Amuri di frati

Commedia in tre atti di

RENATO FIDONE

Anno 1981-2012

Personaggi

DON PASQUALE CIMAROSA, benestante

CONCETTA, moglie di Don Pasquale

SANTINA, sua sorella

VITALE, maresciallo dell’Arma

MAZZA, paraninfo

DON NICOLA, parroco

SALVATORE MASTELLA, emigrante

ALFONSO REINA, medico condotto

CATERINA, cameriera

PEPPINO, factotum di casa Cimarosa

Prefazione

La storia si sviluppa intorno agli anni ‘80, in Sicilia

Ogni riferimento a nomi, fatti o persone è puramente casuale e dettato dalla fantasia dell’Autore.

Si diffida chiunque apporti modifiche all’Opera senza l’autorizzazione dell’Autore.

Tutelata dalla SIAE, tutti i diritti riservati

Socio SIAE sez- DOR – cat. Autori / n. di posiz. 68330

CODICE DEL LAVORO : 348096 A

“ Parlare della commedia Amuri di Frati è come descrivere un angolo della nostra Sicilia, con i suoi valori immutabili, la casa, la famiglia, l’amore, le credenze, le superstizioni, i principi morali, le mostrade di ficodindia al sole cocente, l’aria impregnata di profumo di zagara, la vista sul mare non ancora inquinato, le alghe secche e lucenti all’ombra di verdi canne mosse dal vento, il dolce rullio di un peschereccio che punta la prua verso nuovi orizzonti e nuove speranze.

Ho letto questa prima commedia di Renato Fidone con curiosità senza alzare gli occhi dalle pagine fluide e scorrevoli, senza soluzione di continuità, segno evidente che i contenuti, i ritmi e i tempi, riescono gradevoli al primo impatto.

Sono sicuro che Amuri di Frati incontrerà il successo del pubblico e della critica e darà il battesimo artistico a Renato Fidone quale nuovo Autore del Teatro Siciliano.”

Scicli, 22.11.1984 Nino Mignemi

Primo Atto

PRIMO ATTO

Stanza da pranzo con salotto, ben arredata. Vetrata in fondo che lascia intravedere un rigoglioso giardino. La comune è ricavata da questa vetrata, sulla destra, per chi guarda, si va verso l’esterno dell’ abitazione, a sinistra verso la zona interna. Sulla parete di sinistra, dopo l’arco, una porta conduce nell’ uffcio di don Pasquale. Al centro della stanza un tavolo con sedie, suppellettili. Sulla zona destra della stanza un salotto, con poltrone ai lati e tavolinetto. Sulla parete dietro il divano una grande foto della buonanima del padre di Pasquale. Sotto potrebbe trovare posto un camino o una consolle portatelefono con un cassettino, sulla consolle un portafiori e dei lumini accesi . Sono in scena Pasquale e Concetta, litigano, come accade da qualche tempo.

**********************************

PASQUALE : ( passeggiando nervosamente, verso la moglie ) Ci trovi gustu a torturarimi d’a matina ‘a sira! Tu ‘u sai ca nun piaci mancu ‘a mia vidiri a mè soru accussì, sola, senza un conforto umano…

CONCETTA : ( seduta sulla poltrona, agitata…) ….conforto umanu! Senza n’uomunu, vuoi diri. Ppi idda ci voli sulu n’uomunu e basta.

PASQUALE : Non tutte siete state fortunate!

CONCETTA : Chi vulissutu diri?

PASQUALE : Tu mi capisti. Cu erutu prima di spusarimi, parra?

CONCETTA : (alzandosi, alterata) Cu era iu? Ma tu si pazzu! Per tua norma e regola mia madre , ca tutti chiamavunu ‘a Cavalera…

PASQUALE : ….senza cavaddu….

CONCETTA : …..per via del portamento nobiliare, armali e viddanu ca si. Diceva, ca me matri mi ha allevata comu ‘na principessa…

PASQUALE : Senza curuna…! Se ‘a st’ura stavumu spranza di tia avissumu murutu di fami…Principessa…ma nun mi fari ridiri…vattinni và!

CONCETTA : Ma tu cu ti cridi di essiri ppi ssi quattru turrina…

PASQUALE : Trecento ettari…

CONCETTA : …quattru vacchi…

PASQUALE : … quattrocento vacchi…

CONCETTA : …dui porci….

PASQUALE : …duecentocinquanta porci…

CONCETTA : E a mia nun mi fannu né cauru e né friddu

PASQUALE : E intantu ‘a signura ci mancia e ci sguazza…ammettilo…

CONCETTA : Ti fazzu ‘a serva, tò soru, invece, fa ‘a regina ‘nta ‘sta casa!

PASQUALE : Chidda è mia sorella, sangue del mio sangue!

CONCETTA : E iu sugnu tò mugghieri, pirchì nun ti spusavutu ccu idda?

PASQUALE : Ma nun diri fissarii, Concetta.

CONCETTA : Iu sugnu stuffa, nun ni pozzu cchiù!

PASQUALE : Ah si? ( deciso) E allura chidda è ‘a porta, marsc!!! ( Concetta quasi piangendo, si avvia per il fondo, poi Pasquale si siede sul divano, distrutto dallo stress, apre il giornale e si concentra nel leggere, ma all’improvviso Concetta, silenziosa come un giaguaro gli si piazza dietro e…)

CONCETTA : ( col tono alto di una sgradevle sorpresa, tanto che Pasquale ha un sussulto) Ti piacissi, inveci restu! Chista è anchi casa mia, ricordatillu! ( via di fretta sul fondo a sinistra)

PASQUALE : (ancora spaventato) Disgraziata….qualchi gghiornu mi fa moriri. E anchi oggi mi detti la dose quotidiana di veleno. E’ puntuali comu ‘e treni d’a svizzera, arrivatu ‘o manziornu, comu sempri, prima di manciari, mi da’ l’aperitivo! Disgraziata, chi malasorti ca capitai. ‘A bonanima di mè patri m’u dissi “ Pasquali nun t’a pigghiari ‘a chissa, è cchiù majara di so matri. ‘A don Gaetanu, so patri, idda ‘u fici moriri, di crepacori. “ E iu ci diveva “ Papà ma chi vai pinsannu…autri tempi…” Autri tempi? Sempri ‘a stessa è, nun cancia mai. E iu p’aviri ‘i corna duri, mi la ritrovu ccà, supra ‘a panza… Ahù, haiu ‘na panza…mi dovete credere….ca qualchi vota scoppia, a ccù cogghi cogghi….fazzu ‘na straggi!!! Mi rende la vita impossibile!! ( si accascia sulla poltrona ed entra Caterina )

CATERINA : Chi ci fu guerra, ‘o solitu? Quannu parrati sulu, voli diri ca ci forru schigghi! ( sulla trentina, sordastra…molto spigliata, con un piumino spolvera i mobili )

PASQUALE : Vidi ca tu ‘a pinsari sulu ‘a scupari, ‘u restu nun sunnu affari ca ti non riguardano, ‘a caputu?

CATERINA : E cchi c’entra ‘u mutu?

PASQUALE : Muta t’a stari, botta di vilenu!

CATERINA : (c.p.) Ci dissi ‘a signurina Santina se si vuleva fari ‘na passiata….

PASQUALE : (disgustato) E idda chi ti dissi?

CATERINA : Ci annoia, dissi ca preferisci stari ‘ncasa…

PASQUALE : A cuvari l’ova!! Maledetta puru idda! (pausa) Ma dicu, è possibili ca ‘sta picciotta nun si cumminci ‘a nesciri, ‘a pigghiari un pocu di aria, ‘a svagari. E chi fici ‘u votu della solitudini oltri a chiddu cchiù gravi della castità?

CATERINA : Mischina, ci pari bruttu!

PASQUALI : Bruttu, è pirchì?

CATERINA : Ma pirchì alla sua età è ancora signurina.

PASQUALE : Ma comu, ci sunnu certuni, fimmini dico, ca su disienu di essiri signurini e idda ca avi questa fortuna ci pari bruttu. Ma u voi capiri ca è un dono della natura, ahù, ma cchiffà vulimu schirzari. E ‘u sai chi ti dicu, io sono orgoglioso che mai nessun occhio maschile si posò su mia sorella…(ricredendosi e a bassa voce) Disgraziata, mancu unu…maledetta!

CATERINA : Ci voli n’occhiu di vitru, don Pasquali!

PASQUALE : Tu, Caterina, per esempio, chi nun si cuntenta di essere signorina?

CATERINA : ‘A ficurina?

PASQUALE : Quannu nun ti cummeni nun ci senti. Ti dissi “ nun si cuntenta di essiri signurina?”.

Signurina, mi capisti?

CATERINA : Ah, signurina? Certu ca sugnu signurina, ppi mia disgrazia. ( desolata )

PASQUALE : ( deluso dalla risposta) ‘U sai chi fai? Vattinni, nescia…

CONCETTA : Prescia? Iu prescia nun nn’haiu, tantu ‘u sacciu ca scacciuna ‘nto furnu nun nn’arrestunu.

PASQUALE : (alterato) Fora…ti dissi di iratinni fora…. ( Caterina via di corsa sulla sinistra) Chi bellu acquistu ca ficimu, ma almenu ti dessi ragiuni, no, mancu chissu. ( siede , nervosamente sfoglia il giornale, poi entra Peppino, il factotum, sulla 40na, fin da piccolo è al servizio della famiglia Cimarosa, osserva il padrone e dopo un attimo…)

PEPPINO : Don Pasquale, cc’aviti ca siti accussì nivuru?

PASQUALE : Haiu ‘a dari cuntu ‘a tia. Cosa t’interessa, Pippinu?

PEPPINO : Va beni, giustu. Parramu di travagghiu. ‘Stamatina, cuntannu ‘i vacchi, chiddi ‘nta stadda

picciala, mi nni mancau una, chidda tuppiata bianca e russa e cca stidda ‘nfrunti, chidda vi

piacia a vui…

PASQUALE : Si… mi ci aveva ‘a fari zitu! Scimunitu. E chista è ‘a secunna dosi di velenu. Continuannu di ‘sta manera d’intra ‘nmisi è sicuru ca m’a quagghiu

PEPPINO : Don Pasquale, su con la vita. ‘Sta vacca ‘nto giru di 24 uri v’a trovu iu, o si perdi ‘u me nomu!

PASQUALE : Parrau ‘u prisirenti da Repubblica. Ma cchi mi nni futti a mia d’a vacca..

PEPPINO : Ma allura pirchì siti di ‘sta manera, siti nivuru comu ‘a pici! Chi ci forru mortalità?

PASQUALE : Murtalità? Macari a Diu, chissi doppu tri gghiorna passunu…

PEPPINO : Malattii?

PASQUALE : Quasi…

PEPPINO : E chi avi assai ca dura?

PASQUALE : (distrutto) Vintanni, Pippinu, vintanni!

PEPPINO : Maronna mia…E chi sorti di malattia è?

PASQUALE : ‘Na malattia ca mi sta facennu moriri pianu pianu, suppilu suppilu…

PEPPINO : Allura nun c’è tempu di perdiri, prestu facimu ‘i valiggi e partemu!

PASQUALE : E unni vuoi iri tu?

PEPPINO : ‘Nto megghiu specialista. Pigghiamu l’aeriu, anzi ‘u trenu, forsi è megghiu, pazienza pirdimu cchiù tempu però simu sicuri c’arrivamu. Allura, quannu partemu?

PASQUALE : Ma tu cchi c’entri?

PEPPINO : E cchi vi lassu sulu? Doppu vintanni ca sugnu ccu vui, nel bisogno estremu, vi lassu? Ma chi siti pazzu?

PASQUALE : ‘U sacciu…’u sacciu ca mi vuoi beni, ma a mia ‘sta malattia mi pigghiau di straforo…di strisciu, mi capisci?

PEPPINO : Di straforu…di sbiecu…? Don Pasquali…nun vi capisciu cchiù!

PASQUALE : La vera vittima nun sugnu iu; iu ci trasu e nun ci trasu. Ci trasu pirchì sugnu un parenti stretto, anzi strettissimo…

PEPPINO : Ma allura è donna Concetta?

PASQUALE : Ppi ss’à cosa idda sana, anzi sanissima, ‘a disgraziata, mai ‘na frevi!

PEPPINO : Allura è ‘a signurina Santina?

PASQUALE : (abbassando la testa, rassegnato ) Idda è!!

PEPPINO : Ma cchi malattia è?

PASQUALE : Pippinu…(tirandolo a se)…giurami non tradirai il segreto che sto per confidarti.

PEPPINO : Ve lo giuro, don Pasquale, sfugativi c’appoi vi sintiti megghiu.

PASQUALE : Tu ‘u sai ca me soru è signurina?

PEPPINO : Certu, spusata non è!

PASQUALE : E tu ‘u sai ca ‘nta vita , sia l’uomu ca ‘a fimmina , arrivati a una certa età il loro unico desideriu è unu sulu… ?

PEPPINO : E ‘u diciti ‘a mia, don Pasquali? ‘Stu desideriu è cchiù forti di ‘mpitittu…e cchi sorti di pitittu…

PASQUALE : Bravu! E ‘stu pitittu ppi putirisi concretizzari, comu si fa?

PEPPINO : Avaia, don Pasquale, accussì mi vuliti sfuttiri, comu si fa…comu si fa…. (riflettendo) Unu ca avi ‘stu pitittu cchi fa….Dunchi, unu ca avi ‘stu pitittu…avennu ‘stu pitittu…chi si fa? ( stufo)

PASQUALE : Avanti ca è facili…!

PEPPINO : Ma ‘a risposta cch’è obbligatoria?

PASQUALE : Forza ca è facili!

PEPPINO : Unu ca avi ‘stu pitittu…si trova ‘na fimmina ca avi ‘u stissu pitittu!

PASQUALE : Bravu…bravu…dicisti ca si trova…E ppi truvalla bisogna cercare…, giustu?

PEPPINO : E si capisci, don Pasquale. Bellu fussi ca unu ‘a matina, nesci fora, ‘ncontra ‘na bedda picciotta e ci dici “ Scusi, signorina, io ci ho pititto e lei? “ E unni avissumu arrivari. Purtroppo bisogna cercare.

PASQUALE : Esatto, se nun ci cerca nun si trova.

PEPPINO : Don Pasquali, ma unni vuliti arrivari?

PASQUALE : Peppino, forsi came soru Santina ‘stu famusu pitittu nu ci l’avi!!

PEPPINO : Ma nun po’ essiri!

PASQUALE : Ti dicu di si! Nun sulu, nun si voli mancu spusari. ( quasi disperato ) ‘U capisci, vò ristari appalazzata supra è spaddi miei, ccà ‘u vidi…( mette le sue mani sulle spalle ) comu ‘na sagnetta.

PEPPINO : Certu ca è troppu difficili ‘nte gusti.

PASQUALE : E’ una situazione terribile. Nun dormu, nun manciu, ccù mè mugghieri ni pizzicamu ppi ‘na cosa di nenti. Stiamo arrivando alla rottura totale.

