Li megghiu tiatranti

 

 

Commedia brillante in tre atti di

 

Antonio Sapienza

 

 

 

Anno 2007 

 

  

 

Personaggi

       

Carmelo................................ Capocomico;

Angelina................................ attrice, moglie di Carmelo;

Nella...................................... prima attrice;

Peppino................................ primo attore;

Tuccia ...................................attrice giovane;

Melo ......................................scenografo;

Rosario ................................ aiuto regista intellettuale;

 

 

 

 Primo atto

 

 

Sul palco è stato predisposto tutto il materiale occorrente per montare una scena. Massimo disordine e confusione di materiale di scena: costumi, copioni, fari, posacenere pieni di cicche, ecc.

La scena è buia.

Lo spettacolo inizia con il sipario aperto e con le luci che pian piano riprendono. Musica adatta.

Subito dopo, con un vociare irato, dalla platea salgono in scena il Capocomico e l'aiuto regista.

 

Car.- Ecco, u vidi? U vidi? Lassanu tuttu comu aierisira: un casino! E a curpa è da to!-

Ros.- Mia? e perche` mai?-

Car.- Tua picchì nun sai fari u to misteri. Ma cchi razza d'aiuto regista si tu? Tu a va  fari sistemari la scena  e faramilla  truvari gia` muntata. Invece, ora, pirdemu  minimu minimu  mezz'ura  p’annacarini, menz'ura pi  abbissari; menz'ura pi muntari, e accussì, fra tira e molla, si sperdi tutta a sirata ammatula! Bedda matri s'appoi un cristianu nun s’a mettiri a lastimari...-

Ros.- E quando la dovevo far montare? Di notte?- (ironico)

Car.- E quando la dovevo far montare, di notte? (sfottente)  Ahu sciavuni! Vinevi cu Melu, dui uri prima, e muntauru la scena. Semplice, no?-

Ros.- Semplice per voi, ma a me non mi obbedisce nessuno. Se avessi detto a Melo: vediamoci due ore prima degli altri, m'avrebbe risposto: Ho da fare! m'avrebbe girato le spalle e se ne sarebbe andato via...(tono permaloso-lamentoso) Anzi, giacche` ci siamo, vorrei esternarvi le mie       lamentele.-

Car.- Senti beddu,lastimi e lamenti ci n’aiu pi mia, pi tia pi tutti i to parenti e amici -e mi ni avanza macari n’unza e triquarti.-

Ros.- Ma e` vitale ...-

Car.- Lassa perdiri a Vitali ca morsi propriu aieri, saluti c'e` cca`.-

Ros.- Non scherzate Maestro, io parlo seriamente.-

Car.- Va beni, parra, ma intantu mittemu nu pocu d’ordine na stu manicomiu…- ( si mette a riordinare )

Ros.- ( aiutandolo ) Io vi voglio dire che non mi sento realizzato non sono soddisfatto del ruolo che m'avete affidato…-

Car.- ( interrompendolo) Ma quale ruolo? Tu non reciti. (sotto voce) E meno mali, diminiscanzi.-

Ros.- Mi riferivo al ruolo di aiuto regista. (pausa) Qui nessuno mi da retta quando parlo. Tutti mi

sottovalutano, anzi direi che tutti mi sopportano appena appena.  Come posso affermare la mia

personalita` artistica se non mi date la possibilita` di esternarla?  Poi il mio nome in locandina e` messo tra i tecnici...-

Car.- Finisti? Si? Allura  attaccu iu. Tu fighiu miu, senza offisa, si camurriusu, assai assai...-

Ros.- ( interrompendolo) Come sarebbe?-

Car.- Vegnu e mi spiegu: Tu si nu bravu carusu, ma si nacari nu pocu, bada bene, nu pocu, antipaticuliddu. Sara` pi ss’aria intellettuali ti dai; sara` picchì ti senti  accutturato; sarà picchì nun perdi occasioni pi citare i classici, i grandi autori, i registi famosi; sara` pi ss' agenda ca porti sempre cu tia, malanova - ca ti fa travagghiari  cu na sula manu; (togliendogliela dalle mani e posandola su un tavolino)  e lassala cca supra, bedda e pulita, e usa tutti dui li manu… pi livari ssa faddacca ; insomma, fattu sta ca rumpi li cosi...o megghiu li cosoni, capisti? Ora,  fatti prissuasu, cca semu na cumpagnia di teatranti dialettali, semu genti alla bona, ca  ni buscamu u pani ca risata; e tutti ssi minchiati ca ci ancucchi tu sull'arte tiatrale del primo ventennio in Europa, su Brecht,   su Stanislaskji e su Miller, a nuatri, ca facemu la Commedia dell'Arte, cu tuttu u rispettu, nun ce  ne frega niente.( con uno scatto d'orgoglio) C'appoi – senza offisa pi nuddu –  semu e ristamu, sempri – amatoriali oppuru no - l'artisti cchiù spuntanei, cchiù puri, cchiù genuini: Nzumma - semu li megghiu tiatranti. Ora u capisti oppuru no?-

Ros.- Ma io...-

Car.- ...ma tu sei pumpuso e …sacciusu...-

Ros.- Volete dire, forse, saccente?-

Car.- Voghiu diri ca fai u varvasapiu, chiddu ca sapi  tuttu, o cridi di sapiri tuttu. (guardandolo di traverso) Ahu, stamu parrannu  pi l’autri, pirchì a mia nun  hai nente d’anzegnarimi,  mi spiego?

Comunque, iu ti pighiai cu mia picchì mi desuru bone informazioni. Mi dissiru: E` un picciottu priparatu e vulentirusu. Quindi travagghia e farti onore.( piano ) Ca ora,  a centu abbunamenti chi fa ci sputavu?-

Ros.- ( che ha sentito qualcosa) Come avete detto?-

Car.- Iu? e cchi dissi?-

Ros.- Avete parlato d'abbonamenti.-

Car.- Certo, abbonamenti... ca comu... m’a na  prumessu  centu  abbonamenti ( imbarazzato) pi... pi… p’a prossima stagione, a pattu ca ci facevu tri farsi su cinqu spittaculi... inzumma, sunu cosi me, cosi ca riguardano la direzione artistica..-

Ros.- Scusate, allora dicevo...-

Car.- ( interrompendolo spazientito) Au ora basta. Sbarattamu e dimostrami a to bona volontà.

Ecco, varda, piglia sta staccia e portala fra le quinte, levammilla de pedi...( pausa. Rosario esegue) E intanto passuu  nu quartu d'ura abbundante.(  guardando l'orologio da polso) E nuddu si vide...-

Dalla sala entrano Angelina, Melo e Nella. Ciarlano tra di loro, a soggetto.

Car.- Au, v'annacati?-

Ang.- Annacati a cui?-

Car.- Annacati, in senzu ca vi smuviti, semu in ritardo.-

Ang.- Allura, putevi diri: Pi favuri cara mogliettina, cari signori, avissi nu pocu di primura, si nun vi dispiaci vi vulissuru affrittari.-

Car.- E chi su, sparacanaci?-

Ang.- Spiritusazzu...(smaccoso)-

Car.- Ca certo: Intantu ca c'eru, vi putevu mettiri nu tappetu russu e fari arrivari macari a banna de

bersaglieri...-

Ang.- ( salendo sul palco) Chi dicisti?-

Car.- Iu? Nenti, nenti. ( poi cambiando discorso) Melu, a isamu sta scena?-

Mel.- Ca..ca...-

Nel.- Non essere volgare!-

Ang.- E lassatulu parrari u sapiti ca ci ampingi a lingua quannu e` nirvusu.-

Car.- Uora e` nirvusu? Abbissati semu...-

Ang.- Ognunu sapi i fatti so.-

Mel.- Po..po..-

Nel.- Ancora?...-

Mel.- E la..lassatimi pa..parrari, annu..annu..annunca minni, minni..-

Nel.- Ma e` tosto.-

Mel.-...vaiu!-

Car.- E parra, e accuzza ...-

Mel.- Accu..accuzzu. Io di..dichiaro che sono stuffo di pigghiari ordini. Poi ho letto la locandina appinnuta fuori e sono  inca..inca..-

Nel.- Un'incas?- ( Melo con la testa fa cenno di no).

Ang.- Incantatu?- ( Melo dinem)

Car.- Incasinatu?- ( Melo idem)

Mel.- Inca.. incazzatu...-

Nel.- Sempre piu` volgare...-

Mel.- ...e a  mia m'a ta purtari rispettu picchi` sugnu un artista come voi. Sugnu scenografo, un artista della sega, e mi dovete mettere in locandina con gli artisti non con i tecnici. Poi, voialtri...artisti ( ironico) pi miraculu conoscete solo le vostre singole parti...Mentri ju, ca

v'ascutu cu santa pascienza quannu pruvati e ripruvati, sacciu a memoria tutti i vostri parti pi puntu e  virgula.  Capito?-

Car.- Senti beddu, da chi munnu e` munnu i locandini si fanno accussi` . Vuora arrivasti tu e staustru sciavuni ( indica Rosario) e vuliti cangiari l'antichi usi e custumi.

Ang.- Cangiasti i custumi? all'ultimu mumentu? E chi ssi foddi? -

Car.- Usi e costumi, comu diri: tradizioni...-

Mel.- U facemu in lingua?-

Car.- Mih, v'u 'mmagginati “A riunioni condominiali” fatta in lingua italiana? Minchiuni!

 A vo travagghia va`. ( fra se) Scenografo...  pi mia si nu tintu mastrurascia...Scenografo, casumai

scemografo.-

Intanto Angelina e Nella hanno tolto dalla scena i costumi e stanno mettendo ordine nel palco. Arriva Tuccia.

Tuc.- Buonasera a tutti...-

Car.- Tuccia cara...-

Ang.- ( a Carmelo sottovoce) Tuccia cara? Chi su ssi cunfirenzi, vidi ca ti lassu curriri na tappina.-

Car.- ( recandosi ad arte ad aiutare Melo e Rosario) Muntamu ssi sceni carusi..-

Gli altri salutano Tuccia a soggetto.

Durante tutto l'atto, gli attori non impegnati nelle varie battute, usciranno e entreranno di scena a soggetto, simulando la sistemazione del palcoscenico. Nel montare le scene si verificheranno varie gaffe che comporteranno piccoli incidenti e lievi ritardi. Carmelo si lamentera` e inveira` contro la sua sorte.

