio di bigliardinu tra un jocu e l’autru ni facianu ‘na lezioni di catechismu e tuttu era diversu.

P. Melchiorre:Si, ma al giorno d’oggi con tutti i pericoli e i problemi della società moderna, i giovani devono essere più informati, devono trovare nella fede la forza per non cadere in tentazione.

N. Rosalia: Va bè… va bè… Lassamu stari tutti sti discursa… finemu di manciari lu secunnu e dopu la frutta vi fazzu un bellu cafè.( Si alza per andare in cucina a preparare il caffè)

N. Nicolò: Ah scialà! Stù merluzzu vugghiutu avi un sapuri di mari!… patri Melchiorri ni vuliti un pocu? E’ veramenti bonu, si ‘un ci la faciti a finiri la carni aggrassata, la finisciu iu e a vostra "eminenza" ci fazzu…..tastari….. un pocu di pisci.

P. Melchiorre :No’,grazie della cortesia, il pesce mi fa cattiva digestione, preferisco finire la carne.

N. Nicolò : E si la finissi… si la finissi. ( Rientra in scena nonna Rosalia con un piatto colmo di frutta in una mano e la caffettiera nell’altra )

Giacomo:Mi dovete scusare p. Melchiorre,’ ma io, dopo pranzo, se non mi sdraio un po’ non digerisco. La riverisco ……con permesso (saluta ed esce di scena).

P.Melchiorre: Prego ….prego …..facissi comu si fussi a la so’ casa.

N.Nicolò: E pirchì secunnu vostra "santità"…..cà dunni fussimu ‘n canonica?.

P. Melchiorre: Chi c’entra …..il mio era "modus dicendi" …..chi significa modo di dire .

Elena:Sonia, fai accomodare P. Melchiorre in salotto, così potete essere più tranquilli a discutere. Offrigli un bicchierino di nocino, (rivolta al prete) l’ho fatto io, P. Melchiorre, lo assaggi, facilita la digestione.(escono di scena Sonia e P. Melchiorre)

 

 

SCENA N 3

 

 

N. Nicolò: Minica!.. Lu viristivu quantu mancià lu parrinu ? Fici colazioni, pranzu e cena! S’avissi pututu, avissi manciatu puru pi dumani e dopudumani

N. Rosalia:Zittiti!! parla araciu…chi ti fa’ sentiri! Aiutami chiuttostu a livari la tavula, accussì to’ niputi si po’ mettiri a sturiari. (Bussano alla porta…)

N. Nicolò: Chistu è drù scemu di Michele chi veni pi farisi fari li compiti. Puntuali comu ‘n’orologiu.(Entra in scena Michele)

Michele: Bongiorno a tutti.

N. Nicolò:Arrivà… l’Arcangelu Michele. Mizzica un cronografu svizzeru si’!…ma com’è chi t’appresenti precisu…precisu appena finemu di manciari ?

Michele A.: Di la me’ stanza si senti lu scrusciu di l’acqua di lu rubinettu di la vostra cucina….appena lu sentu, capisciu chi la nonna sta lavannu li piatta.

N.Nicolò: E bravu Micheli…….Veni ccà, assettati vicinu a mia chi ni facemu quattru chiacchiere. Chi facisti a la scola? (Nel frattempo Elena, nonna Rosalia e Sonia sparecchiano la tavola )

Michele: Nenti… ‘un fici nenti, e la maestra mi detti ‘na scorciaicoddru.( Prendendo una mela dal piatto di portata che era ancora in tavola…..e iniziando a sbocconcellarla )

N. Nicolò:Pi dariti ‘na scorciaicoddru qualche cosa l’avisti a cumminari. Ti comportasti mali? A la scola, prima di tuttu, l’educazioni. La rispettasti la maestra?

Arcangelo: ( Con la bocca piena, storpiando le parole )Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’avi purtatu.

N. Nicolò:E bravu l’Arcangelu Micheli. Rosalia, lu viri quantu ni sapi?! E’ stà filastrocca ci la ricisti a la maestra?

Arcangelo: Si, e iddra mi vulia mettiri n’autra scorcia di coddru….’Un capisciu pirchì!?!

N. Nicolò:Certu… chi pi cummattiri ccù li picciriddri ci av’a vuliri na pacienza. Autru chi scorciaicoddru… Si fussi maestru iu ‘un ni lu sacciu…( Torcendo un tovagliolo come si fa per tirare il collo a un pollo) Lassamu perdiri, và, …..pigghiati li quaderni e viremu soccu aviti a fari. Leniuzza, leggimi lu titulu di lu tema, accussì ci accuminciu a pinsari.

Ilenia:Il titolo del tema è: "A volte odori e sapori ci riportano alle festività degli anni passati o ci ricordano momenti felici della nostra infanzia".

N. Nicolò:Mizzica, già lu sulu titulu è un poema. La tò professoressa di dunni si lu niscì di la manica? Viremu, viremu, però è veru! Certu, chi li picciotti d’ovannu, quali ciavuri e quali sapuri s’hannu a ricordari. Lu ciauru di la plastica di lu computer chi fa dra musica ‘nfernali. Lu sapuri di li mastichi o di licca licca. Chi ci hannu a ricordari ‘sti sapuri? Quannu era picciottu iu, si chi c’erano oduri e sapuri! Vò mettiri lu ciauru di lu gelsuminu ‘ntà ‘nà sira di Estate, lu sapuri di ‘na ficurinnia manciata la matina prestu, frisca e vagnata di lu serenu di la notti, lu ciauru di lu latti appena munciutu… o lu sapuri di un vasuneddru arrubatu mezzu a li vigni duranti la vinnigna, tra lu ciauru di mustu e lu ronziu di l’api e di li vespi, sapuri duci…….. di la vucca di ‘na picciuttedra. T’arricordi Rosalia?…

N. Rosalia:Zittuti stravaganti… soccu ci cunti a dri picciriddri. (Rivolta alla nipote) La tò maestra ‘un appi autru chi fari d’assegnariti ‘stu tema e darici a tò nonno l’occasioni pi straripari….Iddru stravagantia senza motivu…fiuramuni si avi lu papulu a parrari…

Ma il nonno ormai è tutto preso dai ricordi e non può fare a meno di continuare.

(Rivolto ai ragazzi)

N. Nicolò:Ogni simana me matri ‘mpastava lu pani e quannu iu m’arricugghia di lu travagghiu ‘n campagna, la fragranza si sintia di luntanau. Ah… chi sapuri, un mufulettu cauru cauru ccù ‘m pocu d’ogghiu e sali. O pi natali friia li sfinci e iu, prima chi iddra finia, mi n’avia manciatu già la mità abbagnati ntà lu zuccaru, ntà lu meli o ‘ntà lu vinu cottu. Chiddri sì,chi eranu bei tempi ….putia manciari tutti cosi….autru chi pisci vugghiuti

N. Rosalia:Ma comu sì poeta oggi, iu di tutti sti cosi mi riordu… li spini di li ficurinnia, li muzzicuni di li vespi, la pulizia di la staddra… lu cauru davanti a lu furnu e li irita calati ‘ntà l’ogghiu assiemi a li sfinci.

Elena: Durante tutto questo tempo ha rassettato la cucina e lavato le stoviglie la nonna Rosalia ha spazzato il pavimento.

Michele: Lu nonnu Nicolò oggi ni fici ‘na bella lezioni, dumani a la scola ci lu cuntu a la maestra, ci lu dicu comu si fici trasportari a lu n’arrè di lu profumu di la gioventù.

N. Nicolò: E bravu l’Arcangelu Micheli, Rosalia ma tu lu viri che spertu chistu… iddru pari stupidu a mentri è … sulu fissa (ridendo in modo da non suscitare il risentimento di Arcangelo).

N. Rosalia: Bonu bonu, si ‘un parri cchiù pi Natali ti li fazzu dù sfinci.

N. Nicolò: E….ccù lu fetu d’ogghiu frittu, comu la mittemu?. Elena, tu chi nni pensi, ni lu putemu permettiri stu "lussu"?.

Elena: Per una volta si può fare anche uno strappo alla regola.

N. Nicolò: E brava me nora. Ci duna fastidiu l’oduri di l’ogghiu frittu. E po’ la sira s’arricogghi cu l’arancini e li sfogliatini pi la cena. Ma ‘un ti renni cuntu di lu sapuri di ogghiu frittu e rifrittu chi hannu? Iu dicu, megghiu lu fetu in casa e po’ manciari na cosa genuina …….chi no lu fetu fora e lu vilenu ‘nà la panza.(Nel frattempo Giacomo rientra in scena, un po’ assonnato.)

Giacomo: Mamà, mentri mi lavu la faccia, quariami un poco di cafè.( Esce subito di scena)

N.Nicolò: Ma un gocciu di cafè puru iu lu putissi aviri?

N.Rosalia: Lu sa’ chi ‘un ni po’ pigghiari …t’abbastanu chiddri chi ti pigghi ammucciuni la matina a lu bar.

Elena: Anche io vado a darmi una rinfrescata prima di ritornare al negozio.( Rivolta ai ragazzi ) Mi raccomando ..finite i compiti per bene…..e dopo controllate che Michele se ne torni a casa e non se ne vada in giro per la strada.

M. Arcangelo: ‘Un si preoccupassi pi mia, chi iu aspettu chi veni me matri a pigghiarimi….

Giacomo: (Che nel frattempo è rientrato)Ora torno in ufficio.(Bevendo il caffè) Devo completare qualche lavoro. E poi qualche ora di straordinario non guasta.

N. Nicolò: Certu ccù tutti li spisi di lu matrimoniu n’ha di fari straordinario, ma ‘un ti preoccupari, qualchi "cusuzza" l’haiu di latu. Vogghiu chi a la me niputeddra ci fa’ ‘na festa, chi tutti hannu a ristari cu la vucca aperta.

N. Rosalia:S’un fussi pi la tò mania di jucari a lu lottu, autru chi qualchi cusuzza….

N. Nicolò:Ma chi ci pozzu fari… ogni notti mi sonnu a me matri chi mi dici…joca… jocati sti tri numeri…15…21…38,… tu chi dici ‘un mi l’ha jucari…? ‘Un ni l’ha tentari la furtuna?

N. Rosalia : Avi trent’anni chi ti jochi ‘sti numeri….e na trent’anni ‘unn’hannu ‘sciutu ma’…. Si t’avissi misu di latu tutti li sojdi di li jucati a ‘st’ura fussimu milionari.

Sonia: ( Che nel frattempo è rientrata in scena per prendere un bicchiere d’acqua al prete) padre Melchiorre ha sete…(sbuffando) tra tutte le chiacchiere che fa….

N. Nicolò: …Tra la carni aggrassata chi si mancià….chi pi ora di sicuru ci acchiana e ci scinni, ….senza cuntari tuttu lu vinu chi si vippi…certu chi avi siti.