PEPPINO : Ma mi para ca l’annu scursu ci purtastuvu ‘o cavaleri Vadalà, una persona distinta, seria, famigghia bona…

PASQUALE : Ci parsi vecchiu e poi dici ca quannu parrava ci puzzava ‘a vucca. Pinsava ‘a ucca, ma pirchì nun pinsava ppi idda ( si ode una voce f.c., quella di Santina…)

Voce f.c. : ( ha un difetto di pronuncia, una zeppola che le fa pronunciare la “S” con la “F” rendendola ancora più ridicola) Caterina…’u lettu fallu tu, iu vaiu ‘nto iardinu ‘a cogghiri qualchi rosa…

PASQUALE : Sta vinennu. Pippinu, vai ‘o circulu è cerchi do maresciiallu Vitali e ci dici a se voli veniri il momento è propizio…

PEPPINO : Allura ci dicu ‘o maresciallu ca il momento è precipizio…

PASQUALE : Ma cchi stai ‘ncucchiannu?

PEPPINO : Ah, ci sugnu…il momemto è surfizzio…

PASQUALE : Bestia…dicci sulu ca veni ccà e basta.

PEPPINO : Appoi cchi fa cercu ‘a vacca.

PASQUALE : Ma va cerca a to soru…va…vattinni, disgraziatu puru tu!! ( si sistema sulla poltrona pronto allo scontro con la sorella) Anima e coraggio. ( fa finta di leggere il giornale, mentre di corsa, Peppino va via dal fondo a destra, poi dalla sinistra, Pasquale, appena vede comparire la sorella che sta per andare nel giardino, la chiama amorevolmente. Santina è sulla 40na, vestita di nero, castigata, capelli neri col tuppo, occhiali da vista neri, una miriade di nei che la rendono orribile, senza un filo di trucco, ha in mano una forbice da potare e dei guanti da giardino. (scostando leggermente il giornale) Santinedda!!

SANTINA : ( che cercava di evitare il fratello, si ferma di scatto prima di entrare nel giardino) Buongiorno, Pasquali!

PASQUALE : Santina, unni vai ccu tutta ‘sta primura, pari ca ‘a ppigghiari ‘u trenu?

SANTINA : Vaiu ‘nto giardinu ppi cogghiri quattru ciuri, chi vulevutu qualchi cosa?

PASQUALE : No, aveva sulu ‘u desideriu di fari quattru chiacchiri ccu tia, nun parramu mai, ma se si occupata nun nni parramu cchiù.

SANTINA : I rosi ponnu aspittari. ( si siede sul divano )

PASQUALE : Vulia sulu parrari comu fannu ‘i pirsuni civili. ( pausa, imbarazzo dei due, poi…prende coraggio Pasquale) Tu nenti m’ha diri?

SANTINA : E cchi t’avissi diri?

PASQUALE : Chi sacciu…comu ti senti, per esempiu?

SANTINA : Bene, stò beni!

PASQUALE : A mia mi pari ca ‘nta ‘sti iorna manci di meno. Cchi hai inappetenza?

SANTINA : No!

PASQUALE : Sarà, ma a mia mi pari ca si cchiù sciupata, hai perso ddu beddu coloritu rosella che avevi…comu a chiddu d’a mamà…eri un bijou, ti ricordi? (smorfia di schifo, cosciente della bugia che aveva detto)

SANTINA : Ti sbagghi, sugnu tali e quali haiu statu sempri.

PASQUALE : ( a bassa voce…verso il pubblico) Purtroppo, ‘u sacciu! ( riprendendo le domande ) Dormi bene?

SANTINA : Insomma. ( a malincuore)

PASQUALE : ( intravedendo uno spiraglio per entrare nei suoi segreti ) Cchi hai ppi casu qualchi incubo?

SANTINA : No, incubi no….( indecisa )

PASQUALE : ( incalzando con le domande ) Incubi no, però qualchi stranu sonnu si, è veru?

SANTINA : Si…stranu….stanotti.

PASQUALE : (interessato) E chi stranizzi avia? Forsi qualcunu ti vuleva acchiappari?

SANTINA : Pasquali, ma cchi dici?

PASQUALE : Ma ‘nto sonnu, Santina! Tuttu po’ capitari ‘nto sonnu. ‘A mia quanti voti m’acchiappunu! (soggetto nervi)

SANTINA : A mia nuddu m’acchiappa.

PASQUALE : ( fra se verso il pubblico ) E a tia cu t’acchiappari?

SANTINA : ( stranamente, con la voglia di raccontare il sogno ) Era ‘nto giardinu ca cuggheva i rosi ppò papà, quannu a un certu puntu una spina mi puncìu…

PASQUALE : (fra se) Tu si ‘a spina mia!

SANTINA : Appena mi ‘ntisi punciuta e vitti tuttu ssu sangu nesciri a ciumi…

PASQUALE : (c.s.) Piccatu beddu sangu!

SANTINA : ‘A terra di sutta ‘i peri mi sprufunnò e carì…

PASQUALI : E unni caristi?

SANTINA : E mentri ca carìa ti chiamava….”Pasquali….Pasquali…”

PASQUALE : (c.s.) Circava aiutu la bestia, già ca iu l’aiutu… e unni caristi m’u vuoi diri..si o no?

SANTINA : ‘Nzertulu?

PASQUALE : Avaia, nun mi fari stari ‘nte spini, parra, unni caristi?

SANTINA : Mi truvai ‘nta ‘nu spitali…

PASQUALE : Povira Santina, chissà quantu duluri che ebbitu ‘a sentirI?

SANTINA : No, ‘nca quali. Era ‘nu spitali modernu, tutti erunu uomini….

PASQUALE : E munacheddi nun ci n’erunu?

SANTINA : No, c’erunu i salesiani e inveci d’aviri ‘a tonaca avevunu una speci di vesti longa longa…ccu ‘nfazzulittuni ‘nturciuniato ‘nta testa….

PASQUALE : Stranu ‘stu sonnu.

SANTINA : E ci n’erunu ‘na partita cche fucili ca pari ca facevunu ‘a sentinella…

PASQUALE : Cche fucili, dicisti? (pensando) Ci sugnu! Chissu era di sicuru ‘nu spitali militari turcu…

SANTINA : Ancora nun nn’haiu finutu.

PASQUALE : Ma comu tinnisti a finiri ddocu. Va beni ca in Italia ‘i spitali ‘i disiamu, ma dicu, proprio ‘nta Turchia? ‘Avaia, Santina!!

SANTINA : E la sorpresa non è ancora finita. ‘Nzerta a cui ‘ncuntrai?

PASQUALE : L’ Aiatollà Komeini.

SANTINA : ‘Ncuntrai ‘o dutturi Reina…(Pasquale ha un soprassalto)

PASQUALE : ‘U dutturi Alfonso Reina? Il nostro medico condotto? Ma chista è una cosa incredibile…E com’era…com’era? ( con la grande speranza che fosse arrivato il momento giusto)

SANTINA : Com’è ‘nta vita…comu avia a essiri Pasquali?

PASQUALE : No, Santinedda, vulia diri se…se dico..se ti piacìu, eccu!

SANTINA : E chi c’entra se mi piacìu?

PASQUALE : Vulìa diri se si comportò beni…da galantuomo, và!

SANTINA : Bene, si comportò bene…gentile…molto gentile.

PASQUALE : Ti visitau?

SANTINA : Tutta, mi visitau tutta…

PASQUALE : ( fra se ) Curaggiusu ‘u cristianu! Appoi chi ti dissi…chi ti dissi…Santuzza bedda. Incredibile…incredibile…

SANTINA : Mi dissi comu mai avia finutu ddocu e poi mi miricau…

PASQUALE : ( contentissimo e distratto, quasi sognando )… ti….miricau…

SANTINA : …mi fasciau…

PASQUALE : (c.s.) ….ti fasciau….

SANTINA : mi lassau…

PASQUALE : (c.s.) ….ti lassau… ( cambiando atteggiamento, contrariato) ….e unni ti lassau, Santina?

SANTINA : Poi turnau…

PASQUALE : Ah, appoi turnau e chi fici doppu, Santuzza?

SANTINA : Mi detti….mi detti…(credendo di contrariare il fratello) Poi ti siddii……

PASQUALE : ‘Nca quali siddiari…quali siddiari…Mi siddiu se nun m’u dici…parra. Sangu di la marina!

SANTINA : (credendo di irritare il fratello) Mi detti ’nvasuni, eccu!

PASQUALE : Ti detti ‘nvasuni? (falsamente risentito) E tu…tu chi ci dicisti? Ti sarai offesa?

SANTINA : Si…cioe…no, anzi iu nun vulìa…ma iddu….però alla fini vincìu.

PASQUALE : Incredibile…incredibile… (pensa passeggiando)

SANTINA : Ti siddiasti, è veru?

PASQUALE : Cchi dici?

SANTINA : Dissi se ti siddiasti!

PASQUALE : Bè, certu…a ‘nfrati ca voli beni ‘a soru nun ci fa certu piaciri ca un tizio, anche se di provata serietà e moralità, s’a vasunìa. Però è incredibile…para ‘na cosa irreale.

SANTINA : Ma pirchì hai dittu sempri incredibili, sonnu è, tuttu po’ essiri ‘nto sonnu.

PASQUALE : Ora ti spiegu, Santuzza mia. Haiu dittu sempri incredibili, perché la persona di cui tu hai parlato, nutra nei tuoi confronti una certa simpatia…

SANTINA : Ma se mancu mi canuscia.

PASQUALE : Appuntu! ( correggendosi ) Cioè…nun ti canuscia, è veru, però sa’ tutto di te, tanto è vero che trovandosi a parlare col maresciallo Vitale, aveva espresso il desiderio di conoscerti. E tutto questo solo ieri, capisci…solo ieri…. solo ieri…! Quannu iu ancora non sapevo niente…

SANTINA : Ma che cosa dovevi sapere?

PASQUALE : Ma d’o sonnu, no? ‘U capisci ora pirchì mi pari ‘na cosa incredibili, fuori da ogni realtà.

SANTINA : Ma è una coincidenza. (incominciando ad alterarsi) ‘ U sonnu è sonnu e ‘a realtà è realtà. Iu ‘a chistu mancu sacciu cu è e cu nun nn’è.

PASQUALE : Nun cuminciari a fari ‘a stuffusa, ‘o solitu tuou.

SANTINA : E’ inutili ca ti siddii. Iu ‘u sapìa ca iva a finiri accussì.

PASQUALE : ‘U vasuni intantu ci ‘u dasti e ti piacìu…

SANTINA : Ma era ‘nto sonnu!

PASQUALE : Era e nun nn’era ‘nto sonnu…Tu stessa mi dicisti ca ci pruvasti gustu, confessa!

SANTINA : Ma quali gustu. Ti dissi ca vinciu iddu pirchì con la forza mi ha presa.

PASQUALE : Ti pighiau pirchì tu ‘u vulisti e non fare l’ipocrita.

SANTINA : ( sbattendo il piede per terra violentemente) Ccà forza mi pigghiau, e basta!!! (via verso il giardino, Pasquale le parla appresso….)

PASQUALE : O forza o nun forza ti pigghiau, lo hai confessato, il che significa che questo famoso pitittu ci l’hai macari tu, e quantu è veru Diu, a chistu tu spusi!! ( va verso la consolle, apre il cassettino, prende dei lumini che a soggetto li sistema sotto il quadro, uno al centro, poi di lato, poi cambia e ne mette due al centro e due per ogni lato, ecc….ecc…poi si rivolge alla foto del padre) Papà, tu mi dicisti di pinsari a Santinae iu ci haiu pinsatu iornu e notti. Tu mi dicisti “Nun ci fari mancari nenti” e iu ‘a trattu comu ‘na regina. Tu mi dicisti “ Chiddu ca è tuou e puru di Santina” e iu sugnu prontu a daricci puru a me parti. Papà mi devi credere, ho fatto tuttu chiddu ca mi hai detto, ma cridimi, nun ni pozzu cchiù!! La mia vita è un inferno. Nun manciu, nun dormu, nun fazzu nenti di nenti (allusivo)….tu mi capisci!! Cuncittina mi odia ppi curpa di Santina e forsi ca avi ‘i so’ ragiuni. Come di devo comportare. Haiu circatu di maritalla, ma niente, è dura comu ‘na petra. Papà dammi un segno, una mano…da vivo erutu accussì energico, da morto mi pari ca t’abbannunasti. (bacia la foto, prende giacca e cappello e via verso la comune per l’esterno, dalla sinistra entra Concetta, ha un diavolo per capello e grida verso il giardino perche Santina la senta)

CONCETTA : Mi pari ca fussi ura di finilla di fari ‘a principessa, pirchì nni sugnu stuffa. ‘A matina ‘u lettu tu ai tu, ‘a stanza t’à sistemi tu, i quattru straccetti tuoi ti lavi tu. ‘A cammarera ‘a paiu iu ppè cosi miei. Oh!!! Videmu se capiscia, ‘sta ‘ntontira! ( come se si fossa tolta qualcosa dallo stomaco, poi dall’interno entra Caterina)

CATERINA : Donna Concetta, don Pasquali mi dissi, mentri ca eru affacciata ‘o balcuni ca stinneva ‘i robbi, che se veni qualcunu i facissi aspittari. Mi parsi pigghiatu de turchi! ‘Nta ‘sta casa c’è qualcosa ca non và!

CONCETTA : (rivolta verso il giardino e voce sostenuta) Non c’è qualcosa ca non và è qualcunu ca è di troppo e si putissi decidiri di farisi ‘na famigghia e di campari comu fannu tutti ‘i pirsuni civili, inveci di stari supra ‘e spaddi di l’autri, oh!!!

CATERINA : Chi dici ca senti?

CONCETTA : Senti…senti…chi ti pari ca è surda comu ‘a tia? Nun parra pirchì avi tortu. ( si siede e sfoglia un giornale)

CATERINA : Donna Cuncetta, chiffà v’a pozzu fari vidiri ‘na cosa? ( le mostra un bigliettino) Assira ‘u truvai sutta ‘a porta d’a me stanza e siccome…tanticchia ppà vista e tanticchia ppà picca scola ca haiu…

CONCETTA : Haiu caputu, dammillu ca t’u leggiu, và. Cchi hai ‘u ‘nnamuratu ‘ncasa? (legge) “Cara Catarina, da troppo tempo il mio cuore batte per te. Quanno mi passi di cianco, mi acchiana una cosa che non saccio chi è! Fatto stà che non poso dormire da un mese circa. Dammi una risposta a questo amore mio ferito e sanguinante che più non sa aspettare. Firmato P. “ (Caterina è in estasi, poi ritorna sulla terra ) Istruito, ‘stu P., ah? E cu po’ essiri…sarà Pippinu di sicuru .

CATERINA : Ma Pippinu nun mi piaci tantu! ( imbronciata)

CONCETTA : E iu cchi ci pozzu fari, t’affrunti a diriccillu?

CATERINA : Nun nn’è ca nun mi piaci propria, un po’ si…..

CONCETTA : Ah, haiu caputu! Ti piaci ‘a mmità. Allura ‘u sai cchi fai?

CATERINA : E cchi fazzu?

CONCETTA : ‘U tagghi e ti pigghi ‘a mmità ca ti piaci!

CATERINA : Vui ci schirzati?

CONCETTA : Aspetta ca ora cianciu e mi pilu tutta. Và in cucina, chiuttostu, ca c’è ‘na pila di piatti ca t’aspetta…(Caterina via a sinistra) (suonano, e Concetta va ad aprire poi ritorna seguita dal maresciallo Vitale, sulla 50na in divisa, da don Nicola, sacerdote, e dal dr. Reina, medico condotto, bassino, sui 40 anni, timido…)

VITALE : Donna Concetta carissima….