Car.- E puteva essiri diversu? E mi pareva! E puteva filari tuttu lisciu? Malanova a mia e alla mia sorti, sorti buttana!-

Ang.- E va beni, nun t'agitari tantu. Si sanu ca sti cosi accapitanu...-

Nel.- D'altronde si dice: prova da scifo, successo assicurato...-

Car.- Ca certu, a vuatri chi vinni futti se tuttu va mali: L'abbonati su de me.-

Tuc.- Via maestro, sia fiducioso... ( leziosa).

Ang.- A chista un jornu o l'autru, ma jocu in tempu unu e dui.( fra se).-

Ros.- Melo, attento a quella vite, e` lenta..-

Mel.- Iu sugnu sce.. sce..-

Car.- ..Scemu..no? Scemunitu? no? sceccu?-

Mel.- ( torvo in viso) Sce..scenografo non ma..ma..-

Car.- Mattu? no? macchetta? no? Macchimalanova si?-( e torna a lavorare).

Mel.- Macchinista. Se volete un macchinista, ve lo pagate! E ora finitila o minni.. minni.. minnivaiu!-

Car.- Melu, calmati, travagghiamu ca u tempu squagghia. E dumani c'e` u debuttu...-

Ang.- Dumani? E nun e` pi jornu tridici?-

Car.- E dumani n'avemu propriu tridici.-

Ang.- No, dumani n'avemu quattordici.-

Car.- N'avemu tridici!-

Ang.- No, quattoddici!-

Car.- Carusi, quandu n'avemu dumani?-

tutti: Tridici.-

Car.- E menu mali ca c'eranu i tistimoni, annunca dumani n'avevumu pi forza quattoddici.-

Ang.- Vih, pi na vota ca avisti ragiuni, vardatulu comu si  cerni...-

Arriva in scena Peppino.

Pep.- Salute a tutta la compagnia menu ca una.-

Car.- Ju a tia prima o poi, ti nni mannu a casa.-

Pep.- E poi a parti di l'attori giovani ta fai tu.-

Car.- Ma vardatulu, e` vecchiu comu un cuccu e si criri ancora..attore giovane. Penza d'arrivari puntuali chiuttostu!-

Pep.- Non e` ammesso il quarto d'ora accademico? (smaccoso).

Car.- Senti 'mpari accuzzamu e abbissamini. L'orariu è pi tutti, à na quistioni di serietà...-

Pep.- Sissignuri signor Capocomico.-

Car.- E tu vicicapucomicu ha dari l'esempiu di serieta`.-

Nel.- Perche` tutti gli altri lo sono...tu invece...-

Pep.- Ju inveci mi fazzu prima i cusuzzi me, a facciazza to!-

Nel.- Ma come ti permetti? Carmelo, esigo le sue scuse!-

Car.- Pippinu, o frati, nun'accuminciari.. avaja semu gia` in ritardo. ( poi autoritario) Au, si nun spirdemu la prova, si po fari macari mezzanotti, ma di cca nun esci nuddu.-

Pep.- Pi mia...-

Nel.- Gia`, per lui. Lui si e` gia` fatto le sue cose, mentre noi, come fessi, siamo stati puntuali. Io non so proprio come posso resistere ancora qui, con voi.-

Car.- Picchi`, facciamo forse schifo?-

Ang.- Avemu forsi a sgabbia?-

Nel.- Senza offesa, ma io prima di venire qui con voi, ho recitato con ben altre compagnie, con vere personalita` dello spettacolo.  Io ho fatto Pirandello, ho fatto teatro impegnato...-

Pep.- Certamenti, la grande attrice... guitta!-

Nel.- Guitta a me? Questa poi...Carmelo, provvedi o me ne vado via.-

Car.- Nzumma, mi vuliti ruvinari? Se e` si, dicitammillo chiaru e tunnu, e ju mi sparu n colpu ri rivoltella e mi fazzu satari i cirivedda. Ma se e` no, bottadivilenu amaru, mittitivi i custumi e accuminciamu la prova.-

Tuc.- Un minutino maestro, vorrei ripassarmi la mia parte..-

Ang.-( imitandola) Un minutino Maestro vorrei ripassarmi la parte... Culumbrina e tappinara, tu a to parti ava sapiri gia` a memoria.-

Car.- Tuccia a canusci gia` a memoria. Forsi la vuole provare sulle tavole prima di fare la prova deefinitiva. -

Tuc.- Esattamente.-

Ang.- ( mugugnando) Gia` sa voli ripassari... A viri si ti l'avissi dittu ju: Cursi minn' avissa fattu fari...-

Car.- ( rabbonendola) Avaja, Angiluzza, e nu pocu di pascienza, e` debuttante infine..-

Ang.- Debutta sulu na cummedia veru? ( allusiva)-

Car.- E unni senno'?-

Ang.- Chissacciu ( fa la misteriosa) Forsi.. pri casu.. no lettu cu tia... Attentu a chiddu ca fai. Picchi ju ti  rumpu...-

Car.- ...li corna! Sta tranquilla, tranquilla. Cca si travagghia seriamenti. Qua niente sesso, siamo...-

Ang.- ...taliati a vista!-

Ros.- Chi e` di scena?-

Mel.- Au, e nu mumentu, quannu chiantu sta lapazza!-

Car.- Bedda matri, mi stavu scurdannu i luci. Mi facisturu perdiri la testa...( rivolto verso lo

operatore delle luci) Bastianu, si prontu? ( come se sentisse la voce dell'operatore, Carmelo continua a parlare, mentre le luci seguono le sue indicazioni) Si? Benissimu. Danni u tri... ora u dui..-

Pep.- ...ora l'asu...-

Car.- ( guardandolo di traverso) Si. dammi u tri e u setti...-

Pep.- ... e na napulitana a coppi...-

Car.- ... ca ti dugnu na ssa tistazza di sceccu si nun a  finisti.. Bastianu, ora u cincu. Va beni. Pigghia

chissa...-

Pep.- ... e porta a casa...-

Car.- Pippinu stasira si spiritusu, chi successi?-

Pep.- Nenti, a ca vo succerire...-

Car.- Si cuntentu, e` veru?-

Pep.- ( perplesso) Beh, nu pocu...-

Car.- E basta?-

Pep.- ... e basta. Ma picchi` mi fai tutti sti dumanni?-

Car.- Picchi` mi stai unghiannu co sto spiritu di patati, co to ritardi e co to pizzicari la prima attrice.-

Pep.- Avaja e chi nun si po cchiu` sgizzari? E unni semu na cunventu?-

Car.- No na cunventu.. d'avanti a nu cunventu iemu a finiri, a dummannari a limosina, si ni va mali stu travagghiu.-

Pep.- E inveci u travagghiu e` bidduzzo. Vinnu puliteddu... Certu, lassanniti travagghiari in paci...-

Ang.- ... Senza a prisenza dell'autore...-

Pep.- ...ca pi furtuna morsi...-

Car.- ...in incognito...-

Pep.- ...e se veni u so fantasima?-

Car.- Ci su coppa pi iddu, pi tia e pe biati paoli. Siete tutti pronti?-

Ros.- Prontissimi. Manca per voi, vi dovreste cambiare...-

Car.- Va prima tu Pippinu, ju abbesso na para di cosi; ci fazzu fari ssa prova a Tuccia e poi vegnu. Ma tu fammi attruvari u camerino in ordini, comu e cristiani.-

Pep.- Picchi`, anzamai chi sugnu un turcu?-

Car.- Turcu no, ma vastasi si.-

Pep.- Ju vastasi?-

Car.- E unu ca mi lassa i presarvativi in giro, comu s'avissa a chiamari, nobiluomo?-

Pep.- Vih, pi na vota ca mi scurdai fora. Chi farsa ca ci stai armannu...-

Car.- Ma propriu ssa vota c'era in giru patri Fruscacchia e i visti...e ai so parusciani abbonati ci tegnu, ju!-

Pep.- E doppu? chiffa si scannalia? Nun i usa macari iddu, pi casu?-

Car.- Mi, cu tia nun s'arraggiuna. Si propriu carni di porcu!  Vo cangiti va; e fai prestu. Tuccia pruvamu a scena da scerra.-

Peppino esce sorridendo

Ang.- ( entrando gia` in costume) Chissa s'a ripassa cu mia, veru bedda? Avanti Carmelo dacci la battuta.-

Car.- ( insospettito ed allusivo) Mi stai cunsumannu.-

Tuc.- Jetta vilenu!-

Ang.- Cchi dissi?-

Car.- Nenti, nenti, dissi arcobalenu. Avanti travagghiamu.-

Tuc.- Ma tu picchi` t'ammischi con la mia parti? Cu t'ha 'nterrugatu?-

Ang.- Ahu bedda, suddu m'ammiscu veni a diri ca m'apparteni.-

Tuc.- Varda, fatti l'affaruzzi to, prima ca ti scippu tutti li capiddi.-

Ang.- E provici.-

Tuc.- Si; 'ncasanza mi stava scantannu tutta.-

Car.- ( prevendoli) Basta cosi`.-

Ang.- E a scerra?-

Car.- Nun e` necessaria pruvalla... ora!-

Ang.- Chi piccatu eru già quadiata...( se ne va fra le quinte delusa).-

Car.- Tuccia, vatti a truccari, dai bella.-

Tuccia esegue tutta contenta. Carmelo da un ultimo sguardo in giro, fischietta, controlla la scena, le quinte, i fari, butta un po d'acqua sulle tavole del palco, e intanto entra in scena, furiosa, Nella.

