Indovinelli


 

Per scoprire la soluzione

clicca sul tasto

  • Iddu è lordu, iddu è fitusu, ma iddu è bonu lu schifiusu!

È sporco ma buono

u porcu - il maiale

  • Pàrinu tanti pecuri russi, si piscia una piscianu tutti

Sembrano tante pecore rosse, se piscia una pisciano tutte

i ciaramiri - le tegole

  • 'Ncasa di porci è suspiru d'amuri

In casa dei porci è sospiro d'amore

u piritu - la scoreggia

  • Supra ddu munti, ci sta pippardanti, cu lu cappeddu 'nfrunti, chi si talìa l'anchi

Su quel monte ci sta lui, con il cappello in fronte che si guarda le anche

a funcia - il fungo

  • Vinni un monacu di na banna, vinni a futtiri a me nanna, a futtiu, a strafuttiu, a ittau 'nterra e s'innìu

Venne un monaco da una parte, venne a "fottere" mia nonna, l'ha fottuta e strafottuta, la buttò a terra e se ne andò

u ventu - il vento

  • Un picciutteddu di 18 anni la trasi e la nesci comu unu ranni, la trasi asciutta, la nesci vagnata, cu la puntidda 'nsanguinata

Un ragazzo di 18 anni la mette dentro e la tira fuori come un adulto, la mette dentro asciutta, la tira fuori bagnata, con la punta insanguinata

a siringa - la siringa

  • Io vegnu 'ni tia e tu m'a 'nfili 'nculu a mia, tu veni 'ni mia e iu t'a 'nfilu 'nculu a tia

Io vengo da te e tu me la infili nel sedere, tu vieni da me e io te la infilo nel sedere

a seggia - la sedia

  • Cu lu fa, lu fa pi bìnniri, cu l'accatta 'un ci servi, cu c'è di rintra 'unn'u viri

Chi lo fa, la fa per venderlo, a chi lo compra non serve, chi ci sta dentro non lo vede

u tabbutu - la bara

  • Sugnu auta quantu n'palazzu, caru 'nterra e nenti mi fazzu

Sono alta quanto un palazzo, cado a terra e non mi faccio niente

l'aliva - l'oliva

  • Aju n'canuzzu tantu bidduzzu, ci spinciu a curidda e ci vasu u culiddu

Ho un cagnolino tanto bello, gli spingo la codina e gli bacio il culetto

il carratello*

  • O scuru o scuru, t'a mettu 'nto culu

Al buio buio, te la metto nel culo

a chiavi - la chiave

  • Nìuru cumu un tuzzuni, assittatu comu un minchiuni...ma si fa cuntari li cosi di la genti

Nero come un tizzone, seduto come un minchione però si fa raccontare tutto dalle persone

u parrinu - il prete

  • Russi russetti nt'a li canistretti, vaju pi pigghiàrini una e ni pigghiu setti

Rosse, rossastre dentro i cestini, vado per prenderne una e ne afferro sette

i cirasi - le ciliegie

  • Caminannu caminannu ma vaju tuccannu

Camminando camminando me la vado toccando

a sacchetta - la tasca

  • U zu monacu du cummentu ci l'avia longa un parmu, la za monaca ci chiancìa ca cchiù longa la vulìa

Lo zio monaco del convento ce l'aveva lunga un palmo, la zia monaca piangeva perchè più lunga la voleva

a curuna - la corona del Rosario

  • Sutta u murittu c'è 'nvicchittu, si cala i causitti e nesci u brighittu

a cipudda - la cipolla

  • Acchiana chiancennu chiancennu e scinni cantannu cantannu

Sale piangendo e scende cantando

u caddu - il secchio

  • Tarà ta ta. Cchiù nova è cchiù scrusciu fa

Tarà ta ta. Più nuova è, più rumore fa

a scupa - la scopa

  • Unu chi caca e deci c'u tèninu

Uno che caca e dieci che lo tengono

u crivu - il setaccio

  • Dintra un cammarinu ci sta un signurinu, ca manu misa o ciancu

Dentro uno stanzino c'è un signore con la mano messa al fianco

u rinali - il vasino

  • Trasi tisa e nesci muscia. Chi cos'è?

Entra tesa ed esce moscia. Che cos' è?

a pasta - la pasta

  • Ci tagghiu a testa, ci tagghiu a cura e viu nesciri na bedda signura. Chi cos'è?

Le taglio la testa, le taglio la coda e vien fuori una bella signora. Cos'è?

a ficurinia - il fico d'India

  *: botte di legno con capacità di litri 1 che una volta si usava nelle case dei contadini per bere il vino.