U nonnu paraliticu

 

Commedia comica in tre atti di

Nunzio Cocivera

 

PERSONAGGI:
1. U nonnu Mariu dai 60 anni in su
2. Lampo Vittorio dai 45/50 anni
3. Don Carmelo (figlio del nonno) dai 45/50 anni
4. nipote Mario dai 18/25 anni
5. nipote Luisa dai 16/18 anni
6. Don Sabbaturi dai 60/70 anni
7. Franca coetanea di Luisa
8. Evangelista qualsiasi età 

I° ATTO

Scena a piacere: cucina o soggiorno, casa di contadini o di operaio edile, modesta ma pulita; in un angolo, biancheria e vestiti da piegare, scopa, straccio (o mocio); le donne nei momenti liberi della scena eseguono lavori domestici. All'apertura del sipario, in scena Loria che pulisce. 

 

CARMELO: Finisti Loria? Accussì ti dugnu un passaggiu mentri vaiu a travaghiari e tu fai a spisa.

LORIA: Sì, cussì fazzu chiù prestu e tonnu subutu; chi fa stamatina to patri? Passasti a salutarlo?

CARMELO: Ancora è cuccatu: dummeva, non l'ho svegliato.

LORIA: E menu mali, stanotti non chiudiu occhiu, si iazzò ammenu na dicina di voti, è na camurria ca non si dommi chiù.

CARMELO: Vulissi vidiri a tia si ti pighiavi na purga chi facivi.

LORIA: Io sarissi curiusa di vidiri chi avi ta du stomucu, si pighia na purga a simana e dici sempri: "a medicina ci voli e si sta bonu! Pighitilla puru tu ogni tantu".

CARMELO: E tu picchì no scuti a me patri? Pighiti na purga.

LORIA: A purga tu ti l'ha pighiari chi si stiticu.

CARMELO: Io a me purga l'haiu, quattru pipi brucenti e sugnu appostu: va moviti chi fazzu taddu o travaghiu.

LORIA: Chiuttostu, cecca mi non ti lordi comu aieri, di robbi ne potti sgaddari, erano tutti ingrassati e sudici.

CARMELO: Ti fazzu vidiri chi si mi staiu a casa i robbi ne loddu, e poi quantu stori vuiatri fimmini quannu faciti du subbizza e lavati du robbi.

LORIA: Du subbizza! Niatri travaghiamu di quannu brisci fina chi scurisci e semu sempri impignati, travaghiamu 24 uri continui.

CARMELO: Si ti sempri ta pignata, lassamu peddiri va.

LORIA: No, lassamu peddiri nenti! Niatri fimmini travaghiamu chiù di l'omini, vuiatri faciti na cosa sula. Mentri noi laviamo, stiramu, pignatiamu, facemu a spisa, vi sgrasciamu a vuatri e a rugna chi faciti; vuatri arrivati, vi lavati e nisciti, turnati vi sittati, manciati sirvuti a dovere e poi vinniti in giru cu l'amici, o barri vi faciti a partita e chiacchierati.

CARMELO: Certu, niatri ni facemu a chiacchierata, mentri vuatri vi faciti a pittiguliata.

LORIA: Certu! Ma l'omini pittiguliati chiù di fimmini e aviti u viziu di scuncicari i fimmini dopu maritati, siti puru capaci di fari i cacciaturi, e magari pinsati chi è normali chi è giustu, mentri pi fimmini no! E' veru du proverbiu chi dici "ama l'omu chi vizi so! Ma è dura e non dura!"

CARMELO: Cu vuatri fimmini l'amuri e comu lu citrolu cumincia duci e finisci amaru.

LORIA: Facci di rospu io cu tia non haiu avutu vita facili, qualsiasi cosa fazzu non si cuntentu mai non mi fai mai un complimento né per la casa, né per u manciari chi ti fazzu cacchi cosa. Pi tia non fazzu mai nenti, pi tia io sugnu un oggetto sempri pronta pi to soddisfazioni di tutti i tipi e sugnu stufa, incavulata. E' u destinu di niatri fimmini essiri sottovalutati.

CARMELO: Ma chi faciti! Pozzu capiri chiddi chi travaghiunu fora, ma tu chi fa a casalinga, non fa nenti, fa sti du surbizza e basta.

LORIA: Non fazzu nenti? Io haiu a to patri chi mi impegna tuttu u ionnu, du figghi e a tia, sei ingiustu si dici seriamenti si cosi.

CARMELO: A me patri pari chi l'ha supra u stomicu, e poi mittennuci a me patri e tutti l'autri cosi, non fa cettu u travaghiu i una chi vaci a iunnata; chiddi dopu u gnonnu di travaghiu si fannu puru i subbizza a casa.

LORIA: Chiddi o fora fora, e poi si fannu iutari di mariti; tu inveci quannu ti fa i to otturi si e no, arrivi a casa e non fa mai nenti.

CARMELO: Ci mancassi puru chi mavissi a fari a manciari io, oppuru mi lavassi i robbi io a casa, chi ha nta testa?

LORIA: Non dicu chissu, prò cacchi cosa a putissi fari! Inveci ti setti sirvutu e rivirutu; e si ti dicu di ittari a spazzatura ti pighiunu i diavuli.

CARMELO: Unnè chi dici chi mi pasci puru.

LORIA: Ci mancassi puru chissu!

CARMELO: Io mannassi a tia a travaghiari, e io mi stassi a fari chiddu chi fa tu, e u facissi molto meglio di te.

LORIA: Io fussi d'accoddu: vulissi vidiri chi facissi.

CARMELO: Chidu chi fa tu è meghiu i tia.

LORIA: Mu magginu, a rugna rivassi o tettu.

CARMELO: Io sugnu sicuru chi i facissi meghiu i tia i cosi.

LORIA: Tu basta chi stassi du ionna a fari chiddu chi fazzu io: niscissi pazzu, soprattutto a scummattiri cu to patri e chi so smanii.

CARMELO: E chi fa, chi fa. E' chi si squaddata.

LORIA: Mi basta sulu to patri da matina a sira: pighia chistu e vogghiu chiddu e poi sintrica puru nte cosi di casa e voli cumannari.

CARMELO: Tutti scusi chi cecchi pi mi cunvinciri chi me patri non po stari cu niautri; ma io ti dicu e tu ripetu: me patri resta cà.

LORIA: Io scummattu cu iddu sempri, no tu, e u sacciu io chiddu chi mi fa passari.

CARMELO: U sacciu io, tu u puttassi o spiziu, prò mettiti nta testa chi i figghi fannu chiddu chi vidunu fari e genitori chi genitori.

LORIA: Picchì tu si cunvintu chi i to figghi, picchì vidunu chi tu teni a casa a to patri, iddi dopu fannu u stissu cu tia e ti curregiunu?

CARMELO: Sugnu sicuru, mi curreggiunu e cu amore, io beni i nsignà

LORIA: Sicura…, mancu u fucili navi, na affari cussi pu spiziu, quannu si vecchiu ti pari chi scummattunu cu tia comu io cu to patri, tu po' scuddari.

CARMELO: Va be va, cu vuatri fimmini non si po parrari aviti sempri ragiuni, e travaghiati chiù di niatri omini, mi vo sentiri diri chi la casalinga è un lavoro massacrante, impegnativo e chi i fimmini siete spesso vittime di uomini insensibili e ingrati che non apprezzano il lavoro e i sacrifici che fate per i figli e il marito? E' veru, si cuntenta ora?

LORIA: No! Picchì tu no pensi veramenti, ma è la storia, ledonne ci siamo sempre sacrificate per l'uomo, chi da madre, chi da moglie, sempre e senza mai avere un giusto riscontro, perché siete egoisti!