Nel.- E no! Questo e` troppo! Tu devi prendere provvedimenti!-

Car.- ( trasecolando) Chi successi?-

Nel.- Quel brutto ceffo mi ha toccato il... popo`...-

Car.- Come, come?-

Nel.- Cosi`, intanto che ero abbassata ad allacciarmi le stringhe delle scarpe.-

Car.- Il po.. pocoso? intantu ca t'allazzavi i scarpi?.. ma no, sara` statu un casu..-

Nel.- Non un caso, ma un coso! Capito? mi ha toccato, ma non con la mano. Capite?-

Car.- Megghiu!-

Nel.- Come sarebbe a dire?-

Car.- Dicevo: Megghiu, si tratta veramenti di un incidente futtuitu.-

Ang.- Futti-tu? ma capii bonu?-

Nel.- Siete tutti volgari. Io sono una signora...-

Ang.- Ca ci va bonu a fari a curtigghiara.-

Nel.- Come si permette?-

Car.- Sulla scena. Sulla scena. Angelina vuleva diri ca fai bene la curtigghiara sulla scena. Comu si addice ad un'attrice, d'altronde...-

Nel.- Accetto le vostre scuse, ma aspetto ancora quelle di Peppino!.-

Car.- Aspetta e spera...-

Nel.- Cosa avete detto?-

Car.- Ho detto... ho detto aspetta e speri...amo che le faccia subito, almenu incominciamu na bona vota pi tutti.-

Mel.- Ju su.. sugnu pro..prontu.-

Nel.- Ma io no. Aspetto prima le scuse.-

Car.- E santa pascienza...Melu, v'acchiamari a Pippinu.-

Pep.- ( entrando come se niente fosse accaduto) Vulivi a mia?-

Car.- Propriu a tia. Avanti, facci le scuse alla signora.-

Pep.- (guardandosi ostentatamente attorno) Quali signura?-

Car.- Alla signora Nella, qui` presenti.-

Pep.- Picchi`, idda e` na signura?-

Nel.- Cafone, volgare e ignorante!-

Car.- Avaja Pippinu,( fa cenno come per dire: accontentala).-

Pep.- L'accuntintai gia` na vota...l'autra notti.-

Nel.- Mascalzone e bruto!-

Pep.- E... masculuni!-

Nel.- Ora basta! La misura e` colma! Io me ne vado!-

Car.- Ma no, Nellina, unni vai, Pippinu scherzava...-

Ang.- Ca certu, iddu scherza sempri cu tutti... macari cco focu. ( con tono di rimprovero verso Peppino).-

Nel.- Mi dispiace per voi, ma sono irremovibile. Addio!- ( Nella esce di corsa dalla parte della sala.)

Pep.- ...Ora torna..( sicuro di se).-

Car.- Si nun torna sugnu ruvinatu... ma a tia ti mangiu u cori..-

Pep.- Torna, torna...-

Ros. - Maestro mancano anche Turi e Giacomo...-

Car.- Ahu, basta! Basta! E cchi mi vuliti mortu? Cca ognunu fa i cavoli so', e u spittaculu cu fa? A jatta? Nenti, ho decisu: se ssi dui sciavuni nun arivanu n tempu, voli diri ca trasiti in scena tu, l'elettricista, e si servi, puru u botteghinu - e macari a scupa! Ma stasira a prova s'ha fari! E ora vidi unn'e` Nellina.-( Rosario esegue)

Mel.- Io so..so sono pronto.-

Car.- ( guardando la scena, terrorizzato) E chista sarebbe la scena?-

Mel.- Libera interpretazione di nu cunduminiu!-

Car.- Figghiu di tappinara, e cchi mi voi rovinari macari tu? Nun ci abbasta Pippinu, Nella, i du sciavuni, me muggheri ca sua gilusia, ti ci metti macari tu che to minchiati? Ma ju mi pigghiu a scupetta e fazzo na carneficina collettiva: Vi fucilu, poi v'affucu, poi v'anniu, vi tagghiu a panza e mi mangiu a quarumi!-

Ros.- Maestro, e` andata via dal teatro. E ora chi la fa la sua parte?-

Car.- ( guardando con cupidigia Melo, imitato dagli altri) A so parti? A so parti a fa cu sapi tutti li parti a memoria. A fai tu!-

Mel.- Iu? Ma stati abbabbiannu, stati sgizzannu veru? e cchi su ...cchi su...cchi sugnu na fimmina?-

Car.- ( sadico) Ci addiventi, s'e` necessariu..-

Mel.- ( a tutti) Ehi fermi, fermi tutti, o v'addifettu...( prende un asse e li minaccia)-

Car.- Veni cca beddu...soru soru...-

Ang.- Statti fremmu Miluzzu...fatti acchiappari.-

Pep.- Avaja, fatti vestiri...-

Tuc.- Ci vuole cosi` poco...per essere femmina...( allusiva).-

Ang.- Curaggiu salvatore della patria!-

Car.- ( a tutti) 'Ncoddu carusi!-

Tutti gli vanno addosso e immobilizzano Rosario che si dibatte furiosamente.

Car.- Chiudete il sipario. Inizia la Prova.

Il sipario lentamente si chiude.

Fine  primo atto

 

 

 

Secondo atto

 

 

 Na storia d'amuri

 

  

Personaggi:

 

Presentatore, giovanottu e spettatore insoddisfatto

Zu Vitu Spiciali –puparo e narratore di racconti epici

Angelica  e signurinedda

Annuzza vicina di casa e cliente (Melu, vestito da donna)

Mafalda, madre di Annuzza e putiara

 

Sulla scena è stato creato un ambiente per recital: un leggio, un tavolinetto e alcune sedie.

All’apertura del sipario entra in scena il presentatore.

 

Presentatore – Rispettabile pubbrico, questa sera avemo il piacere di farivi sintiri la storia del combattimento tra Orlando e Rinaldo per la bella Angelica. Il narratori è u zu Vitu Spiciali, celebre per i so’ cunti di paladini di Francia alla villa Bellini e alla villa de varagghi.

Signore e signori, ecco a voi u zu Vitu.

Attacca banna. 

 

Rullo di tamburi. Entra u zu Vitu.

 

Vitu – Fremmi tutti!

Pres. - Cchi successi?

Vitu – Successi ca sta cuntata nun si po’ fari.

Pres. – Comu, comu?

Vitu – Comu, comu, vicinu Milanu. Ripetu pi cu ‘n ci vo’ sentiri: Stu cuntu nun si po’ cuntari.

Preis – E si ni vulisi usari a cortesia di dirini picchì, noi vi ascutamo...

Vitu – Picchì… picchì…semplici: m’ascurdai lu librettu a casa, ecco lu pirchì.

Pres. – Ma siti strulucu e incuscenti. E ora cchi ci cuntamu alli spettatori…

Vitu - …ca pavaru u bigliettu!

Pres.- Esattamente…

Vitu – Ci cuntamu… ci cuntamu…videmu…ma si! Ci cuntamu: Na storia d’amuri, oppuru: a riunioni condominiali...

 

Entra la donna che doveva fare Angelica.

 

Alge. – Ahu, ma cchi stati ancucchiannu? Ju vinni pi fari Angelica, e Angelica fazzu!

Pres.- (mettendosi le mani ai capelli) Bonu, va!

Vitu – E ci ai raggiuni, tu ava fari Angelica e Angelica farai. La sai la parti a memoria?

Ange.- Ca ora, cu tutti i pinzeri ca ci aiu in testa… ci mancava puru chissa…

Vitu – Io la parti di Orlando la so’, iddu, beneomale – più male che bene - sapi chidda di Rinaldo…

Pres.- … picchì ni vulissi cuntati ca tu a to’ parti a sai - tutta?

Vitu – Sempri cchiù assai di tia, brucculu spicatu! Ergo: o macari tu sai la to parti a memoria, oppuru… oppuru pìaccamora si fa Na storia d’amuri. Puntu e basta!

Ange.-  Tintu ricattatori. E, sintemu, unni sarebbi la mia parti?

Viru – Cca è (tira fuori dalla tasca una specie di copione unto e spiegazzato)

Ange- Mih chi schifu! E unni u truvasti nu cassunettu d’a piscaria?

Vitu – Donna trista e volgare. Questo è nu gloriosu cimeliu di tant’anni di carriera. Iddu m’a sarvatu di tanti mali cumparsi ca ci avissi a fari na statua d’oru.

Pres.- Al copione?

Vitu – No, a to’ soru. Avanti sceccu patintatu, apprisenta lu spittaculu.

Pres. – Un momento e Annuzza unn’è?

Ange.- E dda banna, ca si sta pittanu lu mussu…ssa sciantosa…

Vitu – (al Presentatore) Valla a chiamari!

Pres.- Ahu e cchi è? Stu tonu cu mia? E cchi sugnu lu to criatu?

Vitu – (ironico) Sei il Presentatori, pi cui (deciso) annacati e vo’ chiamala!

Pres.- Vado, ma solamenti pi rispettu di stu spittabbili pubbrico…sennò… (uscendo)

Vitu – (pavoneggiandosi) Iddu va’ picchì annunaca si pigghia a giacca e sinni po’ ghiri – licenziato!

Ange.- Nonzi! Nun si po’ licenziari senza giusta causa.

Vitu – Ahu, varda a chista? E cchi fai a sindacalista cu mia? Bedda se tinni vuoi iri macari tu, (pomposo) quella è la porta.-

Ange- A vo’ cuccati, doppu vogghiu propriu vidimi come facissi lu spittaculu… Ahò, varda ca tu nun si Gasmann! Tintu teatranti puparu di quarta categoria.

Vitu – Non offendiamo, signora. (conciliante) Certu alli voti mi acchiappanu certi nervi…

Ange- E nun lassariti…acchiappari. Penza ca cca nuatri ni uscamu u pani, ccà ci mangiamu…-

Vitu – Ricevuto, donna, ricevuto.

Pres – (entrando) Eccola la sciò-ghell.(ironico)

Annu- (che potrebbe essere Melo,entrando dietro di lui) Picchì, ci avissi a diri cosa? (donna matura truccata inverosimilmente, con le mani ai fianchi)

Vitu – Arrivasti??!! E ora datti un contegno e travagghia!Unn'è Mafalda?

Annu – ( ad Angelica) E ju cchi nni sacciu? (a Angelica) E cchi è nirvusu, pri casu?

Ange.- No priccasu, ma pi natura. (sottovoce ad Annuzzaa) Varda ca nun si fa’ cchiù l’Orlando, ma forsi, na storia d’amuri, almenu pi ora.-

Annu.- Davveru? Su scordò nautra vota? (Angelica, vistosamente annuisce)

Entra Mafalda che si porta dietro agli altri per non far notare il ritardo.

Vitu – (scorgendola lo stesso) Ah, arrivasti nobildonna? Ti dignasti pri casu?-

Maf.- Persi u 401 e app'aspittari u 628 ca passò prima do 431, senza fimmarisi, pi cui pigghiaiu u 721...-

Vitu – Muta ca t'acciuncu! (intanto si è portato verso il leggio) E ora ca ci semu tutti, presentatore, presenta.

Pres.- (distratto) Chi cosa?

Vitu – (sfottente) E cosa vuoi presentare le armi? Presenta lo spettacolo, perbacco, perdiana e per giove!

Ange.- … Sattunu e Plutoni, ci misi tutti a mazzu, schifiu.…

Pres.- ( schiarendosi la voce) Signori, ecco a voi Na storia d’amuri. ( poi girandosi a guardare Vitu) Senti Vitu, senza offesa, ma ti lu stai riurdannu quantu dura sta scena? Sunu appena dieci minuti…

Vitu – E allora?

Pres- Voglio dire… dieci minuti… nzumma è pocu pi nu spettacolo decoroso…Ci ai pinzatu?