( Nonna Rosalia nel frattempo esce di scena)

Sonia: ( Rivolta ai genitori)La nonna più tardi vorrebbe vedere l’abito da sposa, per cui verso le 18 e 30 veniamo, così tra l’altro lo indosso e vediamo di togliere quel difetto che mi fa nella "vita"( ed esce di scena per tornare dal prete)

N.Nicolò:Micheli, tu chi compiti a fari? t’ha ripetiri la lezione di scenzi? Di soccu si tratta?

Michele: (In modo impacciato e balbettando)E’ un esperimento, per dimostrare che la teoria della "generazione spontanea" non è esatta mittennu un pezzuddru di carne all’aria …..su’ li muschi chi ci fannu l’ova e continuano la specie. Po’la maestra ni spiegà la combustioni e ni dissi di purtari ognunu una cosa chi abbrucia… un pezzu di lignu o un pezzu di carvuni.

N.Nicolò: Sperta la to’ maestra……. si tutti ci purtati ligna , carvuni ….e pizzuddra di carni ….a vogghia a focu….a vogghia arrustiri!

(Suonano alla porta. Arriva un’ amica di Sonia con il marito, salutano e porgono il regalo di nozze…)

(Ad alta voce per farsi sentire da Sonia, che è in salotto con il prete) Sonia…..o ….Sonia …ci su’ li to’ amici ……

 

 

SCENA N 4

 

 

Sonia: Ciao ….(vedendo il pacco del regalo…… ,contenta) ..che cosa mi avete portato?….

L’amica: Buonasera ….dài, Sonia, facci vedere i regali …..e il corredo… ( Che è esposto nella stessa stanza, a sinistra del palcoscenico ,guardando di fronte)

Il marito dell’amica: Si …si …lu corredo…lu corredo.

L’amica: Zittuti tu!

Sonia: Aspettate un momento, di là c’è padre Melchiorre (con espressione insofferente, a bassa voce) Con la scusa delle prove del matrimonio va e viene in continuazione…..Vado a dirgli se è possibile ….continuare stasera..

N.Nicolò: E chi ti pari?! chiddru ‘unn’havi nenti di fari ….si ci dici di veniri stasira ….ti fazzu viriri chi s’appresenta …..precisu …precisu all’ura di cena…..

N.Rosalia: (Rientra in scena) Nicolò……oh …Nicolò ….( Facendogli segno di tacere)

L’amica: Come state nonno Nicolò ? E voi nonna Rosalia?

Il marito dell’amica: Si ..si comu stati…comu stati..

L’amica: Zittuti tu!

N. Nicolò: (Rivolto al pubblico) Rosalia ma tu lu viri?…….. N’accriscì ‘na niputi…..e iu mancu ni sapia nenti! Bonu ….bonu, staiu benissimo…..Ma tu cu si’ ? Si è lecitu addumannari!

L’amica: Ma comu cu sugnu! ‘un v’arriurdati?……sugnu la figghia di ……Carmelu Mangiapane….Lu grossista di frumentu

Il marito dell’amica: Si …si lu grossista di frumentu…lu grossista di frumentu.

L’amica: Zittuti tu.

N.Nicolò: Comu…. (portando la mano all’orecchio) Mangiapane a tradimentu?

L’amica: (alzando la voce e avvicinandosi) Ma comu!‘un v’arriurdati Carmelo Mangiapane? lu figghiu di Don Ciccio Mangiapane?

N.Nicolò E pirchì vucii? ti pari chi sugnu surdu? (gridando anche lui alla maniera di chi non sente bene ) Aah si, comu ‘un m’arriordu! ….perciò! Don Cicciu lu curnutu ….e cu è chi ‘un ni lu canusci?

Il marito dell’amica: Si…si …Don Cicciu lu curnutu…Don cicciu lu curnutu.

L’amica: Zittuti tu.

N.Rosalia: Nicolò …..ma chi ti pigghià la testa? Picciotti,scusatile, ma lu "cristianu" ogni tantu ‘un sapi chiddru chi dici.

M. Arcangelo: ( Cantilenando) Don cicciu lu curnutu….Don Cicciu lu curnutu (Nonno Nicolò gli dà uno scappellotto)

Ilenia: (durante questo dialogo, ha continuato nello svolgimento del tema)

Sonia :(rientra in scena insieme a p. Melchiorre)Padre Melchiorre se ne va ,……torna stasera…, per le prove del matrimonio,quando viene Rosario.(P. Melchiorre saluta, benedicendo, ed esce di scena)

P.Melchiorre: Vi benedico figlioli, a più tardi.

N. Nicolò: Cu tutti ‘sti benedizioni….chistu…( Facendo con indice e medio di ciascuna mano un cerchio immaginario, ad altezza del torace) ni sta… (poi vedendo l’espressione arrabbiata di nonna Rosalia, solleva le mani nella stessa posizione sulla testa ) facennu addivintari santi a tutti…Taliati m’affaccià l’aureola.

L’amica:(In modo antipatico) Quanti capi di ogni cosa ci sono nel corredo….dodici….o sei…..Quando mi sono sposata io……è stato il matrimonio del secolo ,ho avuto in dote ….ventiquattro "pezzi" di ogni cosa…..E li linzola …..eranu arraccamati ……chi tu ‘un ti lu po’ ‘mmagginari….

N.Nicolò: Mizzica…..arraccamati?…….Vintiquattru….pezzi?…. Ma ,levami ‘na curiosità, puru li mutanni eranu arraccamati?

Michele Arcangelo: Hai li mutanni arraccamati……Fammilli viriri…..fammilli viriri….pi favori pi cortesia.

L’amica: ( continuando , facendo finta di non aver sentito) Dudici di ogni cosa erano giornalieri, sei erano di pizzu di Cantù…e sei a Rinascimento…….. E po’…..lu ricevimentu chi ficimu……centotrentamilaliri a cristianu …..l’abito di nozzi sulu fu setti miliuna . ‘Nvitamu tricentu persone …tra parenti stritti e l’amici, …facitivi li cunti……….

Michele Arcangelo: Praticamente vi spinnistivu….quarantaseimiliuna ….pi dari a manciari a li cristiani ……ma chi siti scemi?…..Capaci puru chi… vi purtaru regali chi di valuri appattavanu sulu li spisi di lu pani…..scemi ….scemi.

Il marito dell’amica: Si…Si …scemi….scemi.

L’amica: Zittuti tu.

N.Nicolo: Li cunta si li fici puru to’ patri …..chi mischinu ancora chianci e …….paga.

L’Amica E lu viaggiu di nozzi……chi ficimu……..’Un’aviti l’idea…… Ni nni emu a li Sei Celle……

N.Nicolò: ( Fingendo di non avere sentito) Comu?… D’unni jstivu…? Vi misiru in cella? Bonu ficiru …è lu postu giustu pi viatri.

L’Amica: Era un paradisu ….. lu manciari era a volontà …..comu ricianu…..( Pensando) only iclused …..chi praticamente si putia manciari sempri…..lu buffè era sempri apparatu….l’ arausti chi ni pottimu manciari……la frutta tropicali chi c’era …..ananassi,…..banani…..ficimu idigestioni….

N.Nicolò: E certu …..si ‘un ni la fa’ ‘n viaggiu di nozzi l’indigestioni di frutta ….quannu la vo’ fari…..a lu ritornu.?

L’Amica: Quannu turnamu ….li robbi ‘un ni trasianu cchiù …….‘ngrassamu dudici chila l’unu.

Il marito dell’amica: Si…si ..dudici chila …dudici chila.

N.Nicolò: Zittuti tu…. Ma to’ maritu chi sta mali?….Chi s’agghiuttì puntini di grammofono ‘ncantatu?

Sonia:Noi ci accomodiamo di là, in salotto.(e si avvia con le amiche ed insieme escono di scena)

N. Rosalia: Nicolò, ….sempri lu solitu si’! Chi ci va’dici a dra picciotta: ….mutanni.arraccamati,…. ..celle, " frutta",….ma chi ti niscì lu sensu?….

N.Nicolò: Chi ci possu fari, ‘un mi potti teniri,……ma tu la sentisti a dra squacchiata?…..So’ patri ‘unn’havi pani pi manciari ….e iddra vosi fattu lu matrimonio del secolo……’Un ci abbastavanu quattro taralli, un biccheri di vinu…….e un viaggiu di nozzi a "Carrapipi"? (Caropepe oggi Valguarnera provincia di Enna)

N. Rosalia:’Un ni possu chiù di li to’ stavacantarii…..Si ‘un fussi chi …….m’ha jri a preparari…..ti dassi la solita razioni …..di scupati ‘ntesta…. Mi và a preparu, accussì dopu nesciu ccù Sonia.

N. Nicolò :E chi è? (rivolto a nonna Rosalia) dopu tantu tempu, lu surci nesci di la tana?.Me patri lu sa’ soccu mi dicia….? Un surcitieddru di testa sbintata avia pigghiatu la via di l’acitu e facia na vita scialacquata ccù l’amiciuni di lu so’ partitu….

N.Rosalia: Eeeh….. chi !!….ogni vota chi nesciu ha sentiri ‘sta camurria!!….

N.Nicolò:Cerca di turnari prestu, chi, a quantu pari, lu parrinu, stasira mancia arrè ccà. (rivolto ai ragazzi) Viatri dopu li compiti chi faciti? Vi la squagghiati puru?

N. Nicolò: E tu Micheli? Chi fa’?

Ilenia: Io esco con i miei amici.

Michele: Iu a nesciri ccù me matri…

N. Nicolò: (fregandosi le mani)Prima chi nisciti viatri ora nesciu iu, vaiu di lu macellaiu e mi fazzu dari du pizzuddri di carni accussì putemu viriri si l’esperimentu funziona e poi t’accattu du pizzuddricchi di carvuni, accussì ci li porti a la maestra. E po’ avvicinu alla ricevitoria pi jucari. ‘Sta vota…. Haiu tri numeri…(si toglie la giacca da camera e indossa il cappotto ed esce).

Sonia: Il nonno dov’è?

Ilenia: E’ sceso un attimo, a momenti torna.

Sonia: (Saluta gli amici ringraziandoli del regalo portato) Grazie del pensiero …..siete stati veramente gentili …..il vostro regalo mi sarà utile ….lo mettiamo qui sul tavolo ,in bella mostra insieme a tutti gli altri regali……Sono sicura che tutti mi domanderanno chi me lo ha regalato!

L’ amica: Siamo contenti che il nostro regalo ti è piaciuto…..Ora ,comunque, andiamo via …Con tutti i preparativi…..che hai da fare…..non vogliamo disturbare oltre……. mi raccomando….. fai tutto in "grande" e non rinunciare a niente……Il matrimonio è un momento unico……che si ricorda tutta la vita. Ciao e auguri (Seguono abbracci e baci)

Sonia : Non mi avete disturbato affatto, è stato un piacere….Ciao e tornate pure quando volete(L’ amica ed il marito escono di scena) (rivolta ai ragazzi). Io mi vado a preparare, finite i compiti prima di uscire.