CARMELO: E' inutili chi parri italiano, i fimmini siti sempri stati causa di guai e dispiaceri pi l'omini da secoli.

LORIA: Disgraziato, ingrato e imbroglione! Lassamu stari i fimmini in generali e pighiamu u me casu, u me casu! Quannerumu ziti eri zucchero e meli: sì Loria, certo tesoro, va bene cara, comu vo tu gioia, mi hai illuso, mi dicevi che mi adoravi; inveci appena niscemmu da porta da Chiesa mi mittisti sutta e non pozzu mancu fiatari, decidi tutto tu, giusto o no!

CARMELO: Il che è normali, normalissimo: io portu u pani, io lavoro, io sono il capo famiglia!

LORIA: In teoria, no in pratica! In realtà i fimmini siamo superiori a voi sia come lavoro che come tutto, lavoriamo più di voi.

ENTRA LUISA CON DEI LIBRI IN MANO (ragazza giovane, studentessa, elegante e carina).

LUISA: Docu havi ragiuni amamma: i fimmini travaghiunu chiossà di l'omini, questo è assodato.

CARMELO: Arrivunu i rinforzi (rivolto alla moglie); vuatri dui misi assiemi chi suduri ca ittati quannu travaghiati, allagati un quarteri (rivolto a Luisa), specialmenti tu, chi non fai mai nenti o quasi.

LUISA: Io è studiari e poi ogni tantu aiutu a mamma.

CARMELO: Stu discussu fussi longo, io minneiri a travaghiari.

LORIA: Sì amuninni chi già si fici taddu puru pi mia.

LUISA: Dammi un passaggiu puru a mia.

CARMELO: A staura? (guardando l'orologio) e poi a scola è a ducentu metri da nostra casa.

LUISA: Vaiu prima unni Franca: me ripassari a storia cu idda.

CARMELO: Annamuninni, va prima chi mi faciti ritardari. Escono. Dopo qualche minuto entra in scena il nonno e si siede; si fa un solitario alle carte e altre mosse, versi, si gratta, sospira, ecc. Dall'esterno, la voce di Loria ("venga, buongiorno")

LORIA: Saccomodi (entrano lei e don Sabbaturi, vecchio con età del nonno, modesto)

SABBATURI: Grazi signura Loria (facendo fatica a camminare), a vicchiaia eni na brutta malatia, beata gioventù.

LORIA: Si siti un giovanottu! Chi diciti, patri aviti vistu?

NONNO: Nn fari sceni, si cammini meghiu dun carusu.

LORIA: Patri, io vaiu a fari a spisa, arrivederci don sabbaturi.

SABBATURI: Arrivederci (pausa). Allura Mariu chi dì, comu ta passi? Cuntrà a to fighiu e to nora mi cumpagnò cà: è gentili e bona, to nora, mi piaci, mi piaci.

NONNO: A mezza botta, ma iannu sempri chi fari, mi lassunu sulu, a solitudini è a chiù brutta cosa chi c'è nta vita. E tu chi ci vidi di bonu a chidda? E' passabili, non certu bona, dicemu carina, va!

SABBATURI: Ià ragiuni: troppi voti i fighi tegnunu i patri in casa e i matri e poi i lassunu suli, e troppi voti u fannu non per amuri, ma pa pinzioni e to nora a vulissi a pinzioni.

NONNO: Non to me casu: io non mollu na lira, l'haiu tutti misi a posta a boni fruttifiri, io ci fazzu spenniri a iddi i sordi pi mi cattunu i cosi, e anzi voghiu chistu e voghiu chiddu, ci dicu a me nora.

SABBATURI: Tanti voti, però, i nori cumannunu i fighi e i portunu unni i vonnu.

NONNO: No a me fighiu, iddu a fa filari e si parra assà ci dici "Muta tu!"

SABBATURI: Meghiu pi tia almenu sta cà.

NONNO: Sì, però cu pighia a destra, cu a sinistra, e restu sulu: a sulitudini è brutta!

SABBATURI: Ti vidunu bonu e stannu spenzierati, u sa cavissi a fari, finciti malatu, cussì si preoccupanu e non ti lassunu sulu, ventiti na malatia pi attirari l'attenzione.

NONNO: (ci pensa) Mi pozzu finciri paraliticu, chi dì funzionassi? Ciuncu.

SABBATURI: Ti po finciri scemu, tantu a tia ti veni facili.

NONNO: Sempri tu sì! Va, parramu seri, chi dì funzionassi? Mi finciu ciuncu.

SABBATURI: Paraliticu! Putissi funzionari, ma eni difficili stari femmu, si capaci tu? E poi c'eni puru u fattu chi si vecchiu e stannu femmu finisci chi ti rugginisci piddaveru.

NONNO: Io sugnu vecchiu, picchì tu si carusu?

SABBATURI: L'età non cunta l'impurtanti eni u spiritu e io ancora naiu spiritu e assai spatti.

NONNO: Picchì l'acqua sigginata ta finisti?

SABBATURI: Mariu cama fari nama zuffari? Certi voti non ti sopportu, mi offenni.

NONNO: Ma chi vulissi fari, si c'è nu ventu fotti a tia ti sbola, si ni zuffassumu ti facissi vidiri io.

SABBATURI: Non diri cavulati: io da giovani era forti e mi batteva comu un toru, quannera militari e a unu ci dava un pugnu, ci rumpia tri denti.

NONNO: Forsi, ma ora cu un cinculiri ti facissinu girari tuttu u paisi avanti e arredi comu na strumbula. Comu na trottola, ormai si vecchiu e debuli, l'anni pisunu a tutti e soprattuttu a tia.

SABBATURI: Tu picchì parri, quannu c'era u sciroccu ti inchevi i sacchetti di petri e quanneri carusu pisavi 5 chili.

NONNO: E tu di tannu ristasti sciruccatu.

SABBATURI: Io ristai sciruccatu e tu riatrdatu mentali.

NONNO: Picchì rivava in ritardu?

SABBATURI: No, picchì eri scemu e uora chi sì vecchiu, sì un vecchiu scemu.

NONNO: Io potti scimuniri cu l'età, ma tu nascisti cussì e morì.

SABBATURI: Tu sì peggiu… (arriva Mario e li interrompe)

MARIO: Ciau nonnu (dà la mano), don Sabbaturi, comu stati?

SABBATURI: Non haiu cettu ventanni comu a tia, ma tiru, tiru ancora.

NONNO: A iddu po brughiari, tu non tiravi mancu quanneri carusu.

SABBATURI: (si alza) Megghiu chi minnivaiu se non me zuffari cu to nonnu, cetti voti nu supportu, è insopportabile.

MARIO: Vi cumpagnu don Sabbaturi, nte scali e piriculusu.

NONNO: Sta tentu, non cadiri di scali.

SABBATURI: Finisci chi io no ceccu chiù a to nonnu, non si supporta.

MARIO: E avissi puru ragiuni si non ti cerca chiù è possibili chi vata sciarriari ogni vota chi veni cà!

NONNO: Niatri non ni sciarriamu, ni canuscemu di quannu erumu giovanotti: nisceumu sempri assemi, ni ievumu puru a scuncicari fimmini assemi, amu statu sempri amici, na vota ficimu puru a pugna…

MARIO: (non dà il tempo di finire) A pugna e cu vinciu (a don Sabbaturi), cu vinciu, comu finiu?

SABBATURI: Dumannici a to nonnu, picchì avi u nasu to latu.

MARIO: (al nonno) vinciu don sabbaturi?

