Modi di dire


Tronu, tronu, vattinni arrassu, chissa a casa di Santu 'Gnaziu, Santu 'Gnaziu e Santu Simuni, chissa a casa di nostru Signuri

(Filastrocca per pregare affinch passino senza danno tuoni e lampi della tempesta)

 

Prima lu lampu e poi lu tronu, Ges Cristu si fici omu, cala 'nterra e fici paci, viva la Matri di Custunaci!

(Come sopra, con riferimento ad immagine sacra della venerata Madonna di Custonaci)

 

Quannu viriti na muntagna di issu, chissa Salemi, passatici arrassu; sunnu nimici di lu Crucifissu e amici di Satanassu

(Lett. Quando vedete una montagna di gesso, questa Salemi passateci alla larga, sono nemici del Crocifisso e amici di Satana; per le caratteristiche montagne di gesso vicino a Salemi e per una antica credenza che bollava Salemi come abitata da persone malvagie. Un'altra ipotesi che questo proverbio derivi da un certo antisemitismo verso una grande comunit ebraica presente a Salemi prima del 1492)

 

Si nun chiovi pi la cannalora di l'invernu semu fora

(Se non piove per la candelora - 2 febbraio - l'inverno si pu ritenere, di fatto, passato)

 

Schetta un t'appi, maritata t'appi, basta chi t'appi, comu t'appi t'appi

(Non ti ho avuta da nubile, ti ho avuta da sposata, basta che ti ho avuta, non ha importanza come)

 

Giugnu giugnettu scoppola du lettu

(A giugno difficile alzarsi dal letto)

 

O di labbisi o di fella avi a sunari sta tarantella

(In un modo o nell'altro bisogna riuscire)

 

Quannu chiovi friddu fa, 'ncasa r'autru un sicci va

(Quando piove fa freddo, non si dovrebbe uscire)

 

'Nto n'ura Diu lavura

(In un'ora Dio lavora, non si deve sprecare il tempo)

 

Natali, friddu e fami Natale, freddo e fame Innaru, i ucidduzzi carunu a paru po forti friddu Gennaio, gli uccellini cascano a paia per il forte freddo Frivaru Frivarieddu, ogni tinta iaddina fa l'uvicieddu Febbraio Febbraietto, qualunque gallina, anche la pi scadente, fa l'uovo Marzu, u suli tingia u catinazzu e u friddu si ficca no cuornu u voi Marzo il sole filtra l'uscio socchiuso fino a colorarne la serratura e il freddo penetra il corno del bue Aprili, ti viegnu a biriri, se nun c' talientu ti vinni i vacchi e t'accatti u furmientu Aprile, ti vengo a vedere, se non c' nulla da vedere ti vendi le vacche e ti compi il frumento Maiu, cravaccu u sceccu iancu e mi ni vaiu Maggio, cavalco l'asino bianco e me ne vado Giugnu, favici m'pugnu Giugno, falce in pugno Giugniettu, furmientu niettu Luglio, frumento pulito Austu e rataustu e capu i miernu Primo Agosto e il giorno a seguire, sono l'inizio dell'inverno Settembri Settembrinu, ogni mustu diventa vinu Settembre Settembrino, ogni mosto diventa vino Ottobri, San Franciscu, nescia u cauru e trasa u friscu Ottobre, San Francesco, finisce il caldo e comincia il fresco Novembri, tuttisanti, friddu canti canti Novembre, Ognissanti, freddo dappertutto.

 

Av av av ora veni lu patri t e ti porta tanti cosi, puma, nespuli e cirasi e ti porta la siminzina, la rosamarina e lu basiric.  Av av av, ninna nanna ninna oh e stu figghiu s'addorment,  Av av av, ninna nanna ninna oh figghiu beddu mi mamma t.

(Ninna nanna rilevata nel territorio di Augusta: ora viene tuo padre e ti porta tante cose, mele, nespole e ciliegie e ti porta i semi, il rosmarino e il basilico. e questo figlio si addorment, figlio bello della tua mamma)

 

DU SUGGIUDDI: C'erunu na vota du suggiuddi. Frati cucchi e cutuluddi. S'affacciaunu d'un puttusu e pi vidiri com'era lusu. C'era n'jattu ca scutava e la vista s'accustava: patti u primu e s'incarramma, patti appressu ri so mamma! -"Mamma, mamma, lu bau bau cu li mustazzi lu fratuzzu s'a mangiatu!!" "Ca cu fu stu scialaratu c'a mo figghiu s'a mangiatu!! Veni ca tu figghiu miu, ca si tu non m'ubbidisci malu stissu ti finisci!!"