 

 

SCENA N 5

 

 

Ilenia: Cosa ti hanno portato ? Un altro Frullatore?

Sonia: Indovinato….. Il tema lo hai finito ? Di cosa si trattava?

Ilenia: Di come, praticamente, le senzazioni belle che si provano durante la gioventù si ricordano sempre con rimpianto e nostalgia…..Figurati il nonno ….quante cose, della sua gioventù, mi ha detto per cercare di aiutarmi. Mi è stato di grande aiuto.

N. Nicolò: (rientra in scena con alcuni fagotti) Chi ti purtaru?……..aspetta fammi ‘ndovinari……..Un frullatori……..chistu è lu quartu o lu quintu?……A vogghia a frullari…… A chi c’era ,accattà qualchi cosa…. ora la portu in cucina e po’ preparamu l’esperimentu.

Rientrano in scena nonna Rosalia e Sonia

N. Rosalia: Lu nonnu d’unnè? Scinnì comu lu solitu a jucari a lu lottu?

Ilenia : No ..è in cucina, stiamo preparando il materiale che Arcangelo ….domani deve portare a scuola per un esperimento

N. Rosalia: Nicolò… nuautri stamu niscennu… mi raccumannu… ‘un cumminari babbarie.

N. Nicolò: Iti… iti ‘un vi preoccupati.

Ilenia : Io ho finito… se mi aspettate un secondo vengo con voi. (indossa il giubbotto appeso all’attaccapanni). Ecco, sono pronta, possiamo andare.

Sonia : … mi raccomando, fai il bravo, se hai finito i compiti vai subito a casa. (ad alta voce) Ciao, nonno, ce ne andiamo.

N. Nicolò: (ad alta voce) Iti… iti… Ancora ccà siti?!.(Subito dopo il nonno rientra in scena.) Nicolò: Ccà ci su dù barattoli ccù dù pizzuddri di carni, unu senza cuverchiu e unu ccù lu cuverchiu, accussì putiti fari l’esperimentu. Ccà ci su dù pizzuddrizzi di carvuneddru, mettitilli ntà la cartella.(Bussano alla porta).

Michele: Chista è me matri, mi nnà jri.(Saluta il nonno e lo ringrazia per averlo aiutato) Ciau nunnuzzu….grazie di l’aiutu…

N. Nicolò: E chi è! vi nnì stati ennu tutti ? (fregandosi le mani)

Finalmente sulu. Ora…(Esce di scena un attimo… e rientra subito dopo con un metro di salsiccia al collo e la fornacella).M’arrustu un poco di sosizza a la facci di cù ‘un mi viri. (E si dispone sul davanzale col il muscaloro, tira fuori dalla tasca i cerini e…)A chi ci sugnu, m’addrumu un bellu sigaru e mi vivu un bicchieri di vinu.(canticchiando) chi bellu stù ciavuru di fumu… finalmenti. Iu ‘un capisciu chi mali m’avi a fari. Però ha stari attentu a ‘un’allurdari nenti… Si nno… E chi ha allurdari mancu ‘na forchetta… mi la và manciannu a pizzuddra ccù li manu direttamenti di lu focu… Ah… chista sì chi è vita… Autru chi merluzzu vugghiutu… Si Rosalia mi scopri… sunnu dulura… capaci di pigghiarimi a scupati… Speramu chi tuttu fila lisciu (per la contentezza accenna alcuni passi di tarantella canticchiando e incomincia a mangiare la salsiccia). Chi profumu… chi sapuri… E’ propriu veru, è lu profumu di la gioventù… Ora m’addrummu lu televisori (nel frattempo muove le mani per arieggiare la stanza) e viremu chi numeri nisceru supra la rota di Palermu… Chi numeru è lu televideo… ah… (con espressione sbigottita) Miiii…. Mi…. 15…… 21…… 38…….. ternu…… stavota fici ternu….. (accenna dei passi di tarantella) ta.. tari…… ta…. Ta…ri…. Riccu, sugnu riccu!!…… centucinquantamilioni vincì… Però m’ha stari mutu ‘un ha diri nenti a nuddru.. ci vogghiu fari ‘na bella sorpresa…. Chi emozioni,haiu un duluri ‘ntà la vucca di lu stomacu.. nenti… nenti o è la troppa gioia… o è la sosizza.Comunque ora sbarazzamu tutti cosi e speramu chi quannu s’arricogghinu ‘un s’addunanu chi ccà ci fu fistinu. Ahi chi duluri, forsi un metru di sosizza fu assà….la prossima vota forsi mezzu metru po’ abbastari. (bussano alla porta e il nonno va ad aprire, entra in scena Rosario)

Rosario: Buonasera…..(annusando l’aria) Ma oggi chi manciastivu…..c’è un ciauru…..L’aria è pregna di un odore…non saprei… sembrerebbe…?

N.Nicolò: Nenti…… nenti…. ‘un sembrerebbe propriu nenti….(sottovoce rivolto al pubblico) Mizzica …peggio d’un cani cacciaturi chistu è. E chi pottimu manciari? Iu ‘un m’arriordu….Ah si , iu mancià merluzzu vugghiutu (rivolto al pubblico fa a Rosario il gesto di mettere la mano sull’avambraccio)

Rosario: Bravo …bravo…vi dovete tenere leggero, alla vostra età!!…

N.Nicolò: Si …bravo…..bravo….A mentri ‘stù merluzzu mi fici cattiva digestioni…..’un nì l’ha qualchi pillula pi farmi digiriri?

Rosario: Vediamo….vediamo fatemi palpare il fegato e lo stomaco… Sdraiatevi.

N.Nicolò: E chi mania…..(rivolto al pubblico) Chistu ci av’agghiri a tuccari sempri lu "culu a la cicala"

Rosario: Non posso prescrivere un medicinale, così a cuor leggero, senza prima aver fatto una visita accurata .

N.Nicolò: ( borbottando…mentre si sdraia sul divano) Lu dutturi chi avia prima …..tutti ‘sti stori ‘un ni li facia…..Pi telefono era capaci di farimi la T.A.C…..mizzica e ‘un sbagghiava ma’ ‘na cura.

Rosario : Palpando…….Più che il fegato mi sembra che sia lo stomaco ad avere problemi. Sembra ancora pieno come se aveste mangiato…..da nemmeno un’ora.

N.Nicolò : (rivolto al pubblico ) Un’ ura? …..Mancu cinqu minuti! (con espressione soddisfatta)

Rosario : Basterà qualche pillola di magnesia….E mi raccomando, ‘stasera tenetevi leggero.

N.Nicolò : Leggero?……Leggerissimu!…..Tantu fami ….’un n’ haiu…..Fazzu un sacrificiu e mi va’ curcu a diunu ( incominciano a rientrare i familiari, bussano alla porta, Rosario va ad aprire)

 

SCENA N 6

 

 

N.Nicolò : (rivolto al pubblico…..approfittando che è rimasto solo in scena) Vistu chi mancià….stasera mi và curcu prestu e dumani vaiu di lu nutaru pi viriri d’incassari stà vincita (nel frattempo ha tirato fuori dal portafoglio la ricevuta della giocata)….Minica ….e si lu nutaru lu va cuntannu di ccà e di ddrà….autru chi segretu….. chiddru è peggio di ‘na fimmina curtigghiara…minica e si mi futti la ricevuta e po’ mi nea la vincita….chiddru è peggio d ‘un brianti. M’ha fari fari ‘na ricevuta … forsi ,però, è megghiu chi la ricevuta la scrivu iu chì l’avvocati gira , vota e furria scrivinu ‘na cosa, ti la fannu firmari e po,’ quannu la va’ leggi, lu significatu di chiddru chi c’è scrittu è tuttu lu cuntrariu di chiddru chi pinsavi tu.Dumani matina a li cinqu pigghiu carta e penna e la scrivu…. (Rientrano in scena nonna Rosalia e Sonia)

N. Rosalia: Ma chi è ‘stu fetu d’abbruciatu?……( annusando l’aria ) Nicolò soccu cumminasti?

N.Nicolò : Nenti…… nenti….iu ‘un n’ha’ fattu propriu nenti, m’ha taliatu la televisioni.

N.Rosalia :’Un è chi ha fumatu?……Ma chistu ,però, ‘un è fetu di sigaru. Parissi chiuttostu fetu d’arrustu .

Rosario : :Anch’io entrando ho avuto la stessa impressione. L’aria era pregna…..

N.Nicolò:Pregna ..pregna…ccà quali pregna….Iu comunque‘un sacciu nenti.( Rientrano Elena e Giacomo ) Forsi ‘stu ciauru trasì di fora……quannu rapì la finestra.

Giacomo : Ma ccà chi successi…soccu s’abbrucià? ….Chi scappà focu?

Elena : Aprite la finestra, arieggiate la stanza,che c’è un cattivo odore di bruciato( rivolta a Giacomo) Tuo padre ogni volta che resta in casa da solo ne combina una. Piuttosto sei stato dal macellaio per prendere qualcosa? Sicuramente padre Melchiorre approfittando delle prove per il matrimonio si fermerà qui per la cena.

Giacomo: Si sono passato…..volevo prendere un po’ di salsiccia……ma il macellaio mi ha detto che ci aveva pensato già papà…..

N.Nicolò:Sosizza? ma di quali sosizza iti farneticannu? (Rivolto al pubblico) Mizzica futtutu sugnu……Iu ‘un sacciu nenti di nudda sosizza .

N.Rosalia : ( inviperita) Eccu soccu è ‘stù fetu d’abbruciu!!….Ti manciasti la sosizza arrustuta… ‘un ni lu sa’ chi ti fa mali…’un ni lu sa’ chi si manci cosi chini di grassu ti po’ veniri un ipsus.

Rosario : Ma quali ipsus, si dice ictus.

N.Rosalia : Ipsus ….ictus….lu risultatu lu stessu è, nò? Quantu ti nnì manciasti.?

Giacomo : Il macellaio ha detto che era la prima volta che vendeva la salsiccia a lunghezza. Ne ha comprato un metro esatto.

N.Nicolò :A.a.h …ma viatri parrati di la carni pi l’esperimentu.!?

N.Rosalia :No ….no…nuautri parramu di la sosizza. Dunni la mittisti?

Rosario :Credo di sapere dove l’ha messa.

N.Nicolò : ( massaggiandosi la pancia ) Iu lu sacciu megghiu di viatri.

Rosario :Ecco perché aveva lo stomaco gonfio come un tamburo…..E ha voluto essere visitato!

N.Nicolò :Visitatu ?…..ma quali visitatu…? Iu vulia ‘na pillula pi digiriri…..Tu comu a lu solitu mi vulisti visitari pi forza…..e mi munciuniasti tutta la panza.

N.Rosalia : Sonia va’ viri ‘ntà lu frigoriferu, chistu è capaci chi si la mancià tutta…..Iu intantu va’ pigghiu la scupa …..chi ci l’ha rumpiri ‘ntà la testa!!!