NONNO: Macchì i buscammu tutti i dui e boni, porca miseria.

MARIO: Vi spartistu? (a don sabbaturi).

SABBATURI: Non na ficimu a pugna ta niatri, ma cu maritu di una chi scuncicammu, chiddu mi stava in coddu e pugna…

MARIO: E me nonnu? Non interveniu, non vi difindiu?

SABBATURI: To nonnu si ittò to menzu mi ni sparti, cu na manu pighioi a mia cu pettu e cu l'autra tinia a chiddu, e pugna to nasu, peggiu di Classus Clei.

MARIO: Si cu na manu tignevi a don sabbaturi e cu l'autra a chiddu, cu quali manu ci davi i pugna to nasu? (al nonno).

NONNO: I pugna to nasu mi dava iddu a mia e mu rumpiu.

MARIO: Vabbè va, minnivaiu: iaiu chi fari, vi ristati ancora vui? (Sabbaturi fa segno di sì). (Mario esce e dimentica la chiave).

NONNO: Allura Sabbaturi chi dì funziona, fazzu finta chi sugnu paraliticu, ciuncu, cussì non mi lassunu sulu.

MARIO: (fa capolino alla porta).

SABBATURI: Ma ta senti tu, non è tantu facili fari u ciuncu.

NONNO: No sacciu, ora mi mettu a pruvari videmu si mi rinesci.

MARIO: (che ha sentito tutto, fischietta fuori scena ed entra) Chi testa, chi testa, mi scurdai a chiavi (prende la chiave) da machina, eccola qua.

SABBATURI: Minnivaiu puru io, ni videmu.

NONNO: Va va si non ni videmu dumamu a luci (don Sabbaturi scuote il capo)

SABBATURI: Dammi un passaggiu ca machina cussì arrivu prima e mi riposo.

MARIO: Camminari però vi facissi beni: si sveglia u sangu e l'articolazione (escono).

Il nonno in scena si mette a fare la prova con le gambe fare dei movimenti a piacere, ma si ricompone all'entrata del figlio.

LORIA: Ciau papà, sinniu don Sabbaturi?

NONNO: Uora, uora sinniu, nisciu cu Mariu no vidisti?

LORIA: E tu comu ti senti?

NONNO: Mali haiu i iammi moddi mi fannu, comu si dici… giacumu, giacumu (ripone la borsa ed esce dei biscotti). Ti purtai i biscotti chi ti piaciunu a tia, però non ti manciari ta na vota.

LORIA: Picchì ti pari chi mi ingruppunu? La nuora fa per replicare, ma rientra il marito Carmelo.

CARMELO: Ciau papà, comu va? (prende i biscotti e li comincia a mangiare).

NONNO: Cu to mughieri chi mi cianci puru i biscotti chi mi manciu, comu vo chi và (li mette un po' in tasca).

CARMELO: E iavi puru ragiuni: i biscotti pi tia fussunu vilenu u sa chi ha u zuccuru e poi non manci nenti.

NONNO: Piffozza non manciu nenti, to mughieri eni na fimmina di casa, travaghiatura, ma ammanciari no sapi fari, non è cosa so!

LORIA: Io… (non può continuare, rientra Mario).

MARIO: Ciau a tutti, chi c'è mamma?

LORIA: Nenti ceni, nenti… c'è chi to nonnu iavi tutti i cosi iddu: antura diciu puru chi avia i ammi chi ci fannu giacumu giacumu.

MARIO: Io dicu chi ci fannu petru petru.

LORIA e CARMELO: Chi voli diri su petru petru?

MARIO: Petru petru ogni sautu faci un metru (ridono).

LORIA: Amuninni dabbanna che quasi ura di manciari.

NONNO: Spittami a mia chi non cià fazzu (si alza a stento e si strascina).

APPENA ESCONO SI SENTE DEL RUMORE ED IL NONNO CHE GRIDA.

NONNO: Aiutu, aiutu! I ammi, i ammi!

 

FINE I° ATTO

 

 

II° ATTO

 

All'apertura in scena Luisa che spolvera. Dall'esterno "permesso" entra in scena Franca (amica di luisa, sui 16/20 anni, elegante).

LUISA: Avanti, ah tu eri.

FRANCA: Ciau io sugnu, chi fa? Non mi canusci chiù da vuci? Chi sta facennu?

LUISA: Ci dugnu na manu a me mamma a puliziari.

FRANCA: Moviti va chi ni facemu un giru, cu sta bella iurnata.

LUISA: Ora non pozzu nesciri purtroppu me stari cu me nonnu chi non si po moviri e no putemu lassari sulu, speru mi non ci scappa.

FRANCA: Ah l'avia sintutu diri chi cadiu e non poti stari supra i iammi, ma u dutturi chi vi dissi chi avi, chi si fici si rumpiu?

LUISA: Ma non si sapi spiegari mancu idu, cu l'esami chi ci ficimu risutta chi iddu putissi caminari bonu, ma iddu non po stari addritta, cadi sulu. E ora caccadunu sava stari cu idu, cu sa voli cacchi cosa. E ora ama scummattiri, ci cattammu a sedia sdraiu, u pappaiaddu…

FRANCA: U pappaiaddu, unnè mu fa vidiri, chi fa parra? Pi ci fari cumpagnia?

LUISA: Chi capisti, u pappaiaddu, no aceddu, lautru pappaiaddu chiddu da pipì.

FRANCA: Ah! Ora capì, allura pura a pala cattastu? E tu ci a potti?

LUISA: Puru chidda purtroppo, ancora non ma ha capitatu mi ci scappa mentri ci sugnu io cu iddu, è masculu e io mi nfruntassi, non è facili serviri nu masculu puru si è nonnu.

FRANCA: Mu maggiunu, navota me nonna si rumpiu u femuri e cacchi vota puru io l'appa serviri ed era più che na scocciatura, ci avia purtari a pala e pulizziari u darredi.

LUISA: Iddu pi fortuna ossa non si ni rumpiu e i mani l'avi boni, non movi i ammi, ma è sempri na camurria.

FRANCA: Però sunnu casi che col tempo ponnu capitari a tutti, avemu nonni, mammi, patri: è un giru, l'anni passunu, si invecchia e cuminciunu i problemi.

LUISA: Puru niatri si Diu voli ni facemu vecchi.

FRANCA: Per ora semu giovani e già avemu problemi.

LUISA: Quannu nta na famighia c'è un problema ci né pi tutti.

FRANCA: Purtroppo è veru cu me nonnu scummattemmu sei misi e ppoi quannu già cuminciava a caminari e pareva bona muriu purtroppo.

LUISA: Ci vulevi beni a to nonna, vero?

FRANCA: Certu, picchì tu a to nonnu no?

LUISA: Certu, ma è tirchiu, non mi fa mai un regalo; i regali piaciunu e mi piacissi cacchi rigaleddu, ma iddu nenti.

FRANCA: Chi ci vo fari, pacenzia. Dato che tu non po' nesciri, mi staiu cu tia, ti fazzu cumpagnia, chi putemu fari, suppurtamu.

LUISA: U vidisti a chiddu?

FRANCA: Si ivi apposta pu vidiri, tutti i nostri amici diciunu che rassumighia a Delon.

LUISA: Comera, comera, era piddaveru bonu, sumighiava a Delon? Era bonu comu dissi Cinzia?

FRANCA: Macchì! Era a brutta copia di delon, l'haiu dittu sempri io chi quannu Cinzia dici chi cacchi unu è bonu minimu fa scantari: pareva chiddu chi canta… u brutu, comu si chiama, Franciscu Crisimatu.