(Traduzione: DUE TOPOLINI C'erano una volta due topolini Fratellini e molto uniti. Che si affacciavano da un buco per vedere cosa ci stava dentro. C'era un gatto che ascoltava e osservava con vista aguzza (con occhio vigile): Parte il primo topolino e si avventura, Parte il secondo per andare dalla sua mamma: -"Mamma, mamma, il cane con i baffetti si e'mangiato il fratellino!!" -"Ma chi e'stato questo scellerato che mio figlio si e' mangiato!! Vieni qua tu figlio mio poiche' se tu non mi ubbidisci farai la stessa brutta fine!!")

 

Na vota annai n'ta chiazza, mi scontra nu njuri cu na varvazza: "Bongionnu njuri!" Mi ni vota un timbuluni. "Njuri picchi?" Mi ni vota n'autri tri. "Njuri chi v'aja fattu?" Mi ni vota n'autri quattru. Mi ni ivi a canciari strata, vinni iddu e m'agghiungiu e n'autri cincu mi ni pruju.

(Traduzione: Una volta sono andato in piazza, incontro un signore con una barbaccia (una barba lunga e canuta): "Buongiorno signore!" E mi d un gran ceffone. "Signore perch?" E me ne d altri tre. "Signore che vi ho fatto?" E me ne d altri quattro. Sono andato a cambiare strada, venuto lui e mi ha raggiunto e altri cinque me ne ha dati. Spiegazione: una volta qualsiasi uomo stava in piazza su una carrozza esigeva il titolo di cavaliere. Come si pu ben leggere, il povero uomo ogni volta dice "njuri" ovvero "signore" e non cavaliere. Motivo per il quale ogni volta si beccava diversi ceffoni essendo quindi considerato un maleducato! Facciamo il totale: 1+3+4+5=13!! Ben tredici ceffoni...e senza capire ancora il motivo!!)

 

Putrunaria non m'abbannunari, e mancu ju abbannunu a tia. Di travagghiu non mi n'a parrari, ma di mangiari lassa fari a mia. Viva la Santa Putrunaria!!

(Traduzione: Pigrizia non mi abbandonare, e neanche io abbandono te. Di lavoro non me ne parlare, ma di mangiare lascia fare me. Viva la Santa Pigrizia)

 

Quannu ti dissi "bedda dimmi s" m'arrispunnisti e mi dicisti "no!" e quannu tu vulevi dittu "s" iu t'arrispusi e t'arrispusi "no!" si tu 'nveci di "no"dicevi "s" iu ti diceva "si" 'nveci di "no" pirci pi sempri fari no e si semu p'infin'a ora 'n si e no

(Comprensibile)

 

Jurnata rutta, rumpila tutta!

(Giornata rotta, rompila tutta. Se una giornata cominciata male, tanto vale aspettare domani per ricominciare a fare qualcosa che si doveva fare)

 

Austa, caru ti custa!

(Lett. Augusta, caro ti costa. Modo di dire che ad Augusta, il costo della vita era gi pi alto che nelle citt circostanti)

 

U vuttaru fa a vutti, u vuttaru vatt'atutti, u vuttaru vutt'ammia e io vutt'a vassia

 

Io mi curcu nt stu lettu, u Signuruzzu 'nnu me' pettu, io rormu e Iddu vigghia si c' qualcosa m'arruspigghia

(Io mi corico in questo letto, il Signore nel mio petto, io dormo e Lui veglia, se succede qualcosa mi sveglia)

 

Iu mi curcu pi dormiri e un sacciu si aju a moriri e tri grazie t'addumanno: cunfissione, cumunione e ogghiu santu

(Vado a letto per dormire e non so se mi sveglier ma tre grazie io ti chiedo (nell'eventualit di non dovermi pi svegliare): di essere confessato, di ricevere la comunione e di ricevere l'estrema unzione)

 

Santa Barbara ntu munti stava, di lampi e di trona nun si scantava, si scantava dill'ira di Diu, Santa Barbara amuri miu

(Invocazione a Santa Barbara durante i temporali)

 

Santu Nofiu pilusu pilusu, vegnu nni vui chi sugnu cunfusu, e pi la vostra santitati, facitimi sta razia, pi caritati

(Filastrocca a Sant'Onofrio usata quando non si trova qualcosa)

 

C'era 'na vota un re bef viscotta e minn, chi avia 'na figghia bifigghia viscotta e minnigghia, allura sta figghia bifigghia viscotta e minnigghia, avia n'aceddu befeddu, viscottu e minneddu, vola st'aceddu befeddu viscottu e minneddu, supra u tignusu biffusu viscottu e minnusu, u re etta u bannu befeddu viscottu e me nannu, curri u tignusu biffusu viscottu e minnusu: "Mi runa a sta figghia bifigghia viscotta e minnigghia?" "Vattinni tignusu biffusu viscottu e minnusu, un ti rugnu a me' figghia, bifigghia viscotta e minnigghia!"

 

A principessa di Ricatazzi manna a Napoli p tazzi picch in Palemmu un ce n' tazzi che a principessa di Ricatazzi manna a Napoli p tazzi?????