Vitu – Ju pensu a tuttu. Cca ci sunu autri libretti, ci arrangeremo.

Pre.- Arrangeremo? E nu spettacolu s’arrangia? Ahu a ca finire sta sira a pumarora na facci?

Vitu – Tu penza a prisintari, o restu ci penzu ju!

Pres.- Si, ma i pumarori mi pigghia macari ju, si ci primmetti?

Vitu – (con sopportazione) E abbi fiducia…

Pres.- Fiducia morsi ammazzatu.

Vitu – (pazientemente) Fidati, fidati di cu ni sapi chiussai di tia. Avanti va’, aggiungi questi. (gli da dei foglietti)

Pres.- (controllando i fogli, tra se) Stasera a vidu niura… Allura: Signore e signori questa sira vi apprisintamu, assemi a na sturia d’amuri, (trova con difficoltà a fogli giusti ) eccu …A riunioni condominiali, ovverosia scene di vita… ca macari storie d’amuri nun su’ propriu, ma che, dice u zu Vitu, sunu … edificanti.

Attacca banna (rullo di tamburi) 

Vitu.- Fremmi tutti!

Prees.- E cchi successi ora?

Vitu – Successi ca tu come prisintaturi si na scamorza di Battipaglia! Ma cu ti sbrucculau ccà, sceccu di Pantelleria, (con enfasi) come disse il nostro compianto don Ninu Martogghiu.

Pres.- Ahu e chi è? Alli voti tu ci ai i nervi e t’a pigghi cu mia?

Vitu – Non propriu esattamente accussì, ma quasi, oserei dire: ci azzecca. Ma insomma quanti voti ti l’aia diri ca ci devi diri, a questi signori, quattro paroli di prisintazione?

Pres.- E ci ai raggiuni. Pirò a cuppa è da to’ picchì mi facisti cassariari.

Vitu – E rimedia dunque, tinto fellone da strapazzo.

Pres.- Bonu va’, partiu tuttu (fecendo un cenno significativo con le mani) Chistu scattiò!

Vitu- Chi dicisti, garzone?

Pres.- Dissi… dissi ca…ca…ca…

Ange.- Malarucatu, parra pulitu!

Ann.- E lassatilu stari stu figghiu sciatu…

Vitu – Avanti, presenta.

Pres.- Signore e signori, na storia d’amuri tratta di na storia d’amuri comu tanti storie d’amuri… pressappoco…macari…po’ darisi…( tra se) minchia m’o scordai!

Vitu – L’avemu capitu, allora?

Pres.- (piagnucoloso) Basta, sugnu tuttu cassariatu, mih...

Vitu – (tra se) Questo è tuttu scartiatu.(al presentatore) Zitto, villico, come dire: viddanu. Fatti di ciancu, come dire: arrassiti, che questa scena l’apprisentu ju.

Dunchi, questa storia d’amuri è una storia d’amuri comu tanti autri storie d’amuri, ma non propriamente, picchì… ‘nzumma…alli voti…Ecco! Ci sono:

Questa è una storia d’amuri vista da due comari vicine di casa, come dire: cuttigghiari ( e da un’occhiata significativa alle sua compagne); da una comare e dalla madre della carusa; da nu picciuttazzu sarracinu; da carusidda medesima, e da… e da…beh, questo lo lascio indovinare a voi. Scusatemi assai si nun vu’ dicu, (pomposo) ma, cosa volete, è un mio puerile vezzo senile, ( ai suoi compagni che lo guardavano quasi allarmati) cosa ca vuautri nun putiti capire   

Attacca banna!

 

 

 

 

 

 

 I brani che seguono saranno recitati dagli attori, a secondo delle varie parti che la regia assegnerà, prendendo le relative posizioni sul palco.

 

 

 

 

Na  storia d'amuri.

 

 

 

- Vossia chi dici, e` 'n fattu successu?-

 

- Nunca!...idda dissi:" Ti vogghiu beni."

E iddu scattio` p'a cuntintizza..-

- E ora ti vogghiu.. doppu chi veni?-

- .. Va..forsi 'n vasuni..cusa`, na carizza..-

 

- Bih, salatatu... eppoi? cuntassi.-

 

- 'N jornu chiddu passava p'a so strata

ca mirudda fumanti di pinzeri,

quannu d'arreri a na vitriata

visti a figghia d'o chiancheri..-

 

- Ma no! Idda c'entra na ssu discussu?-

 

- C'entra, e comu si c'entra. M'ascuta:

Iddu ci frisca cu tuttu u sciatu so;

idda vota i spaddi risintuta,

isa la testa dicennu:" Passato`! -

 

- Cosa di pazzi, mancu na duchissa..-

 

- ..All'indumani iddu ci ripasso`

e idda si vuto` dall'altra parti.

Iddu ci dissi: " Bedda, cu ti lasso`,

angliulu comu si, na me sorti? "-

 

- Nzamai, ma chi parrari e` chissu..-

 

- Ca uora!.." Prima ca vidissi a tia

eru mmenzu a mari in timpesta,

ora sugnu 'n lagu manzu, talia:

Ma nun vidisti ca persi la testa? "-

 

- Scanzatini.. Ora basta na mossa..-

 

- Gia`.. Idda s'affrunto` arrussennu,

iddu ncacco` a manu: ci desi 'n ciuri.

idda si lu pigghio`, e di rimannu

fici sfaviddari l'occhi d'amuri.-

 

- Pi mia, si l'ammucco` gia` a chissa!-

 

 

 Na mavaria.

 

 

- Vih, diminiscanzi, ssu fimminaru..-

- Allura, signura mia, allura..-

- Ma comu fu ssu vilenu amaru?-

- Eh, quannu sa passari na malura..

 

..Me figghia era, bedda, na putia,

    figghia massara, senza iungitura, *

sirveva du puppetti a Lucia,

      c'a sanu sentiri a " Truvatura." **

 

Antrasatta trasi ssu malacarni!

Capiddi longhi, varva di na simana,

causi a tichito`, giacca cchiu` granni,

prufumu ncoddu comu na.. bottana!

 

E misi li so occhi di briganti

supra a dda carusa figghiasciatu

ca s'addumo` tutta! all'istanti..-

- Mih, malanova, ssu malasurtatu..-

 

- Santi palori, signuruzza mia.

Ssu zannu che pinnenti nta l'aricchi,

fici pi sicuru na mavaria,

na fattura! Ci fici du' schiticchi,

 

e senza ca dicissi ne` ci, ne` cio`,

senza ca nuddu aviss'antisu,

me figghiuzza cu iddu sinni scappo`!-

- Matri chiccosi...vaia za Tura, accur'o pisu!-

 

 

Scelta registica:

* senza offisa

** a chidda ca ci feti la cammisa.

 

  

U distinu.

 

 E cu mi fici trasisi dda sira

nta dda putia 'n pocu fora manu,

unni alluzzai ddu pettu a pira

ca m'incatino` , pi un jornu sanu,

 

davanti a dda graziadiddiu?

E com'e` ca fu, ca na matinata

m'aspitto`, e arrussennu mi diciu:

-" Ti vogghiu beni, sugnu cunzumata! "

 

U distinu! Idda pareva diri:

-" Cumanna a li to forti manazzi

d'ampastarimi, d'allisciarimi, u viri?

sugnu di focu, fazzu cos'i pazzi!"-

 

E chi v'aia diri, chi sugnu 'n santu?

M'a purtai cu mia, nta vanedda,

e duci duci, ma cu 'n pocu di scantu,

m'ammuccai ssu pezzu di castagnedda!

 

 

 

Na vintura

 

       Ju ci dissi: -" Ti  vogghiu beni."-

E accumincio` a me vintura.

Eru na carusazza " cu mi teni ",

bedda, ricca, sidicianni allura...

 

.. Quannu si prisinto` ssu picciutteddu:

menzu zingaru, menzu giramunnu...

.. Dui jorna, forsi tri, pi 'n vasuneddu,

e a vita me cangio`, vutannu attunnu!

 

Uora sugnu grossa di se' misi,

abbiata supra stu matarazzu...

.. Iddu dissi:-" Tornu, ristamu 'ntisi."-

Ammatul'aspettu.. chi fa, m'ammazzu?

 

.. Nun mi la fidu cchiu` di chiangiri.

Fussi 'n'nzonnu?.. Nenti, ora u lassu!

E certu, accussi` aviss'agiri...

Cu ie`? Matri, mi parsi lu so passu.

 

 

 

 

Questo brano dovrà essere declamato con una dolcissima musica di sottofondo, e con giochi di luce adeguati, per ottenere i massimi effetti di spiritualità. Sarebbe opportuno anche una coreografia adatta.

  

Matri?

  

Quannu nascii, nun nascii attunnu.

A me tistuzza n'a mustrai a nuddu.

Nun visti nenti di ssu beddu munnu.

A mmoddu eru; finiu a mmoddu

 

dintra nu scaricu di fugnatura,

ammenzu a cosi tinti mi lassanu,

liquidi, moddi, qualchicosa dura,

e li me carni fini si squagghianu!

 

Quannu murii, nun murii mai!

Cu pinzo` pi mia? N'o sacciu diri.

Sacciu ca di cca` sentu li vai

di l'omini ca 'n si sannu capiri.

 

E picchi` vidu dda casa, nto cantu?

e dda fimminedda 'ntisa " Duchissa"?

.. Ci trasi 'n masculu..-" Matri, m'affruntu!"

Matri? Signuruzzu, chi dici chissa?

 

La musica salirà, mentre  continueranno gli effetti di luce e la coreografia, mezzo minuto, poi tutto si affievolirà, fino a cessare definitivamente.

 

. Entra Vitu.

 

 

Vitu - E ccu la mala sorti ca ci attuccau a stu picciriddu bellu, finisci qui questo…

Pres. – ( dalla platea, come se fosse uno spettatore) …burdellu!

Vitu – (sorpreso, sbalordito,) Eh?... cu fu?...cchi dissi?...

Spett.- … ca vulemu turnati i soldi d’o bigliettu… eccu cchi dissi.-

Vitu – E voscenza chi sarebbe? Fatevi riconoscere, qualificatevi, perdinci e perbacco!

Spett.- Sugnu uno spettatore, quindi lu to pattruni, guitto puparu arruffone e pomposo. E tu cusà, cchi pensi ca avissitu fattu nu spittacolo? Annunca na farsa?  No, tu facisti nu cupioni che è nu minestruni di puisii di 'n pueta da strapazzo- cappoi i liggisti di na sorti di manera da farimi macari vutari lu stomacu. E cchi pinzavi d’infinocchiarini! Tu ci futtisti i picciuli!