DON NICOLA : Devotissima donna Concetta…

CONCETTA : Quale onore, padre…

VITALE : Le presento il dottor Alfonso Reina, nostro medino condotto. La signora Cimarosa!

REINA : Fortunato!

CONCETTA : Il piacere è tutto mio. Ma prego accomodatevi,mio marito sarà qui a momenti. ( siedono sul divano, Reina a centro, il maresciallo a sinistra e il parroco a destra, mentre Concetta sulla poltrona del centro scena, la scelta dei tre sul divano deriva dalla possibilità, in questo caso, di poter effettuare le gags con maggiore naturalezza, tenendo presente che Reina è la vittima o meglio, il pollo da spennare )

VITALE : E don Pasquale…don Pasquale bello come sta, chi è sempre spassoso?

CONCETTA : In questi ultimi tempi, a dire la verità, ha perso il senso comico delle cose…sarà l’età…

DON NICOLA : A chi lo dite! (verso il maresciallo) Pasannu a sessantina, è veru Maresciallu?

VITALE : (risentito) Pensate per voi, don Nicola. Per me basta solo la cinquantina!

DON NICOLA : E sissignori. Essere non si può più di una volta!

Voce f.c. : Cuncittina…Cuncittina…

CONCETTA : Ah, ccà c’è mè marito.

PASQUALE : Cuncitt…( poi entra portando con se un pacchettino di carta e si accorge dei tre…) Ma che onore stamatina…Patri….patri….Chi bella visita inaspettata. (tutti si alzano )

VITALE : ( con la fretta di presentargli Reina ) Don Pasquale, vi presento il dottore Alfonso Reina.

PASQUALE : Molto lieto, Cimarosa. ( porge la mano al dottor Reina che ricambia ) Ma prego…accomodiamoci, a don Nicola lo cononosciamo già. Come sta padre? Bravi…bravi, mi ha fatto piacere questa visita e mi dovete scusare se non mi avete trovato in casa, sono andato a comprare i lumini per la buonanima di mio padre, oggi compie 90 anni…

DON NICOLA : Avrebbe….

PASQUALE : No…no…Scusatemi don Nicola…io uso sempre il presente…Compie…

DON NICOLA : A condizione che non fosse morto….quindi Avrebbe…( il maresciallo gli dà una gomitata )

PASQUALE : Va beni, lassamu perdiri, ccù vui è comu parrari ccò muru. Dicevo ca oggi mè patri….lassamu perdiri!

CONCETTA : Compermesso, ma io devo continuare le mie faccende di donna di casa. ( un leggero inchino di tutti poi via a sin. per la comune )

PASQUALE : Allora dutturi Reina, come si trova dalle nostre parti?

REINA : Non mi posso lamentare.

PASQUALE : E della gente, chi cci nni pari della genti?

REINA : Persone veramente squisite e ospitali. E poi ho trovato nel maresciallo Vitale e in don Nicola due persone veramente disponibili e alla mano.

VITALE : Abbiamo insistito assieme a don Nicola affinchè il dottore vi conoscesse, abitare nel nostro paese e non conoscere don Pasquale è una cosa poco simpatica…

PASQUALE : Bontà vostra maresciallo. Voi non sapete la gioia che mi state dando con la vostra presenza.

DON NICOLA : Caro Reina, dovete sapere che se c’è in paese un vero devoto dell’Addolorata, questo e don Pasquale.

PASQUALE : Faccio solamente il mio dover di fedele e di parrocchiano, niente di eccezionale.

DON NICOLA : Ogni domenica la chiesa è avvolta in un manto di rose che gentilmente don Pasquale ci mette a disposizione e poi non c’è questua che don Pasquale non aderisca e anche abbondantemente. (gomitata di compiacente complicità a Reina, che si contorce dal dolore) A proposito, ci sarebbe la raccolta per l’orologio del campanile, una bellezza, don Pasquale, quattro facciate e batte puru i quarti…

PASQUALE : Si, sarà bellu, ma ci l’haiu propriu ‘nta ‘ricchi. Chi nun si poteva fari ca batteva sulu l’uri?

DON NICOLA : (di scatto) No!!

PASQUALE : (a malincuore) Nun si ‘nca…Nun si incavolassi parrucu. E va beni, se nun si po’! Dumani passu d’a sacristia.

DON NICOLA : Siete un brav’ uomo, don Pasquale.

PASQUALE : Troppu bonu sugnu, don Nicola! Appoi basta ca facemu comu diti vui, è veru? ( sorrisino falso)

VITALE : E grazie alle sue possibilità economiche, con gli amici e con la povera gente è sempre pronto a dare una mano. (gomitata di Vitale a Reina, c.s.)

PASQUALE : Così quando io ne avrò di bisogno non mi potranno dire di no. E il tempo…il tempo, dottore, come lo passa. Certo che qui rispetto a Catania , tranne il Circolo di Cultura, c’è poca cosa!

REINA : Effettivamente, ogni tanto mi viene la malinconia, che ci volete fare. La città natia è sempre la città natia, senza voler disprezzare il vostro gran bel paese. Lo confesso, a volte mi sento solo!

PASQUALE : E si capisci, un uomo ha bisogno del conforto, del calore di una donna, chi semu fatti di ferru? (verso il prete) Mi scusassi don Nicola,intendevo dire del conforto spirituale e morale che la donna ci dona con la sua presenza.

VITALE : Purtroppo è così! Chi vita è senza ‘na fimmina. Una vita inutile, vuota. (ammiccando a don Pasquale) Perché la donna, vedete, riempie i vuoti e colma le crepe della esistenza quotidiana.

DON NICOLA : Bravo, maresciallo, non immaginavo che avreste avuto questi pensieri così profondi. Ma non dimentichiamo, però, la donna ha una missione ben precisa nei confronti dell’ uomo, aiutarlo ad alleviargli le fatiche di tutti i giorni. (aprendo il breviaro i due, Reina e Vitale guardano la pagina aperta…) San Paolo nelle sacre scritture parla chiaro “ …e tu donna seguirai il tuo uomo nella buona e nella cattiva sorte..!!!” Quindi la donna è essenziale su tutti i punti di vista ma soprattutto su quello spirituale. (chiude di scatto il libro gli altri due hanno un sussulto)

PASQUALE : Il fatto però è uno solo! Oggi, dico oggi, mi vuliti pigghiari ‘na fimmina che non abbia avuto le sue belle due…tre…quattro..relazioni amorose? Non c’è nessuno, dico nessuno. Nun parramu poi d’e carusi di ‘sti tempi….

VITALE : Vero…verissimo…

DON NICOLA : Purtroppo è la verità, stiamo toccando il fondo, non ci sono più valori umani, il pudore non esiste più..(verso Reina, sputandogli in faccia inconsapevolmente, disagio del prete che cerca di asciugare il medico…)

VITALE : Ma voi lo sapete quante denunce che arrivano in ufficio per oltraggio al pudore, non si contano più. ( stessa gags di prima) Ragazzini di 15-16 anni, roba dell’altro modo!

DON NICOLA : Però…però…fortunatamente ancora c’è qualche anima timorata di Dio, ca ci pensa al pudore, compita, seria, riservata, fimmina di casa, ah…ah…ah…e chi ci po’ livari meriti. Parlo, si capisci, della signorina Santina, la sorellina di don Pasquale.

VITALE : Pasta antica di provata serietà. ( manata di Vitale e don Nicola sulle gambe di Reina, dolore dello stesso c.s.)

PASQUALE : Suora si doveva fare, altro che fimmina di casa. Una santa, credetemi. Ma mi pari ca ìu dutturi si stà annoiando a sentiri parrari di mè soru, è comu se l’avissi mintiri in vendita. Ppi carità, se ‘u sapissi idda, diniscanzi…è tantu riervata…patri e figghiu…

VITALE : Ma lei, caru dutturi, la dovrebbi canusciri per rendersi conto della verità di quello che abbiamo detto sulla signorina Santina….(Pasquale è contrariato..)

PASQUALE : Maresciallo, appoi…appoi…c’è tempu, appoi la chiamo. Ora sta cugghiennu ‘i rosi ‘nto iardinu per la buonanima. E’ talmente affezionata ca fa macari impressioni…(soggetto bruttezza di Santina) Ni misimu a parrari e mi scurdai di offririvi qualcosa, un rinfresco…và! Un po’ di acqua e anici la gradite?

VITALE : Una goccia, grazi.

PAQUALE : Don Nicola, voi?

DON NICOLA : (con le dita indica la quantità) Tanta però, don Pasquale! Il diabete ci curpa, maledetto.

PASQUALE : (si alza e si avvicina alla comune per chiamare a voce alta) Caterina…Caterina…Mischina è ‘ntuppata d’aricchi e se non grido nun ci senti….Caterina..(finalmente compare)

CATERINA : Cumannati!

PASQUALE : Porta una bella brocca di acqua fresca e anici…

CATERINA : ‘A petra pumici?

PASQUALE : (contrariato) Si, ppi scassarati ‘a testa. (le si avvicina all’orecchio) Acqua frisca e anici!!

CATERINA : Ah, l’anici? Parrati accussì pianu ca vi sintiti sulu vui. ( via di corsa )

PASQUALE : ‘U bellu è ca si siddia e nun ti duna mancu ragiuni. Ma iu la compatisco, puviredda, quannu vinni al nostro servizio, orfana prima d’a matri e poi di so patri, nun nn’aveva mancu deci anni, povira e pazza e n’a pigghiammu comu una della famiglia, và!

DON NICOLA : Cori nobili, don Pasquali!

PASQUALE : Maresciallo, a caccia ci siete stato?

VITALE : E come no! Anzi ho approfittato dell’occasione per invitare il dottore Reina.

PASQUALE : E unni v’innistuvu?

VITALE : ‘O ciumi…

REINA : Un posto veramente incantevole.

PASQUALE : Quannu mè patri morsi, buonanima, mi dissi di controllare che in quella riserva ci andassero solamente gli amici e basta. Ci tinia!

REINA : Perché, è vostra? ( meravigliato piacevolmente)

PASQUALE : Mia e di mia sorella Santina. ( il prete ed il maresciallo una robusta pacca sulle ginocchia del dottore, come un assenso al progetto finale, dolore di Reina) Mè patri aveva paura che qualche bracconiere poteva fare una carneficina di quei poveri cunigghiuli indifesi, e quindi ci teneva assai…era fissato, mischinu!

VITALE : Con me ho portato l’amico Reina perché ho ritenuto che non avreste avuto niente in contrario, ho fatto male?

PASQUALE : Maresciallo, avete fatto benissimo. Gli amici vostri sono amici miei.

VITALE : Grazie, don Pasquale.

REINA : (prendendo coraggio) E quella bella collina sopra il fiume, chi è macari vostra?

PASQUALE : Si capisce, mia e di mia sorella Santina.

REINA : (esterrefatto più di prima, pacca sulle ginocchia dei due, gag come prima) Ah, però!!

DON NICOLA : Senza considerare tutti i vigneti della spiaggia di S. Teresa. Fannu ‘nvinu! Anzi, approfitto dell’occasione per ricordarvi che lo abbiamo finito, purtroppo. E iu ‘a missa comu ‘a dicu, ormai mi cci abituai, eh! (risata di tutti )

PASQUALE : Va beni…va beni…oggi mannu a Pippinu e risolviamo il problema. Alla buonanima di mè patri ci piacìu ‘u puntu, in effetti la villeggiatura fatta in quel punto era un’altra cosa. L’isoletta della Catena è puru nostra, (meraviglia di Reina e gomitate dei due, dolore del medico) e pensate che anche il mare antistante, se si fosse potuto a quest’ora sarebbe pure nostro…

VITALE : Ma quella faccenda comu finiu?

PASQUALE : ‘Nca comu finisciunu ‘i cosi ‘nta l’Italia, ‘u Preturi si misi ‘nta testa che il mare è un bene pubblico e nun pottimu fare l’attu….

REINA : Quindi anche l’isoletta della Catena è…

PASQUALE : Mia e di ….

VITALE E REINA : ….di sua sorella Santina! (una forte pacca sulle spalle del medico, come prima; arriva con la bibita Caterina che serve a soggetto ai tre ospiti, poi va via…appena Pasquale incomincia a parlare sibilando con la bocca, a sorpresa, le prime due parole “A proposito…” quasi come un forte suono acuto, mentre i tre intenti a bere hanno un sussulto e spruzzano tra loro la bibita combinando un macello, il più colpito è al solito il medico…)

PASQUALE : A proposito…( pausa, accade quello che prima ho descritto, dopo il primo momento.. in cui i tre si asciugano con dei fazzoletti)…. di mè soru, vi debbo raccontare una cosa che ha dell’inverosimile. Lei stessa mi ha raccontato un sogno che fece nella nottata e ppi cuntarammillu idda ca è tanta riservata, voldiri ca il turbamento è stato forti. Chiffà v’u cuntu?

DON NICOLA : Fate…fate pure, a me interessano i sogni. Ho una certa esperienza. Ho letto molto su Froido e sull’interpretazione dei sogni.

VITALE : Prego…prego…fate…

REINA : Come no, vi ascolto con interesse!

PASQUALE : Dunchi. Era ‘nto iardinu ca cuggheva ‘i rosi, quannu a un certo puntu una spina ‘a puncìu. ‘U sangu ca ci nisciu furmò una speci di lago e mentri ca stava murennu dissanguata, ‘stu lagu si rapi sutta e so peri e idda ci cari d’intra; e cari…cari…Si va a truvari ‘nta ‘nu spitali. Impressionanti, veru? Ma sintiti ora quali piega ca pigghia ‘u sonnu. ‘U spitali era modernissimu e c’erunu tanti sintinelli cche fucili e con delle tuniche bianche e lunghe, a un certo punto un medico si avvicina e la voli visitari. ‘U sapiti cu era ‘stu medicu?

DON NICOLA : Semplici. ‘U dutturi Reina!

REINA : Iu?

PASQUALE : Ma comu ‘u ‘nzirtastuvu?

DON NICOLA : Non vi dissi che ne capivo di sogni e della loro interpretazione.

PASQUALE : Ma ancora nun nn’haiu finutu. Appena finisci di visitari a mè soru, e dici ca ci fici una visita accurata, d’a testa ‘nsinu ‘e peri, appena finìu..dici ca ci detti ‘nvasuni ca ‘a sturdìu tutta ‘a carusa..

REINA : Iu ci detti ‘nvasuni? (Vitale e don Nicola lo scherniscono)

PASQUALE : Ma ‘nto sonnu, dutturi, ‘nto sonnu! Figuratevi se mè soru cci ‘ncugna ‘nvasuni ‘o primu ca passa…Diventa una belva, una trighe…ppi nun parrari d’e muzzicuna ca duna…no..no…è stato solo un sogno…(fra se) purtroppo!

VITALE : Veramente impressionante. Ma comu si potti verificare?

DON NICOLA : Forse un presentimento. Vedete, caro don Pasquale, i sogni che cosa sono?

PASQUALE : (imbarazzato dalla domanda) Bè, i sogni sunnu ….quannu unu doppu ‘na iurnata di travagghiu si stira ‘a panza all’aria e…si sonna!

VITALE : (investigativo) Ma ddi sentinelli di cui avete parlato percaso avevano il moschetto 91/38?

PASQUALE : Maresciallo, ma mè soru cchi sapeva distinguiri ‘u fucili?

VITALE : No…perchè vedete, se era un moschetto 91/38 vuol dire che ci trovavamo il Somalia o in Eritrea, ci nni lassammu armi e munizioni!!