LUISA: Francu u cunfissatu, però avi na vuci bellissima. A chiddu però, ci sbaghiaru u battiu, ci duvevunu mettiri francu u scantatu, pari chi pighiò a scossa.

SI SENTE FISCHIETTARE FUORI SCENA MARIO.

MARIO: Ciau Franca, ciau soru, chi fai Franca aspettavi me?

FRANCA: Rivasti giustu giustu, ti sta cu to nonnu cussì io e to soru niscemu, idda spittava a tia pi ti lassari cu to nonnu.

MARIO: Unnatairi cu stu tempu, brizzia fora, statti ca cu mia (rivolto a Franca).

LUISA: Brizzia e allura chi facemu? (Franca scrolla le spalle).

MARIO: U sapiti chi putemu fari? Ni emu dabbanna unni u nonnu e ni facemu na briscula (rivolto a Franca). Tu giochi cu me nonnu e io cu Luisa, a briscula tu sa giucari?

FRANCA: Chi dì Luisa, ci facemu vidiri cu semu.

LUISA: Va beni va, ni passamu u tempu.

Si sentono parlare i genitori (discorsi a piacere) entrano in scena; al loro ingresso Franca saluta.

FRANCA: Don Carmelo, signora Loria, bongiorno, come state?

CARMELO E LORIA: (insieme) Ciau Franca.

CARMELO: Carusi chi fa u nonnu, comu si senti?

LUISA: E' dabbanna ta cucina (o soggiorno) ora ni emu a fari du partiti e carti cu nonnu (rivolta a Franca e Mario). Amuninni va (escono), cussì ci facemu puru cumpagnia.

LORIA: Carmelo comu amaffari cu to patri, puru i carusi ora sunu sacrificati, sanna stari cu iddu, non ci bastava chi avia tutti cosi iddu, avia ciuncari puru!

CARMELO: Me patri eni na picca curiusu, ma tu si troppu puntata.

LORIA: Tu patti a matina e tonni a sira, chinni sa chiddu chi mi fa passari a mia e a i carusi, non si supporta!

CARMELO: Vulia vidiri io si era to patri chi facii.

LORIA: U puttava o spiziu, sunu belli, moderni, ben gestiti.

CARMELO: O spiziu a tia pottu, no a me patri, poi i vidi comu su.

LORIA: Non sulu chi è suppurtari tutti i so smanii, puru a tia è sentiri (breve pausa) e poi pigghiassi cacchi lira da so pinzioni e ta dessi, campa supra i to spaddi.

CARMELO: Embè! Navota non campavo io supra i so spaddi e poi sempri e soddi pensi, non si vive di soldi.

FRANCA, LUISA E MARIO ENTRANO PARLANDO FORTE.

FRANCA: No! E poi no! Io sognu cu fici apposta cu iddu non ci giocu chiù, avevamu appena cuminciatu e subitu iddu….

MARIO: Ma Franca è mai possibile stu fattu, io non ci cridu.

LUISA: Mamma, papà, io cu nonnu non ci staiu chiù: si cumporta mali e mancu si vergogna a so età certi cosi sunnu insopportabili, si è permesso di fare questo a Franca, un vecchiu comu a iddu.

MARIO: U nonnu è curiusu e un po' strambato, ma non è possibile che facissi sti cosi, ma chi fici di così terribili Franca, lungò i mani?

FRANCA: Chissu no pi futtuna.

MARIO: Ti fici piedino, ti tuccò u pedi?

FRANCA: Mancu chissu pi futtuna.

MARIO: Allura chi succidiu chi ittasti i carti e ti iazzasti, io avia tri brisculi boni, mi strambasti a partita.

LUISA: Papà devi rimproverare il nonno, non sulu portu i me amici a casa perché non pozzu nesciri, i costrinciu a giocare con lui per ammazzare il tempo e lui fa questo; io a casa non ci staiu chiù.

LORIA: Tu a vo pi scusa, a casa non ci vo stari mai e ora cerchi a scusa giusta.

LUISA: Io non cercu scusi, u nonnu fici chiddu chi non avia a fari, io mi vergogno. Si inveci di Franca era nautra chiù puntata, cà non ci vinia chiù!

CARMELO: Chi succidiu carusi, chi fici me patri di così gravi, scoreggiò?

MARIO: Franca dici chi u nonnu ci scacciava l'occhiu.

LORIA: (rivolta al marito) Cu to patri tuttu è possibili, anche questo.

LUISA: Io non ci sto più con lui.

MARIO: Bonu, bonu, mi staiu io cu nonnu; basta cu purtati cà e mi aiutati mu sittamu dà (indicando una sedia sdraia), poi vinniiti tutti.

CARMELO: Fozza puttamulu cà (lo trasportano a piacere e lo siedono tutti, lo sistemano e lui si lamenta).(al padre) Papà chi è stu fattu chi ci scacciavi l'occhiu a franca, è veru? Rispunnimi.

NONNO: Unni l'havi l'occhiu scacciatu (indicando franca)

LORIA: Avanti, rispunniti: è mai possibili chi un vecchiu comu vui ava scuncicari na signurina! Ci scacciati l'occhiu?

NONNO: Macchì scuncicari e scuncicari, giucavamu a briscula, no?

LORIA: E allura chi centra, non circati scusi.

NONNO: Centra, picchì io ci scacciava l'occhiu pi ci fari u signali da briscula, u tri, capisti mali.

CARMELO: I primi voti puru io l'avia pinsatu, ma poi iddu mi scacciava l'occhiu puru quannu u tri l'havia io.

FRANCA: (al suocero, scuotendolo per un braccio) Allura, ora cata diri, parrati vecchio depravato, parrati.

NONNO: Chi dicu (pausa), chi dicu: ci sbaghiai u signali, tu subitu "depravato".

LORIA: Giratila a frittata chi si bruciò.

NONNO: L'haiu dittu io chi non sa cucinari: puru a frittata bruciasti, i cosi o i bruci o i lassi crudi.

LORIA: Ah! Io a brucià a frittata, cu quali facci tosta parra.

NONNO: Cu fu allura, non si tu chi cucini ta sta casa, no ammeno cecchi di cucinari, ma non si cosa, non ci rinesci mai.

LORIA: (al marito) Basta, ora basta! Io no suppottu chiù a to patri, pottulu o spiziu, o monicomiu, unni vo, ma levimillu di cà (esce infuriata)… e io sugnu a meghiu coca du paisi!

CARMELO: Papà, ma si po sapiri picchì ci na fari di tutti i culuri a me mughieri? Cecca ma smetti se no ti finisci chi a scutu e ti pottu o spiziu pi sempri.

NONNO: (facendo corna con tutte due le mani) Giuru, no fazzu chiù.

CARMELO: (rivolto al figlio) Allura mariu ti sta tu cu nonnu, io è nesciri pi lavoro, me cuntrari cu principali.

MARIO: Sta tranquillu, tinni po iri (don carmelo esce), ci penso io.

FRANCA: Luisa io minnivaiu ni videmu dumani a scola.

LUISA: Aspetta (rivolta al fratello), datu chi ti sta tu cu nonnu io accumpagnu a Franca e mi staiu dà na picca.

MARIO: Va beni, ciau Franca (Franca fa ciao con la mano ed esce insieme a Luisa). Non ma duni na baciata?

FRANCA: Sa vo na pidata ta pozzu dari (escono)

NONNO: Mariuzzu, ma pigghi a pala piffauri (si contorce come se dovesse andare in bagno).

MARIO: Subbutu nonnu, vaiu (esce e rientra quasi subito con una pala da muratore). Cà c'è a pala, nonnu.

