Saggezza


Attrova 'na parola: schivila 'cca sutta e ammacca u buttuni

Abbunnanza unn'ha fattu mai caristia

(Trad: l'abbondanza non ha mai fatto carestia)

 

Cu è liccu si ardi

(Trad: chi è goloso si brucia - chi vuol troppo ed in fretta rischia di ottenere l'effetto contrario)

 

U immurutu 'mmezzu a via, u so' immu un s'u talia

(Trad: il gobbo per la via, non si cura della sua gobba - Sta a significare l'atteggiamento di chi è portato ad evidenziare i pur minimi difetti degli altri non riconoscendo invece i propri, anche se marchiani)

 

Tannu s'aiuta u valenti, quannu c'u suli è 'gghiuntu a punenti

(Il lavoratore - detto in senso ironico - si dà da fare solo quando il sole va verso il tramonto. Riferito all'indolente che si impegna solo all'ultimo momento)

 

Conzala comu voi, sempri cucuzza è

(Trad: condiscila come vuoi, ma sempre zucchina è. Sta per persona insipida o situazione difficilmente migliorabile)

 

Quannu u straniu è vinutu, a mala cira un servi cchiù!

(Letteralmente: quando l'estraneo è arrivato, il brutto viso non serve più. Sta per buon viso a cattivo giuoco)

 

Cu di nasu, cu di ucca un c'è nuddu bedda tutta

(Chi di naso, chi di bocca, non c'è nessuna tutta bella. Nessuno è senza difetti)

 

Ci dissi u surci a la nuci: dammi tempu chi ti perciu

(Per una cosa che prima o poi dovrà accadere)

 

Ci dissi la stizzana a la giaca, dunami tempu ca ti perciu

(Come sopra ma con protagonisti la goccia d'acqua e la roccia)

 

A sorti e a morti unni vai vai ti li porti

(Lett: la sorte e la morte te le porti dovunque vai)

 

Cu nasci tunna un pò moriri quadrata

(Chi nasce rotonda non può morire quadrata, come "Cònzala comu voi, sempri cucuzza è" - Difficile cambiare carattere - Di chi commette sempre gli stessi errori)

 

Unn'è sempri chi riri a mugghieri du latru

(Lett: Non sempre ride la moglie del ladro. Non sempre le cose vanno per il verso giusto, con particolare riferimento alle azioni disoneste)

 

Ratta ratta chi viri l'ossu

(Lett: Gratta gratta ne vedrai l'osso. Sfruttare fino alla fine, sperperare)

 

Cu si cucca chi picciriddi, agghiorna cacatu

(Chi si corica con i bambini si sveglia cacato - Invito a scegliere bene le proprie compagnie)

 

Sparagna farina mentri chi a coffa è china, quannu a coffa è sbacantata un servi cchiu a sparagnata

(Risparmia farina mentre il sacco è pieno, quando il sacco è vuoto il risparmio non serve più. Sfrutta i periodi positivi in previsione che le cose possano cambiare in peggio)

 

Un si pò aviri sticchi e cosetti ri sita

(Non si possono avere donne e calze di seta, non si può avere tutto dalla vita)

 

L'assicutaturi avi du peri, l'assicutatu n'avi quattru

(Chi insegue ha due piedi, chi viene inseguito ne ha quattro. La paura mette le ali)

 

Culu chi nun vitti mutanna, la prima volta chi la vitti si cacò

(Culo che non ha mai visto mutande, la prima volta che le vide si è cacato. Chi non ha mai visto bene, quando passa la fortuna non la sa sfruttare)

 

La nicissità fa l'omu latru e a fimmina buttana

(La necessità fa l'uomo ladro e la donna prostituta. Si fa tutto per necessità)

 

Calati juncu chi passa la china

(Abbassati giunco che passa la piena, se si ha un grosso problema si deve avere pazienza e aspettare. Sapersi convenientemente difendere dalle avversità anche con l'umiltà)

 

Metti a denti chi arrisenti

(Assaggia che ti vien l'appetito. Invito rivolto a chi dichiara di essere già sazio. In senso figurato sta per chi inizia con comportamenti o azioni poco significative per poi via via realizzarne di sempre più importanti - anche in senso negativo, per azioni disoneste)

 

Trona di culu, sanità di corpu

(Per stare bene, bisogna pur anche scoreggiare)

 