DON NICOLA : No…no…maresciallo. L’importanza della sentinella va inquadrata sotto un’altra dimensione. La sentinella va vista come qualcuno che impedisce alla signorina Santina di muoversi, agire,  amare…sissignori…amare liberamente la persona che il suo cuore le ha indicato…

PASQUALE : Don Nicola, ma cuè ca ci impedisci ‘sti cosi? In famiglia nun videmu l’ura….(correggendosi) non pensiamo che a lei, al suo futuro….

DON NICOLA : Lo so…lo so…ma ora pare che la signorina abbia finalmente parlato chiaro. Le effusioni amorose scambiate col qui presente dottor Reina…

REINA : Ma quali effusioni? Che cosa dite, padre? (urtato)

DON NICOLA : (serafico) Ma nel sogno, dutturi…nel sogno…Non vi allarmate!

VITALE : Ma ‘stu vasuni vostra soru comu ‘u pigghiau?

PASQUALE : Maresciallu ma chi diciti?

VITALE : (qui entra in gioco l’investigatore poco credibile che è in Vitale ) Voglio dire…’stu vasuni fu dato consensualmente o ci fu per caso un tentativo di violenza carnale da parte del qui presente dott. Reina Alfonso???

REINA : (su tutte le furie) Ma quali violenza, maresciallo?

VITALE : E no, dutturi…scusati…ma voi non siete pratico di indagini giudiziarie. Io voglio dire semplicemente che se la Cimarosa Santina provò godimento dalla profusione amorosa col dottore Reina, la cosa è assai diversa!!!

REINA : Ma quale profusione amorosa, maresciallo. Voi state dando i numeri!

VITALE : Ma il mio è solo un supposto…una supposizione e basta, non vi allarmate!

DON NICOLA : E’ un supposto sbagliato che per forza vogliamo farlo entrare in fatti personali che non c’entrano col sogno.

PASQUALE : ( alterato) Questo supposto fatelo entrare in altre questioni, abbiate pazienza Maresciallo. Mi pare pure a me che non c’entra niente col sogno !

VITALE : E va bene, ritiro il supposto.

PASQUALE : Ritiratelo e non parliamone più. Chiddu ca pruvau me soru nun nn’u sacciu. In certe cose non possiamo andare oltre, mi pare!! Ma ora è venuto il momento di prisintaravilla, vaiu a chiamalla, compermesso. ( via verso il giardino, poi ritorna tirando per mano Santina che ostinatamente si rifiuta di camminare, Concetta la spinge di dietro come fosse un’asina che si impunta, ha in mano un mazzetto di rose, poi finalmente arrivano al centro della scena, Pasquale le sta davanti come se volesse nasconderla alla vista di Reina che si sposta a destra e sinistra per vederla meglio…poi Pasquale gliela presenta a malincuore…) Dottore Reina ci presento mia Sorella Santina…

SANTINA : Piacere, Cimarosa Santina del fu Gaetano. ( gli offre il mazzetto di rose che Reina accetta più per distrazione derivata dallo sgomento per la vista di Santina )

REINA : ( disorientato e allibito dalla bruttezza di Santina, gli cade di mano il bicchiere ) Pi..piacere, Reina Alfonso…(poi guarda l’orologio)

PASQUALE : (capendo il disagio del medico) Prego accomodatevi…vi faccio portare un altro bicchiere…

REINA : No…no…vi ringrazio, mi stò ricordando che ho una visita urgente. Devo andare, purtroppo. Tolgo il disturbo, arrivederci. ( esce di corsa portandosi le rose , don Nicola lo segue…e pure Vitale che dice…)

VITALE : Dutturi, non sapete cosa perdete…fermatevi. ( Tutti e tre via dal fondo, gli altri rimangono di stucco. Pasquale nervosissimo, si dirige verso la foto del padre, spegne con cattiveria tutti i lumini e le candele, prende i fiori e li butta nel cestino )

PASQUALE : Papà, tu nun nn’è ca t’abbannunasti, no…no…E’ ca ti nni futti!!!

(Buio rapidissimamente)

FINE DEL PRIMO ATTO

Secondo Atto

(Il secondo atto potrebbe cominciare a sipario aperto poiché alla fine del primo atto, in questo caso, non lo abbiamo chiuso, accendendo, però, le luci qualche secondo dopo di averle spente, ossia, senza soluzione di continuità, dando così al lavoro più rapidità e ritmo, non che ne avesse bisogno, ma in alcune occasioni ho notato questa soluzione che mi è parsa più ottimale. A voi, comunque, la scelta, che sarà sempre la migliore)

SECONDO ATTO

Stessa scena dell’atto precedente. Il giorno dopo. Sono in scena Caterina e Peppino. Si ricorda che il personaggio di Santina continua a parlare con lo stesso difetto del primo atto, la F al posto della S. Ciò è molto importante per dare al personaggio quell’odiosa caratterizzazione che nel terzo atto, invece, perderà del tutto fino a sembrare un’altra donna……

*************************************

CATERINA : (seduta, con la scopa tra le gambe) E ‘stu matrimuniu ci sfumau macari. Quant’è sfortunata ‘a signurina Santina.

PEPPINO : Sfortunata? Ppi mia nun nn’è sfortunata!

CATERINA : E cchi curpa avi idda? Certu, nun nn’è ‘na dea, però cchiù brutti di idda s’hannu spusatu!

PEPPINO : Nun nn’è qustioni di biddizzi e di bruttizzi.

CATERINA : Ma cchi vuoi diri ca nun ti capisciu?

PEPPINO : E’ una cosa che deve rimanere un segreto tra nuatri, ha caputu? Mi giuri can un nn’u dici a nuddu?

CATERINA : Te lo giuro, parra, nun mi fari stari ‘nte spini!

PEPPINO : ‘A signurina Santina nun nn’avi pitittu!

CATERINA : Nun nn’avi pitittu? Ma se mancia ppi dui!

PEPPINO : Nun nn’è chissà ‘u pitittu ca manca a idda, è n’autru!

CATERINA : Ma di quali pitittu parri, si pò sapiri?

PEPPINO : Ma po’ essiri ca non hai nessuna malizia , ca si accussì sana sana…ma rrisbigghiti! Ti fazzu n’esempiu: ‘a tia nun t’à mai capitatu ca quannu vidi a mia ti veni ‘na speci di…comu ti pozzu diri…ecco..un sentimento….’na ruciura ca ti cchiana e ti scinna…’u cori ca ti batti forti forti…(Peppino tutto questo lo dice con trasporto poetico…)

CATERINA : Ma cchi stai ‘ncucchiannu…deficienti….

PEPPINO : ‘Na vogghia pazza di strinciriti ‘nte vrazza miei…

CATERINA : Iu….strinciriti ‘nte vrazza tuoi? Ma tu per lo meno si pazzu!

PEPPINO : A tia no, ma a mia si! Macari, tu ‘stu pitittu nun ci l’hai, ma chiddu ca manca a tia cci l’haiu iu. (cerca di abbracciarla alle spalle, ma Caterina si allontana brandendo come arma la scopa)

CATERINA : ‘Stu pitittu tu fazzu passari iu, e nun ti permettiri di scrivi rimi littri, pirchì iu ‘sta cunfirenza nun t’agghiu datu mai, pezzu di citrolu malarrinisciutu!

PEPPINO : A mia citrolu? Che mi dovresti ringraziari solamenti per l’importanza ca ti dugnu di taliariti, pezzu di schittarruna e surda ‘ntrunata ca nun si autru…

CATERINA : (su tutte le furie insegue Peppino con la scopa in mano girando entrambi attorno al tavolo, subito però entra Concetta)

CONCETTA : (contrariata ) Mi pari ca stamu oltrepassando i limiti. Se aviti vogghia di iucari, vativinni fora!

PEPPINO : Scusati, donna Concetta, Caterina mi ha provocato…

CATERINA : Iu ti provocai? Bruttu scimunitu ca nun si autru!

CONCETTA : Ora basta! Pippinu, ppi r’ora vattinni!

PEPPINO : Mi nni vaiu, ma pirchì m’u diciti vui. Ccù tia ‘ni facimu ‘i cunti doppu. (via per la comune a destra)

CATERINA : Nun ci nn’è seguitu.

CONCETTA : Caterina, basta ora.

CATERINA : Ve lo giuro, donna Concetta, iddu cominciau. Mi dissi ca nun nn’avia pitittu comu ‘a signurina Santina…

CONCETTA : Di quali pitittu stai parrannu?

CATERINA : E cchi nni sacciu! Dici ca sparti era ‘nsegretu e che nun nn’avia diri a nuddu!

CONCETTA : (interessata) Ma cchi geniri di pitittu era?

CATERINA : Ma chi nni sacciu. Mi parsi ‘mpitittu ‘mpitittu purcariusu! Quannu ‘na fimmina vidi a n’uomunu e viceversa, ‘stu…’stu…cosa ci nesci… e ‘a signurina Santina ‘nveci di nisciricci ssù cosa…nun ci nesci…addirittura nun l’avi propria…Matri mi cunfusi!

CONCETTA : E a iddu ‘sti cosi cu cci cunfirau?

CATERINA : Nun m’u dissi, dici ca è un segretu.

CONCETTA : Comunchi, tu di ‘stu fattu nun parrarini ccu nuddu, siamo intesi? ‘A signurina Santina chi si susìu?

CATERINA : Mi pari di si, chiffà ci ‘a chiamu?

CONCETTA : No…no, ora veni, ti nni puoi iri.

CATERINA : Ci fazzu ‘na bella tazza di acqua cca sorcia ‘o limuni?

CONCETTA : No, lassimi sula. Dimmi ‘na cosa, com’è ca ora ci senti?

CATERINA : Sugnu ‘a momenti…

CONCETTA : O a convenienza….

CATERINA : Ccù voscenza?

CONCETTA : Ccù tò soru! ( Caterina scappa via per l’interno, dal giardino appare Santina con delle rose in mano, Concetta le si rivolge dolcemente…) Buongiorno Santina…

SANTINA : (aspramente, poi va a sistemare le rose dentro in piccolo portafiori che è sotto la foto del padre, apre il cassettino e accende qualche lumino) Buongiorno Concetta.

CONCETTA : Don Nicola mi ddummannau pirchì assira nun ti nn’isti ‘a missa, ci dissi ca erutu indisposta, chi fici beni? ( Santina si siede rigidamente sull’orlo di una poltrona)

SANTINA : (non guardandola mai in faccia) Bene hai fatto.

CONCETTA : Che ci potevo dire che eri rimasta scossa dal fatto di ieri mattina?

SANTINA : Quali fattu?

CONCETTA : Tu ‘u sai quali fattu!

SANTINA : Se ci vuoi cridiri ci cridi, ma iu nun ci pensu!

CONCETTA : Certu ca hai uno stomaco di ferro, ah! Riesci a nascondere la collera ca mancu pari veru.

SANTINA : Ma quali collira?

CONCETTA : Ma comu, ‘a parti ca ti fici ‘u dutturi Reina ti parsi ‘na cosa di nenti? Scappau comu ‘mpazzu furiusu.

SANTINA : Scappau? Dissi ca avia una visita urgenti.

CONCETTA : ‘Na visita urgenti? Allura nun ti vuoi renniri cuntu della realtà. ‘U capisci ca appena ti vitti si scantau, si è impressionato di mala nanera, ‘u cristianu!

SANTINA : Nun nn’è veru! (occhi bassi, quasi piangendo)

CONCETTA : (provocandola sempre di più) Si…si…scappau ccù quantu peri avia…

SANTINA : (piangendo) I rosi però si purtau…i rosi però….

CONCETTA : Si…si purtau…si purtau pirchì cca prescia di scappari si scurdau a lassalli. ( Santina piange a dirotto e Concetta cerca di consolarla cambiando tono) Santina iu ‘sti cosi t’i dicu per il tuo beni, credimi. A vidiriti acussì, iu ci soffru. Chi ti pari can un mi piacissi a vidiriti felici, sistimata…

SANTINA : ( singhiozzando) Ma iu accussì sugnu felici ‘u stissu…

CONCETTA : Ma comu puoi essiri felici senza n’uomunu ‘o cantu, un marito che ti protegge…

SANTINA : Ma pirchì siti convinti ca ‘na fimmina ppi essiri felici aviri n’uomunu ‘o cantu? ( sorpresa di tutti, Pasquale che aveva ascoltato le ultime parole, entra rispondendo a questa domanda…)

PASQUALE : ( declamatorio ) Perché l’uomo è l’uomo e ‘a fimmina senza dell’uomo non è uomo, (riprendendosi dall’errore) cioè fimmina, un essere incompleto che per essere completo ha bisogno dell’uomo, m’haiu spiegatu?

CONCETTA : (al pubblico) Nun capì nenti! Mi parsi ‘mbriacu!

PASQUALE : E tu, mè soru, continuannu di ‘stu passu non sarai mai completa! E cerca di canciari fisionomia, ammodernati, cancia vistitu, mintatinni unu russu, bellu sgargianti; ‘i capiddi, fattilli ‘a tunna, tagghiatilli comu vuoi…ma leviti ssà mulunciana d’arreri, fatti ‘na messa in piega, ma sciogghiti ‘stu tuppu malirittu.

SANTINA : (si alza decisa) Mai e poi mai. ‘A bonanima d’o papà…(segno di croce e bacio verso la foto) ci ‘u prummisi…” Da lassù mi ricorderai come sono ora!”

CONCETTA : Ma chissu fu vint’ anni fa!

PASQUALE : Chi bellu ricordu ca ci lasasti ‘o pa-pà! ( ironico su “papà”)

SANTINA : Così ero e così sarò. ( via di corsa fondo interno )

PASQUALE : ( quasi rincorrendola, alterato ) E spariti…è ca nun ti spari! ( si accascia sulla poltrona sfinito e disperato ) Maledetta…nun si spara…nun si spara…E se ‘a sparassi iu? No..no…L’avveleniamo che funci ca ieri pigghiau Pippinu…Ci facimu ‘na bella zuppa e ‘na partita a cotoletti, a idda comu ci piaaaaaciunu!! Un pocu puru arrostiti alla piastra…nun si sa mai avissuru a falliri chiddi di prima…’Signuru, mi dovete perdonare, forse è la soluzione migliore ppi idda e ppi mia…(guardando la moglie) e ppi tutti.

CONCETTA : Ma allura sì ‘mbriacu ppi ‘ddaveru. Senti, ‘nveci di diri fissarii, t’haiu a diri ‘na cosa ca mi cunfidau Pippinu e ca forsi, pinsannici beni, avi raggiuni.

PASQUALE : Concetta, ma nun nn’hai pietà di me? Non ricominciare, ti prego. Fai una pausa di qualche ora, appoi dumani, ricuminci.

CONCETTA : ‘Nca quali, iu ti vulia diri ca forsi Pippinu ha ragiuni!

PASQUALE : E cchi c’entra Pippinu?

CONCETTA : Caterina mi cuntau ca Pippinu ci cunfirau un segretu su Santina.

PASQUALE : (incuriosito) Sintimu!

SANTINA : Dici ca Santina nun nn’ha attrazioni ppì l’uomini…, nun ci piaciunu!

PASQUALE : E chistu ‘u dissi Pippinu?

CONCETTA : Si!