NONNO: No schizzari, moviti, pighimi a pala l'autra (facendo scena). No risistu chiù, piffauri fa prestu (facendo finta di farsela addosso).

MARIO: Iazziti e va to bagnu, cu mia non si scherza.

NONNO: Ma si non pozzu camminari, chi caspita dici.

MARIO: A iddi po brugghiari, no a mia. Io u sacciu chi fa finta, ti sintì cu don Sabbaturi chi vi mittistu daccoddu pi fari finta di essiri paraliticu, pi brugghiari a tutti, ma io vi ho scoperto.

NONNO: Tutta curpa di nu vecchiu scemu, chi mi duna sti cunzighi, e tu ni spiasti.. spiuni!

MARIO: E' stata na coincidenza, ma vi ho scoperti e ora sono guai per te caro nonnetto.

NONNO: Capisti mali niputi, non capisti nenti.

MARIO: Capisciu tuttu, so che tu fai finta e ora ma cantu. A meno che, tu non molli.

NONNO: Cosa… Chi vo… chi vo fari, chi intenzioni hai? Che vuoi che devo mollare?

MARIO: Soldi nonno, regali mai fatti, puoi recuperare e diventare quel nonnetto generoso che non sei mai stato… io ti ho scoperto e tu sei consumato, io perlerò a meno che tu non collabori.

NONNO: (impreca) Poccu diavulu! Mi vo ricattari, ci u dì a to patri?

MARIO: Ni putemu mettiri daccoddu e io non parlo.

NONNO: Daccoddu? Chi vo diri? Chi vo fari?

MARIO: Io staiu mutu e tu per esempio quannu pigghi a pinzioni mi ni duni na bella quota.

NONNO: Na rota? Di chi? Di bicicletta o di machina, chi rota è?

MARIO: Non fari finta chi non capisci, na picca di sghei, moneti, se no ci u dicu a me patri chi fa finta e iddu ti potta o spiziu. Ok? O molli o cantu, e cantu bonu!

NONNO: Ma si si stunatu comu na campana.

MARIO: Stunatu? Quannu si tratta di soddi cantu megghiu di Claudio Villa e megghiu di Mario Merola.

NONNO: e… e… (balbettando), e… qua.. quantu tavissi a dari io?

MARIO: 150.000 mila liri o misi, ogni misi.

NONNO: 150.000 mila liri o misi! Io ti dugnu 150 cauci to da redi, disonestu!

MARIO: Non avevi i iammi ciunchi?

NONNO: Ma fazzu veniri a fozza, disonestu, disgraziatu, svergognato.

MARIO: Inutili chi fa stori: o paghi o cantu, cantu.

NONNO: Canti! Ah, chi mi ti siccassi a lingua sfruttaturi di penzionati, non ti vergogni, ricattaturi,a a to nonnu, u to sangu.

MARIO: No. Tu non si comu tutti i nonni non ma fattu mai un regalo, mentri l'autri vecchi chi canusciu fannu tanti regali e niputi, per ogni festa, ogni compleanno, sempri.

NONNO: E fina a quannu t'avissi a dari si soddi chi vo?

MARIO: Fina ca campi. Chiù campi megghiu è.

NONNO: Fina chi campu? Ma tu si pazzu!

MARIO: Ià ragiuni chi sugnu pazzu, tu si vecchiotto e già un pedi l'ha da fossa, si mori presto chidu chi ci rimettu sugnu io!

NONNO: Fazzu conna e toccu ferru (esegue), disgraziato, io cu sa quantu campu! Pozzu campari nautri 30 anni.

MARIO: Puru chissu po essiri veru. Si dici chi l'ebba tinta non mori mai, e tu si proprio na mala erba.

NONNO: Malanova mi ha (breve pausa), chi dì Mariu, no putissimu fari 100 mila o misi? Io pigghiu picca di pinzioni.

MARIO: Nenti sconti di fini stagioni, a cifra è chidda e tu paghi.

NONNO: Ma fa u cuntu quantu su, ta tanti anni?

MARIO: Tanti anni, ma quali anni, cu sa ci rimettu, usà chi ti dicu: megghiu l'ovu oggi chi a iaddina dumani, usà chi fa, mi catti l'elefanti chi oggi è di moda e semu a paci.

NONNO: Chi ti cattu? L'elefanti? E chi a fari cu l'elefanti?

MARIO: No u nimali, l'elefanti 125, a motu, a motocicletta.

NONNO: E quantu custa su elefanti a muturi?

MARIO: Na fissaria: 7 miliuni e mezzu, tuttu compreso.

NONNO: (esclama) 7 miliuni e mezzu tutto compreso? E chi ti dununu puru a giungla cu l'elefanti e Tarzan puru tu dununu?

MARIO: Basta fari stori, o sì o no. Decidi, presto, prestissimo.

NONNO: No e poi no, nain, nisba, non po essiri, non si ni parra.

MARIO: Beni, vaiu a chiamari a me patri: priparativi a valigedda pu spiziu. Entro qualche giorno ti trasferisci.

NONNO: No, aspetta. Tu cattu su cosu, malanova chi mi avi a Sabbaturi.

MARIO: Beni, mu vaiu a prenotari, russu, bellu, fora malocchio. Farò impazzire d'invidia gli amici, conquisterò tante belle ragazze e tu passerai per un nonno di buon cuore e generoso. Per ora sei per tutti i nostri parenti e conoscenti l'avaro e il tirchio numero uno del paese. Così invece diranno "nta vicchiaia si ripigghiò e divintò generoso", non sì cuntentu?

NONNO: No! Ponnu diri chiddu chi vonnu, io sugnu e vogghiu ristari numuru unu di pricchi, non sulu du paisi, ma di tutta a Provincia, di tutta a Sicilia, anzi di tutta l'Europa.

MARIO: Ma caro nonno, volente o nolente, devi diventare ginirusu cu to niputi Mariuzzu. Picchì Mariuzzu se no canta!

NONNO: Io vulia na picca di cumpagnia di chiù, picchì mi sentu sulu, iurnati sani senza chi mi cerca nuddu.

MARIO: Non ni putemu certu stari cu tia cà, misi npalati, cà iurnati interi, si vo cumpagnia tinni va o spiziu, dà c'è a cumpagnia.

NONNO: Si io ti cattu su cosu a muturi, poi ti sta almenu cà cu mia?

MARIO: Cà! E chi te fari, te lè nacari, tu si bonu e perciò ta ranci, io inveci cu sta scusa, ci fazzu cridiri a me patri chi staiu cà cu tia e ci scroccu puru a iddu qualche regalo, e dopu chi iddi nesciunu, nesciu puru io.Allura ti piaci a tia u culuri: russu, russu angu.

NONNO: Russu comu u me sangu. (Mario fa per uscire) Spetta, e ato patri chi ci dicemu? Da sira a matina io non canciu.

MARIO: Ci dicemu chi mu catti picchì ti fazzu sempri cumpagnia e picchì mi chiamu comu a tia e tu ti scanti chi mori. (esce)

NONNO: Ava viri malanova Sabbaturi, appena u caputu. Contemporaneamente, fuori scena, la voce di don Salvatore.

SABBATURI: C'è nessunu? Pimmissu? Ciau vecchiu scemu.

NONNO: Avanti trasi, tu dugnu io u vecchiu scemu, fitenti!

SABBATURI: Ciaum e chi si sulu? Non funzionò u fattu da malatia?

NONNO: Malanova chi mi ha: a tia tava avveniri na malatia. Beddi cunzighi chi mi duni: fiunciti malatu chi non ti lassunu sulu.

SABBATURI: Picchì chi succidiu? Cammiti, camitti che c'è?