Cacati culu mentri si sulu, quannu c'è genti cacati sempri

(Cantilena sfottente e gioiosa, letteralmente Cacati culo mentre sei da solo, quando c'è gente cacati sempre. La scoreggia non può aspettare altrimenti son dolori)

 

Trona di culu av'a chioviri merda

(Le scoregge precedono la defecazione. Al di là del significato letterale indica che determinate azioni non possono che preludere ad altre ben più importanti. Sorta di fatalismo)

 

Ogni ficateddu musca è sustanza

(Ogni cosa, anche se piccola, ha la sua importanza)

 

Pi Santa Catarina ogni navi s'incatina

(Il giorno di Santa Caterina si devono fissare bene gli ormeggi perchè il mare è agitato)

 

Cancianu i sunatura ma a musica sempri a stessa è

(Cambiano i suonatori ma la musica è sempre la stessa. Un pò come Conzala comu voi, sempri cucuzza è. Sta anche ad indicare che, malgrado ogni ulteriore tentativo con modalità sempre diverse il risultato negativo ottenuto in precedenza non cambia)

 

Megghiu centu chila 'ncapu i spaddi chi tri unzi 'nculu

(Meglio cento chili sulle spalle che tre once nel culo. Non è buona cosa lamentarsi delle proprie disavventure, perchè può sempre andare peggio)

 

Cu fa centu e un fa l'unu, perdi u centu e puru l'unu

(Chi fa cento e non fa l'uno, perde il cento e pure l'uno. Le cose si devono fare con ordine e, soprattutto, fino in fondo)

 

Megghiu perdiri chi straperdiri

(Meglio perdere che straperdere - sapersi accontentare)

 

A cira squagghia e a prucissioni un camina

(La cera delle candele si scioglie e la processione non avanza. Indica difficoltà a far decollare un progetto, ad iniziare produttivamente un'azione)

 

Cu suspira unn’è cuntentu, cu santia unn’avi rinari, cu di vecchi s’innamura si la chianci la vintura

(Chi sospira non è contento, chi bestemmia non ha soldi, chi si innamora dei vecchi piange il suo destino)

 

A megghiu parola è chidda chi un si rici

(La parola migliore è quella che non si dice. A volte la prudenza consiglia di non rispondere, ma riflettere)

 

Niuru cu niuru un pò tingiri mai

(Il nero non può essere macchiato da altro nero)

 

Anima mia pensa pi ttia

(Anima mia pensa per te, è meglio farsi i fatti propri)

 

Masculi rintra cantari chini

(Maschi in casa, cantari pieni. Tutto ha una sua conseguenza)

 

Megghiu moriri e lassari e no campari e addisiari

(Meglio morire e lasciare che vivere e desiderare)

 

U fìngiri è virtù e unn'è pi tutti

(Saper fingere è una virtù non comune a tutti)

 

Megghiu cummannari chi futtiri

(Meglio comandare che aver donne)

 

Unn'ammuttari lu sceccu intra a pinnina

(Non spingere l'asino in discesa, sta per non insistere su qualcosa)

 

A pignata 'ncomune un vugghi mai!

(Lett. La pentola in comune non bolle mai, se si fa qualcosa in tanti non si conclude niente)

 

Fa bene e scordatillu, fa male e pensaci

(Se fai qualcosa di buono dimenticalo, se sbagli ripensa all'errore che hai fatto)

 

Unni c'è scrittu leggiri si voli

(Dove c'è scritto si vuole leggere)

 

Li picciriddi hannu a parlari quannu piscia a addina!

(I bambini devono parlare quando la gallina piscia, cioè mai. I bambini non dovrebbero parlare nelle discussioni importanti)

 

Quannu chi la siritina è mala, pigghia pi la retina la mula

(Quando c'è brutto tempo è meglio tornarsene a casa)

 

Sulità santità, pani picca e libbirtà

(A volte stare soli è molto meglio che stare in compagnia)

 

Fatti accattari di cu un ti canusci

(Fatti comprare da chi non ti conosce, chi ti conosce sa i tuoi difetti)

 

Ci rissi lu parracu (o u sarristanu) a la batissa, senza rinari un sinni canta Missa

(Disse il parroco (o il sacrestano) alla badessa, senza soldi non si canta la messa. Sono i soldi che fanno girare il mondo)

 

Donna, focu e mari fannu l'omu priculiari

(Donne, fuoco e mare espongono l'uomo al pericolo)

 

Figghi nichi vai nichi, figghi ranni vai ranni

(Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi)

 

Bon tempu e malu tempu un dura tuttu u tempu!