Vitu – E cchi senti diri, ca li vuoi turnati?

Spett.- Avissì a essiri , ma mai sia!

Vitu – Ah beni ( con un sospiro di sollievo) E annunca cchi voi?

Spett.- Voglio Orlando…

Vitu – …Rinaldo e Angelica…

Spett.- Esattamente!

Vitu – Nonzi, nun si po’. Torna dumanisira e videmo cchi si po’ fari.

Spett.- Comu dumanasira? E ora?

Vitu – E ora ? E ora, cchiu tardi t'assuppi A riunioni condominiali.

Spett.- Mannaggia a mia! (si morde le mani)-

 Vitu - Avanti cchi voi ancora? A prima parti do spittacolu ti la vidisti - ormai. E se ti piaciu bene, se non ti  piaciu… osia, magari, forsi, cusà, si incuminzava a nun piaciriti, putevi macari isari lu to panaru da seggia, susiriti e privarici della tua riverita presenza ( con enfasi), come si usa fare nei migliori teatri e… tra il pubblico raffinato. Onde per cui, attaccati al tram e fui!

Attacca banna!

    

Vitu esce di corsa, mentre il sipario si chiude precipitosamente.

 

Fine  secondo atto

 

 

 

Terzo atto

                              

 

A riunioni condominiali                                          

              

 

Personaggi:

 

Presentatore (portiere e Santu Pigna)

Zu Vitu, narratore

Amministratore condominio (o personaggio femminile, a scelta della regia)

Maestra Onorati

Maresciallu Bastianazzi

Infermiera Bellagola

Turiddu Pullarà

Laganà jammasicca

Saru Mafai

 

 Più o meno stessa scenografia dell'atto precedente con in più, sedie vecchie e un traballante tavolino. A destra vi è la comune, al centro una finestra chiusa, a sinistra vi è appeso alla parete un enorme calendario e una bacheca per i comunicati condominiali.

All’apertura del sipario, con una musica adatta, la scena è vuota. Dopo un minuto circa, entra il Presentatore del primo atto: uomo di mezza età, vestito modestamente, con occhiali sul naso e una fascio di carte in mano. Egli, con aria d’importanza, si porta al centro della scena, con calma sceglie i fogli da leggere, e poi, schiarendosi la voce con qualche colpetto di tosse, attacca a parlare con voce querula.

Gli attori, possibilmente, debbono recitare con discrete movenze da marionette.

 

Presentatore- Rispittabbile pubblicu, allura, comu prumessu apprima, vi parramu ora  d’a riunioni, osia di l’Assimbrea cunduminiali, comu ci la cuntau all’amici lu zu’ Vitu Spiciali. Ogni riferimentu a prissuni canusciuti, vivi o morti scaffituti, è puramenti casuali. Cca nun s’accettanu quareli, dinunzi e minazzi, sunu avvisati li sperti e i babbasunazzi.  Allura accuminzamu con il presentarvi u zu Vitu in prissona cha vi cunta della famusissima riuniona. Attacca banna! (rullo di tamburi)

 

Entra lu zu Vitu Spiciali. Un omone di mezza età con una pancia prominente e un paio di baffi “malandrini”. Egli scosta il presentatore con una mano, e si porta lui al centro della scena.

Presentatore (quasi tra se) Arrucatu u zu Vitu…-

Vitu- (con grande prosopopea, impostando la voce) Dunchi, comu vi dissi l’amicu cca vicinu, ( fa cenno come per dire: amicu? E va beni, per l’amore di paci) ho l’onori e il piacieri di cuntarivi quello ca dissi  iddu – picchì vi lu dissi papali papali, no? E annunca pi cu nun avi cumprindoniu finu, tantu pi capirini all’istanti, ccà si parra di condominiu e non di manicomiu, di prissuni e non di santi. ( al presentatore che annuisce) E’ veru?  – allura pi ccu avi lu sbaddu d’ascutari, sugnu lestu e prontu p’accuminzari. Attacca banna! (silenzio) Au, attacca banna (sbalordito)

Presentatore – Zu Vitu, chissu lu dissi già ju!

Vitu – Mutu tu prisintaturi d’o brigghiu. Sugnu io il narratore? Allura tocca a mia stu privileggiu!

Presentatore – (con aria di saputello) A parti ca lu narraturi, in tiatru, si nun sbagghiu, vali quantu u due di coppi quannu a briscola è a bastuni. (infantilmente) Mih, pirò ju sempri presentatori sugnu, e fari sunari i tamburi tuccava a mia. 

 Vitu – Ca comu, pezzu di sceccu anticu!A vo essiri accussì, ma nun è. Pricchì tu, varda cchi ti dicu: tu si sulu nu tintu vice-aggiuntu-sotto - pricariu- facenti funzioni – presentatori avventiziu, apprendista  in prova. Inzumma, in una parola: picciottu di putia. Ju, ‘nveci, sugnu u mastru di li mastri de narratori. ( pavoneggiandosi) M’a vistu mai cuntari li cunti di Orlando e Rinaldo alla villa?

Prisintaturi – Quannu? Ai tempi di Caribbaddi?

Vitu- Srudusu, zavurdu e picciol animo minnicu. Ju cuntavu cunti a villa fino a diec’anni fa, e avevu nu  prubbrico fideli e amicu…

Prisintatori -…fattu di vicchiazzi rimbambiti e di Giufà…

Vitu - …(occhiataccia) ca m’ascutava in riverenti silenziu, quasi di tomba.

Prisintaturi - … picchì ‘n peri n’a fossa ci l’avevunu già.

Vitu – Basta accussì, vile garzone! Dunchi, doppu tantu parrari ammatula, ( il presentatore sta per intervenire ma Vito lo blocca) statti zitto e ascolta con la mente e la ragione (solennemente): sono io il  narratore, ergo, (tornando beffardo) sugnu cchiù ‘mpurtanti di tia. Mutu e pipa, mannaggia a mia!

Allura: attacca banna! (rullo di tamburi).

Gentili spittatori, pirò, prima d’incominciare la narrazioni, allu scopu di farmi quadiari , picchì stu bestia mi fici siddiari (indica il presentatore), datimi nu minutu, pi cortesia, pi lassarimi concintrari nta facenna, e po’vi la cuntu tuttu d’un ciatu a comu veni veni… ( come se si fosse ricordato qualcosa, in quel momento) Ahu, e nun vi mittiti a camurria; nunca, muti, calmi e sori sori, e assittativi tutti, gentili signori. ( poi, con aria minacciosa) E, v’avvisu, se cusà, c’è qualcunu ca vulissi sapiri li cosi a pisu, osia ficcannuci lu so nasu, macari cridennusi c’avemu strantisu, è megghiu ca ‘n fa u san Tummasu e m’ascuta stu cunsigghiu: Jatavinni beddi valenti, ca ccà nun si parra o si sparra di la genti…comu se fussimu nta ‘n curtigghiu! Semu bravi prissuni e semu contenti.

Presentatore- Bravo!

Vitu – Grazie.

Presentatore – Prego.

Vitu - E ora, chiarita a questioni  - spiramu -  m'ata scutari tutti manzi e sori, picchì vi parru di la riunioni cunduminiali - e non di cunti e numinagghi, comu stilavu cuntari a villa varagghi –  esattamente comu c’è scrittu ccà nto virbali -  tenutasi costi` passannuaieri, che pi la liggi è già in vigori. Attacca banna! (rullo di tamburi)-

E comu si stila nta sti casi, pi' primu arrivau lu purteri:  Sbalanca tuttu, l'aria s’a cangiari; abbessa i seggi, va` avant'arreri, tant'u sapemu: Ribussa a dinari! (il presentatore, si mette in testa un berretto con visiera, o qualche indumento adatto, e fa i gesti e i movimenti del portiere, Vitu lo guarda con aria di sufficienza, quindi serioso riattacca). Poi trasiu lu Rraggiuneri: Siccu e lariu, diminiscanzi, chinu di tikke davanti e d'arreri, cu carti, virbali, cunti e bilanzi (entra , invece una bella donna elegante portamento da donna in carriera, potrebbe essere Melu truccato) Iddu s'assetta cu fari schifatu, apri la borza e si metti l'ucchiali; po’ sparpaglia cartazzi supra a lu tavulu  vecchiu e scassatu -  s’adduna cu c'e`... e si leggi u giurnali…-

Presentatore-portiere- Zu Vitu, zu Vitu...(tenta di richiamare l'attenzione del narratore sull'equivoco)...pis...ps...a tia.

Vitu – Ahu, a vo' finiri cu ssa camurria? (poi vede la donna seduta al tavolino) A visti, e allura? cchi voi di mia? Cchi mi cunti! Cca c'è scrittu raggiuneri siccu e lariu, diminiscanzi ecc. ecc., ddocu, cuntaccilla all'autori. Allura, unn'erumu arruati...ah...dunchi... E lu purteri ‘ngrasciatu e piatusu … attaccau  nu trivulu da telegiornali:

Presentatore - portiere -  Rraggiuneri, vi raccumannu l'aumentu;  a vita e` sempri cchiù cara, c'e    l'inflazzioni... nto Fiscu c’è Viscu, ca ‘n avi abbentu…Po' aiu na figghia da maritari. Mi rimettu nta li manu di vossia, pi carità, fatimi sta concessioni. Pi l’animi de murticeddi pinzati a mia!

Vitu-  (accigliato, richiamandolo) Vuoi dire: Del priatoriu?

Presentatore-portiere: C’allura, sicuru: pe l’animi de muticeddi d’o priatoriu, e così sia!

Vitu – (indicando il ragioniere) Chidd’annaca a testa comu nu sceccu; comu a qual omo (guarda sottecchi la donna e poi scrolla le spalle)... ca vulissi diri: “Cusa`, forsi, macari, po’ videmu ... e nta so menti penza: cunnutu cu ci cridi.  Si ti lu dugnu sugnu pazzu e babbaleccu! Tannu a stari friscu, ‘mbecille e scemu! Nunchè pezzu di tintu sciauni, sparritteri e beccu!

Po' c’eranu don Vicenzu Camilleri 'o dutturi " Nzisacchiccosi"; ca s'assettanu parrannu di fumeri, cu ddi vuccuzzi stritti e vummicosi. Po’ vinni  Marinu, mastru varveri, cu na para di mustazzi in pinnenza, ca si tuccava i so’ pampasciuni, ammentri ci dava la pricidenza - a Patri Cuntornu - jettaturi, giallu, siccu, mavaru e… cunfissuri; po’arrivò dda mala vintura sprurenti, di dda panza di Vinirannu Pulvirenti, tirchiu  e miserabili, chinu di corni russi contr’a jettatura: picchì pensa ca li so cari amici e parenti, ci ana fattu la massima “fattura”. Beh, ‘nzumma, in cunfirenza, p’a so granni priccheria, vulissinu ca stirazzi i peri - allura allura, p’a ammuccarisi finalmente a so’ robba e i so’ dinari.