N.Nicolò :No…….no…la scupa no…E po’’un mi trattati accussì,….mancu si fussi un picciriddru. Iu vi lu ricu: si continuati a trattarimi accussì vi la fazzu paari…lascio tutti i miei averi.. ……. A li monachi…….no ..no…a li monachi no……..a li picciriddri andicappati….

N.Rosalia : Andinchiappatu ci si tu…..e po’ quali averi? Si ti jochi tutta la pensioni ( e giù scopate).

Sonia : Comunque sarebbe opportuno ,prima che chiudano i negozi,andare a comprare qualcosa per la cena,scendo con Rosario e ci penso io. ( Sonia e Rosario escono di scena )

N.Nicolò : Pi mia ‘un’accattati nenti ( sogghignando) chi fami ‘un n’haiu…mi va’ curcu a diunu.

N.Rosalia :E ha puru lu curaggiu di babbiari (e giù scopate). ( Bussano alla porta )

Giacomo …va’ rapi la porta…va’ viri cu è.

N.Nicolò : Secunnu mia, è lu parrinu….’ntisi ciauru d’arrustu…e s’arricampà. (facendo il gesto di mettere la mano sull’avambraccio) ‘Sta vota però ci attocca sulu lu fumu. (entra in scena p. Melchiorre)

P.Melchiorre : Buonasera a tutti…..Per le scale c’è un profumino…..Cosa state preparando per la cena nonna Rosalia?…..

N.Rosalia : Nenti ….nenti….ancora ‘un’haiu preparatu nenti.

P.Melchiorre : E allora quest’odore….di….di?

N.Nicolò : Esti….ci lu ricu iu, soccu esti…..Esti ciauru di sosizza ….a..rru..stu..ta.

Giacomo : Scusate, padre Melchiorre, se……avete…trovato cattivo odore.

N.Nicolò :Quali cattivo odore…..e po’ me patri lu sa’ soccu mi dicia…? "Dunni c’è fumu ci su’ cristiani"

Giacomo : Le spiego…..(rivolto al prete).

N.Nicolò :Ma soccu vo’ fari? Mi vo’ sparrari ccù lu parrinu.

Giacomo : Zittiti un minutu papà. Dicevo le ..spiego….mio padre .

N.Nicolò : Chi fussi …iu …po’. In persona…

Giacomo : Oh …pa’… ma chi facisti ,vivisti puru? La vo’ finiri? Mio padre….. ( nonno Nicolò accenna ad un inchino ) approfittando del fatto che era rimasto solo in casa , si è divorato un….metro intero di salsiccia arrostita.

P.Melchiorre : Matruzza…..un metro?………Di chiddra fina o di chiddra grossa?

N.Nicolò : Di chiddra fina…..di chiddra …fina.

P.Melchiorre : Ahh ….va….be’….

N.Nicolò:Eccu lu viri….puru a patri Melchiorri….un metru di sosizza fina….mancu ‘mpressioni ci fa.

N.Rosalia : T’avissi a cunfissari…..chistu peccatu gravi è…..Veru? patri Melchiorri? Peccatu di gola…

N.Nicolò : Veru è ….? …Peccatu gravi è?…..E allura ….vostra eminenza…….di sicuru all’ unfernu finisci.

P .Melchiorre : Haemm...( schiarendosi la gola per l’imbarazzo ) Lasciamo perdere. Ero venuto per gli ultimi chiarimenti sul rito nuziale. (rientrano in scena Sonia e Rosario)Ecco, giustappunto….stavo aspettando voi. Se siete pronti,chiariamo gli ultimi particolari

Sonia: Eccoci…scusate…il ritardo. Siamo pronti …ci mettiamo di là, in salotto ?

P.Melchiorre: No …no, possiamo rimanere anche qui ….così anche gli altri componenti della famiglia possono ascoltare ; e sapere anche loro come si devono comportare…. Allora ricapitolando…… il giorno del matrimonio…… lo sposo aspetterà la sposa…. all’altare……Giacomo, quando arriverete prenderai Sonia sottobraccio e l’accompagnerai …….all’altare…..con passo solenne…….. mi raccomando.

N.Nicolò : Ma comu n’avemu a vestiri? Iu chi m’ha mettiri? lu parapirita?

Giacomo : ( rivolto a nonno Nicolò ) Ti vo’ stari mutu ?!?

Sonia : Nonno, ma che cosa è…. Lu parapirita? ( con aria interrogativa)

N.Nicolò : Esti un abito ‘nportanti…..comu chiddru di li maestri di musica.

Sonia : No….no il matrimonio è nel primo pomeriggio, basterà un abito elegante.

P.Melchiorre : Se avete finito?……(con aria un po’indispettita ) …..Allora…. Poi, mi raccomando, quando leggerete la formula : io….prendo….ecc…… ecc.Tutto ciò che direte dovrà essere detto in modo sicuro, fermo, cercate di non lasciarvi prendere dall’emozione……..quella che leggete è una promessa che vi scambiate per tutta la vita.

N.Nicolò:’ Na vota era accussì…oggi ….dopu lu "si"….cunchiurinu….scunchiurinu ……e corna a volontà.

Giacomo : Ti vo’ stari mutu…..ma è mai possibile chi ogni vota chi parri ha smarunari?

N.Nicolò : Ma quali smarunari…..’un ni lu viri ….chi su’ tutti cosi persi?‘ Na vota un iritu d’ncoddru a la to’ zita , prima chi ci lu mittivi avianu a passari anni, …..si ‘un ti maritavi…..chiossà d’un vasuneddru ‘un ci niscia. E unu smaniava …..fantasticava….po’ la prima notti di nozzi, era ‘na conquista ….L’amuri sì chi era amuri!…..Ora …..tutti si fannu ziti…..e li fimmini dopu tri jorna ci la "stricanu" musu ,musu.

N.Rosalia : Nicolò, si’ un vastasu…..ma la vo’ finiri di parrari accussì?

N.Nicolò : E lassami parrari…..Po’ si lassanu e si mettinu ccù nautru…..Lu vuliti sapiri , qual è lu risultatu?

N.Rosalia : S’ha diri n’autra vastasata . No !

N.Nicolò : Zittiti tu…….Lu risultatu è chi li masculi a quantu n’hannu ciaratu, mi pari chi accumencianu a essiri nauseati!

N.Rosalia : ‘Sti cosi …… ‘nfacci a to’ niputi….’nfacci a lu parrinu.

N.Nicolò : Ma chi ti pari ‘un si scrupulia né to’ niputi…….né mancu lu parrinu…. Veru, patri Melchiorri? Sa ‘ quantu n’atu sintutu, di sti ‘ vastasati, ‘ntà li confessioni di tutti li fimmini di lu paisi?!

Rosario :Però l’esperienza prematrimoniale è necessaria …..la sessualità è di primaria importanza in un rapporto di coppia .

N.Nicolò : L’esperienza a li me’ tempi unu si la ia facennu araciu…araciu…si unu voli veramenti beni…..tutti cosi vennu suli…suli.

P.Melchiorre : Torniamo a noi …Dopo lo scambio di anelli …..

N.Nicolò : A ccù sciglistivu pi cumpari?

Sonia : Poi te lo dico…….Lasciaci finire!

P.Melchiorre : …….Se posso continuare? (rivolto al nonno)

N.Nicolò : E pirchi’ talia a mia ?!. Ccà ‘un c’è nuddru chi la sta disturbannu. E ccù ha parratu ? Iu ‘un ‘na dittu nenti . Parrassi…..parrassi !

P.Melchiorre : Sarete marito e moglie …..Mi raccomando durante la cerimonia cercate di evitare di mettervi in posa per il fotografo. Il rito nuziale non è una commedia !

N.Nicolò : Raggiuni avi lu parrinu….’Ntà li fotu cchiù naturali unu è ..cchiù belli vennu.

P.Melchiorre : Con questo abbiamo finito…..Posso andare…..

N.Nicolò : E chi è…’un vi firmati pi la cena?……

P.Melchiorre : Non vorrei portare disturbo.

N.Nicolò : Quali disturbu!….quali disturbu! . Chi fa scherza! . S’assittassi…s’assittassi. Chi tantu iu ‘un manciu e a vostra "santità" ci fazzu manciari lu pisci vugghiutu chi m’avia a manciari iu . la sera vi dovete tenere leggero ….a la vostra età !…

P.Melchiorre: Non c’è problema io ….con l’aiuto di Dio digerisco pure il ferro.Posso mangiare tutto ,…dico tutto e in quantità.

N .Nicolò : Certu…. Certu ..comu si dici …."saccu vacanti a la dritta ‘un ci sta" ….e pi jnchiri ‘stu saccu ci nnì voli…(Indicando il pancione del prete)

( Tutti incominciano a prendere posto a tavola e chiude il sipario )

 

Fine primo atto

 

 

Secondo atto

 

 

SCENA N 7

 

La scena si apre il mattino dopo , il nonno è seduto in cucina alle prese con la stesura da far firmare al notaio

N. Nicolò : (saluta il pubblico ) Buongiorno a tutti…..Chi mala nuttata …..tra li pinseri e la sosizza chi mi fici balatuni………..Comunqui ….Ora scrivemu ‘sta ricevuta. (pensa ad alta voce e scrive) Io…….me …..medesimo….notaro …Girolamo Giaramida……ricevo..Dal sig. Nicolò Cangemi……ccà mi la sta mittennu ‘ntà li me’ manu, la ricevuta, in quantu fici ternu, di la jucata di lu lottu .A testimoni porta la sua stessa matri morta , chi ci li detti iddra li tri numeri ,15…21…38, mentri durmeva in sogno. Lo stesso dichiara …chi ,consegnannumi la ricevuta,resta nella speranza di……..’un’arristari futtutu. Iu la ricevuta la scrissi e iddru mi l’havi a firmari. A chi ci fu scrissi puru a me frati in America…..avi chi ‘un ni viremu ….chiossà di quarant’anni …….e ci rissi di veniri al più presto….pi lu matrimoniu di Sonia… Chi a tutti li so’ spisi ci avissi pinsatu iu…….(mostra al pubblico le due Buste) Ora dopu la colazioni nesciu e vaiu di lu nutaru. Mittemu la ricevuta di la vincita ccà pi lu nutaru. (la bacia prima di infilarla nella busta)

(entra in scena Elena) Nonno, ma cosa c’è? vi sentite male?……Ho sentito rumore…Avete fatto già colazione?!? Come mai così mattiniero?

N.Nicolò : ‘Un ni lu sacciu….appi mala nuttata…..tu dormisti bona?

Elena : Anch’io non ho dormito tanto bene .Ho qualche pensiero e da qualche

giorno che sono un po’ nervosa.

N.Nicolò : Certu……lu matrimoniu di Sonia…….ti capisciu…..ti capisciu………

Elena: Il pensiero del matrimonio è vero,mi sta"prendendo" molto. Purtroppo però ho qualche altro problema…..