NONNO: Mi cammu! A Mario c'è cattari l'elefanti a muturi e mi lassa sulu u stissu; pi cuppa to ora sugnu te guai.

SABBATURI: Io ti vulia iutari, tu na sapisti studiari, io inveci navia idee megghiu in testa, cà intra (indica la testa).

NONNO: A sì? Videmu si idei chi ha ta testa (prende la pala e lo insegue). Videmu chi c'è docu intra, fitenti, curnutu!

SABBATURI: Tu curnutu a mia non mu dì, vabbeni?

NONNO: Va mali. Io ti rumpu i corna (lo insegue).

 

FINE II° ATTO

 

 

III° ATTO

 

L'apertura del sipario mostra la scena vuota e il nonno che rientra con la pala in mano imprecando (imprecazioni a piacere).

NONNO: No potti pighiari, mi scappò, mappa sittari un quartu d'ura supra u muru, stancai.

MARIO: Ciau nonnu, fra na sittimana arriva, russu.

NONNO: Vidi quantu mi interessa a mia (dispiaciutu) latru du to sangu.

MARIO: Avanti non fari accussì appena u sapi me mamma no dici chiù chi si nu vecchiu pricchiu, e accusì ti voli chiù beni.

NONNO: Vaffan… tu e idda (pausa). E vatinni di cà piffauri, vattinni e pottiti sa pala (Mario prende la pala ed esce)

Quasi subito rientrano don Carmelo e la moglie.

LORIA: Ciau papà, comu vi sintiti oggi? Un pocu chiù ripusatu?

NONNO: Mali, malissimo, io staiu sempri mali.

CARMELO: Chi ha papà? Comu? Mariu mi dissi chi stavi bonu.

NONNO: Stancu sugnu, stancu di tutti, stancu di campari cussì.

CARMELO: E ripositi papà, ripositi (rientra Luisa), pacenzia.

LUISA: Papà, mamma a casa di Franca c'è unu chi faci u rapprisintanti di pignati, dici so mamma si putiti iri puru vuatri.

LORIA: Cammina Carmelu, iemu. Luisa, a mamma, ti sta tu cu nonnu? Anzi chiamu Mariu chi eni sutta (si avvicina alla porta e grida). Mariu, o Mariu, veni cà, moviti, Mariu…

Fuori scena la voce di Mario "vegnu, vegnu"

MARIO: (arriva) Chi c'è, cà sugnu, chi è sa primura, chi vuliti, chi succidiu?

CARMELO: Ti po stari cu nonnu nautra urata? Niatri semu unni Franca.

MARIO: Non c'è problema, itivinni. (escono Carmelo e Loria, seguiti da Luisa, e dopo una breve pausa) Ricurdativillu chi restu io cu nonnu. Nonnu io nescu ni videmu, mi fazzu un giru a pedi, per ora (esce).

NONNO: (gesticola e grida a Mario che è uscito) A putevi chiudiri a potta, c'è na correnti d'aria nta sta casa. Si sente suonare il campanello, due volte.

NONNO: Cu malanova è? E ora comu fazzu, si è cacchi dunu chi mi canusci mi vidi chi ci apru a porta e scopri tuttu (campanello).Camurria, che fari ci apru e mi fazzu scopriri (campanello). Cu è, mi lassaru sulu e ora chi sona stu campanellu, non mi pozzu certu iazzari. Tuttu u paisi sapi chi ciuncà (campanello prolungato). Camurria nte mani! Cu diavulu po essiri a sta ura. Si è Sabbaturi u cciuncu piddaveru, disonestu, bonu mi consighiò, mi misi nte guai (campanello). Pi sunari accussì iddu ava essiri, u sapi chi fazzu finta. Ora ci apru e appena apru ci mollu un pugnu nto nocchiu e ciu stuppu, cussì si nzigna. (fa per alzarsi) No.. non pozzu rischiari si non è iddu mi mettu nte guai: chiù di comu sugnu (campanello). Cu è? Pruvati si è apertu, pruvati, io sugnu paraliticu, sugnu ciuncu, non mi pozzu iazzari.

EVANGELISTA: C'è nessuno? Permesso?

NONNO: Cu è? Trasissi, saccomodi. Chi voli, cu eni? Entra in scena un uomo di qualsiasi età molto elegante.

EVANGELISTA: Buongiorno, come sta?

NONNO: Accussì, accussì. Ma lei chi è? Chi voli, chi vinni, non cattamu nenti.

EVANGELISTA: Io sono un suo caro fratello, un carissimo fratello.

NONNO: Me frati? (mettendosi le mani in testa) Avia ragiuni me mamma chi dicia sempri a me patri chi era nu tradituri, fimminaru, avia puru uh fighiu sciaminatu in giru.

EVANGELISTA: Che ha capito, io sono suo fratello perché nel mondo siamo tutti fratelli, non glielo ha detto mai nessuno?

NONNO: U capì, e di mia chi voli caru fratellu di tutti?

EVANGELISTA: Io sono qui per portarle un po' di compagnia e qualche buona parola, oltre alle nostre tante attività culturali, abbiamo il dovere morale di pensare ai tanti anziani, portando loro compagnia e buone parole.

NONNO: U capì, ma di mia chi vuliti? Chi circati?

EVANGELISTA: Parlare, farle compagnia, noi sappiamo che troppo spesso i vecchi sono lasciati soli, abbandonati a se stessi.

NONNO: Ma di chi avissimu a parrari? Non voglio parlare con lei.

EVANGELISTA: Potrei parlare dell'amore che unisce gli uomini del mondo in un abbraccio affettuoso.

NONNO: Non s'offinnissi, ma a mia non m'interessa propriu l'amuri chi unisci gli omini du munnu, assolutamenti propria.

EVANGELISTA: Ma lei allora non ama il prossimo?!

NONNO: Né u prossimu e né l'autri, chi avi nta cucuzza!

EVANGELISTA: Ma lei allora non ama nessuno?

NONNO: Io amava a bonammitta di me mughieri, ma muriu 10 anni fa.

EVANGELISTA: Ma ci deve essere un equivoco: non parlavo di quel tipo d'amore, ma dell'amore spirituale che unisce tutti gli uomini del mondo con gioia in ogni dove.

NONNO: L'amuri chi unisci l'omini spirituali o comu schifiu si chiama non mi interessa; va be chi sugnu vecchiottu (fa segno di nenti), ma a mia mi piaciunu i fimmini e assai assai.

EVANGELISTA: Se è per quello anche a me piacciono le donne, moltissimo.

NONNO: Piddaveru? Ci piaciunu i fimmini, sicuri?

EVANGELISTA: Certo, eccome, belle e prosperose.

NONNO: E allura picchì mi parra dell'amuri dell'omini? Chi è ambiguo?

EVANGELISTA: Ma io parlavo della religione, dell'amore, della fede; lei non ha mai sentito la voce della fede?

NONNO: (guardando la fede al dito) Io veramenti iavi 40 anni chi aiu a fedi o ditu, e non l'aiu sintutu mummuriari mai.

EVANGELISTA: Ma no. Io non parlavo della fede del matrimonio, non ci siamo capiti, io parlavo di religione.

NONNO: Lei mi parra tuttu cumplicatu, io non capisciu: e me tempi fici sulu a prima a lamintari.

EVANGELISTA: Voleva dire la prima elementare?

NONNO: No, no a fici propriu a lamintari, lamentandomi!

EVANGELISTA: Bè adesso sono io che non la capisco.