Iddu gira li mani in circunfirenza, facennu li corna a pattri Cuntornu e cumpagnia. ( sono citati, ma non presenti in scena)

Intantu arrivaru la maistra Onorati, cu lu Maresciallu Bastianazzi. E s’accoffularu...fini e dilicati, comu a chiddu ca si cala l’asu i mazzi! ( i due entrano in scena: la Onorati è una quarantenne già appassita, ma non rassegnata; il maresciallo è piccoletto, dignitoso, indossa un vestito unica tinta, camicia bianca,  cravatta nera. Essi salutano col capo e si mettono a sedere).

Quann’arrivò ddu gran toccu da infirmera Bonagola, tutti i prisenti sbalancaru l'occhi, picchì sculittava comu na cagnola, s’annacava di na sorti di manera, d'arrusbigghiari vicchiazzi e puppi - osia finocchi. (la ragazza belloccia, ancheggiando si siede vicino agli altri)

Appena arrivau Turiddu Pullara` detto “ciaccaligna” ( entra in scena dondolandosi, un giovane trentennete: capelli lisci, corvini, che quasi partono dalle foltissime sopracciglie), a maistra Onorati tutt’avvampo': tantu lu sapemu tutti ca pi Turi, idda si cattigghia tutta c'o popo'. Ma ddu carussazzu avi occhi sulu p’a 'nfirmera e d'a maistra, pari, ca sinni futti; pi' cui, la midesima, cangia bannera, e pi' 'mpignu fa taliati a tutti. 

Appressu trasiu u capu de Capuletti, Laganà jammasicca. ( entra un piccolo ometto, porta i baffetti a spazzolino, si muove a scatti e con la gamba sinistra ha una piccola difficoltà di deambulazione ) Iddu taliò di ccà, vardò di ddà, desi la manu a tutti li signuri, poi  s'assittau a sinistra, in funnu, vicinu ai so’ prutetti, senza  addinnari  l'amministraturi. O quali ci satau la musca al nasu! Desi na tagliata allu raloggiu, si susiu, s’assittau a casu, si sciusciau la nasca comu nu scurreggiu, osia di trummuni ormai stunatu, poi, rassegnato si rimisi a leggiri u giunnali ( i detti fanno la scena descritta).

E u Capuletti satau all’aria arraggiatu:

Laganà -  Rraggiuneri! E cchi si leggi u giunnali? Ma varda cchi cosi. (da uno sguardo in giro per cercare l’approvazione dei presenti) E quannu accuminzamu lu dibattitu? Sono già passati esattamente (guarda l’orologio) tre minuti dall’orario stabilitu e si leggi ancora u giunnali? L'assemblea 'n'e` pi' casu fatta sulamenti p'a Ditta appoggiu? Ccà sempre e sulu i fissa semu puntuali, comu si a genti n’ avissi cchi fari; mentri certi " arrucati" armali, stilanu comu giusta cosa arritardari. Annunca, 'n si voli convocalla? Nun ci damu 'na taliata ai cunti? O si cerca a scasciuni p'invalidalla, ca cumpricità di li “cumpari” assenti, in combutta cu tutti li cunsunti, ondi fari arristari allu so' postu stu sciavuni d’Amministraturi tintu e tostu, ca sta a capu di tuttu stu cunsorziu: Lattru, mariolu, e omu loscu!(scatto d'impazienza) Ahu Vitu e ju nun ci a fazzu a diri tutti sti parulazzi a na bedda carusa comu a chidda.

Vitu – E cchi voi di mia? arrivorditi a regola prima do tiatru: Facemu finta di nenti. Abbozza e cuntinua!

Laganà – E facili a dirisi...mammaggia, mannaggia...dunchi dicevu: lattru, mariolu e omu loscu (fa cenno come dire: e pazienza), cu la cumpricita` di ssi farabutti ( e fa cenno al Muntecchi Saru Mafai, uno spilungone vestito a festa, che entra proprio in quel momento) ddocu, (come schifato) cu certi Muntecchi babbalecchi assai- cu 'ntesta ddu beccu tintu e cunsuntu, ca rispunni al nome di Saru Mafai! ( Sarino ha un soprassalto, non aspettandosi così presto l’invettiva).

Mafai -  Ahò, mancu trasii e sunu gia` guai? Chi avi ssu giannusu e sciarrinu, tintu Capuletti senza sustanza, ca veni cca, a fari u malandrinu, sparannu  a bruciapilu nta la panza, palori di focu degni di … di…di suburbiu osia suburru…

Infermiera – Mamma mia, cchi parulazzi, signor Mafai… (equivocando la parola “Suburra” e facendo la timida)

Mafai – E cchi capiu chissa? (sbalordito, guardandosi in giro)

Onorati – …accura c’a carusa si scannalia (con marcata ironia).

Infermiera – Ma nun dissi…

Mafai – Signorina, siti bedda, ma non lesta: ju dissi Suburra, e nun chiddu ca vi passau pi la testa! (seccato)

Infermiera – Baddamatri, e cchi voli diri? (risentita)

Maresciallu – Signorina, calma, c’è un equivoco, ora ce lo spiego io: allura: il qui presente signor Mafai, voleva significare che (confondendosi) che… voleva dire…insomma, il suburbio era il quartiere periferico della Roma antica, comu per esempiu, pi Catania: Canalicchiu, Nesima o Santu Nuddu. Mentri, inveci, la Suburra, era il postribolo…

Turi – Ecco! (trionfante) Lo volevo dire io. Inzumma Signorina Bonagola, in paroli poveri, chiddu ca ssu cristianu ammuntuau, fussi a significari du sordi di corda e nu chiaccu, osia na furca, unni s’affucunu i cristiani. Per esempio, putacasu, macari oggi, in America...

Maresciallo- (seccato, bassa voce) Ju ci affocassi a tia.(poi ad alta voce) Ma insomma signor Pullarà si voli stari zittu? Chiddu unni, secunnu vui, affucuvunu i cristiani si chiama patibolo. Il postribolo, inveci è un posto dove… ossia un luogo…inzumma…

Vitu – ( a bassa voce) …Unni si ‘ntrumma…

Infermiera – Ah, ora capiu… è …è na cosa… come nu…come nu…

Vitu - (ancora trionfante)…nu burdellu…

Onorati (indicando l’infermiera) … ergo, a casa sò!

Infermiera -(pizzicata) …Ju a chista la pinnu, maresciallu!

Maresciallo- Boni, boni…semu civili o no?

Laganà – E ci vosi l’interpriti e nu sciavuni, pi capiri stu mariuolu. (indicando Mafai).

Mafai – ( all’infermiera e alla Onorati cerimonioso) … Ju parru cu la dovuta creanza, (poi a Laganà) non comu certi vastasi e scarricaturi di molu.

Laganà – (sarcastico) Parrau lu barunellu cu setti baddi e nu castellu.(rabbioso) Vattinni, vah, lattru, tintu e ‘mbrugghiuni.

Mafai -  (Bilioso, poi guardandosi in giro per avere appoggio) Ahu, e a cu ci u cunti stu sturnellu? E cchi portu scrittu nta la frunti sta matina? Fissa? o priccasu sugnu orbu e sordu? (poi a Laganà direttamente) Nunca, vegnu e mi spiegu pezzu di crastuni: Pozzu pozzu, vulissi ca t'accordu nu vastuni di chiuppuru nta la schina?

Laganà – Ata sintitu tutti a stu cajordu? Ma cchi m’aiu cunprumettiri sta sira!

Marasciallu - Calma, signori, calma e cchi è?  Comu? ancora  e` nenti e gia` vi sciarriati? Ju dicissi: facemu u presidenti, e senza fari sti facci d’incazzati, contrullamu i millesimi e cu c’è, e discurremu di st’ordine del giornu.

Vitu - U me aumentu! - Scascio` lu purteri.

        - L'ascinsori!- Prijo` patri Cuntornu.

        - A luci nte scali...- Dissi lu varveri.

        - Facemu u prifissuri prisidenti.- Prupuniu ddu pagghiolu di Marinu.

        - Accittamu.- Dissi l'espunenti di tutti i Capuletti, don Sarinu.

Laganà – U prifissuri? Nu mumentu, senza offesa pi nuddu, ma s'aviss'a vutari a maggiuranza...-

Mafai – Parrau iddu, Puddu Lagana` "Jammatisa", de' Muntecchi voci e sustanza.

Laganà – U to’ pattruni si ci primmetti, (sarcastico) Saru “ ca nun ci attisa” de’ Capuleti primu ruffianu!(eventuale gesto dimostrativo, l’altro fa cenno d’alzarsi).

Mafai –Cchi mi voi mettiri alla prova, macari cu la manu?

Laganà – Vaia Sarinu, ca fai mala comparsa…

Vitu – Ahu e cchi è stu schifiu? Cca ci sunu fimmini - malarrucati!

Dunchi, dicevu: E doppu tri vutazioni a vuotu, alla quarta fu fattu lu Maresciallu, ca cu 'na vuciata di civitotu, misi fini a tuttu ssu burdellu.

Maresciallu – Ahu!!! Signore e signori avemu tutti primura! Allura, i millesimi ci su, il quorum è raggiunto, e cunziquetamenti passamu subbutu all'ordini d'o jornu, ca si nun m'ingannu, recita: Primo: S'ha spurgari a fugnatura.-

Laganà - Ma comu? nun si fici passannaieri?-

Amministratori - E si vidi ca siti granni…’ntasatori, e ci voli a pompa de' pumperi...

Onorati - Pattri, Figghiu e Spiritu Santu, ( segniandosi), nun’ e`picchissu lu gran fetu ca sentu?-

Laganà – (sottovoce) Forsi sunu li so' pedi squarati ca fetunu di fumeri...

Infermiera - Ju vulissi u specchiu nell'ascinsuri (facendo la vezzeggiata e, contemporaneamente guardando con occhi di triglia Turi, che corrisponde con uno sguardo maliardo, d’assassino).

Vitu - Ahò l’accuntintaru subbutu la pupa, l'appruvanu a granni a maggiuranza, a prima vutazioni  e ci vut’a favuri pur’a scupa, annunca ci abballavunu nta panza.

