Amore


Attrova 'na parola: schivila 'cca sutta e ammacca u buttuni

A parola d’amanti un cririri

(Non credere a parola d’amante)

 

A prima vasata è arrubbata, a sicunna è arrigalata

(Il primo bacio è rubato, il secondo è regalato)

 

Ama a cu t’ama si vo’ aviri spassu, c’amari a cu nun t’ama è tempu persu

(Ama chi t’ama se vuoi averne diletto, perché amar chi non t’ama è tempo perso)

 

Amuri pi ‘ntentu dura quantu u ventu

(Amore per interesse dura quanto il vento, cioè poco)

 

C’unn’è gilusu unn’è amanti

(Chi non è geloso, non ama)

 

Cu avi i manu friddi è ‘nnamuratu, cu l’avi cauri è ‘ngarzatu

(Chi ha le mani fredde è innamorato, chi ce l’ha calde è inguaiato)

 

Cu patisci p’amuri un senti duluri

(Chi soffre per amore non sente dolore)

 

Cu pigghia biddizzi, pigghia corna

(Chi si sposa con donne belle, è destinato ad aver le corna)

 

Cu voli beni, un senti fetu d’agghia

(Chi vuol bene non sente alito cattivo, nella fattispecie puzza d'aglio)

 

Facci nun vista è disiata

(Viso non visto è desiderato)

 

Fimmina ca ridi, t’ha dittu si

(Quando una donna ti sorride,ti ha già detto di sì)

 

L’amuri c’un veni di lu cori è comu ‘na minestra senza sali

(L’amor che non vien dal cuore è come una minestra senza sale)

 

L’amuri cumincia ccu lu cantu e finisci ccu lu chiantu

(L’amore comincia col canto e finisce col pianto)

 

L’amuri è comu u citruolu: cumincia duci e finisci amaru

(L’amore è come un cetriolo: comincia dolce e finisce amaro)

 

L’amuri tutti dicinu ch’è amaru, ma tutti vuonnu vidiri s’è veru

(Tutti dicono che l’amore è amaro, ma vogliono ugualmente provarlo)

 

Minn’acchianassi ‘ncielu si putissi, ccu na scalidda di triccentu passi, nun mi nni curu siddu si rumpissi basta ca ti stringissi e ti vasassi

(Salirei in cielo, se potessi, con una scala di trecento gradini, senza preoccuparmi che potrebbe rompersi, purchè potessi stringerti e baciarti)

 

Un ci po’ essiri veru amuri unni ognunu vol’essiri patruni

(Non ci può esser vero amore ove ognuno vuol comandare)

 

Lu maritari è comu lu miluni: un si sapi soccu attrovi

(Sposarsi è come comprare un melone: non sai mai cosa trovi - se sarà buono o no)

 

Fìmmina ca ti cunsigghia ti metti la gunnedda o la brigghia

(Donna che ti consiglia ti mette la gonnella o la briglia)

 

Ama l'omu to' cu lu viziu so'

(Ama il tuo uomo con tutti i suoi difetti)

 

Quannu amuri voli, trova locu  

(Quando si vuole veramente qualcosa per la persona amata, si trova la maniera di arrivarci, nonostante le difficoltà)

 

Amuri di vinnigna

(Lett. amore di vendemmia, amore estivo)

 

A spusa maiulina un godi la curtina

(Tra i pregiudizi del mese di maggio vi era e rimane ancora quello di non contrarre matrimonio durante il mese in quanto si dice che la sposa non godrà a lungo del matrimonio)

 

Cu si innamura di capiddi e dienti, s'innamura di nienti!

(Non bisogna innamorarsi soltanto della bellezza fisica di una persona ma bisogna guardare anche la parte interiore)

 

Tri sunnu i cori amati: mamma, soru e frati

(Tre sono i cuori amati: mamma, sorella e fratello. Stranamente non c'è il padre...)

 

Tantu 'na fimmina è bedda: quantu avi un neu 'nta la mascidda

(Tanto una donna è bella quanto ha un neo sulla mascella)

 

Sabbatu allecracori: beatu cu avi beddi li mugghieri! Cu l'avi lari s'arramagghia u cori!

(Sabato fa bene al cuore: beato chi ha la moglie bella! Chi ce l'ha brutta gli si stringe il cuore!)