(Il buono o il cattivo tempo non dura per sempre, la vita è varia)

 

Cu si scusa senz'essiri accusatu, manifesta lu so' piccatu!

(Chi si scusa senza essere accusato, manifesta il suo peccato. Dal latino "Excusatio non petita, accusatio manifesta")

 

Cu cerca sordi cerca lignati

(Chi cerca soldi troverà legnate, di facile comprensione: chi cerca soldi si caccia nei guai, prima o poi)

 

U vicinu è sirpenti: s'un ti viri ti senti

(Il vicino è serpente, se non ti vede ti sente)

 

Cu scecchi caccia e stranii criri, facci di pararisu un ni viri

(Chi caccia asini e crede agli estranei, non vedrà mai facce di paradiso)

 

U suvecchiu è comu u mancanti

(Avere troppo è come avere niente)

 

Ccu amici e ccu parenti, unn'accattari e un vinniri nenti

(Con parenti e amici non comprare e non vendere niente, con gli amici e i familiari è meglio evitare di avere rapporti lavorativi e/o di tipo economico)

 

Sarva a pezza ppi quannu veni u purtusu

(Conserva la toppa per quando arriverà il buco, non dimenticare le tue esperienze e usale al momento opportuno)

 

Cu lassa a strata vecchia pi chidda nova sapi chiddu ca lassa ma un sapi chiddu ca trova

(Come in italiano)

 

Megghiu u tintu accanusciutu chi u bonu a canusciri

(Meglio il brutto conosciuto che il buono da conoscere, meglio un uovo oggi che una gallina domani)

 

Iu munnu cipuddi e a iddu c'abbrucianu l'occhi!

(Lett. io sbuccio cipolle e a lui bruciano gli occhi, per dire che qualcuno si lamenta o recrimina senza essere direttamente coinvolto in qualcosa, mentre chi è effettivamente coinvolto soprassiede)

 

A lu pruvatu nun stari a pruvari chi cchiù lu provi cchiù tintu lu trovi

(Non tentare di conoscere meglio chi già conosci bene perchè più lo conosci e più ne scopri lati negativi)

 

L'augghia si nun cuci s'arrugghia

(L'ago che non cuce, si arrugginisce)

 

Cu avi lu malu vicinu, avi lu malu matinu

(Chi ha il male vicino, ha una brutta mattina)

 

Quantu sapi un pazzu 'ncasa so', mancu unu bonu 'ncasa r'autri

(Quanto sa un pazzo nella sua casa non lo sa neanche un uomo normale in casa d'altri, non c'è nessuno che sa fare il mestiere d'altri come chi ci è abituato)

 

Cchiù grossa è a pinzata cchiù grossa è a minchiata

(Comprensibile, si usa per indicare qualcuno che sta troppo a pensare cosa fare)

 

L'acqua bona sa vivinu i porci!

(L'acqua buona la bevono i porci! Amara constatazione del fatto che la parte migliore la prende chi non lo merita)

 

Ogni pinzata cancia u munnu

(Ogni pensata cambia il mondo)

 

Pi tutti i Santi, levati u cappeddu e mettiti i guanti

(Per tutti i Santi togli il cappello e metti i guanti, dal 1°novembre inizia il freddo)

 

Pi la cannilora, 'stati rintra e mmernu fora, 40 jorna ci su ancora

(Per la candelora, estate in casa e inverno fuori, ci sono ancora 40 giorni prima della primavera)

 

Culu chi un vitti mai cammisa, quannu la vitti si fici na risa

(Culo che non è mai stato coperto da camicia quando la vede sorride. Chi è povero anche se si arricchisce rimane con l’animo povero, non si sa comportare da ricco)

 

U putiaru abbannia soccu vinni

(Il bottegaio grida per vendere quello che ha. Ognuno sa fare il proprio lavoro)

 

Cu sparti a megghiu parti

(Chi fa le porzioni ha la parte migliore)

 

Allonga li peri quantu lu linzolu teni

(Allunga i piedi finchè tiene il lenzuolo)

 

L'asinu puta e Cristu fa racina

(Letteralmente, l'asino pota e Cristo fa l'uva. Il senso è controverso)

 

Si vo fari la jurnata, t'a ffari la matinata

(Se vuoi sfruttare la giornata, ti devi alzare presto)

 

Si vo futtiri lu vicinu, t'a ssusiri di mattinu

(Se vuoi fregare il vicino, devi alzarti di mattina)

 

E' inutili chi allisci e fa cannola picchì u santu è di marmuru e un sura!