PASQUALE : Disgraziatu..ucca di vilenu. Questa teoria iu ci ‘a cunfirai. E cchi cosa avìa ‘a pinsari? Di nesciri nun voli nesciri, di truccarisi mancu a parrarini, mancu la più minima dosi di civetteria, nenti di nenti. Pinsai : “ A chista l’uomini nun ci piaciunu “ Ossia nun nn’avi pitittu. Però, poi, mi sono ricreduto.

CONCETTA : E pirchì, sempri ‘a stissa!

PASQUALE : Mi cuntau ‘nsonnu altamenti significativu.

CONCETTA : Erotico?

PASQUALE : Si, vietato ai minori di anni 18. E tu pensi ca me soru possa essiri capaci macari solamenti di pinsari con la mente a cosi un po’….diciamo così, piccanti! E’ stato un sogno infantle, ma che ha lasciato intravedere un certo interesse per una certa persona…

CONCETTA : Masculu?

PASQUALE : Masculu…masculu…! Il dottor Alfonso Reina. S’u vasau…(pausa) ‘nto sonnu!

CONCETTA : Ma allura macari idda ci l’avi ‘stu famusu pitittu?

PASQUALE : Ci l’avi…ci l’avi. L’unico problema è che non vuole capire di cambiare fisionomia, di apparire ‘na fimmina. Voli ristari accussì e com’è. E se resta d’accussì, cuè ca s’a putissi pigghiari? Solo un cieco assoluto o quasi.

CONCETTA : Certu ca è un problema!

PASQUALE : Un problema che io stò cercando di risolvere, anche se sono sicuro…(guardando la foto del padre) che la buonanima boni paroli nun ci nni minta.

CONCETTA : E se è lecito comu ‘u vulissutu risolvere?

PASQUALE : Antura nun dissi ca ci vuleva un poviru disgraziatu quasi ciecu per non vedere il lato negativo della cosa, beni, il maresciallo si è offerto di andare a palare col paraninfo, Filippo Mazza, per darmi una mano e a momenti sarà ccà. E mi raccumannu, tu fai la tua parte. (suonano, entra Caterina )

CATERINA : D’a ‘ssutta c’è ‘u maresciallu, chi ci rapu?

PASQUALE : No, lassulu fora. (correggendosi subito) Scimunita ma cchi dummanni fai, rapici subbitu e tu, Concetta, porta acqua frisca a volontà! (Caterina via dal fondo a destra, Concetta a sinistra, poi Pasquale si avvicina alla foto…) Papà, ti dugnu ‘na proroga. Fammi rinesciri ‘stu matrimoniu e non ci sarà defunto cchiù felici di tia. Ogni onomastico, ogni anniversario della nascita, della morte, ppi l’apertura d’a caccia, ppà chiusura, ppè morti, ti fazzu diri ‘na missa di l’arcipreti Basili, chiddu tignusu, ‘u sai? Ancora vivu è. Chiddu ‘i morti ‘i fa stari in allegria…E’ ‘nfigghiu di…Bè, ci siamo capiti…Beddu, papuzzu miu, videmu cchi cummini. (gli manda un bacio)

VOCE F.C. : Permesso.

PASQUALE : Avanti maresciallo…accomodatevi…(entra Vitale, visibilmente accaldato, che si asciuga col fazzoletto )

VITALE : Buongiono, don Pasquale. E chistu è sorti di cauru , e di unni niscìu? Mi sembra di essere a Tripoli nel ’42…

PASQUALE : (impaziente) Chiffà ci parrastuvu?

VITALE : Mi vivissi ‘na quartara d’acqua.

PASQUALE : (c.s.) Concetta…santa cristiana, ‘nca portala ‘st’ acqua…sangu di la marina. Allura ‘u vidistuvu?

VITALE : Cchi cci pozzu fari, iu suru…e bivu…Arrivu a biviri 5 litri d’acqua o iornu, don Pasquali!

PASQUALE : ‘Ncaserma cc’aviti ‘a sterna?

VITALE : M’a portunu ccò camion! Speciali, don Pasquali. E sinnò quantu mi custassi?

PASQUALE : Certu…! Peggiu di ‘na imenta parturizza, ‘a facci d’a siti, ccù saluti.( entra Concetta con una caraffa di un paio di litri d’acqua fresca…la versa in un bicchiere capiente, poi…) Abbìa…abbìa..dici ca bivi comu ‘na imenta…

VITALE : (dopo aver bevuto, abbastanza sollevato e soddisfatto) Ah, ci vuleva, grazie donna Concetta. Dunchi, ‘o nostru!

PASQUALE : (c.s.) Ci parrastuvu…’u vidistuvu?

VITALE : ‘U vitti e ci parrai.

PASQUALE : Ah, finalmente. E chi vi dissi?

VITALE : Gli ho spiegato la situazione dolorosa di vostra sorella, così e come mi avete detto voi. Del resto, lui, la signorina la conosce già e proprio per questo, dapprima, mi aveva fatto capire che ci sarebbe stato qualche problema nel trovare l’anima gemella…

PASQUALE : Ma voi ce l’avete detto che sarei stato disposto a spendere una fortuna…

VITALE : Ce lo dissi. E infatti, grazie a questa vostra disponibilità, gli venne all’istante nella mente un certo Salvatore Mastella, che sarebbe stato proprio un bel partito.

PASQUALE : Ma voi gliel’avete detto che lo avremmo preferito con poca, anzi, pochissima vista?

VITALE : Ci ‘u dissi..ci ‘u dissi. Pare che questo faccia al caso vostro.

PASQUALE : Ma cchi misteri fa?

VITALE : Dici ca è funzionario di una grossa ditta di elettrodomestici di Milano.

PASQUALE : Un pezzo grosso, và?

VITALE : Dalla foto mi parsi fracculiddu. Comunchi ci detti appuntamentu ‘stamatina ‘a casa vostra, chi fici mali?

PASQUALE : Benissimo avete fatto. Maresciallo, iu nun sacciu comu v’haiu ‘a ringraziari. Voi capite, io non potevo andare a parlare don Filippo Mazza, ‘a genti cc’avissuru pinsatu “ Va ‘nto paraninfu ppi so’ soru” , non potevo…

VITALE : Certo…non potevate!

PASQUALE : Andandoci voi, invece, avranno pensato a qualche problema di legge,’sta genti avi sempri ‘i carti macchiati, clienti scontenti, truffi, e poi ‘sti matrimoni sunu comu l’ova di Pasqua, nun si sa chiddu ca si trova! Chi veni puru don Filippo Mazza?

VITALE : Certo!

CONCETTA : ‘A mè cucina Natalina iddu fu ca ‘a fici spusari..

PASQUALE : Ci fici fari ‘nu affari! ‘U maritu doppu tri misi ci morsi. A vaia, Cuncittina, ca se me soru nun fusi in queste condizioni terremotate e disastrose, chi mi rivulgeva a don Filippu? Ah ppì favureddu, và!

VITALE : Non per contraddirvi, don Pasquale, ma a mè mugghieri lui me la fece conoscere, certu poi fummu nuatri ca ni canuscemmu ‘i carattiri e decisimu di spusarimu…

PASQUALE : (vedendo nel maresciallo un probabile aspirante, se lo accattiva così come Concetta) Scusate, maresciallo, ma da quanto tempo siete vedovo?

VITALE : Bè…mè mugghieri morsi nel 78…deci anni scarsi, pirchì?

PASQUALE : Dico, come mai non vi siete più risposato dopo la dipartita della vostra consorte? Nun nn’è che siete vecchio decrepito, la figura ancora è ottima…

CONCETTA : ( sedendosi ancora più vicino, togliendogli qualche pelo, pulendogli la giubba…) Altro che, siete ancora in forma, la presenza è ottima assai…

VITALE : (compiaciuto e non capendo i due dove vogliono arrivare) A diri la verità l’anno scorso mi purtarunu ‘na carusa, carusa per modo di dire, aveva 50 anni, ma da informazioni assunte pare che fosse malata, insomma, cchiù di ddà ca di ccà, aveva la polmonite, la pleurite, l’appendicite, la flebite, la colicistite, la colite…

PASQUALE : Tutto con l’aite…e qualchi cavuliceddu, ‘nzalata riccia… nun nn’avìa?

VITALE : Vui ci schirzati! Ma insomma, chi mi pigghiava a una ca inveci di sirvirimi idda era iu a faricci ‘u ‘nfirmeri. Appoi nun nni ficimu cchiù nenti e nun cci pinsai cchiù!

PASQUALE : E fate male…molto male, pirchì l’anni passunu e ‘a vita n’accurza, e quannu simu ranni ppì nuatri cu ci pensa? Ppi vui ci vulissi ‘na picciuttedda seria, ca nun canusci divertimenti, ca nun sapi di truccu, russettu e di tutti ‘sti purcarii di ‘sti tempi. E poi ‘a muggheri di ‘nmaresciallu nun nnè ca po’ fari una qualunchi!

CONCETTA : Certo. Ci voli portamento, classe e serietà, chidda ca manca ‘e fimmini di oggigiorno.

VITALE : Dite bene, signora, ma a truvalla ‘na fimmina di chissi, nun si trova, ve lo dico io!!

PASQUALE : Eh, caru maresciallu, certi voti avimu ‘u meli ‘ncasa e nun ‘u sapimu alliccari! ( Vitale rimane di stucco, Pasquale fa l’occhiolino a Concetta) )

VITALE : (incuriosito e interessato) Che per caso voi conoscete qualcuna nella zona?

PASQUALE : Per esempio…(titubante)

VITALE : …per esempio?

PASQUALE : (storpiando il nome quasi per non farsi capire, tanta è la vergogna) Per esempio…mè soru..Santina….( liberandosi dall’imbarazzo, suonano contemporaneamente…)  Sunarru….sunarru …..Caterina….Caterina….va rapa….

VITALE : Non ho capito bene, don Pasquale, volete ripetere…( entra Caterina )

PASQUALE : Caterina, va rapa…

CATERINA : ‘A crapa?

PASQUALE : ‘A crapa ca si tu… ( forte all’orecchio) Sunarru! Rapicci…Botta di vilenu. ( a Concetta ) Ma è ‘ntrunata tutta ‘sta picciotta, ma comu ‘amu a fari?

CONCETTA : E’ a momenti.

VITALE : Di sicuru sarà don Filippo Mazza col fidanzato!

PASQUALE : Maresciallu, ancora mancu si canusciunu e già parrati di fidanzamentu!

VITALE : Quannu Don Filippo Mazza si occupa di un affare di matrimonio, la cosa si può dire conclusa.

CONCETTA E PASQUALE : Speriamo!!! (si odono della voci, Pasquale gli va incontro poi ritorna seguito da don Filippo che tiene per mano Salvatore Mastella sulla 40na, mingherlino, con i capelli impomatati con riga nel centro, giacca a quadri grossi dal colore sgargiante di cattivo gusto, pantaloni cortissimi, mancano 10 cm per arrivare al tacco delle scarpe, occhiali spessi, ha un fazzoletto in mano, è sempre raffreddato e non mancherà di fare qualche sternuto durante la sua presenza in scena; Mazza veste anche lui in modo volgare, scarpe fuori moda, calze bianche cortissime, abito strettissimo con fulard sgargiante al posto della cravatta, un bastone da passeggio, cappello alla malandrina abbassato sulla destra della testa, Concetta e Pasquale sono sconcertati)

MAZZA : Don Pasquale, vi presento Salvatore Mastella. ( Mastella dà per sbaglio la mano a Mazza) ‘A manu…’a manu Salvatore ‘a dari a don Pasquali…( questi gliela prende e la porge a don Pasquale) E questa e donna Concetta. ( come prima, gli dirige la mano verso Concetta)

CONCETTA : Pia……ce..ce re…Co…concetta…ta Po…po..porticaca..cato in Ci…ci ma…ma..rosa (Mastella stringe vigorosamente la mano a Concetta che dice la battuta balbettando) .

MASTELLA : ( con un timbro nasale ) Il piacere è tutto mio. (Concetta dal dolore scuote la mano)

MAZZA : ‘O maresciallu ‘u canuscimu… ( Vitale sta per porgere la mano a Mastella, quest’ultimo sbaglia direzione e la dà a Pasquale , mentre il maresciallo , sbilanciato dall’errore di Mastella, finisce per rovinare sul divano, tutti si ricompongono…)

PASQUALE : Ma prego…accomodiamoci. ( Pasquale siede sulla poltrona del centro palco, Concetta prende una sedia dal tavolo, il maresciallo a sinistra del divano vicino a Pasquale, Mazza sulla poltrona di destra e Mastella, sbagliando, si siede sulle gambe di Concetta…) Occupato, Mascella…occupato.

MASTELLA : Scusati, ci vidu picca. ( Mazza prendendogli il braccio lo accompagna accanto al maresciallo)

MAZZA : Chistu è ‘u tò postu e nun ti moviri, ci siamo capiti.

PASQUALE : Si vede ca ci viditi picca, signor Nastrella…

MASTELLA : Mastella…Mastella…

PASQUALE : L’amico Mazza mi ha detto che siete un funzionario di una grossa ditta di elettrodomestici di Milano. Sarà un lavoro interessante?

MASTELLA : Di interessante è interessante, chiddu ca mi futta è ‘a vista! (starnuto addosso a Pasquale, schifo di questi, si asciuga col fazzoletto…)

PASQUALE : Certu…certu…’a vista è importante, chissà quantu cosi aviti di firmari

MASTELLA : Ppì ssà cosa ci pensa ‘a machina.

PASQUALE : Concetta, ma tu ‘a vidiri il progresso finu a quali puntu è arrivatu, anchi ppì firmari ci pensa ‘a machina, cose dell’altro mondo!!

MAZZA : Diciamo che il suo è un lavoro automatico.

PASQUALE : Dunchi, Girella…

MASTELLA : Mastella….

PASQUALE : Avete un cognome che assomiglia a tante cose. Dunchi, Mastella, e oltri a firmari di che cosa vi occupate, se è lecito?

MASTELLA : Quannu ‘a vista m’aiutava, ero addetto al funionamento, ma di quannu ‘ncuminciai ‘a vidiricci picca, faccio il contatore capo.

PASQUALE : Vi hanno promosso?

MASTELLA : Si, ma come differenza di stpendio non è tanta!

PASQUALE : Scusate, signor…Nutella…, si..si Mastella, scusate nun sbagghiu cchiù. Dico, nun vi pari

ca ci voli ‘na vista abbastanza aguzza, perfetta…sinnò comu fati a cuntari ‘i nummara?

MASTELLA : (con una leggera risatina) E iu chi cuntu nummara?

PASQUALE : ( subodorando l’inganno) E allura cchi schifiu cuntati,

MASTELLA : ‘I pezzi, iu cuntu ‘i pezzi?

PASQUALE : E cchi sunnu ‘sti pezzi? Chi travagghiati ‘a pirrera?

MASTELLA : ‘I pezzi dè frigoriferi ca sunnu pronti ppì essiri imballati, allura pirchì sugnu accussì rifriddatu! (potente stranutu in faccia al maresciallo)

PASQUALE : Mazza, ma cchi schifìu mi ‘ncucchiatuvu, di funzionariu iu a finiri ca fa il contatore di pezzi.

MAZZA : Ma iu nun sapia ca avia canciatu qualifica, io sapevo ca era funzionario addetto al….

PASQUALE : Va beni…va beni….lassamu stari ‘u funzionamentu. (passeggiando nervosamene ) E ditimi ‘na cosa, Mascella….