N.Nicolò : Cosa gravi è?….Ti possu aiutari?……Tu lu sa,’ ccù mia po’ parrari.

Elena : Se mi promettete di non dire niente a nessuno…..

N.Nicolò : Minica m’incuriosisti….ti lu promettu ….ti lu promettu……

Elena : E’ da qualche tempo che le cose al negozio vanno male……….. Ho dovuto fare qualche debito con le banche.

N.Nicolò : Li banchi…..beddri su’ ….si ci depositi li sordi….alla fini ci perdi…..Si ci addumanni un prestitu………prima chi ti lu runanu……..e po’ ti rovinanu ccù l’interessi chi ti fannu paari.

Elena : Non ho detto niente per non rovinare a Sonia la gioia del matrimonio.

N.Nicolò : Dimmi ‘na cosa….quant’è lu dannu?

Elena : Sono più di trenta milioni…..poi metteteci le spese del matrimonio e vedete se ho cosa di dormire.

N.Nicolò : ( rivolto al pubblico) E squagghiaru li primi trenta miliuna…. ‘un ti preoccupari Elena ti fazzu viriri chi a tri jorna s’aggualanu tutti cosi.

Elena :E’ impossibile!

N.Nicolò :Tu lassa fari a mia……..ora va’ curcati, va’…va’ dormi n’autra urata…. E ‘un ti preoccupari….chi t’aiutu iu ….va’ …va’.

Elena : Non vedo ….come mi potete aiutare, comunque…..mi raccomando. (fa il gesto di non parlare )

N.Nicolò : (rimasto solo) Menu mali chi ci fu sta vincita va…………(entra in scena Sonia, anche lei assonnata e in vestaglia )

Sonia : sbadigliando….Ho sentito rumore….che c’è nunnuzzu non hai potuto dormire ?

N.Nicolò : E tu chi ha ….si emozionata pi lu matrimoniu e ‘un po dormiri mancu tu ?

Sonia : Sono un po’ in pensiero per la mamma ….In questi giorni l’ho vista preoccupata.

N.Nicolò : E chi vo’ ….ccù ‘na figghia chi si marita….certu chi av’aviri qualche pinseri.

Sonia : No è che………Però mi devi promettere che non dici niente a nessuno.

N.Nicolò : E siti dui………

Sonia : Come dici?…

N.Nicolò : Nenti…..nenti ….cosi me……cosi me.Muto come una tomba, ‘un ti preoccupari… …….parra ……parra.

Sonia : La mamma è preoccupata ……perché ,per tirare avanti col negozio, ha fatto un grosso debito .

N.Nicolò : Ma tu veru dici? ( facendo finta di non saperne niente)

Sonia : Si ….e per toglierla dai guai io e Rosario abbiamo deciso di rinunziare al viaggio di nozze e di dare a lei i venti milioni destinati al viaggio

N.Nicolò : Figghia me’……chi picciriddri giudiziosi chi siti…….Ma ccù to’ matri comu la mittiti?….. Chi ti pari, chi iddra l’accetta stu ‘ sacrificiu?

Sonia : La mamma non deve sapere niente di tutto questo.

N.Nicolò : E comu putiti fari a ‘un fariccillu sapiri? ‘Un è chi è tantu facili.!?

Sonia : Abbiamo deciso dopo le nozze di partire per Palermo e poi, invece di prendere l’aereo , ci fermiamo lì per i quindici giorni previsti per il viaggio.

N.Nicolò : Insomma a Palermu iti e a Palermu arristati. Ma dimmi ‘na cosa ….e lu viaggiu chi aviavu prenotatu, disdettu già fu ?

Sonia : No …non ancora…..In questi giorni dovrebbe occuparsene Rosario.

N.Nicolò : Nenti, lu sa’ chi ti ricu? ….siccomu ‘sta matina ha nesciri ……chi ha spirugghiari qualchi cosa …..ci pensu iu….ci va’ parru iu ccù chiddri di l’agenzia.Lassa fari a mia…..’un ti preoccupari. (rivolto al pubblico) E accussì squagghiaru n’autri vinti miliuna.

Sonia : Come dici nonno?

N.Nicolò : Nenti …. Nenti dicu ……chi tu e Rosariu siti du’ picciotti d’oru finu. Diccillu tu a Rosariu chi di ‘sta facenna mi nnì occupu iu…….Ora però va’ curcati ….va’ dormi n’autra urata…..chi ancora ‘un ‘agghiurnatu.

Sonia : Mi raccomando……acqua in bocca.

N.Nicolò : Mutu comu un mutu. ….( rimasto solo ,dopo che Sonia esce di scena ) E ca fari , a ‘sti picciriddri ‘un ci l’ha fari fari lu viaggiu di nozzi?….Menu mali chi ci fu ‘sta vincita, va . Trenta più venti ….cinquanta ……mi n’arrestanu sempri ….centu…. avogghia a scialacquari.

( Entra in scena sbadigliando Giacomo)

Giacomo : Chi ha’ papà? ‘un po’ dormiri?

N.Nicolò : E siti tri….Viremu ora quantu m’ava a custari ‘sta conversazioni……… No ‘un n ‘é nenti….la sosizza mi fici balatuni…e po’ a la me età si dormi sempri menu

Giacomo : E s’avissi puru a manciari menu, lu viri chi ti sentisti mali?

N.Nicolò : E chi vo’ fari…..figghiu me…si unu avi a rinunziari a tutti cosi…..Nenti saluti….nenti manciari….nenti futtiri….e nenti cumannari, quasi …quasi allura fussi megghiu moriri.

Giacomo : Ma ccà …tu si patruni….ti gori li to’ niputeddri e po’ fari e sfari soccu vo’.

N.Nicolò : Tranni……fari fetu di fumu e di broccoli?!!

Giacomo : E chi vo’ fari ….li fimmini lu sa’ comu sunnu!?!

N.Nicolò : Eccu, lu viri chi ci arrivasti sulu …sulu…..’n casa li fimmini su’ patruni e li masculi su’ sutta….E iu ni’ sacciu qualchi cosa chi, ccù tutti li scupati chi haiu pigghiatu ‘ntà li rini, ‘un n’haiu avutu ma’ bisognu di fisioterapia. Ma chiuttostu…tu comu ma’ susutu a st’ura?

Giacomo : E chi vo’ papà …ccù tutti li spisi di lu matrimoniu….Unu li sordi ‘un sapi d’unni l’avi a spartiri prima .

N.Nicolò : Ma tu ‘un fa’ lu straordinariu all’ufficiu?

Giacomo : Autru chi straordinariu…….pi maritari ‘na figghia ci vulissi ‘na vincita……

N.Nicolò : Vincita …….quali vincita?

Giacomo : ‘Na vincita a lu lottu…….E chi pi vinciri ci havi a vuliri……un culu (e fa il gesto che indica "fortuna" )

N.Nicolò : (si guarda dietro) ….’Un ti preoccupari….lu sa’ ….qualchi cusuzza l’haiu di latu…..e si ti possu aiutari, lu fazzu ccù tuttu u cori. Ora comunqui si ficiru li setti…nesciu, vaiu a lu bar a farmi quattro chiacchiri ccù l’amici; e po’ spirugghiu quattro cosi. Diccillu tu a la mamma ,chi, si ritardu,’un s’avi a preoccupari.

 

SCENA N 8

 

 

( si salutano, indossa il cappotto ed esce di scena , nel frattempo Giacomo ha fatto colazione )

N.Rosalia : (entra in scena in vestaglia)….To’ patri d’unnè.

Giacomo : Ora ….ora nisciu…mi rissi chi si ritarda ‘un t’ha preoccupari…….

N.Rosalia : A mia è d’assira chi to’ patri mi pari stranu…..mi pari chi sta urdennu qualche cosa…..Stanotti ntà lu lettu s’arriminava ccà paria un serpenti.

Giacomo : Nenti…..’un ti preoccupari app’a essiri tutta la sosizza chi si mancià

N.Rosalia : Mai Maria…..sutta qualche autra cosa c’è!

Giacomo : Ora va’ arrisvigghiu li picciotti e po’ mi lavu.

Elena ( entra in scena già pronta per uscire ad accompagnare i ragazzi a scuola …e Si dispone a fare colazione) scambia qualche parola con nonna Rosalia…. Si parla del pranzo. Più tardi faccio una pausa in negozio e vado a fare un po’ di spesa……Compro un po’ di fettine dal macellaio , poi passo dal verduraio a prendere un po’ di frutta e l’insalata. Il pesce, per nonno Nicolò , lo prendete voi quando passa il pescivendolo?

N.Rosalia : Sì, ‘un ti preoccupari ,comu passa ccù la motocarrozzetta , scinnu e l’accattu. Lu cristianu è abbirsatu….lu sapi chi lu nonnu mancia ogni iornu pisci; si viri chi ancora ‘un’haiu scinnutu, iddru m’ aspetta.

( entra in scena Ilenia, quest’ultima e già pronta per andare a scuola , si dispone a fare colazione )

N.Rosalia : La cartella la preparasti? ….Tutti cosi ci mittisti?…..Mi raccumannu… Sta’ attenta …….

(entra in scena Giacomo) : Siamo pronti ?…Possiamo andare ? …….Ciau….mamà ni viremu all’una . Soccu cucini pi lu pranzu ? Mi li fa’ du’ tagghiarini ccù lu sucu?

(escono tutti di scena salutando la nonna)

N.Rosalia : (si rivolge al pubblico )Ma viatri lu viristivu aerisira a me maritu….é un Giufà precisu….Di quannu ni maritamu n’ha cumminatu una a lu jornu……..e ‘un ci ha statu nenti di fari pi addrizzallu…………

Sonia : (entrando in scena) Nonna che fai ….parli da sola ?

N.Rosalia :Veni ccà assettati chi t’ha diri ‘na cosa ………..Vistu chi to’ nonnu si lamenta sempri ……chi avi quarant’anni chi ‘un viri a so’ frati , quindici jorna fa , ci scrissi e lu ‘nvità pi lu to’ matrimoniu…..’un n’ha rittu nenti a nuddu …pi farici ‘na sorpresa a to’ nonnu.

Sonia :Ma é un’idea stupenda ….Il nonno ne sarà felice….Lo zio ti ha risposto? …Ti ha dato conferma del suo arrivo?

N.Rosalia : Si, mi telefonà…..e mi rissi chi al più prestu avissi partutu…..Putissi arrivari d’un momentu all’autru………Puru oggi. Speramu chi to’ patri e to’ matri ‘un si la pigghianu a mali!

Sonia : E per cosa dovrebbero prendersela a male?

N.Rosalia : D’aviri pigghiatu st’iniziativa , senza addumannari permissu…….Comu si ccà fussi la me casa .

Sonia : Nonna, ma che dici?!…….qua ….tu sei a casa tua!

N.Rosalia : Vulissi sentiri la stessa cosa di la vuccuzza di to’ matri…….Lassamu perdiri va’!.