(Traduzione: è inutile che preghi e accendi ceri perchè il santo non fa miracoli, tipica espressione che sta ad indicare quando una persona cerca di ottenere qualcosa da qualcuno che non scende a compromessi)

 

Cu cancia a vecchia ca nova chiù mal'annu attrova

(Chi cambia il vecchio col nuovo si trova peggio di prima)

 

I vai da' pignata i sapi sulu a cucchiara ca li rimina

(I guai nella pentola li sa solo il cucchiaio che li mescola)

 

Cu avi cchiù corda attacca u porcu

(Chi ha più corda lega il maiale, chi è più forte vincerà)

 

U suverchiu rumpi u cuverchiu

(Il superfluo, quello che c'è in più, rompe il coperchio)

 

Nuddu ti rapi si un ti sapi

(Nessuno ti apre se non ti conosce, solo chi conosce le tue abitudini può entrare nella tua casa furtivamente)

 

A putia s'un chiovi stizzia

(Un negozio se non lavora di continuo come la pioggia, lavora poco ma... lavora, e da' da mangiare comunque)

 

U cavaddu bonu si viri a cursa longa

(Il cavallo buono si vede alla lunga. Il giudizio positivo su una persona è opportuno esprimerlo dopo averlo visto al lavoro per un tempo ragionevolmente lungo)

 

Vuliri a utti china e a mugghieri 'mmiaca

(Volere la botte piena e la moglie ubriaca, come in italiano)

 

Tantu va a quartara all'acqua ca si rumpi o si ciacca

(Tanto va la brocca all'acqua fino a quando si rompe o lesiona. Il detto vuole evidenziare che l'impegno fisico continuo prima o poi produce l'inabilità a continuare o la riduzione delle prestazioni per eccessivo logorio)

 

Nun 'nquitari (o scuncicari) u cani chi dormi

(Non molestare il can che dorme. Il detto vuole dire che nel rapporto con gli altri è sempre opportuno essere discreti se non si vuole suscitare la reazione offensiva)

 

'Nzignati l'arti e mettila ra parti

(Impara l'arte e mettila da parte. E' un consiglio che gli anziani davano ai giovani nel convincimento che nel saper fare qualcosa assicura sempre un lavoro)

 

Cu lassa a vecchia pi la nova sapi chiddu chi lassa ma un sapi chiddu c'attrova

(Chi lascia la vecchia via per la nuova sa quello che lascia ma non quel che trova. Il proverbio sottolinea che spesso si è attratti dalle novità ma lasciando il vecchio di cui si conosce anche i difetti per il nuovo può capitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti)

 

A ciaramira fa a facci fina

(La tegola rende il viso bello. Chi lavora in ambiente protetto, avrà una pelle del viso più curata di chi viceversa è costretto a lavorare all'esterno)

 

Cu mali fa a so peddi vasta

(Chi fa del male, rovina la sua pelle. Il male si ritorce contro se stessi se ne siamo noi gli artefici)

 

U lupu ra mala cuscienzia, comu opera pensa

(Il lupo dalla cattiva coscienza, così come opera pensa. Quindi chi agisce male è perchè male pensa)

 

Cu ti vo bene chiossai ra mamma, o chi ti futti o chi t'inganna

(Chi ti vuol bene più della mamma o ti frega o ti inganna)

 

Punci u sceccu 'nna acchianata

(Pungi l'asino in salita, fai le cose quando servono)

 

A lingua unn'avi ossa ma rumpi l'ossa

(La lingua non ha ossa ma le rompe... Significato: con le parole si può far provare anche dolore)

 

Agneddu, patedde e funci assai spenni e nenti manci

(Agnello, patelle e funghi... spendi molto, ma mangi poco)

 

Ogni mastru travagghia chi so' ferri

(Ogni mastro lavora con i suoi arnesi, ognuno utilizza gli strumenti con cui ha dimestichezza, sfrutta le proprie capacità, riconoscendo i propri limiti)

 

Monaci e parrini: viriti la Missa e stoccacci li rini!

(Monaci e sacerdoti: segui la Messa e poi bastonali ...?)