MASTELLA : Mastella…

PASQUALE : Sintiti, iu d’ora in poi vi chiamu comu vogghiu, se nun vi piaci, chidda è ‘a porta. Mi sono spiegato? A mia ‘stu cugnomu nun mi piaci, e nun sulu ‘u cugnomu, va beni? ( Mastella e Mazza annuiscono come delle pecorelle) Ditimi ‘na cosa, (pausa) Mastella, di stipendiu quantu vi dununu ?

MASTELLA : Pigghiu 750 milaliri, poi c’è ‘u straordinariu, ‘u notturnu…’u festivu…’u premiu industriali…

PASQUALE : Va beni…va beni…ccu tutti gli annessi e sconnessi…in totale và?

MASTELLA : 900 milaliri.

PASQUALE : Una cifra astronomica, ah? E di casa, quantu pavati, Mastrella ?

MASTELLA : 200 milaliri.

PASQUALE : E cchi è ranni ‘sta casa?

MASTELLA : Uh, iu mi cci perdu. Prima c’è ‘a porta ppì trasiri…

PASQUALE : Menu mali ca c’è ‘a porta…

MASTELLA : Giustu, appoi c’è ‘ncurrituri longu…longu….na para di metri e poi in unico ambiente c’è cucina-bagnu-pranzo-letto e in fondo la bellezza della casa, una veranda ca si vidi tutta Milanu, quannu nun nun c’è ‘a nebbia e ‘u smogghi…si capisci.

PASQUALE : Menu mali ca c’è ‘a veranda, accussì se venunu ospiti ‘i mintiti ‘o friscu. E ppi manciari, comu fati, senza vidirici comu fati…comu vi muviti…cc’aviti ‘a cammarera…(ironico)

MASTELLA : Manciu ‘a mensa.

PASQUALE : Voli diri ca a me soru v’a purtati ‘a mensa ccu vui?

CONCETTA : Non esagerare, Pasquale, gli rimangono 700 milaliri, hannu vogghia di manciari.

PASQUALE : ‘A vogghia di manciari l’avrannu, ‘u problema è che cosa hannu ‘a manciari, Concetta!

VITALE : (spezzando l’atmosfera negativa) Con qualche sacrificiu però, don Pasquale…

CONCETTA : Ppi ssà cosa Santina economa è! ‘A lira ‘a spacca in dui!

MASTELLA : Veramente avia pinsato di trasferirimi ‘o paisi e di lassri ‘u postu di Milanu…

PASQUALE : E forsi ca l’idea nun nnè mali, essendo ccà una manu ve la possiamo dare, morali e materiali…(fra se) Autru ca manu, chistu tuttu ‘u vrazzu si pigghia…Ti posso dare del tu? ( a bassa voce) Accussì ‘a pinnala m’a ‘gghiuttu megghiu!

MASTELLA : Certu, ppi mia è un’onori…

PASQUALE : (verso il pubblico) E ppi mia è ‘ncutugnu ca haiu ccà (stomaco), inveci! Mah!!

MASTELLA : E poi mi dununu ‘a pinsioni, haiu fattu 19 anni 6 misi e ‘ngnornu di travagghiu, mi tocca!!

PASQUALE : E quannu t’a dununu ‘sta pinsioni?

MASTELLA : A 60anni!

PASQUALE : E ora quant’anni hai?

MASTELLA : 42!

PASQUALE : Hai ‘u tempu di moriri! (chiama Concetta e entrambi stanno in disparte a confabulare) Cuncittina…vieni ccà…( a bassa voce) Cchi ti nni pari?

CONCETTA : Certu nun nnè un granchè, ma se sfuma macari ‘stu matrimoniu tò soru non ha alcuna prospettiva di maritarisi…zero…e porto zero, ha caputu?

PASQUALE : Ma cchi l’haiu di ittari a ‘sta soru? Mi veni ‘na pena!

CONCETTA : Ma se ieri ‘a vulevutu ammazzari cchè funci vilinusi?

PASQUALE : Ma sunnu paroli ca si dicunu…accussì, nell’impeto dell’ira. Ma chistu chi cci fa manciari…comu ‘a vestI..?

CONCETTA : Nuatri ‘na manu ci ‘a putemu dari, ‘nfunnu ‘nfunnu i beni tuoi sunnu puru di Santina?

PASQUALE : ( disperato ) E se sacciu ca hannu ‘a finiri ‘nte manu ‘i chissu, mi veni ‘na rabbia ca tu nun nn’hai idea!

CONCETTA : Se tu mi vuoi vidiri felici, faccilla spusari! (tassativa)

PASQUALE : Senza pietà…sei senza pietà! Hai ‘u cori di petra. (riflette qualche seondo, poi…) E va beni, fazzu comu vuoi tu!

CONCETTA : (dolcemente falsa) Pasquali, mi stai dannu ‘a cchiù granni felicità ca mi putevi dari e poi sugnu cuntenta puru ppi Santina, ‘a criatura.

PASQUALE : Lassa perdiri, ipocrita. ( verso gli altri due) Allora, caro Salvatore, assieme a mia moglie abbiamo deciso all’unanimità di acconsentire a questo matrimonio, però desidero una cosa…

MAZZA : Parrati…

PASQUALE : Don Filippo, ppi favuri, vui stativi mutu. Desidero, anzi, ordino che il qui presente Salvatore Mastella si licenzi subito da Milano, a Milanu facimi stari ‘e milanisi. Abiterete nella casina di Passopiano, per quanto riguarda il sostentamento economico finanziario…

MASTELLA : Ci pensu iu!

PASQUALE : Si, ccà pinsioni ca ‘a pigghiari fra 18 anni…

MASTELLA : Mi cercu ‘ntravagghiu…

PASQUALE : ‘U travagghiu t’u truvai iu, ti occuperai di tutte le terre di mè soru Santina. E vidi ca sunnu assai! (fra se) Piccatu beddi terri!

CONCETTA : E Pippinu, chi fa?

PASQUALE : Pippinu baderà alle nostre terre e ogni tantu ci duna l’occhiu a chiddi di Santina. Bè, ora mi pari ca vinni ‘u mumentu di chiamari la futura fidanzata, la dolce mettà…Spiramu ca tuttu và beni…mah!! ( Concetta e Pasquale via per l’interno)

MAZZA : Salvatore, chi ti nni pari?

MASTELLA : Mi pari un pocu autoritario.

MAZZA : E’ la prima impressioni, vedrai che dopo ti accorgerai che è una pasta d’uomo.

VITALE : Chi cosa ci vuoi fari Salvatore, spusari una sorella è una cosa seria, non è che si può dare al primo venuto.

MASTELLA : Ma chistu cuè?

MAZZA : Ma comu cuè? Questo è il maresciallo Vitale..

MASTELLA : Ah! Ma appoi cu ciù dissi ca iu era funzionariu?

MAZZA : Ma ci sarà stato qualche disbrigo…!

VITALE : Ma quale disbrigo? Disguido volete dire?

MAZZA : Io che ho detto? Insomma, un malinteso, ih… comu siti permaloso, maresciallo! (dall’interno si ode una discussione molto animata, si sentiranno solo le voci…)

VOCE PASQUALE : Santina nun fari ‘o solitu tuou!

VOCE CONCETTA: Ma è un bravo ragazzo!

VOCE SANTINA : No..no e…no. Iu nun mi vogghiu spusari, vogghiu ristari schetta! ( entra Pasquale)

PASQUALE : Scusati se pirdimu qualchi minutu, ‘a stanu truccannu, quant’è emozionata ‘a criatura…fa impressioni veramente. ( rientra ) ( poi si sente solo la voce di Pasquale ) Disgraziata, ruvina d’a mè casa, guarditi ‘o specchiu, unni ‘a truvari n’autru fissa comu ‘a chistu?

VOCE CONCETTA : Un ragazzo lavoratore, beddu, un figurino. Vint’anni ca è a Milanu, istroito. Ha fatto il contatore capo…

VOCE PASQUALE: Il funzionario addetto al funzionamento…avaia Santuzza, nun ti fari pregari… (entra in scena Concetta)

CONCETTA : E’ quasi pronta…( il maresciallo le suggerisce con dei gesti di tagliarle i baffi…) Nun ni voli sentiri, Marescialu…(a bassa voce) (cambiando tono) E’ una picciota sensibili, una santa! (ritorna dentro)

VOCE SANTINA : Vaiu ditti di no, iu nun mi spusu.

VOCE PASQUALE: E tu inveci ti spusi.

VOCE SANTINA : E cui mi obbliga?

VOCE PASQUALE: Iu ti obbligu, ca t’haiu fattu di patri, di matri…

VOCE CONCETTA: E iu di soru..

VOCE PASQUALE: Tu zittiti, ipocrita! ( sulla scena Salvatore ogni tanto cerca di porgere l’orecchio attentamente verso l’interno, da dove provengono le battute concitate, ma Vitale e Mazza lo distraggono a soggetto… )

MASTELLA : Mi pari ca c’è catuniu!

VITALE : Ma quali cosi, don Pasquale le starà dicendo che gli fa piacere che si sposa…Vedi Salvatore, la signorina Santina è molto affezionata a suo fratello e non farebbe mai una cosa contro la sua volontà, il suo consenso, diciamo…

VOCE PASQUALE: Ti ordino di spusariti!

VOCE SANTINA : No…no e no!

VOCE PASQUALE: Ma ‘u papà stanotti m’u dissi…

VOCE SANTINA : Cchi t’i dissi, sintimu?

VOCE PASQUALE: Chi ti dovevi sposare, che era arrivato il momento…

VOCE CONCETTA: E’ veru…è veru…’u ‘ntisi puru iu!

MASTELLA : ‘A mia mi pari ca ci sunnu qustioni!

MAZZA : Si tratterà della data del matrimonio…la chiesa quali ‘a essiri, il trattenimento unni l’aviti ‘a fari…tutti ‘sti stupidarii…

VITALE : Ma si capisci, della data e di cchi sinnò. (ascoltando) Avete visto? Turnau ‘a calma, avranno sistemato tutto. ( entrano dall’interno Pasquale che tira Santina e Concetta che la spinge e che si asciuga il sudore, Santina indossa un lungo velo nero che le copre il volto)

PASQUALE : Scusate il ritardo, c’è stato qualche piccolo contrattempo. Mia sorella Santina, il signor Mast…Mastella. (Pasquale prende la mano a Salvatore e la porge a Santina)

MASTELLA : Piacere.

SANTINA : Santina Cimarosa.

MASTELLA : Chi siti di luttu?

PASQUALE : (guardando la foto) Ni morsi ‘u papà! (segno croce e bacio con la mano)

MASTELLA : Da molto?

PASQUALE : 20 anni, ma è comu se fosse stato ieri.

MAZZA : (tira a se Mastella e all’orecchio gli dice) Cchi ti nni pari, Salvatore? ( Pasquale è impaziente di sentire il responso…e col classico gesto delle dita racchiuse della mano gli chiede come fosse andata..)

MASTELLA : Iu ca nun ci vidu, idda ccu tutta ssà velatura nivara…ca avi?

MAZZA : Il mio cliente dice se la signorina si potesse livari la velatura…

PASQUALE : Si deve spugghiari??

MAZZA : No! Ppì carità, cosa avete capito, il velo…solo il velo,

PASQUALE : Se mè soru acconsente, pirchì no! ( a Santina) Chiffà t’u puoi livari ‘stu velu?

SANTINA : Chi ppi assai?

PASQUALE : No, un secondo! E cchi ti fazzu sciupari di l’aria? Priparati a Salvatori, Mazza, non vorrei ca si dovessi sèntiri mali per la visione troppo ravvicinata di mè soru, nun c’è abituatu! Pronti? Via!! ( mentre Pasquale alza il velo, Mazza accompagna con la mano la testa di Mastella e la accosta vicinissima alla faccia di Santina solo per un secondo, Pasquale abbasa il velo e poi….)

MAZZA : Comu ti parsi??? ( tutti pendono dalle labbra di Mastella, dopo una pausa che sembra un’eternità…)

MASTELLA : (esplodendo dalla gioia) Bedda…beddissima. ( tutti si guardano allibiti, non credono a quello che hanno sentito)

PASQUALE : Benissimo, sugnu cuntentu. Mi pari ca fussi ‘u mumentu di fissari ‘a data…I carattiri vi can usciti doppu, n’è veru Santinedda?

SANTINA : No! I carattiri nun nni canuscimu mai, pirchì iu ‘a chistu nun m’u spusu!! ( di scatto si alza, gli altri sono esterefatti)

PASQUALE : CChi fai? Ma tu si pazza di manicomiu!

SANTINA : No, nun sugnu pazza! ‘U mè cori mi dici ca nun m’haiu ‘a spusari e nun m’a spusu!

PASQUALE : Tu ti spusi, quant’è veru Diu, tu ti spusi.

SANTINA : No…no e…no. ( da al fratello un forte pestone sul piede che lo fa contorcere dal dolore) E sparti mi nni vaiu di ‘sta casa! (esce di corsa, ia per l’interno, Concetta le va appresso)

PASQUALE : Si…si vattinni, pivala d’a mè casa, vattinni e nun turnari cchiù! ( il maresciallo cerca di calmarlo ) Datimi ‘na corda, quantu m’affucu, maresciallu datimi ‘a pistola…asparatimi…suicidatemi…ma luvatimi di ‘sta terra. (si rivolge al padre, distrutto) Papà ci scummettu ca di dda supra ti stai facennu ‘i megghiu risati, ma ridi…ridi…ma ppì l’ultima vota…pirchì da oggi iu nun nn’haiu cchiu soru!!! ( spegne i lumini, e getta per la seconda volta i fiori nel cestino, poi di corsa entra Peppino dal fondo a destra)

PEPPINO : Don Pasquale, ‘a vacca ‘a truvai!

MAZZA : Scusate, don Pasquale, capisco il vostro dolore, ma con il mio cliente che si fa?

PASQUALE : Ci diciti al vostru clienti ca si spusa ‘a vacca!!!

FINE DEL SECONDO ATTO

Terzo atto

TERZO ATTO

Stessa scena degli atti precedenti. Sono passati due mesi dalla partenza di Santina. Dalla parete manca la foto della buonanima del padre di Pasquale. Sono in scena Caterina e Peppino, come all’inizio del secondo atto. Pare che il tempo non fosse passato.

***********************************

CATERINA : ( seduta sulla sedia con la scopa in mezzo alle gambe, pensierosa e stanca ) Mischina, fici dui misi ca ‘a signurina sinnìu a Palermu ‘ntì so zia,Carmela. Cchi pena ca mi fici quannu partiu ccu dda valiggedda…pareva ‘na canuzza abbannunata…Mentru c’aspittava l’autista ‘i piazza iu ci fici cumpagnia e ‘nsemi ni ficimu ‘na bella chianciuta…comu a ora ( piange sommessamente )

PEPPINO : Certu ca ‘a cunfurtasti bona ‘a carusa! Ci dovevi diri ca ‘a curpa è sua…sissignori…’a curpa è sua!! E cchi modu è di fari ‘a stuffusa di ‘sta manera, mancu se era ‘a regina Taitù. Ci voli macari ‘na misura.

CATERINA : Pirchì tu a Salvatore chi ci avissutu dittu di si ?

PEPPINO : E cchi c’entru iu, chi sugnu fimmina? E poi cchi era di ittari di ‘ sta manera?

CATERINA : Ma finiscila, và!

PEPPINO : Tu si ancora cchiù strolaca di idda. Ccu ‘na bella differenza, idda avi ‘i sordi e tu cchi hai? Fami , dispirazioni e si surda ‘ntrunata.