Sonia : Allora appena finisco di fare colazione esco ……Bisognerà comprare qualcosa in più per il pranzo …….se dovesse arrivare lo zio…..Tu che fai.?

N.Rosalia : Nenti…..ora comu scinni tu, scinnu puru iu. Comunque ‘un c’è bisognu d’accattari nenti…..To’ ziu lu sa’ soccu m’addumannà pi telefono ? …..M’addumannà di farici attruvari un bellu piattu di checchini a minestra.

Sonia : Checchini? E che cosa sono? …Sono un piatto americano?

N.Rosalia : Quali piattu americanu….su’ legumi…comu li fasoli…..ma hannu un sapuri lariu ……….e fannu un fetu! ‘Na vota si davano a manciari a li picciuna.

Sonia : Allora se sono così disgustosi e puzzolenti……come mai…….

N.Rosalia : Ha sapiri chi a tempi di guerra …….c’era ‘na fami…..’un s’attruvava nenti di manciari …..quannu si putia fari ‘na minestra di checchini era festa ranni…..autru chi disgustusi ! ni paria di manciari un pranzu reali ….e lu fetu nni paria profumu…………L’unica cosa chi ha accattari, appena passa la motocarrozzetta di li pisci , su’ du’ merluzzi pi dru stravaganti di to’ nonnu.

Sonia : E i checchini per lo zio li hai già comprati?

N. Rosalia : Sì, già l’accattà………comunqui ora scinnu (indossa uno scialle di lana ) chi a momenti passa chiddru di li pisci e, ammentri aspettu , mi fazzu quattro chiacchiri ccù la signura Arcangelu……Tu chi fa’?

Sonia : Ora mi preparo e poi vado al negozio dalla mamma a darle una mano.

N.Rosalia : Ciau……allura iu vaiu……( ed esce di scena) ( Sonia rimane sola in scena il tempo di riporre qualcosa nello sparecchiatavola) ( Suonano alla porta ,arriva lo zio d’America)

Zio Franck: Hallo…how are you …Tu cu sini ? si la figghia di Giacuomo? si you ?..Si la me niputeddra che si marita? Io sugnu lo zio Frank …lu frati di your nonno. Uora, uora arrivà.

Sonia: Zio Frank…che bella sorpresa…La nonna mi ha detto che saresti arrivato….Sono così contenta di conoscerti…Il nonno sarà felice di rivederti, dopo tanto tempo….Al nonno non abbiamo detto niente della possibilità che tu saresti venuto…per lui sarà davvero una bella sorpresa.

Zio Frank: Nicolò ‘un sapi nenti?…Chiamalu chi un viu l’ura d’abbrazzallu . Ci ha diri ‘na cosa ‘mportanti….’mportantissima.

Sonia: Mi dispiace, ma non c’è, stamattina è uscito di buon ora …aveva alcune cose da sbrigare…

Zio Frank: E your nonna Rosalia …mancu iddra c’è ?

Sonia: E scesa un attimo per comprare il pesce per nonno Nicolò , ma a momenti viene…se vuoi scendo a chiamarla. Che cosa hai di tanto importante da comunicare al nonno? Già per lui la tua venuta, per il mio matrimonio, sarà la cosa più importante della sua vita.

Zio Frank: La cosa ‘mportanti …..è chi….turnà pi sempri. Orama’ sugnu anzianu e na quarant’anni passati a l’America ‘un ha ma’ pututu scurdari la terra mia…. Ha tinutu sempri….dicu sempri, na la me testa li ricordi di quannu era picciottu ca . Ogni sira prima d’addurmiscimi pinsava cu nostalgia a li cosi chi prima ‘unn’apprezzava…..a lu suli cauru nta la campagna, a lu cantu monotunu di l’arrimunnatura unciutu a lu cantu strurusu di li cicali, l’allegria di la vinnigna e di la cugghiuta di l’alivi, lu ciauru di l’ogghiu novu nta lu pani di casa cauru, lu pruvulazzu di la trebbia e lu miraculu di lu frumentu chi niscia a frusciu….

Sonia : Mi sembra di sentir parlare il nonno, tutti e due siete legati al passato in modo esagerato; comunque il nonno sarà felice di apprendere che rimarrai per sempre qui:

Zio Frank: Si ….veru è, sugnu attaccatu a lu passatu, pirchì secunnu mia, lu presenti ‘un po’ aviri futuru senza fermi radici nta lu passatu.Comu si po’ mai aviri la testa senza i pedi. La cosa ironica è chi, mentri semu picciotti e nta la nostra terra, ‘un n’accurgemu di lu giueddu chi è la Sicilia . La nostra terra ha jutu sempri mali pirchì li siciliani ‘un canuscinu la propria terra e si nun la canuscinu nu’ l’amanu e chista è ‘na spina chi fa tantu mali.

Sonia: Capisco la tristezza di tutti questi anni di lontananza, dover iniziare una nuova vita , imparare una lingua diversa, una cultura diversa, senza il supporto degli amici più cari e della famiglia lasciati al "paese" con la mente sempre ansiosamente costretta ad imparare cose nuove per un ambientamento rapido quanto più possibile e, nello stesso tempo, mai distolta dalla memoria delle cose lasciate. Avrai imparato l"americano" in modo quasi perfetto ma ,come si dice, "l’abito non fa il monaco"…..altro che americano!! sei legato alla nostra terra più tu di qualunque siciliano che vi abita da sempre.

Zio Frank: Lu sa’ cos’è ….è chi "lu beni si chianci quannu si perdi"…. Li paisani dra a l’America hannu tutti lifigghi e li niputi chi orama’ ‘un capiscinu mancu ‘na parola di sicilianu….Stanno tutti pirdennu li propri radici nta lu passatu…..propriu comu ca …..si li picciotti parranu tutti comu tia puru ca si sta pirdennu lu contattu cu la nostra storia , cu la nostra cultura ….Tu si picciotta, ma si già ranni, a li to figghi ,quannu l’avrai, ‘un ci la fari perdiri la canuscenza di li nostri tradizioni….

Sonia: Hai ragione, ma è sempre più difficile trasmettere ai giovani le cose del passato, siamo troppo proiettati verso il futuro e spesso non c’è il tempo di guardare al passato. Comunque, bando alle tristezze, adesso che faccio? Scendo giù a chiamare la nonna?

Zio Frank:Nenti, lassa stari …lu sa’ chi ti dicu? ..iu sugnu very stanco, mi vulissi ripusari …mi dassi puru ‘na rifriscata . Facemu accussì: …iu mi riposu un pocu e tu ‘un dici nenti a nuddru pa camora …poi, quannu s’arricogghinu ci facemu ‘na bella sorpresa a tutti. Portami nta’ la me stanza…( ed escono di scena)

( Entra in scena nonno Nicolò, che essendo solo sulla scena, interloquisce col pubblico)

N.Nicolò : Minica! c’è lu paisi chinu………Si sappi chi ci fu vincita…….ha stari attentu a ‘un farmi scopriri…….Già qualcunu di l’amici accumencia a aviri qualchi sospettu chi putissi essiri iu a aviri fattu ternu……..Prima m’allestu a’ncassari e megghiu è….…..Iu ci avia iutu di lu nutaru, …..ma l’impiegata mi dissi chi la matinata l’avia già ‘mpegnata e mi fissà l’ appuntamentu pi dumani……Quantu mi la taliu ‘sta jucata… ( con fare circospetto tira fuori la busta dove aveva riposto la giocata , la bacia… poi apre la busta e con fare agitato ) Ma dunni è?!! ……ma si l’avia misu ccà!!…… beddra matri! …..aiutatimi ! ( si fruga nelle tasche senza alcun risultato ) ‘Un po’ essiri chi l’ha persi!……Ma allura?…..(rendendosi conto di quanto poteva essere successo ) Sangu di lu demoniu , l’unica cosa chi potti succeriri è chi scancià busta. Maledizioni! ……..la ricevuta a l’America mannà….e ora comu fazzu?…………….La ‘mbucà ‘stamatina prestu………a ‘st’ura………’sa dunn’è arrivata?!!……………

( entra in scena Sonia )

Sonia : Chi c’è?………Chi ha nunnuzzu?….Ti vedo agitato.

N.Nicolò : Agitatu…….Agitatissimu……….. ; sugnu ‘ntà li guai e puru viatri……iu però chiossà ….pirchì …….appena lu sapi la nonna……. mi pigghiu la solita razioni di scupati…….

Sonia : Ma cosa può essere successo di tanto grave?……

N.Nicolò : ( sperando in un aiuto ) Se mi prometti il massimo segreto ti lu ricu…………….

Sonia : Puoi stare tranquillo.

N.Nicolò : ‘Un sacciu comu ha cuminciari…….Insomma ….dopu tant’anni chi iocu a lu lottu ………..Buttana di la miseria ……aerisira vincì…..ternu fici!! Ternu!!… centucinquantamiliuna ….vincì……Vulia pagari li debiti di to’ ma’. Vulia paariti lu viaggiu di nozzi………..

Sonia : Ma sei sicuro di quello che stai dicendo?……Mostrami la ricevuta .

N.Nicolò : E drocu c’è la futtuta……la ricevuta ‘un ni l’haiu cchiù…..

Sonia : L’hai persa?

N.Nicolò : No, ‘un ni l’ha persi!!………peggio!!………

Sonia : Cosa vuoi dire?……Non mi tenere in ansia.

N.Nicolò : La mannà a l’America……..sbaglià busta…….sangu di lu demoniu!….. Stamatina prestu scrissi ‘na littra a lu ziu…….e pi sbagghiu inveci chi ccà ( mostra la busta destinata al notaio) ‘ntà la busta pi lu nutaru la ‘nfilà ‘ntà chiddra pi lu ziu….Ruvinatu! ….sono rovinato!………A st’ura sa’ dunn’è arrivata!…….L’unica cosa chi possu fari è telefonari a l’America e dirici chi appena la ricivinu….mi la mannassiru a lu n’arrè.

Sonia : Certo , questa potrebbe essere l’unica cosa da fare, solo che sicuramente in casa lo zio non c’è.

N.Nicolò : E va be’, iu provu tantu , finu a cchì ‘un nni l’attrovu.

Sonia : Non è così facile ….non dovrei dirtelo………la nonna mi ha fatto promettere……

N.Ni colò : Chi è?……. Chi c’è?……Chi fici morsi lu me’ fratuzzu?…..E ‘un m’atu rittu nenti?

Sonia : Niente di tutto questo…..puoi stare tranquillo……….è che la nonna ha invitato lo zio per il matrimonio,quindici giorni fa e lui per telefono ha dato conferma della sua venuta .. La nonna voleva farti una sorpresa.