 

Vasa la manu a cu s'a merita tagghiata

(Bacia la mano a chi la merita tagliata, buon viso a cattivo gioco, cultura di un tempo)

 

Aprili lu duci durmiri, nè livari nè mittiri

(Ad aprile, nel constatare che il tepore della primavera porta a "sonnecchiare" dolcemente, si consiglia agli incauti di non togliere né mettere indumenti in quanto la temperatura è estremamente variabile)

 

Un c'è fimmina senza ciacca, un c'è pruvenza senz'acqua

(Non c'è donna senza genitali, non c'è vento di Provenza che non porti acqua. probabilmente con "vento di Provenza" si indica il maestrale, che arriva da Nord-Ovest, a grandi linee dove si trova la Provenza rispetto alla Sicilia)

 

A casa capi quantu voli u patruni

(In casa c'è posto per il numero di persone che vuole il padrone. Se uno vuole fare qualcosa, può riuscirci se si impegna. Nulla è impossibile)

 

Cu si mangia a carni, s'arrusica l'ossa

(Chi mangia la carne, rosicchierà gli ossi. Due possibili significati: chi vive nell'abbondanza prima o poi cadrà in miseria. Oppure: chi fa un lavoro, deve farlo fino in fondo e per bene)

 

P'un dari sazziu a morti, mori cull'occhi aperti

(Per non dare soddisfazione alla morte, muori con gli occhi aperti)

 

Megghiu diri chi ssacciu ca diri chi sapia!

(Meglio dire "non lo so" piuttosto che dire "non lo sapevo", gli errori non ancora commessi possono essere evitati, invece quelli già fatti ormai sono commessi)

 

Un patri è capaci di campari centu figghi e centu figghi un sunnu capaci di campari un patri

(Un padre riesce a provvedere al sostentamento di cento figli ma cento figli stentano ad aiutare il padre)

 

P'un curnutu un curnutu e menzu

(Per un farabutto... un farabutto e mezzo: se qualcuno con te si comporta da carogna devi essere in grado di superarlo in cattiveria per rendergli la pariglia)

 

Ci rissi San Ciuvanni a San Luiggi 'cu cumanna fa liggi

(Disse San Giovanni a San Luigi : chi comanda fa le leggi. Chi è al potere fa le leggi per il proprio tornaconto, "Cicero pro domo sua")

 

Ci voli u ventu na la chiesa ma no d’astutari li cannili

(In chiesa ci vuole il vento, ma non tale da spegnere le candele. Non bisogna esagerare)

 

A 'cunumia è parenti da sorti

(L'economia, la parsimonia è parente della sorte)

 

Cu vinni, scinni

(Chi vende, scende, cioè si avvia verso il declino economico)

 

A collira da sira si iausa ppa matina

(La collera della sera, si conserva per la mattina, per dire che è meglio far sbollire la rabbia con una notte di sonno)

 

U vennari di natura, comu agghiorna accussì scura

(Il venerdì normalmente, come diventa giorno così si fa sera. Forse per dire, il venerdì di solito passa velocemente)

 

Cu stapi spranza da pignata a mettiri, non c'é bisognu di lavari i piatta

(Chi spera che qualcun'altro metta su la pentola, sappia che non ci sarà bisogno di lavare i piatti. Se vuoi una cosa fattela da solo)

 

A genti vili lassala iri!

(Lascia stare la gente pigra)

 

U stessu mortu 'mpara a chianciri

(Lo stesso morto impara a piangere... Bisogna arrangiarsi per cavarsela in ogni situazione)

 

Un c'è 'nzalata senza acitu, un c'è pisciata senza piritu

(Non c'è insalata senza aceto, non c'è pisciata senza peto)

 

I cosi vennu a cavaddu e sinni vannu a peri

(Le cose, inteso come le malattie, arrivano a cavallo e se ne vanno a piedi. La guarigione spesso è molto lenta)

 

Ci voli furtuna puru a friiri l'ova

(Ci vuole fortuna pure per friggere le uova, anche quando si friggono le uova ci vuole un pizzico di fortuna, infatti è facile che il tuorlo si rompa indipendentemente dai nostri accorgimenti. Metafora della vita!)

 

Testa c'un parlasi chiama cucuzza!

(Testa che non parla si chiama zucchina, la persona che non esprime il proprio disagio (o le proprie necessità) è come una zucca (muta). Significato : Se non chiedi nessuno può sapere ciò di cui hai bisogno e così... resti al palo)

 

Cchiù scuru ri mezzannotti un pò fari

(Non ci può essere più buio che a mezzanotte. Ad un certo punto si può solo risalire)