CATERINA : Quannu ‘u iattu nun pò arrivari ‘nta racina, dici ca è arancida. Iu nun nn’haiu prescia di spusarimi e nun nn’haiu ‘nfrati ca mi obbliga a fallu. Io sono libera, io!

PEPPINO : E cchi vulissutu diri, ca don Pasquale l’ha obbligata a sposarisi?

CATERINA : Sissignora!

PEPPINO : Ma per il suo bene, cretina, per il suo bene e nient’altro. Cci avissi fari ‘na statua d’oro ‘o cristianu.

CATERINA : Tu nun puoi capiri cchi significa iri contru chiddu ca ti dici ‘u cori…

PEPPINO : Iu ‘nveci capisciu chiddu ca mi dici ‘u cori miu…( le sta dietro la sedia….)

CATERINA : (che fa finta di niente, ironicamente) E chi t’ha diri ‘u cori ‘a tia, zaurdu…e zampirru…

PEPPINO : Mi dici ca senza di tia nun pozzu chiù campari..(le dà a tradimento un bacio sul collo, reazione di Caterina, si alza e con la scopa in mano lo insegue)

CATERINA : Pezzu di vili e ‘nfami, ‘a tradimentu mi pigghiasti. Se hai ‘u curaggiu provicci ora…(brandendo la scopa) Avanti, don Giovanni ‘i quattru sordi.

PEPPINO : Se cali ‘a scupa ti fazzu vidiri cchiè capaci Pippineddu tuou.

CATERINA : Ancora nn’a manciari pani prima di essiri Pippineddu miu. Chiddu cchiù sperti ‘i tia no! (si ode il campanello) Va rapa!

PEPPINO : No, vacci tu! (campanello) Tocca a tia ca si ‘a sguattera!

CATERINA : (si rincorrono attorno al tavolo, poi entra Concetta) Iu sguattera?

CONCETTA : Ma chiffà nun nn’u sintiti ‘u campanellu?

CATERINA : ‘U macellu? ( Peppino scappa via per l’interno)

CONCETTA : Siamo alle solite, ma ‘ngnornu di chisti, vi fati ‘i coffi e vi nn’iti…

CATERINA : ‘U cacciaviti? ( scappa anche lei , nel giardino, Concetta va ad aprire poi ritorna con un telegramma in mano, lo apre )

CONCETTA : E cu po’ essiri? “ Arriverò martedì 13 aprile ore 11.00 ecc…ecc… , vostra Santina. Bedda matri, ci ripinsau? 13 aprile…cioè oggi…Maronna mia, se ‘u sapi Pasquali…( campanello, Concetta che era ancora all’impiedi, va ad aprire, poi ritorna seguita da Mazza e da Mastella ) Accomodatevi, prego. Chi circati a mè maritu?

MAZZA : Veramenti non vorremmo disturbare.

CONCETTA : No, ma cosa dite, ora ve lo chiamo. Stavo andando da lui per comunicargli un’altra cosa che gli farà piacere assai. ( con sarcasmo velato ) Prego, accomodatevi. (Concetta via dal fondo a sinistra)

MASTELLA : Don Filippu, ma nun putevumu veniri ‘nta n’autru mumentu?

MAZZA : Salvatore, nun mi dicisti tu stesso che volevi informazioni sulla signorina Santina?

MASTELLA : Si…vero è…però…

MAZZA : E iu ti cci purtai. Anche perché interessa pure a me chiarire una certa cosa…( entra Pasquale, col telegramma nelle mani)

PASQUALE : E quali bonvento vi porta. ( i due si alzano) Comodi…comodi…

MAZZA E MASTELLA : Don Pasquale…

PASQUALE : Unu ‘a vota sinnò nun nni capemu!

MAZZA : Parri tu, Salvatore?

MASTELLA : Va beni, parru iu. Eccu…iu…haiu sempri ddummannatu comu stava a signurina Santina, pirchì di quannu ‘a vitti ‘a prima vota m’arristau ‘mpressa ‘nta menti…

PASQUALE : Certu…nun nnè una ca si scorda facilmente…(ironico)

MASTELLA : Diceva…ca mi era rimasta talmente impressa can un m’a pozzu scurdari cchiù…!

PASQUALE : Salvatore, ma tu stai bene? Hai qualche visione notturna, disturbo della memoria…ti ricordi bene…(guarda Mazza e questi fa spallucce…) ‘A mè soru t’à ricordi? Dico…mè soru Santina, và!

MASTELLA : E comu no!! Anzi spero che non si sia impegnata…

PASQUALE : E unni, ‘o munti ‘ pietà?

MASTELLA : No, vulìa diri se si fici zita!!

PASQUALE : Ah, chissi sunnu cosi can un mi ‘nteressunu cchiù. Ppi mia idda si po’ fidanzari, scunchiudiri, spusari, divorziari, po’ aviri 100 amanti, non m’interessa cchiù. C h i u s o! Comunchi, ( come per fargli una cortesia ) se ‘a voi vidiri di prisenza, la tua Santina, fra qualche minuto sarà qua!

MASTELLA : (entusiasta) Diciti daveru? Maronna mia!!!( una smorfia di piacere a soggetto )

PASQUALE : Cchi vi pigghia?

MASTELLA : No nenti, è la gioia ca staiu pruvannu. ( Pasquale lo guarda ancora incredulo, con la sensazione che lo stia prendendo in giro )

PASQUALI : Mah! Cuntentu iddu! Comunchi, purtroppo ci venne la notsalgia del poggio natio, ‘a criatura.

MASTELLA : E allura chiffà ‘a pozzu aspittari?

PASQUALE : Ma pregu, siete a casa vostra, fate quello che volete,caro Mortilla!

MASTELLA : Grazie! (si siede sulle gambe di Mazza)

MAZZA : A latu…a latu è ‘u tò postu. (Mazza si alza e si avvicina a Pasquale) Allora, don Pasquale, vi posso dire una preghiera ?

PASQUALE : Fate presto che devo fare i preparativi per l’arrivo della sorella…

MAZZA : Eccu…mi pari bruttu…(si spostano sul proscenio parlando sottovole)

PASQUALE : E vui fatulu ddivintari beddu..forza…avanti spidditivi.

MAZZA : Don Pasquali, a Salvatore unni ‘u mintimu?

PASQUALE : ‘U ppinnimu ‘nto muru! Ma cchi vuliti diri, Mazza?

MAZZA : Don Pasquale, la sua presenza mi blocca.

PASQUALE : La mia presenza?

MAZZA : No, no la vostra, la sua, chidda di Salvatore, mi blocca…nun pozzu parrari. M’impedisce, ecco…

PASQUALE : Salvatore, ppi favuri, vattinni ‘nta l’ufficiu…(apre la porta che si trova a sinistra della scena per chi guarda, Salvatore esegue, poi la chiude) Salvatore è sistimatu. Ora vi siete sbloccato? Forza, spicciativi.

MAZZA : Beni, vi ringraziu! Dunchi, quannu ‘u maresciallu Vitali mi parlò del problema delicato di vostra sorella, gli dissi che era difficile trovare la persona giusta, addirittura mezzo cieco, ma io latrovai…

PASQUALE : Truvastuvu ‘na larva umana, ppi picca nun cari ‘nterra e nun si susi cchiù…

MAZZA : Ma vui nun nn’è ca mi dicistuvu che doveva essiri rinforzato…

PASQUALE : Rinforzato no, ma Dio mio, una certa presenza l’aveva ‘a fari, don Filippo…chistu è ‘a schifezza d’a schifezza degli uomini…

MAZZA : Chistu c’era e chistu vi purtai! Cchi curpa haiu!

PASQUALE : E iu chi vi staiu dannu curpa, il matrimoniu non si è fattu, basta…amici erumu e amici ristamu.

MAZZA : Si, ma io devo essere rimborsato. Haiu fattu ‘i mè spisi…trenu..spedizioni…sdoganamentu bagagli…ecc.ecc. telegrammi…

PASQUALE : Ora mi staiu siddiannu, caru Mazza…(lo prende per il bavero della giacca) ‘U rimborsu v’avissi ddummanari iu, pirchì purtannimi in casa ssù cadaveri ambulanti mi facistuvu sciarriari ccù mè soru, ccù mè patri, ccù mè mugghieri e ora itavinni subitu d’a casa mia pirchì nun sacciu comu m’a pensu. Via di ccà! Sciò, brutta facci ca nun siti autru.

MAZZA : Mi nni vaiu, ma ricordatevi ca don Flippo Mazza non dimentica! ( scompare sul fondo a destra con Pasquale che lo rincorre…)

PASQUALE : Ma v’affan….Cosi da pazzi…Non dimentica iddu….e iu cc’avissi a diri? (va ad aprire la porta dell’ufficio, ma Salvatore la apre per primo e la sbatte in faccia a don Pasquale, che si torce dal dolore)

MASTELLA : Cchi successi, don Pasquali?

PASQUALE : Mi stavutu spaccannu ‘a testa, disgraziatu!

MASTELA : Scusati, ma chi vi dissi?

PASQUALE : Ssù mancia pani a tradimentu e pezzu di ruffianu tintu di Mazza, dici ca ti pagau ‘u viaggiu ccò trenu, bagagli, telegrammi…

MASTELLA : Ma se ci detti 200 milaliri appena trasì ‘nta so’ casa.

PASQUALE : E a mia mi nni vuleva futtiri n’autri 200…, vili e ‘nfami! ( campanello ) Idda sarà!

MASTELLA : Matri Santa, e iu ora chi fazzu? ‘A signrina sarà stanca, vegnu cchiù tardi?

PASQUALE : E di unni ti fazzu nesciri? No…no…ormai si ccà…U sai cchi fai..? Vattinni ‘ntò iardinu, però stai attentu ca c’è ‘na bedda macchia di ficurini ccù certi spini…( lo accompagna verso il giardino, Mastella scompare nel giardino, poi campanello.. prodigo Pasquale chiama ad alta voce, i tre si presentono incuriositi ) Peppino, Caterina, Cuncittina…

PEPPINO : Chi fu?

CATERINA : Scoppiau focu?

CONCETTA : Chi successi, Pasquali…

PASQUALE : Ma ‘u telegramma,no? La famiglia deve essere presente al ritorno del figliol prodigo…

PEPPINO : ‘U figghiu ‘i cui?

CONCETTA : M’avìa scurdatu! (campanello) Idda è?

PASQUALE : Se nun rapimu, non lo sapremo mai! Caterina vidi cuè. (Caterina và poi ritorna subito) Mi pari una di chiddi ca vinni ‘i sapunetta. Chiffà ‘a fazu trasiri?

PASQUALE : Camurria! Nun ti lassunu ppi curtu. Dicci ca nuatru ‘u sapuni ‘nu facimu ‘ncasa, anzi dicci ca nunatri mancu ni lavamu, và!! ( mentre pronuncia queste parole rivolto verso il pubblico, non si accorge che intanto era entrata una bella donna, con una valigia, vestita con un abito a colori sgargianti, truccata di tutto punto, poi Pasquale si gira e si accorge della presenza di costei…) Allura lei è veramente indisponenti, signorina…scusassi, eh!! Cchi vinni sapuni?…

SANTINA : Ma chi nun mi canusciti…( il difetto della zeppola le è passato…)

CATERINA E PEPPINO : Vuoi vidiri ca è ‘a sugnurina…

TUTTI : SANTINA!! ( meraviglia generale, Pasquale la fa girare..)

PASQUALE : Ma fatti taliari, ‘o frati! ( mentre Santina gira Pasquale la osserva attentamente meravigliato al massimo , come pure Concetta)

CONCETTA : Mi para ca mia staiu sunnannu.

CATERINA : Signurina, quant’è bedda!

CONCETTA : E sparti alla moda!!!. L’aria di Palermu beni ti fici!

PASQUALE : (scherzando) Concetta, ma pirchì nun vai ‘a Palermu puru tu ‘nta zia Carmilina ppì ‘na para di misi…beni ti facissi!

CONCETTA : (risentita) Io stò bene così, tu chiuttostu, vacci tu…ma no dui misi, dui anni…accussì fussumu queti tutti!!

SANTINA : Ma Paquale stà schirzannu, Concetta!

PASQUALE : Va beni, Santina nun ci fari casu, ci sugnu abituatu. Cuntimi, chiutostu, comu avvenne questo cambiamento, questo miracolo? ( Peppino le prende la valigia e Caterina la borsa poi via verso l’interno ) E ‘a zia Carmilina comu stà?

SANTINA : Bene sta e vi manda a salutare. Iu a idda devo ringraziare se mi trovo come sono ora, mi ha fatto capire tante cose. Quantu haiu statu scimunita…

PASQUALE : Quanti matrimoni hai persu…

SANTINA : No, chissu no….

PASQUALE : Ma allura pirchì?

SANTINA : Ma per esempio, pirchì mi ostinavo a vistirimi di nivuru, di nun truccarimi, di nun vuliri nesciri fora, ‘a stari cca genti.

CONCETTA : Ma quantu voti t’ù dicìa iu? Ma tu sempri negativa.

SANTINA : Ma cchi ci vuoi fari, Concetta, avìa l’occhi ‘ntuppati. Di quannu fici ‘u votu ‘o papà, buonanima… (guarda la foto ma non la trova ) Ma ‘u papà unni è?

PASQUALE : (distratto) ‘U papà? Niscìu! ( subito correggendosi ) Cioè, ‘u purtai ‘o restauru, ‘a camala si stava manciannu ‘a curnici…Ma sarà quasi prontu, appoi ci mannu ‘a Pippinu ppi piagghiallu.

SANTINA : Dicevo ca di quannu fici ‘u votu ‘o papà, buonanima ( segno croce tutti), mi misi ‘nta testa di rimanere tale e quale mi lassau iddu, ccò stessu tuppu, ccà stessa vistina, ccà stessa facci…

PASQUALE : Cchi ranni sacrifici, Santina. Terribili! Ma come hai potuto resistere?

SANTINA : E infatti non ci resistevo. Chi vi pari ca mi facìa piaciri vidiri tanta genti felici e spensierata, cca famigghia, ‘i figghi, ca facevunu tuttu chiddu ca iu vulìa fari e ppi curpa di una mia fissazioni, nun putìa…! Soffrivo, soffrivo maledettamente!

PASQUALE : Ma mia cara Santina, però iu facìa di tutto ppi fariti divintari una signora. Me ne puoi dare atto. Matrimoni ti nn’haiu purtatu a bizzeffe…

CONCETTA : Macari iu vulìa…

PASQUALE : ( urtato ) Tu non c’entri!!

SANTINA : No, Pasquali. Cuncittina avìa ragiuni. Io in questa casa ero come un peso morto e poi col fatto che mi portavati i matrimoni in casa, e sapennu comu finìa, mi sentivo ancora più ridicola, come …come una scimimia dello zoo! ( tutti mortificati…)

PASQUALE : Perdonami, soru mia, ma iu ‘u facìa ppi tia e nella mia ignoranza e per colpa di qualcuno, ( marcando duramente le ultime parole e guardando Concetta con odio) non capivo il male che ti facevo, perdonami. ( le bacia la mano )

SANTINA : Pasquali ma finiscila, tu si mè frati e vulevi sulu ‘u mè beni, è naturali!

PASQUALE : Ma vidi però ca c’è ancora qualcunu ca ancora ti pensa…

SANTINA : E’ Salvatore Mastella ?