N.Nicolò : Buttigghia di la miseria …..tutti cosi torti…..peggio di comu va, ‘un putia iri…. L’unica speranza è chi ancora ‘un s’ha partutu. Ora comunque curru a la posta, cu lu sapi ? ( e senza dare il tempo a Sonia di parlar,e esce di scena)

Sonia : Nonno, aspetta un momento … devo dirti una cosa…

Zio Frank: Ntisi parrari …mi paria la vuci di Nicolò …

Sonia: Si era proprio lui …ma è uscito di nuovo…Gli è successa una cosa …non so come spiegartelo…Il nonno..è da una vita che gioca al lotto…come dite voi in America ..al bingo…e sostiene di avere vinto.

Zio Frank: Well.. very good …fici bingo? Quanti dollari vincì.? Assai?

Sonia: Lui sostiene di si…Solo che c’è un problema…a quanto pare stamattina ha preparato due lettere ..una per te …e una per il notaio,per incassare la vincita, solo che al momento di mettere la ricevuta nella busta…ha sbagliato…ha mandato la ricevuta in America…ed era disperato.

Zio Frank: Busta? America..? Autru chi America…Aspetta un momentu ( Esce un attimo di scena…e rientra subito dopo con una busta in mano) Ca c’è la littra di to’ nonnu …Stamattina, appena scinnì di lu trenu , a la stazioni ‘ncuntrà a Vincenzu Salvu , lu postinu, mizzica puru chi avia quarant’anni chi ‘un ni viriamu…appena ni taliamu ntà l’occhi, iddru mi canuscì…la festa chi mi fici!! tu ‘un hai l’idea .

Sonia : Si, ma la busta ? Comè che ce l’hai tu?

Zio Frank: Vicenzu s’arricordò chi stamattina avia vistu all’ufficiu postale ‘na littra ‘ndirizzata a mia …rapì lu saccu di la posta in partenza e mi la consegnò. Accussi a to’ nonnu ci fazzu una sorpresa doppia …mi raccumannu, ‘un diri nenti a nobody..a nessuno. Ancora mancu l’haiu raputa …po’ ci la dugnu a Nicolò e ci la facemu rapiri a iddru.

( Entra in scena nonna Rosalia insieme alla signora Arcangelo)

Nonna Rosalia: Francesco!!!…arrivasti!…chi emozioni, dopu tantu tempu!…abbrazzamuni, sugnu commossa…Scusa Carmelina (rivolta alla signora Arcangelo ) Chistu è me’ cugnatu Francescu..chi vinni di l’America pi lu matrimoniu di Sonia.

Zio Frank: You are Carmelina? Oh Carmelina . Ma si propri tu?

Nonna Rosalia: Viatri vi canusciti?

Carmelina Arcangelo: Lu canusciu, eccomu!! ….prima di partiri pi l’America ‘stu farabbuttu era lu me’ zitu…e m’avia promisu chi m’avissi scrittu…chi avissi turnatu pi maritarisi cù mia…avi di tannu e ancora aspettu..

Zio Frank: Oh... Carmelina (quasi piangendo) ‘un diri chi sugnu un farabuttu…quanti voti ti pensava…you ‘un ti lu po’ ‘mmagginari…però li yorna passavano,..passavano l’anni…L’America è bella, ma lu travaggiu è duru ..La sira, ‘un avia la forza mancu di nesciri cu l’amici e ti pinsava, ..t’avissi vulutu scriviri…ma mi vriognu a dillu ‘un sapia scriviri…pi tantu tempu ti pinsà…po’ canuscì a ‘na carusa …la vulia beni, …ma mai quantu ti nni vulia a tia …e mi marità…perdonami Carmelina

Carmelina Arcangelo: E a to’ mugghieri ‘un ni la purtasti?…Chiamala, chi la vogghiu canusciri.

Nonna Rosalia: Mischinu, vedovo è…comu a tia ,la mugghieri ci morsi l’anno scorso.

Zio Frank: Carmelina, puru tu vedova sei?…Questa è una fortuna!

Carmelina Arcangelo: Quali fortuna e fortuna! …ristà vedova cu un figghiu chi ancora va a la scola e tu dici chi chista è fortuna?

Zio Frank: Volevo dire ….Questa è una disgrazia….I am ..sorry Però’ na lu stessu tempu…è una fortuna …io sono venuto per stabilirmi qui….vulissi passari l’ultimi jorna di la me’ vita …a lu me paisi…e, siccome sugnu sulu ….Carmelina ….tu si’ puru sula ….si m’ha pinsatu puru tu ….’un sacciu comu ti l’ha diri….

Nonna Rosalia: C i voli tantu picca a dillu ….invece di un matrimoniu ….cu la stessa spisa si nnì ponnu organizzari dui.

Carmelina Arcangelo: (fingendo di essere contraria) Iu ….a la me’ età …m’avissi a maritari arrè…? Facissimu ridiri a tuttu lu paisi…Lu matrimoniu è una volta sola nella vita….

Zio Frank: Allura putissimu convivere …putissi addivintari….la mia compagna…

Carmelina Arcangelo: Pi farini sparrari ancora chiossà? E po’ quali compagna e compagna!! Chi semu socialisti?

Nonna Rosalia: A ‘stu puntu, megghiu chi vi maritati….Sonia, va’ pigghia lu rosoliu e quattro tarallucci che dobbiamo festeggiare

Zio Frank: Carmelina…..( Gli tende le braccia)

Carmelina Arcangelo: Franceso….( a questo punto viene messa la base musicale della canzone di Dean Martin …Dino Crocetti ..That’s Amore.. e i due ballano mentre gli altri presenti battono le mani a tempo )

 

SCENA N 9

 

 

( bussano alla porta ….Sonia va ad aprire , entra in scena Rosario che saluta)

Sonia: Rosario ..e tu a st’ura ca? …Vieni …vieni che ti faccio conoscere lo zio Frank….arrivò ora ora di l’America ….Pi lu nostro matrimonio è venuto…

Zio Frank: Hallo Rosario …how are you? (I due si abbracciano )

Rosario : Mi fa piacere che siete venuto …il nonno sarà felice di abbracciarvi…ma dov’è nonno Nicolò?…… In paese si dice che c’è stata una vincita …..al lotto…alcuni miei colleghi hanno sentito in giro che il vincitore potrebbe essere il nonno.Se è vero………. per festeggiare …gli prescriverò…. sosizza arrustuta e broccoli affucati , prima e dopo dei pasti!!

Nonna Rosalia: Ma tu, allura, chi fa’? lu vo’ mortu a to nonnu ?!….Puru chi avissi vinciutu a lu lottu …sempri pisci vugghiutu …ci fazzu manciari…..Comunque, ora finemula di diri stravagantarii …si Nicolò avissi vinciutu veru, di sicuru, n’avissi lanzatu tutti cosi …Carmelina, scinnemu dra jusu, a la to’ casa chi mi scurdà li merluzzi di Nicolò…E tu, Sonia,‘un’avii a jri di to matri? Va viri ..va, chi, di sicuru, avi bisognu d’aiutu…

Zio Frank: Carmelina ….Pensami…..Ti vogghiu beni

Nonna Rosalia: E chi è …pari chi stà’ partennu arrè pi l’Amirica….Chiuttostu, a esseri stancu di lu viaggiu …va riposati, va’! Chi chiù tardu, quannu s’arricogghinu tutti, …annunciamu ‘stu’ matrimoniu….( Ed escono di scena)

Rosario: Anche io torno al lavoro, tu che fai(rivolto a Sonia) Scendi con me?

Sonia: Non so, non vorrei lasciare lo zio Frank da solo….

Zio Frank: ‘Un ti preoccupari pi mia …chi iu na stà casa ci nascì…e po….’ ‘unn’haiu bisognu di nenti ….Haiu bisognu sulu d’arripusari….Iti…iti! ‘un vi preoccupati. E po’, a momenti, Rosalia acchiana arrè…

Sonia : Va bene, allora noi andiamo… A più tardi …ciao ( Rosario e Sonia escono di scena)

Zio Frank: Quantu tempu…finalmente a casa, a lu me pajsi…cu la me’ Carmelina …mizzica, mi pari di essere tornato picciottu …comu si ‘sti quarant’anni ‘un’ avissiru ma’ passatu…

Nonna Rosalia : ( rientra in scena mentre lo zio Frank parla da solo ) Ma chi fa’, Francesco, parri sulu..?

Zio Frank: Nenti …pensavo comu è strana la vita …dopu tanto tempo, mi ritrovo al punto di partenza, comu si tutti ‘st’anni un fussiru passati!.

Nonna Rosalia: Passaru e comu!!…Ogni tantu pigghiu li fotografii di quannu eramu picciotti …Quantu ricordi…Po’ mi taliu a lu specchiu…e dicu :- ma veru tuttu ‘stu tempu passà ? Lassamu perdiri, va!. Chiuttostu, dimmi ‘na cosa ….dicisti che ti vuoi stabilire arrè ca …. Ma senza bagagli vinisti?….senza valigi?

Zio Frank: Li valigi li lassa’ a la stazioni , chiù tardu li portanu. Veni cà, chi t’ha diri ‘na cosa …..A la stazioni ‘ncutrà a Salvu, lu postinu ….mizzica, appena mi vitti, mi canuscì subitu….e mi consegnò di persona ‘na littra chi Nicolò ‘sta matina stessu mi scrissi….Ca intra (mostrando la lettera) c’è ‘na cosa importante ….importantissima….

Nonna Rosalia: E chi ci po’ esseri di tantu ‘mportanti?

Zio Frank: Nicolò veru vincì a lu bingo….comu si dici …ah si…a lu lottu ..e pi sbagghiu ‘nfilò la ricevuta di la vincita ca intra e la spedì…Mischinu, avi a essere disperatu …Sonia mi dissi chi è di stamattina chi va e veni e fa comu un foddri.

N. Rosalia: Pezzu di farabbuttu!!….vincì veru e ‘un dissi nenti!! ….ora, ci la servu iu la Missa! …Dunamilla a mia ….chi ci l’ha dari iu….e…. quannu dicu iu !. (prende la busta e se la infila nel reggipetto) Tu va’ riposati, chi quannu veni Nicolò ti chiamu. Mi raccumannu, ‘un diri nenti …fa’ finta chi ‘sta busta ‘un t’arrivà mai…. ( Frank esce di scena) Ora lu sistemu iu a me marituzzu….( dal cassetto tira fuori un phon, attacca la spina elettrica , prende la busta e con il calore del phon, facendo la massima attenzione, la apre ) E ca c’è la ricevuta di la vincita….la sarvamu bona…bona ( Se la mette nel reggipetto) E chiuremu arrè la busta ….Perfettu ‘un si viri nenti chi fu aperta….( E si mette in tasca della gonna la busta)

N.Nicolò : (Rientra in scena con l’aria affranta) Ciau Rosalia …..Sugnu accussì stancu….chi tu ‘un’hai l’idea …avi di stamattina chi curru avanti e a lu n’arre….senza cunchiuriri nenti.

N.Rosalia: Poveru mariteddru me’ ….si stancu? E d’unni ha’ statu….di unni ha’ iutu e vinutu?..