 

A dinucchiuni cugghiennu u cuttuni. Essennu cu tia Cuttuni cugghia!!

 

Supra un palazzu c' un cani pazzu. T! Pazzu cani stu pezzu di pani

 

Rapi u stipu e pigghia u spicchiu. Posa u spicchiu e chiuri u stipo

 

C'era na signorina ca vuleva fatta na scarpina. Come? Cu lu taccu curtu o con lu curtu taccu? E s'un ma f cu lu taccu curtu o cu lu curtu taccu c'inchiappu sola, chiatteddi e taccu.

 

Chiovi chiovi, pasta chi fasoli, Nina si vagna, coppula di so nanna, so nanna muru, e chiddu chi bboli Diu!

(Quando piove)

 

Giovanna caca lanna, etta un piritu e fa castagna

(Filastrocca cantata dai bambini a chi porta questo nome per litigare)

 

San Gilormu e Santa Barbaredda, n durmiti n vigghiati ca li lampi su addumati e Ges si fici Uomu p salvarini di lampi e troni

(Da recitare durante i temporali)

 

Sutta u lettu ra z Cicca c' na iatta longa e sicca, cu parra prima sa v 'licca.

(Sotto il letto della zia Cicca c' una gatta lunga e secca, chi parla per primo la va a leccare. Viene usata per far stare i bambini in silenzio)

 

Assira fui n z Stefunu, pi tri tistuzzi i agghiu, chi fu stuzziusu stu z Stefunu pi sti tri tistuzzi i agghiu

(Ieri sera sono andato dallo zio Stefano per chiedergli tre teste d'aglio, com' stato permaloso questo zio Stefano per queste tre teste d'aglio)

 

Si ti ricu vavaluci, ti ricu quattru cosi: cunnutu, vavusu, strica n'terra e porta n'cuoddu

(Offensiva: se ti dico lumaca ti dico 4 cose: cornuto, bavoso, striscia a terra e porta sul collo)

 

A rota furria, a zotta scattia, u cavaddu pilusu e vui siti jarrusu

(Molto offensivo: la ruota gira, la frusta schioppa, il cavallo peloso e voi siete... vedi volgare)

 

Punci lu sceccu n'ta muntata ca ti fa na gran cacata

(Pungi l'asino in salita che ti fa una gran cacata)

 

Canigghia, canigghia, cu la trova si la pigghia

(Crusca, crusca, chi trova loggetto se lo prende. Quando i bambini trovavano qualcosa abbandonato ne diventavano i proprietari cantando questa filastrocca)

 

Peppinnappa, mungi la vacca. Tenila forti chi ti scappa. Sinni scappa 'mezzu lu chianu. Peppinnappa lu ruffianu

(Peppe Nappa la maschera di carnevale siciliana)

 

Batti cu , z Matt, di lana di stuppa veni la vecchia e ti caca m'mucca!

 

Ivo a Cunigliuni a cogliri cuttuni cchi chi gghia e cchi chi vinia cchi cuttuni cuglia

(Scioglilingua in uso a Palazzo Adriano)

 

Chistu locchiu beddru, chistu u frateddu, chsta a chiesuzza e chistu e u campaneddru din don din don

(Toccando ad uno ad uno gli occhi del bimbo, poi la bocca e poi il naso lo si acchiappava stringendolo e dondolandolo - Questo locchio bello, questo e il fratello, questa e la chiesina e questo il campanello: din don din don)

 

Abballati, abballati, fimmini schetti e maritati, e s'unn'abballati bonu, un vi cantu e un vi sonu!

(Ballate, donne nubili e sposate e se non ballate basta, non canto e non suono)

 

Santu Nofriu u pilusu facitimi truvari nu pirtusu

(Santo Onofrio peloso fammi trovare parcheggio)

 

Santu Nofriu u pilusu, pi li to santi pila fatimi truvare "l'oggetto in questione" entru sta sira

(Come sopra)

 

Tali patri, tali figghiu, tali natichi e cunsigghiu

(Tale padre, tale figli, stesso culo e stessa mente)

 

'Mparati culu mentri si sulu, chi quannu si accumpagnatu ti trovi beddu 'mparatu

(Tradotto letteralmente: impara culo (a trattenerti) mentre sei solo, cos quando sei in compagnia sei gi abituato. Significato: trattieniti dal buttare una scorreggia quando sei solo, cos sarai abituato quando ti trovi in compagnia).

 

Oj duminica, tagghiamu a testa a Minica, Minica un c', tagghiamu a testa o re, u re malatu, tagghiamu a testa o surdatu, u surdatu va a verra e duna u culu 'nterra.

(Oggi domenica, tagliamo la testa a Domenica, Domenica non c', tagliamo la testa al re, il re malato, tagliamo la testa al soldato, il soldato va alla guerra e sbatte il culo a terra).