A stu puntu a sirata si quario`: T'arriva, comu ‘n toru 'nfuriatu, Santu Pigna (presentatore truccato da…), ca senza schi`, ne` sco`, ‘mbriacu comu na signa, si chiama li so’ diritti di sfrattatu. Poi fici c’un’itu na minazza attonnu, cullittiva, e dissi:

Santu Pigna –  Nun mi futtiti stativi accura! cu rispettu parrannu, portu i mutanni di lanna, su misura!

Vitu - Fattu st'attu di malandrineria, viro` di bordu comu nu tuppettu, lassannisi appressu 'na scia, na puzza di vinuzzu do Malettu.

Onorati – Mattrisantissima cchi puzza.-

Infermiera – Vih, malanova cche dilicata…-

Onorati – Muta tu, sprurenti e malarucata.

Turi – Avaia signura, mi si l’accuzza…

Maresciallu – Finiamola, signori, pi’ cortesia, e unni semu forsi ‘a pischeria?

Amministratori – Presidenti, vogghiu la parola.

Laganà – Voglio? L’erba voglio non cresce…

Infermiera (tutta giuliva) … nemmeno nel giardino del re.-

Laganà – Brava! (poi rivolto all’amministratore, con fare da popolano eccessivamente cerimonioso) Casumai … vulissi… putacasu…

Mafai – Casomai, vulissi. putacasu? Ahu ma cchi si in sensi, tintu cursotu?

Laganà- Megghiu cursotu ca zaurdu cifalotu. (sentenzioso)

Maresciallo – Signori, vi prego, semo onorati di sintiri le vostre provenienze. Ma cca si tratta di conduminiu, perbacco. Ragiuneri a voi la parola.

Amministraturi -  Grazie signor presidente. (pausa teatrale) Signori condomini,  mi pari ca cca` nun semu a scola, vardati, s’avissi appruvari stu rendicuntu: Sunu esattamenti …precisi precisi…  avissaru a essiri…videmu…(suspance) eccu: un milioni, puntu!

Maresciallu -In tuttu? -

Amministratore- No a testa!-

Vitu – Minchiuni!

Laganà – Quantu dissi ssu cunsuntu?

Maresciallu – Un milioni! E cchi su’ vampugghi?

Laganà – Nta carina ci dugnu un miliuni di vastunati!

Onorati – Ma cchi m’aia fari u mutuu, o m’aia mettiri nte mbrogghi?

Infermera – Varda comu ni stamu pinnannu tutti, dispirati…

Onorati – Ahu, bedda, ju sugnu na lavorattrici! e mi uscu a vita onestamente, mentri cert’autri prissuni (indicando col mento l’infermiera) alli voti…fannu puru li…massaggiatrici. (fa il gesto).

Infermiera – Vih, chi fimmina, vilinusa! È’ na serpi, nu scussuni!

Turi – Signora Onorati, la signorina qui prisenti, nun vuleva…

Onorati – Mutu tu, beccu cuntentu e cca prova!!

Maresciallu – Raggiuneri, a propositu di prova: siti sicuru di ssa somma? ci aviti la prova pruvata?

Amministraturi- Gnursì! Ora, si pozzu…Allura, dicevu: e s'hann'a pavari senza scasciuni! Ccà c’è immancabilmente infallibilmente, inesorabilmente tutta la comprova...-

Vitu - Impallideru l'infimmera, Capuletti, Pullara`, u dutturi,  Cuntornu, Montecchi, don  Vinirannu e u prifissuri. U maresciallu ci vinni a tussi; Marinu lu varveri 'n capiu nenti. Don Vicenzu dissi: Ma cchi ccosi...;e alla maistra manco` lu rispiru. S'intisi puru qualcunu ca lastimo`; Lagana` nun ci la fici a diri: piu… e l'aumentu lu purteri si lu juco`; e a mia, parranno cu creanza,  mi si sciugghiu lu stomacu  nta la panza.

'N ci criditi? ma nta ddu mumentu ci fu un gran silenziu, e mi paria di star’addinucchiatu nta cunventu, unni la genti si pinna, prija e sciuscia incenziu. E si 'n bastassi, passatu u lampu, pi nui puvirazzi, 'n vinni puru u tronu, senza scampu.

Amministratori - … ( con ferocia) Ora s’appassari al secondo argomento. Ata sapiri, ca oltri a li spisi previsti dill’ascensuri, e di l’autoclavi e di l’androni, c'e` la tirrazza cunduminiali ca di bonu a bonu, spanni  sutta la casa dell'assessuri. Pi cumidità e accellerari i cosi, cca` c'e lu privintivu dei travagghi bell'e` fattu: Mattunelli, pici e cumprissuri, iva, e manudopera a strasattu. Il tutto ammonta a... videmu un po'... Eccu: Sunu cinquanta miliuni!"

Laganà - Alla facciazza tò! E cchi nni pigghiasti pi minchiuni? Ca ora mi vinnu l’appartamentu pi aggiustari la terrazza? Vaja, siamo seri. Allura, in primis propongo di rifari u privintivu,

macari circannu autri Ditti, e pi' vidiri magari se nta stu condominiu  e` mortu, ossia s'e` vivu, lu bon sensu di prissuni adutti. In secundis a m’a mammari via st’amministraturi; pozzu, pozzu, eppoi…

Mafai (sfottente)  … cchi nnicchi nnacchi abballari cu vui?

Laganà – Nutu, sceccu vistutu pulitu.

Mafai – Viddanu arrinisciutu.

Maresciallu – Bboni, bboni, cca si parra di piccioli beddi pisanti. Damuni na calmata e arraggiunamu.

Infirmera – Benissimo, palori santi!

Turi – Appoggiu tuttu, macari lu quesitu.

Onorati – C’appoggi tu, sciaccaligna! zittu e mutu!

Turi – Signora appattegnu ai sciaccaligna e mi ni vantu. Pirò appoggiu chiddu ca dissi idda - dda carusa….

Onorati- Vih cchi granni onuri sta vostra appartenenza…Ma v’o cuccati omu pi cumparsa!

Infirmera – Cchi dissi ssa vicchiazza vavusa?

Onorati – Ca ti pinnu - vuccuzza di stummu scaffitutu!

Laganà – Ahò, ora l’avissiru a finiri cu sta farsa. Cca i picciuli sunu in crescenza, si ‘n na sapemu quartieri, ni scavamu pi sicuru na bella fossa.

Turi – (sottovoce all’infemiera, facendo lo spiritoso) Unni? Ai tri canceddi? Nun c’è cchiù postu…

Maresciallu – (a Laganà) Ben detto! Sentitimi un momentu…-Turi mutu!- Zitti e bboni. N’amicu di me cuscinu canusci un’Impresa seria e non caravigghiara, ca, forsi forsi, pi mità, osia pi sicuru, a terrazza e l’androni ci arripara. Ora ci apprisento la questioni e videmu cchi cosa si po fari. Nto frattempo, si Turi Pullarà finalmente ci primmetti (vedendo che fa ancora gli occhi morti all’infermiera), comu dissi l’amicu Laganà, invitu tutti i signori condomini di ricercare qualche altra impresa- nun si sa mai- ca ci fa il preventivu cchiu favorevole pi tuttu ssu travagghiu, unni verificari se è si o no, s’è mortu o s’è vivu, si nun sbagghiu, chiddu ca si spera, cioè arrisparmiari un pugnu di milioni ed eventuali possibili maneggi di lestofanti e di ‘mbrugghiuni. Cu è daccordu isa la manu dritta, cu nun è, isa la manu manca ( i presenti alzano le mani, ma si fa confusione) Un mumento: facemu accussì: cu è d’accordo alza la manu, cu non è, si sta soru soru.

Infermiera- Signor mirisciallu, non capii se debbo isari la mano picchì vogghiu la tirrazza, oppure l’impresa…

Turi – Signorina, vardassi ci lu spiegu ju: Se voli a mia isa la manu destra…(mormorio dei presenti) volevo dire: se voli la terrazza si sta fremma fremma…

Amministratori – Ma quali terrazza e tirrazza! Ca si parra di l’imprisa.

Maresciallu- E mi pari di si, gran tistazza ( a Turi).

Onorati – E chi centra Turi sciaccaligna, amprisa c’ambrugghiamu?

Turi – Amprisa c’ambrogghiu ju? Bedda chista! E cchi c’entru ju cu l’impresa e ca tirrazza? E quannu mai. Io volevo solo spiegari alla qui presenti signorina Bonagola, che si deve alzari la mano sulu, asempiu, a manca p’a terrazza, e la dritta pi l’amministratori, si nun sbagghiu la quistioni.-

Laganà - Ma chi sta dicennu stu minchiuni? mi cunfirmate macari l’amministraturi?Azzu! A ssu pezzu di lattru e scarafuni? Ma cchi siti Giufà o pazzu? Ju vi addinunzio ai carrabbineri-

Amministratori – Ju addinunzu a vui. Calunniatori e minzugnaru!

Mafai – Bravu! Appoggiu tuttu. E ju sugnu u vostru testimoni, cavaleri.

Amministratori – Grazzie assai, signor Mafai, qua la manu.

Laganà – Comu, a so’ favori fai u testimuni? Sanguedigiudalattroeassassinu! Si sapeva già ca eri compari di ssu sciavuni, ma ora ci fai macari u licchinu! Signori, ecco la prova provata se stu dilinquentuni, n’ è culu e cammisa di ssu pezzu di lattruni!

Onorati- Ahu vui, parrati pulitu!

Infermiera – …Annunca s’affrunta…

Onorati – A sintiti sta cajorda?

Mafai- (alzandosi e impugnando il bastone a mo’ di sciabola) Signor amministraturi, nonché cavalieri, ju sugnu prontu pi la tistimoniata! quannu l’accattati a carta bullata?

Laganà – Avanti Savoja! Cu ssa carta, chiddu ca sapiti vui vi ci putiti stuiari. Cca ci sunu provi provati che siti na banda di scippatori autorizzati, pi delinquere e p’a arrubbari, noncchè, si capita, magari p’astruppiari: tu, iddu e cu vi teni lu burduni.

Maresciallu – Mi pari, signor Laganà, ca ora stati scasciannu assaiuni.

Laganà – A vui chiedu scusa, signor maresciallu ma ccà, ccà ci sunu scarafoni di fossu, ca si mangianu stu condominiu sanu sanu cu tuttu l’ossu.

Turi – Fora i nnomi!

Onorati – Bravu Turi Pullarà!

Infirmera – Varda sta vecchia ruffiana…

Onotati (sottovoce) Muta, sorti di buttana.

Lagana – I nnomi e macari li cognomi, e comu siti ‘ntisi, ve li faccio al momentu opportunu. Intantu vi cuntrollu comu siti misi.