N.Nicolo: Ah comu ?…Chi dici?…ah! …si, fu’ a lu bar cu l’amici a jucari a briscola…

N.Rosalia: Ah, eccu! pi chistu si’ accussi stancu….assettati ….assettati nta la poltrona …chi ffa’? li vo’ du’ broccoli affocati?…giustu giustu la signora Arcangelo stamattina mi dissi chi oggi manciavanu chissu e mi dissi puru chi mi li voli fari tastari….Iddra li fa cu la passula e li pignola,propriu comu piacinu a tia! .

N.Nicolò: Si, lu sacciu.(Con aria poco interessata)

N.Rosalia: E comu lu sa’?

N.Nicolò: ‘Ntisi lu ciauru …acchianannu .

N.Rosalia: Ora ci scinnu e mi li fazzu dari….tu ‘un ti moviri di drocu…arriposati …lu senti. ( ed esce di scena)

N.Nicolò: Buttana di la miseria …chi disgrazia… chi rovina …mi dassi timpuluna(E si schiaffeggia da solo .Bussano alla porta , rientrano in scena Giacomo ed Elena ) Avanti …apertu è.

Giacomo : Papà ….c’è lu paisi chinu……..’un si parra d’autru……’N paisi ci fu ‘na vincita a lu lottu….una grossa vincita….Qualcunu dici chi a vinciri fusti tu.

N.Nicolò: Vincita? Iu ‘un sacciu nenti di nuddra vincita ( piagnucolando)

Elena : Papà, ma voi piangete?!?!……

Giacomo : Lacrimi di gioia sono…..allura veru è…….chi facisti ternu!?

Elena : Io lo sapevo……la costanza vi ha premiato. Avete fatto bene a giocare per tutto questo tempo……Avevate ragione ….o prima o poi ….la fortuna…..

N.Nicolò : Ma comu è,ora, chi pinsati tutti chi vincì ….la sunata cancià? Prima….(in falsetto)………’ stu vecchiu strolacu……si joca tutta la pensioni………inveci di dariccilli a li

so’ ni puti ……’un fa autru chi jucari……Quasi quasi sugnu cuntentu chi li cosi eru comu eru…..

Giacomo : Megghiu di comu eru, comu avianu a jri?

N.Nicolò : Poi ti lu ricu ……(piagnucolando )

Elena : Piangete……piangete….anche se è pianto di gioia è meglio che vi sfogate.

N.Nicolò : Gioia……..autru chi gioia……..

( Rientra in scena nonna Rosalia con in mano il piatto di broccoli affogati)

Elena: Che profumino …nonna, che cosa c’è in quel piatto ?

N.Nicolò: Ma com’è!? Ora, lu ciauru di sojdi ti fa pariri bonu puru lu ciauru di broccoli…chi ‘un t’ha piaciutu ma’?

N.Rosalia : Ma chi è …..soccu successi…. ‘sta riunioni di famigghia a st’ura?

N.Nicolò : Ci ammancavi sulu tu’nta ‘stà riunioni, tu e li brocculi……..va posali ‘n cucina va’ e pigghia la scupa. ( e si mette in ginocchio sulla poltrona porgendo la schiena, suonano alla porta,

rientra in scena Rosario insieme al prete e a Sonia )

N.Nicolò : Chistu è lu parrinu, ‘sta vota inveci chi ciauru d’arrustu, ‘ntisi ciauru di sojdi e s’appresenta.Rosalia va’…va’ pigghia la scupa …..accussì tu m’ammazzi a scupati e po’ iddru mi runa l’estrema unzioni.

N.Rosalia : Sonia …va rapi la porta…va. ‘Un capisciu soccu sta succirennu, ma comunque si tu mi rici chi ti meriti scupati ‘nta li rini iu t’accuntentu subitu.

N.Nicolò : Minica sempri la stessa si,…. Rosalia…..’un ti perdi ‘n’occasioni……. Mancu lu pirchì vo’ sapiri!(entra in scena padre Melchiorre )

Rosario: Nonno, in paese non si parla d’altro …..

P.Melchiorre : Salutando….Eccellentissimo nonno Nicolò……….

N.Nicolò : Ah …..ora addivintà eccellentissimu?

P.Melchiorre : Io l’ho sempre detto ,siete la persona più amabile di tutto il paese…… Non c’è uomo……

N.Nicolò : Ah ..si…ora (alzandosi dalla poltrona …e rivolgendosi al pubblico) …chi tutti sannu chi c’è la grana….comu su’ tutti zuccaru e meli….. comu mi vonnu…tutti ….beni.

N.Rosalia : (rientra in scena con la scopa in mano) Iu ccà, pronta, sugnu.

N.Nicolò : Pi ora mettila di latu chi ‘unn’è ura …..prima vi cuntu comu veramenti stanno li cosi….accussì vi livati di ‘ntesta sta vincita.

N.Rosalia : Quali vincita ….Nicolò? ( facendo finta di non sapere niente)

P.Melchiorre : Allura la vincita …ci fu?!! Avete già pensato a fare il vostro dovere di cristiano?

N.Nicolò : Certu….prima il dovere …poi ….lu piaceri…..Vogghiu fari un saccu di beneficienza e in primis a la chiesa. ( rivolto al pubblico……fa il gesto di mettere la mano sull’avambraccio ) …Po’ ci rugnu l’ottu per mille. ‘Un ci abbasta?

N. Rosalia : Ma di quali vincita stati parranno? Chi iu ccà ‘un ni sta capennu cchiù nenti.

( facendo finta di non sapere niente)

Giacomo : Lu papà fici ternu ….vincì chiossà di centucinquanta miliuna.

N.Rosalia : Ma chi mi vuliti pigghiari pi fissa? Vi mittistivu tutti d’accordu? Nicolò, veru è? Facisti ternu? E pirchì ‘un dicisti nenti? Ora capisciu pirchì stanotti ‘nta lu lettu t’arriminavi comu un serpenti!

N.Nicolò : Si veru è………..e ‘unn’è veru…….

N.Rosalia : ‘Un ti capisciu tantu bonu . E’ veru o’unn’è veru?

N.Nicolò : Buttana di la miseria ……..è veru…..(piagnucolando)….ma la ricevuta ‘un ni l’haiu cchiù!

Giacomo : Ma chi stori va’ cuntannu?!

Elena : Ecco perché stamattina …..mi ha rassicurata….promettendomi che ci avrebbe pensato lui ai miei debiti con la banca.

N.Nicolò : Si, ma ora ci foru……….complicazioni.

N.Rosalia : Chi complicazioni ci foru?

N.Nicolò : (piagnucolando ) ….La ricevuta pi sbagghiu a l’America la mannà.

Rosario : E chi vuliavu ‘ncassari in dollari?

N.Nicolò : Zittuti scimunitu….(piagnucolando)’ Stamatina ….preparà la busta ccù la ricevuta pi lu nutaru…….e po’ scrissi puru a me frati in America, pi dirici di veniri pi lu matrimoniu di Sonia….e ‘nta lu chiuriri la busta, pi sbagghiu …..(disperandosi) ci ‘nfilà la ricevuta di lu lottu.

N.Rosalia : Nicolò, si lu solitu ‘nchiappastaddri……e ora, comu s’av’ha fari?

Giacomo : Telefonamu subitu a lu ziu e dicemuci di mannarinilla a lu n’arrè

N.Rosalia : ‘Un è tantu facili.

Sonia : La nonna per fare una sorpresa al nonno ha invitato anche lei, all’insaputa di tutti, lo zio…….Potrebbe ……….arrivare……. da un momento all’altro.

(entra in scena lo zio Frank)

N.Nicolò : Mizzica, già ccà è me frati?…….E chi vinisti via F.A.X? Francesco….tu cà ?…Quannu arrivasti? ‘Un ti putii stari (Piagnucolando) a l’America n’autru tanticchieddra….lu tempu d’arriciviri la me littra….Buttigghia di la miseria ….veni ccà abbrazzami …

N.Rosalia: Viri chi bella sorpresa chi ti ficimu?…..E la sorpresa è doppia, to’ frati resta pi sempri ca ….’un ci torna cchiù a l’America…

N.Nicolò : Bella ….bellissima ..E dra la posta cu la ricivi…..? (bussano alla porta) Va rapiti la porta, viremu ora cu è….chi si veni a divertiri a li me spaddri. ( entrano in scena Carmelina e suo figlio Arcangelo)

Michele : Nonnu,veru è chi vincistivu? ‘Ntisi la notizia mentri turnava di la scola.

N: Rosalia: E ‘un sulu ‘un torna cchiù a l’America, ma si marita ccà ….si marita cu Carmelina…e accussì Arcangelu diventa to’ niputi…

N.Nicolò: Chista di tutti e la cchiù bella notizia ….ma iu sugnu rovinatu lu stessu.

( entra in scena anche Ylenia)

Ilenia : A scuola stamattina non si è fatto altro che parlare della vincita … Tutti dicevano che erano usciti i tuoi numeri…..Sei stato bravissimo.

N.Rosalia : Si…..bravissimu ….to’ nonnu fu bravissimu , fu tantu bravu chi mannà la ricevuta a l’Amirica pi posta . ‘Un si merita autru chi scupati ‘nta li rini

Zio Frank : A propositu di posta , mentri vinia ‘ncuntrà lu postinu e mi detti……… ‘stà busta…….(si fruga le tasche ) Unni la misi?……..Ah già …Rosalia a tia ti la detti.

N.Nicolò : Quali busta?

Tutta la famiglia : Quali busta ?

N : Rosalia: Ccà c’è la to busta…teccà pigghiatilla.

N.Nicolò : La littra chi mannà a l’America.(con fare gioioso,tutta la famiglia esulta e abbraccia il nonno) Finalmente….( Apre la busta ma la ricevuta non c’è) Ma allura ….
’un capisciu…ma dunni la misi?! …si cca ‘un c’è……Picciotti, tutti rovinati arrè semu! …la ricevuta ccà ‘un c’è…..

N.Rosalia : (contenta ) Nicolò, si lu solitu stunatu. Ma unni la mittisti ‘sta biniritta ricevuta?……Tu ‘un ni lu sa’ ….ma iu …si …(e tira fuori dal reggipetto la ricevuta) . Ti meritassi scupati 'nta li rini matina ,pomeriggiu e sira……Pi ora (indicando la scopa) ‘un ti fazzu nenti…….. ricordati, però, chi l’ha’ sarvati!

N.Nicolò : (che ha riacquistato la sua vèrve ) ‘Un sacciu com’è chi l’ha tu e mancu lu vogghiu sapiri comunque è un miracolo …binirittu lu Signuri la mè ricevuta!

N Rosalia : La to’ ricevuta?!…..(Tutta la famiglia in coro) La nostra ricevuta….

N. Nicolò: Lu sapia chi avissi finutu accussi ….Comu a lu solitu di patruni addivintà arzuni.

Comunque,puru accussì arrestu soddisfattu……comu speru chi avissiru arristatu soddisfatti li gentilissimi signori qui presenti.