PASQUALE : E comu ‘u sai?

SANTINA : Mi ha scritto una lettera al giorno. Chiffà vinni stamatina?

PASQUALE : T’aspetta ‘nto iardinu. Vidi ca è emozionato, menu mali ca ‘a vista l’ha scarsulidda, sinnò ci vinissi ‘ninfartu ‘o carusu. ( Santina si avvia verso il giardino, appena scompare…) Chi mutazioni impressionanti! Certu ca ha vutarru sutta e supra. (riflettendo) Perciò, Salvatore Mastella, il funzionario che fa funzionari ‘i frigoriferi, ci scrivìa ogni gghiornu, dici ca ci ‘rristau ‘mpressa nta la menti, ca nun s’a potti scurdari…bravu….bravu…Chiddu si fici ‘i cunti :” Iu sugnu scutuliddu, di spusarimi mancu ‘a pinsaricci e vistu ca ‘a signurina Santina è cchiù scumutulidda di mia e cerca maritu, mi fazzu sutta e comu veni si cunta”

CONCETTA : ‘U capitali ci l’avi!

PASQUALE : Fissa l’amicu. Ca pari ca mancu ci curpa! Ma ora, vista la trasformazione di Santina, mi pari ca nun nnè cchiù cosa. E diri ca se ‘u disgraziatu do’ dutturi Reina non fosse stato accussì sdignusu, forsi ca ora la cosa avrebbe potuto realizzarsi. Mah!! Comu voli fari fa! (si siede, campanello)

CONCETTA : Oggi è gghiurnata di visiti! ( va ad aprire, poi ritorna seguita da Reina con un mazzetto di rose, e dal maresciallo Vitale e da don Nicola ) Pasquale, ci sunu visiti!

PASQUALE : (intento a leggere) Basta can un sunu sapunetta!

DON NICOLA : Carissimo don Pasquale…( Pasquale si gira di scatto)

PASQUALE : Oh, don Nicola esimio. E c’è puru ‘u dutturi Reina…Come si va? Maresciallo carissimo…Ma prego, accomodatevi. E comu mai tuttu ‘stu beni? Chi ci fu qualchì mortalità…? M’era parso che avevate dimenticato unni stava di casa. ( ironicamente) Pinsai “ Forsi ‘u vinu ca detti a don Nicola era aciitu? “

DON NICOLA : Don Pasquale, ma quale aceto…voi scherzate! Siete stato voi, invece, a non farvi più vedere, v’intanastuvu intra comu ‘nlupu.

PASQUALE : Haiu avutu cchi fari!

VITALE : O sutta sutta c’è qualche rancore…?

PASQUALE : Rancore? E ccu cui?

DON NICOLA : Per esempio…

PASQUALE : Per esempio?

DON NICOLA : …per esempio ccò dutturi Reina!

PASQUALE : E quali rancori putissi aviri ccò dutturi Reina?

VITALE : Per il modo poco pulito con cui ha diniegato la mano di vostra sorella Santina, ecco detto!! (togliendosi un peso dalla stomaco )

PASQUALE : Ppi mia, caru maresciallu, il dottore Reina a mia sorella ci poteva diniegari tutu chiddu ca vulìa. Mè soru è maggiorenni ed è libera di scegliere il suo destino. Anzi, se avete la bontà di aspettare qualche minuto, parrati ccu idda personalmente di persona!!

DON NICOLA e VITALE: LO SAPPIAMO !!

VITALE : ‘A vittumu sciniri dall’ autobuss. ( don Nicola dà una gomitata al dottore Reina per invogliarlo a parlare )

REINA : Don Pasquale, io ho capito di aver sbagliato, ma voi mi dovete capire, io non avevo mai visto in faccia vostra sorella, non sapevo…

PAQUALE : Ora, però, ‘a vidistuvu, è veru? Ora nni vali ‘a pena?

REINA : Bè, ora…veramente…è….

DON NICOLA : …trasformata…

VITALE : ( materiale, rozzo) E chi sorti di trasformazione….Ma unni l’aveva misu tuttu ‘stu beni…

DON NICOLA : (a mò di rimprovero) Basta, maresciallo, non trascendiamo. Pensiamo, piuttosto, a come la signorina Santina, sarà contenta. La fede nel Signore l’ha aiutata a superare questa tremenda prova…che lei aveva voluto portare con se…per punire, forse, le sue tentazioni…Una Santa…proprio una Santa. ( poi passa da queste parole molto sublimi, elevate…ad un atteggiamento di curiosità…molto popolare) Ma comu mai si decisi a questa trasformazione, non è che prima stava male…

PASQUALE : Né mancu beni.

VITALE : Ddà vistina nivara, ddù tuppu…chi sacciu, cci davunu un’aria di vicchiumi …di muffa..(don Nicola altra gomitata al dottore, smorfia di dolore, poi…)

REINA : ….e ritornando al discorso di prima, don Pasquale, io sono venuto stamattina davanti al suo cospetto, per chiederle, con grande sottomissione, la mano sua sorella Santina! PASQUALE : Allura lei, dutturi, non mi ha capito. Iu ci dissi ca m’a soru è maggiorennie po’ fari chiddu ca voli e decidiri lei del suo futuro. E poi fici puru un giuramentu…

CONCETTA : Però potresti intercedere, almeno?

PASQUALE : E no, mia cara. Io ho già intercesso e nun vogghiu interessare cchiù. Posso solo fare da portavoce, se questo vi basta?

REINA : Almeno questo!

PASQUALE : La sua decisione per me sarà un atto. Ora ‘a vaiu ‘a chiamari. Compermesso! ( va verso il giardino)

CONCETTA : ( verso Reina, rassicurante ) Sono sicura ca di no nun v’u dici!

REINA : Speriamo. (ritorna Pasquale seguito da Santina…)

PASQUALE : Santina, ccà c’è ‘u dutturi Reina che ti deve parlare. Se volete, potete rimanere soli!

SANTINA : No..no, non è il caso. Allora, dottore Reina?

REINA : ( dandole il mazzetto di rose che Santina accetta) Io sono venuto, signorina, per scusarmi del mio comportamento villano di due mesi fa e per riparare almeno in parte tale gesto chiedendo a don Pasquale la sua mano!

PASQUALE : Una bella presentazione, dutturi. Ma prima ca mè soru rispunni, vulissi chiamari l’autru pretendente, accussì ‘a finimu ccù ‘sti visiti “disinteressati”. Va beni?…(va nel giardino a prendere Salvatore…che si era già punto le mani coi fichi d’india….ed entra con una pala di fico d’india in mano…)

MASTELLA : Sugnu chinu di spini, don Pasquali. Stava carennu ‘nta vasca cchè papiri, m’abbìu di latu e ppì nun cadiri m’appisi ‘nte paluni de ficurini…’Nduluri…mi dovete credere…ca mi veni di chianciri!

REINA : Un altro pretendente? Allora è meglio andare, scusate?

PASQUALE : E perché, dutturi, non vuole sapere il responso di mia sorella… Dunchi, chistu è Salvatore Mastella, contatore capo di frigoriferi, a Milano, nonché funzionario addetto al funzionamento dei frigoriferi, che come avete visto nun ci vidi. Un bravo ragazzo che per amore di Santina si vinnìu tuttu a Milanu, si licenzia d’a ditta e vinni ccà. Sicculiddu, di saluti cagionevoli, ma sinceru! (poi verso il dottore Reina) E qua abbiamo il dottore Reina, medico condotto del paese, uomo di cultura, serio, famigghia nobili,…. con tre palle… e una lancia….nello scudetto araldico, stipendio sicuru per tutta la vita, di bella presenza. Due persone che ti vogliono sposare. Unu ca t’a scrittu 60 littri, una al giorno, ca nun ci interessa se sei bedda o brutta, l’autru ca appena ti vitti scappau comu ‘mpazzue ora veni comu ‘na picuricchia e ti voli spusari, pirchì ti vitti bedda e ciaurusa, profumata comu ‘na cirasa. Ma cara Santina, però stai attenta, ‘a bibbizza e ‘a bruttizza nun si ponnu ammucciari, si ponnu , casomai, mistificari. Sono un dono di natura, c’è cu cci l’avi e cu nun ci l’avi. Mintimu ‘u casu ca ti stanchi di truccariti, e ccu l’età ti fai vecchia e rrappata, cchi pensi ca ‘o dutturi Reina ci facissi piaciri? E se Salvatore Mastella fra qualchi annu pirdissi ‘a vista completamenti, tu ‘u sai ca si costretta a farici ‘a balia a vita? ( pausa) Cara Santina, ‘u sai cchi cosa ti dicu? Sprugghiatilla tu!!

REINA : Ma don Pasquale, voi non avete fatto il portavoce, bensì l’avvocato del diavolo, eh!

MASTELLA : E poi nun nnè veru ca nun ci vidu, pirchì di quannu mi ‘ccattai ‘st’occhiali pari ca mi turnò ‘a vista di nuovu!

SANTINA : Capisciu ca tu vuoi ‘u beni miu, ca mi vuoi rapiri l’occhi, ma ‘u mè cori ha già deciso. (silenzio di tutti) La mia anima gemella è….Salvatore Mastella…( meraviglia di tutti)

REINA : Ma è assurdo…(si riprende i fiori che erano sul tavolo)

SANTINA : Per la sua sensibilità…

MASTELLA : (euforico, abbraccia per sbaglio Concetta) Santinuzza bedda..Santina mia…

PASQUALE : ( lo stacca a forza ) Abbassa ‘i manu, ca tu mi para ca fai finta di nun vidiri…( lo indirizza da Santina che la abraccia con la testa appoggiata sul seno, come un bambino…)

SANTINA : Per la sua sincerità…

REINA : Non per fare paragoni…E’ meglio andare… (Pasquale lo ferma con forza, Vitale lo prega di sedersi, così come il prete)

PASQUALE : E no, dutturi, ‘na vota ‘u facistuvu, ora no! ‘A mè casa cumannu iu. Ora,invece, ci vivimu

di supra. Facimu ‘nu bellu brindisi alla salute degli sposi…( i due sempre abbracciati come prima)

CONCETTA : (guardandoli con tenerezza, particolarmente a Salvatore) E’ comu ‘ncanuzzu, s’affeziona subitu!

PASQUALE : (avvicinandosi al fondo, chiama con forza ) Caterina…Peppino…Cuncittina, chi ni pensi se pigghiamu ‘na buttigghia di chiddi ca rristarru do’ nostru matrimoniu.

CONCETTA : Bella pinsata! (entrano i due)

PEPPINO : Agli ordini!

CATERINA : Bih….Pippinu, ‘a signurina Santina si fici zita ccù chiddu di Milanu…

PIPPINO : Mi veni ‘na ‘nvidia ‘a talialli d’accussì….( sono imbambolati )

PASQUALE : Ahù!!! Sveglia! Ma cchiffà ‘ntrunastuvu. Pippinu, pigghia ‘o papà è ‘u porti ccà!

PEPPINO : E unni ‘u pighiu ‘o cimiteru?

PASQUALE : ‘A fotografia, bestia…la foto! ( Peppino esce guardando con insistenza ) Tu, Caterina, v’à pigghia ‘na buttigghia ‘i vinu ‘nta cantina… di chiddi ca sunnu ’nto suttascala…

CATERINA : ‘A pala? (distratta nel guardare i due fidanzati)

PASQUALE : Ppi scassariti ‘a testa. ‘Nto suttascala, surda e ‘ntrunata…( Caterina via…)

DON NICOLA : E la data delle nozze quando la fissiamo, don Pasquale?

PASQUALE : ‘U tempu c’è, veru Santina?

SANTINA : Quannu dici Salvatore…

PASQUALE : ( scherzando) Certu, la preferenza a Salvatore che viene da Milano…

SALVATORE : No…no…quannu dici tu (come dei fidanzatini che si fanno le fusa)

SANTINA : …dillu tu…

SALVATORE : …dillu tu…

SANTINA : …dillu tu…

SALVATORE : …tu…tu…

SANTINA : ..tu…tu… ( tutti ascoltano urtati da questo rimpallo)

PASQUALE : ( disgustato )Tu…tu…tu..tu… E chi è ‘ntelefunu fora postu..? Basta!!! ‘A data ‘a fazzu iu quannu mi pari e piaci, puntu e basta! E chi schifu è! ( entra Peppino con la foto)

PEPPINO : Ccà c’è ‘u papà. ( poi entra Caterina con una bottiglia in mano e nell’altra mano che tiene nascosta dietro la schiena…ha una pala da ospedale per pazienti allettati… )

CATERINA : Ccà c’è ‘a buttigghia e ccà c’è ‘a pala. ( posa la pala sul tavolo, schifo di tutti )

PASQUALE : Cuncittina, ‘a chista m’a fari ‘mpiaciri, m’a luvari davanti. Chista nun nn’è surda, ‘u fa apposta. Pippinu, dammi ‘u quadru. ( glielo porge, Concetta va in cucina portando con se la pala, Pasquale sistema la foto, accende qualche lumino, rimette dei fiori…ritorna Concetta con un vassoio e dei bicchieri sopra e incomincia a mescere il vino…) Papà, iu ‘u sacciu ca mi volevi mettere alla prova, ma vidi però ca ‘a pacienza m’avevutu fattu perdiri. Comunchi, mintimicci ‘na petra di supra e nun ni parramu cchiù. ( gli manda due baci con le dita) Beddu, papà schirzusu!! ( poi si volta verso gli altri) Allura, ccù vulimu fari ‘stu brindisi? ( distribuisce a tutti un bicchiere )

VITALI : Iu dicissi di si!

PASQUALE : Figurativi se dicìa di no!

PIPPINO : Don Pasquale…don Pasquale…( sono mano nella mano )

PASQUALE : (guardandoli con tenerezza) Chi c’è, Pippinu? E bravi…( poi stringe Concetta a se prendendola per la vita…) Cuncittina, ‘sta casa ddivintau un albergo per cuori solitari. Mi vinissi vogghia di spusarimi n’autra vota….

CONCETTA : (risentita e minacciosa) E ccu cui?

PASQUALE : Ma ccù tia, scimunita. ( la stringe a se) E va beni, megghiu accussì, la coppia crea, unisce, tonifica, non è veru don Nicola?

DON NICOLA : Amatevi e moltiplicatevi.

PASQUALE : Bravu! Allura facemu ‘stu brundisi? ( alzano in alto i bicchieri, però…) Solo un attimo…(indicando uno spettatore qualunque..) Eccu…lei…lei..no chiddu a latu, lei ca ridi, certu è difficili, riditi tutti, lei…bravu, spincissi ‘a manu, ora iu ci dicu sulu ‘na cosa, per il suo beni…comu se fussi un mio parenti…Comu ti chiami? Pasquali? E va beni Pasquali, sentimi beni….

“ PASQUALI, SE PPI CASU HAI ‘NA SORU A SPUSARI

PPI QUANTU RANNI PO’ ESSIRI L’AMURI DI ‘NFRATI

FAMMI ‘MPIACIRI : NUN TI CCI ‘NTRIGARI!!!”

( applauso generale, tranne di Reina che viene consolato da Vitale e da don Nicola e poi gran finale con il classico inno nunziale appena accennato… miscelato con qualcosaltro, pian piano cala la tela ; grazie per avere scelto un mio lavoro, nella speranza che abbiate un grande successo, in bocca al lupo… )

FINE DELLA COMMEDIA

© Copyright - salviamoilsiciliano - Created by Mario Rosati Web