Mafai- Controlla a to soru! Ca semu genti onesta.

Turi - … e a robba manca.

Mafai- Cosa avete detto?

Tuti – Ca…ca…manca

Infermiera – Dissi a manu manca, ‘nzumma ca sa isari a manu manca.

Maresciallu – Bedda matri sta fimmina avi l’oru nta vucca: avi raggiuni, si deve votare, signori miei diamoci da fare.

Amministratori – E finalmente finiu sta farsa. Parliamo ora col sale in zucca.

Mafai – Approvu!

Laganà - …(tra i denti) Ruffianu da testa ai piedi.

Maresciallu – Allura, accuzzamu, cu è daccordu alzi la manu.

Infermiera – D’accordo a cchi cosa?

Maresciallu – (guardando ammirato la donna e confondendosi) Gentili signorina, a fari la terrazza… anzi i lavori… no cchi dicu… u privintivu…

Laganà – (paziente) La ricerca dei preventivi… se nun mi sbagghiu e se u maresciallu ci arritonna a vista di l’occhi.

Maresciallu – Bravo! Ben detto! A vista di… ma cchi dicu…i privintivi per i lavori.

Amministratore – Non sono d’accordo, ma mi conformo. Si arraggiuna finalmenti! Ora ju, d’amicu e da vostru amministratori, vi dicu la prisenti: circati di fare in prescia prescia, picchì sennò la vostra casa si la mangiano l’avvucati, liscia liscia…

Laganà – Cchi sintiti diri?

Amministratori – Sentu dire ca se non vi sbrigati a fare riparare per bene la terrazza, pagherete i danni all’assessuri, a tunnillati, e badati nun è na minazza! Eppoi appressu c’è il quartierino del signor Cipolla lo quali è confinanti con quello che ha il difetto. E se nun si interviene veloci, a molla, a ta pavari li danni al sopradetto, o quali, v’avvisu, avi a carta bullata a teni nto cassettu. Poi, appressu ci sarebbe…

Maresciallu – Raggiuneri, l’avemu capito l’effettu. E cchi semu scemumiti granni? Il danno c’è e sa a da riparari… ma non luvannici macari li mutanni.

Laganà – Arrivuddatici do 15 pi centu.-

Onorati – Chi dici? U quindici pi centu? E chi veni a diri? Avanti!

Laganà – Veni a diri ca su un’ammontare di centu liri di travagghiu, stu gran lattruni d’amministraturi, di straforu, si mangia quindici liri, si nun sbagghiu.

Maresciallu – A che titolo, perbaccu?

Laganà – Di pizzu, pi chiamallu cu nnomu e cugnomu.

Amministratori – Ju u pizzu? Santu diavuluni a mia ssu smaccu? Ma cchi su cosi ca si diconu…

Laganà - … ma ca si fanu…

Amministratori – Tinitimi sinnò lu sbranu.

Maresciallu – Signor Laganà, per gentilezza, finitela cu ssu tonu. E voi ragiuneri datevi na calmata.

Amministratori- Mi calmu picchì sugnu un galantuomo e picchì cca prisenti ci sunu nu pugnu d’amici di vecchia data. Avanti va beni, sugnu calmu. (poi ci ripensa)

Pirò voglio dire forti e chiaru: Ju sugnu pulitu. Forsi u signor Laganà (ironico) si riferisce a qualchi autra prissuna … ca macari fa l’opposizioni, lu fintu controlluri, chiddu ca s’adduna…ma prontu ad abbuddari li manu all’occasioni.

Laganà – Ahu messere e sbirru e che intendete dire?

Amministratori – Intendu diri ca cu si cattigghia ammatula, qualchecosa, pi sicuru, si l’ammuccia.

Laganà – Minchia chi prissuna trubbula. Chiffà, mi minaccia? Aora v’abbessu ju.-

Maresciallu- Fremmi vi dissi! Signori miei e cchi cosi… cca si deve discutere e non passare ai fatti, da mafiosi. Allura, si ci primmettunu sti… signori, direi ca si semu tutti d’accordo sui privintivi, io proporrei di votare e d’aggiornare la seduta.( escono tutti, tranne il presentatore e lo zu Vitu)

Vitu - Fu un interventu ca comu un salvagenti ni salvau a tutti pari pari. Si vutau e all’unanimità – dico all’unanimità-… prittantu ‘n fu appruvatu nenti, a scunnu d’amministraturi, naturalmenti.

Prisintatori – (rientrando) Benissinu. Ma, intanto, a terrazza spanni…-

Vitu.- E lassila spanniri…cappoi… bisogna vidiri se è proprio prubrema granni…-

Prisintatori – Cchi sentiti diri? Ca è sulu tanticchia?

Vitu – Sentu diri…anzi mi scisciaru nta na ricchia, ca l’umidità n’è strabilianni, nta l’appartamento di l’assissuri. E chi aviss’a diri ju ca c’iaiu na macchia, quantu ‘n linzolu, nta pareti di fronti all’ascensuri?

Prisintaturi- E fatilu prisenti ca ci pensa iddu, l’amministraturi…( fa cenno verso le quinte)

Vitu – …a futtirisi i nostri piccioli - a sicchia…

Prisintatori –Vaia, ma siti suspittusu, su l’onuri….

Vitu – Cui ju? Ma se sugnu tuttu na nnocenza. U fattu è ca nun sacciu di precisu se spammi lu tubu d’o muru d’arreri a credenza, o chiddu d’a colonna muntanti ch’è lisu. E comunque sempri pili sunu, senza ardenza, osia ‘mpurtanza. Eppoi, tornando alla terrazza: tu sei ignuranti picchì, devi sapiri, ca se putacaso non chiovi pi sei misi, tuttu si risolve da se: ossia il calcio contenuto nell’acqua, sculannu, sculannu, chianu chianu ti fa na sorti di crosta ca è forte cchiù do cimentuarmatu. E nel giro di pochi mesi tappa a tappu qualsiasi spannitura. Ma babbaleccu, penza e grutti calcarei, ca fannu certi sorti di cannili nto tettu e in terra, ca pari mammuru di Carrara. Annunca u sai o nun u sai? E sunu chiamati stallittiti, tantu priffetti, ca parunu fatti do ciraru, u zu Jachinu Bellassai, E allura, nta grutta si e nta terrazza no? Ahò, a liggi e uguali pi tutti, si nun mi sbagghiu! E’ logicu? E cu chissu ti salutai!

Prisintaturi – Mizzica cchi prescia, e nu mumentu. E dicitimi, comu finiu l’assimbrea?

Vitu – Comu finiu? Finìu ca po' prisenti, l’amministraturi abbuzzau! Tutti pigghiammu sciatu e sentimenti, e l'assemblea fu sciolta e u virbali si stilau: Picchi` quannu s'a na nesciri dinari, i condomini su’ tutti d’accordu, e nuddu s’arrisica cchiù a pipiari: Po', dissi lu maresciallu: tutti a bordu! piriculu scampatu, finalmenti. Cappoi, forsi forsi, fra se' misi, sinni po' puru parrari… cusà, pri casu, macari … sulamenti.”

E chissu è tuttu: nettu, pulitu, senz’ossa e senza spini: piffittamenenti, osia: tali e quali!

Prisintaturi – Zu Vitu, aspettati; a verità, comu finiu cu Turi Pullarà e a ‘nfirmera do spitali?

Vitu – Quannu nta dda stissa siritina?

Prisintaturi – Annunca quannu, dumanimatina?

Vitu – E comu voi ca finiu… finiu… finiu…can nun ti lu dicu: tintu quaquaraquà e sparritteri.

Prisintatori- Mizzica sempri vui siti, e cchi razza d’amicu… Ju sugnu sulu curiusu e a curiosità è sintomu d’intelligenza.

Vitu – A curiosità è sintumu ‘ntricanza, picchì tu si ntricaloru comu na fimmina cuttigghiara. (sornione) Cappoi chissa è n’autra storia…

Prisintatori – Bonu, và, ama finutu. A ci nni voli cu vui di pascienza…

Vitu –  Lu capisti ora, babbasunazzu. (poi confidenzialmente) Ahu e uora doppu stu scantazzu, mi vinnu st’appartamentu e cu chiddu ca pigghiu  m'accattu na cusidda di strapazzu,  macari nfunnu a nu curtigghiu.

Prisintaturi – Ma quannu mai, cchi diciti, ‘n faciti stu passu. Tra Muntecchi e Capuletti, niuri e janchi, sti riunioni su sempri nu spassu, picchì su’ na farsa, veru tiatru ciaccascianchi.

Avaja nun diciti minchiati: si vinni iti po’ v’abbattiti lu pettu: a unn’u truvati cchiù u sbaddu di ssi sirati, senza pavari u prezzu d'o bigliettu?

Attacca banna! (rullo di tamburi, poi musica adatta)

I due, prendendosi sottobraccio, lasciano la scena, ma esce solamente il presentatore. Carmelo va verso il proscenio.

Car.- Basta accussì carusi, pi sta sira ama spirdutu, itavinni a casa.-

Quindi Carmelo (Vitu) va a sedersi, stancamente, nel proscenio. Entra Rosario. Il giovane lo sta a guardare, poi, quando la musica cessa e si accendono le luci di servizio, si avvicina al capocomico.

Ros.- Maestro, siete stanco e insoddisfatto, vi capisco. Le prove di stasera non sono andate troppo bene, vero?-

Car.- Ma no. Ma no. Non mi pozzu lamintari. A sufficienza va dugnu a tutti.-

Ros.- Speriamo bene per dopo... col pubblico presente in sala...-

Car.- Co pubblicu andrà a meravigghia. S'avemu ricitaru beninu stasira, che seggi vacanti,     immagina comu reciteremu dumanisira, quannu, dda sutta, ci sarannu assittati ducentu cristiani.

Ducentu animi vivi ca co so ciatu ci darannu tutta dda sacra forza ca ci servi, a nuatri, modesti attori, pi rapprisintari i nostri personaggi, ai quali pristamu, si, lu nostru corpu, ma ci arrialamu, pi junta, la nostra anima.

Picchì, vidi, oggi semu afflitti e stanchi, ma dumani sira, appena calerà u sipariu, la nostra fatica svanirà, subbissata da un mari di applausi -speriamu.(si alza a fatica) Eh, caru miu, chissu è u bellu do nostru misteri: si varda d'avanti e mai d'arreri.-

Finita la tirata, si alza e và al centro della scena, dove lo raggiungono gli altri attori per l'applauso finale e il ringraziamento al pubblico.

 

Fine