NONNO: Vidissi: niautri erimu 11 in famiglia e tannu c'era tantu travaghiu e me patri non mi vulia mannari a scola, e quannu io pattia pa scola, cu l'aiutu di me mamma, chi mi vulia studiari, me patri si lamintava sempri… allura io fici a prima a lamintari e poi basta. L'epochi erinu tristi e savia travagghiari: me patri avia campagna, nimali, e u travagghiu era tantu e non poteva certu manteniri 11 figghi a scola. C'era u sceccu, i vacchi i dubbari, i maiali, i pecuri i munciri, a campagna, l'ortu, insomma travagghiu assà.

EVANGELISTA: Tempi tristi, per fortuna sono solo un ricordo: si è molto migliorato adesso, si vive meglio.

NONNO: E poi, all'epoca, i patruni di terri non ni davunu nenti: travagghiavunu tutti e campavunu a stentu, perciò a scola sa putiunu permettiri i ricchi; sunu picca i figgghi di contadini studiati di navota.

EVANGELISTA: Certo, i contadini per i padroni, più erano ignoranti meglio era: lavoravano senza protestare.

NONNO: Chistu è veru. Mi ricordo che della mia età chi arrivava alla 3° elementare era fortunato, picchissu io fici sulu a prima a lamintari e basta.

EVANGELISTA: Per non fare lamentare suo padre?

NONNO: No, picchì si misi a buscari e mi lamintava io di duluri.

EVANGELISTA: Ho capito, altri tempi, però suo padre era un bruto!

NONNO: Comu si permetti di offenniri a bonanima di me patri? Fora di cà! Sinniissi fora (l'evangelista esce). Cosi i pazzi, me patri era bruttu (pausa), ma si era così beddu!

MARIO: (arriva correndo) Chi c'è nonnu cu era chiddu? Arrivà appena in tempo.

NONNO: Pari cu capì cu era! Avia essiri pazzu (contemporaneamente rientra tutta la famiglia) Mi parrava di amore di l'omini.

LUISA: Comu si nonnu?

NONNO: Bonu, un pocu confusu e basta, haiu l'idei frascati.

CARMELO: Amuninni dabbanna, cussì si riposa.

LORIA: (a Mario) Tu sa nesciri, tinnipoiri a statu a casa.

NONNO: Cettu figghittu, a statu a casa cà cu mia, ciuncatu peggiu di mia.

LORIA: Patri, niatri semu dabbanna, si ha bisognu chiama (escono).

NONNO: Prima fischietta, poi canta una canzone a piacere, quasi lamentandosi. Entrano tutti di corsa dopo che il nonno canta un poco con voce straziante l'ultimo acuto per qualche minuto.

LORIA: Chi ha patri?

CARMELO: Chi c'è papà?

LUISA: Chi ti senti nonnu?

NONNO: Chi succidiu, chi vi pigghioi. Chi… chi aviti vuatri.

CARMELO: Chi ha papà? Picchì ti lamintavi? Ni facisti scantari.

NONNO: Ma chi lamintari, io cantava na canzuna appassionata.

LORIA: Accussì si canta? Mi stava pigghiannu na cosa du scantu!

NONNO: Fussi chi fussi a vota bona, issi a pedi o Tinnuru.

CARMELO: Papà, ma picchì a essiri accussì (pausa). Amuninni dabbanna, va.

LORIA: A pedi o Tinnuru, e prestu mischinu.

ESCONO TUTTI DALLA SCENA E RESTA SOLO IL NONNO.

NONNO: Cosi di pazzi, si stava mali piddaveru non vinia nuddu, putia moriri. Ora chi cantava "patri chi ha? Chi ti pighio?". Quannu mi lamentu veramenti non si vidi un cani. Ma chi famighia sfasulata! Quantu vidu si mi pozzu ripusari un minutu (il nonno si sdraia e si addormenta russando).

ARRIVA MARIO, IL NONNO RUSSA FORTE E DOPO QUALCHE MINUTO LO SCUOTE.

MARIO: (scuotendolo) Nonnu, nonnu.

NONNO: Chi c'è mancu si po dommiri. Tu non tinnavevi iutu, io stava ripusannu, avia pighiatu sonnu, mi zunnava na carusa…

MARIO: Vulivi diri stavi zappannu! Io non truvai l'amici e tunnà.

NONNO: Chi voli diri stava zappannu?

MARIO: Quannu dommi tu pari chi c'è na motozappa chi travaghia.

NONNO: Tu si na ruvina, a ruvina da me saluti, e a me ruvina economica.

LUISA: Chi c'è nonno? Ah tu rientrasti?

MARIO: Sì e u nonnu mi dissi chi mi catta a motocicletta, l'elefanti.

LUISA: Veru è nonnu?

NONNO: Chi è veru?

LUISA: Chi ci catti a motocicletta a Mariu?

NONNO: Veru è: picchì, poveru carusu è sempri cà cu mia, non mi lassa mai.

LUISA: Tutti brogghi! Io u sacciu picchì cia catti, mu dissi don sabbaturi, picchì tu u sicutasti a coppi di pala. Ora mi catti u vesponi puru a mia, se no parru puru io.

NONNO: Porcu Giuda! Chi niputi affettuosi chi iaiu! (rivolto a Luisa) Chi te cattari a tia? Chi è su cosu?

LUISA: U vesponi, russu fora malocchiu.

NONNO: Non fussi megghiu u scalambruni?

LUISA: Tu pigghi na bedda pinzioni e non ni catti mai nenti, ora niautri approfittamu: o ni catti i motu o parramu e si rovinatu.

MARIO: Non hai scelta, nostra mamma iavi tantu tempu chi ti voli puttari o spiziu: si sapi chi finci a voli pi scusa e tu tinnivà dà, unni i to coetanei vecchi e ci fa cumpagnia. Del resto dà anna a stari i vecchi, o spiziu.

NONNO: Certu, semu un pisu pi vuatri giovani, ma a gioventù passa…

LUISA: Io cu tia haiu pigghiatu buccuni di malucori di quann'era carusa. I me amici mi diciunu: "me nonnu mi cattò l'ovo di pasqua" e a mia tu nenti. "Me nonnu mi cattò a bambula" e a mia tu mai. "Me nonnu mi desi 50.000 mila liri" e tu mai milliliri. Ni fici malucori!

MARIO: E puru io: né da bambino né da grande mi ricordu un regalo di tia, a statu sempri pricchiu! Tu non si comu tutti i nonni normali chi fannu belli regali e niputi ora paghi tutto!

LUISA: E cu l'interessi.

NONNO: E vuatri avissi a iessiri sangu du me sangu? Siti caini!

MARIO E LUISA: (insieme) Allura? A cu ci a cunti, paga!

NONNO: Io allura non haiu scelta. Va cattari si nimali a muturi.

MARIO E LUISA: (annuiscono) Certo nonnettto. A cu ci l'ha lassari i soddi spennili.

NONNO: Va beni, stasira si faci festa, picchì Luisa faci l'anni e così ci damu a notizia di moto ai genitori.

LORIA: (fuori scena, la voce di Loria che chiama Luisa, entra in scena e chiama) Luisa… Luisa… c'è tanti cosi di fari e tu sta cà?

LUISA: Chi c'è mamma? Non è tuttu quasi prontu?

LORIA: Va dabbanna e pripara l'aperitivo chi undeni eni l'ura di manciari e c'è tanti preparativi di completari.

LUISA: Sì mamma, vaiu.

LORIA: Tu Mariu moviti. Va e catta 4 buttigghi di vinu e fa prestu chi undeni veni don Sabbaturi.

NONNO: E ruvinammu a bedda festa (rivolta a Loria). Cu invitoi a chiddu? Picchì chissu veni cà?

LORIA: Comu cu invitoi? Io ciu dissi, è normali no?

NONNO: E picchì? Cu tu dissi?

LORIA: E' u megghiu amicu chi aviti e poi vi siddiau si ogni festa chi c'è ta sta casa no vitaumu, ora chi aviti?

NONNO: (suona il campanello) Ora no vulia nvitatu.

LORIA: Quantu vidu cu è (si avvicina alla porta). Avanti.

SABBATURI: Permesso, io sugnu, chi sugnu in anticipu?

LORIA: Trasiti don Sabbaturi, io vaiu ad aiutari Luisa, faciti tra vuatri. Chinnisacciu oggi me soggiru chi cavulu iavi (esce)

NONNO: E tu, cu sta facci veni cà?

SABBATURI: Oh chista haiu di facci. Ti piaci o no?

NONNO: T'ha spaccassi io a facci disgraziatu, mi mittisti nto mari di guai.

SABBATURI: Ma tu ma capiri, io ti vulia iutari, ci fu un errori.

NONNO: Datu chi mi vulivi iutari, ciu dicisti puru a Luisa infatti.

SABBATURI: Fu un mumentu di dibulizza: tu mi minacciasti ca pala…

NONNO: Ora comu schifu è fari, Mariu voli cattatu l'elefanti e Luisa u vesponi e stasira c'è dari a bedda nutizia a me fighiu, pi fisteggiari ci volunu tanti miliuni.

SABBATURI: Avissimu a studiari cacchi cosa, ci vulissi un miraculu, un miraculu sulu ti po salvari.

NONNO: Un miraculu? Fussi na buona idea, ora chi ci pensu.

SABBATURI: Ci putissi diri chi pruvandu oggi e pruvandu dumani e prigandu a Madinnuzza, camminasti nautra vota. Chi ni pensi?

NONNO: Ottima idea ci semu (si sente fischiettare Mario). Semu appostu.

Mario entra in scena con due bottiglie e li mette sul tavolo dicendo:

MARIO: Chi c'è don Sabbaturi? Comu va passati?

SABBATURI: Ciau Mariu, tutto a posto, comu sempri.

Entra in scena Luisa con tovaglia in mano e la mette sul tavolo.

LUISA: Iazza sti buttighi ca mettiri a tuvaghia, fa cacchi cosa, scansafatica

CARMELO: (entra in scena con piatti e dice) Fra poco si mangia, ca scusa du compleanno si mancia discretu.

LORIA: (entra in scena con il vassoio di bicchieri e dice) Cà c'è l'aperitivo (li posa sul tavolo) e tu (rivolta al marito) non parrari sempri a matula o solitu to. Oggi sugnu di bonumori finora e non mi fari canciari idea, chi meghiu pi tutti.

CARMELO: A signura è di buonumori oggi, cu sa comu mai. Di solitu è funciata e a funcia ci arriva fora.

LORIA: A funcia di to soru, senti chi mi l'ha fari girari arruversu, pighiu si piatti e ti passiu nta testa.

CARMELO: Scusi signora Loria chiedo perdono, risparmiassi si piatti.

LORIA: Ma fa u seriu ogni tantu.

LUISA: Forza smittemula tutti che unnè arrivunu gli ospiti.

MARIO: Oggi è na bella iurnata, ama festeggiari ci voli allegria.

SUONA IL CAMPANELLO.

LUISA: Franca ava essiri, vaiu io.

FRANCA: Buonasera, chi arrivai in ritardu?

CARMELO: No ora cuminciammu a cunzari a tavula.

MARIO: Brindamu, c'è tantu di festeggiari.

LORIA: E a chi brindamu?

SABBATURI: O nonnu chi ava fari un bellu rigalu soprattutto e carusi (Mario e Luisa fanno cenni d'intesa) su merutunu.

CARMELO: Chi rigalu è papà? Chi è sta nuvità, tu chi fa rigali.

NONNO: io mi rendu cuntu chi nte me condizioni era un pisu, soprattuttu pi carusi. Datu chi u dutturi dicia chi putia camminari, prova oggi e prova dumani e prigandu a Madinnuzza passu, passu… miraculu! Caminu! (e si alza all'impiedi) natra vota, quasi comu prima (cammina per la stanza). Viditi comu caminu.

LUISA: Quali miraculu u nonnu a caminatu sempri bonu, faceva finta.

MARIO: (fa segno a Luisa di stare zitta) Muta, muta.

LORIA: Chi è stu fattu Luisa? Chi voli diri, facìa finta?

LUISA: U nonnu facìa finta chi era ciuncu, dumandici a Mariu, puru iddu u sapìa.

LORIA: Facìa finta? Facìa finta? Cu quali curaggiu!

CARMELO: Chi facii tu papà? U fintu malatu, u fintu paraliticu?

FRANCA: (rivolta a Luisa) To nonnu facìa finta ?

NONNO: Io è iri to bagnu (fa per andare), mi scappò ora, ora.

CARMELO: Femmu docu! Ora ti pigghiu a pala, u pappaiaddu e ti tiru ta testa; niautri a nesciri pazzi pi tia e tu facii finta, facii finta! Cosi de pazzi!

LORIA: Sulu di visiti e analisi ni custò un'occhiu e non truvavunu nenti, cettu! Era bonu. Chi vo chiù? Pottulu o spiziu e subitu.

CARMELO: (ai figli) E vuiautri sapiu chi facia finta e non ni dicistu nenti? Picchì? Comu mai?

NONNO: Pi mi ricattari mi ci cattu i motu, vulevunu cattati i motu.

LORIA: Non è veru, pottulu o spiziu, puru chissu ava diri!

CARMELO: Muta tu! (rivolto ai figli) E vuatri chi siti i me fighi ricattati a vostru nonnu? Vergognatevi, vergognatevi.

I RAGAZZI FANNO SCENA MUTA, INTIMORITI.

NONNO: U vidi chi fighi chi criscisti! Ingrati e approfittatori.

LORIA: Cu quali curaggiu parra, pottulu o spiziu, scutimi o ti lassu. Dopo chistu cà ni vò chiù.

SABBATURI: Io tolgo il disturbo. Chisti su cosi di discutiri in privato (esce).

NONNO: Quannu a barca si funna, tutti scappunu.

FRANCA: Ciau Luisa, ricattavi a to nonnu e puru tu Mariu, vergogniti non fari vidiri chiù di mia. (esce)

LORIA: Pottulu o spizio!

CARMELO: Muta tu! E tu (rivolto al padre) picchì facivi finta di essiri ciuncu? Io mi sintia sulu. Vinnievu ognunu pi fatti vostri e io iurnati sani sulu, cà abbandonato. Vulia attirari l'attenzioni, mi vulia fari coccolari di chiù. A solitudini è brutta.

NONNO: Vuleva cumpagnia, non ci bastava stari cà sirvutu e strasirvutu (sarcastica), si sintia puru sulu; pottulu o spiziu: dà c'è cumpagnia adatta a iddu. Muta tu! E vuatri figghi ingrati, vergogna di vostri facci, i figghi studenti speculavano sulla solitudini del nonno e lo ricattavano. Mi vergogno di essiri vostru patri. Non ta pigghiari chi carusi, a curpa è a so, ca statu sempri pricchiu. Muta tu! Non fiatari! Non ci sono scuse per il loro gesto, un nonnu non si ama pi regali, ma per il legame di sangue, per affetto, per amore. Pottulu o spiziu. Muta tu! Muti tutti! Vi pottu a tutti o spiziu… Anzi no… Puttatimi a mia o spiziu, quantu staiu nta PACI!

 

FINE